L’applicazione degli enzimi intracellulari nella vita

Avantgardia

Un’osservazione iniziale: gli enzimi si dividoni in enzimi digestivi (chiamati anche fermenti) ed enzimi intracellulari,  che sono la strada per una vita sana…

I primi sono in uso da molto tempo; includono lipasi, amilasi, peptidasi o la ben nota bromelina. Funzionano in modo eccellente nell’intestino, ma passano solo parzialmente nel sangue e per niente nelle cellule del corpo. Essi “craccano” molecole più grandi e in questo modo “puliscono” il contenuto intestinale e in misura limitata il sangue, portando benefici, anche se limitati a tutto l’organismo.

I secondi, gli enzimi intracellulari, hanno compiti molto più grandi; senza di loro non c’è vita. L’intero metabolismo intermedio ne ha bisogno e ne è costituito, ovvero la produzione di energia verso l’ATP (insieme ai coenzimi), la produzione di proteine ​​e il monitoraggio delle funzioni del DNA. Senza di loro, le cellule del corpo non sarebbero in grado di funzionare. In qualsiasi momento, principalmente a causa dello stress ossidativo e della nitrosammina, si verificano migliaia di alterazioni del DNA, la cui riparazione è responsabilità degli enzimi.

“Gli enzimi sono divisi in sette classi in base alla reazione che catalizzano:

EC 1: Ossidoduttasi, che catalizzano le reazioni redox.

EC 2: Transferasi, che trasferiscono gruppi funzionali da un substrato all’altro.

EC 3: idrolasi, che scindono i legami usando l’acqua.

EC 4: Liasi che catalizzano la scissione o la sintesi di prodotti più complessi da substrati semplici, ma senza consumo di adenosina trifosfato (ATP) o di un altro nucleoside trifosfato (NTP).

EC 5: isomerasi che accelerano la conversione degli isomeri chimici.

EC 6: Ligasi o sintetasi che catalizzano reazioni di addizione utilizzando ATP (o un altro NTP).[11] Una reazione inversa (clivaggio) è solitamente energeticamente sfavorevole e non si verifica.

EC 7: Traslocasi, il trasporto di sostanze attraverso o attraverso le membrane cellulari.

Alcuni enzimi sono in grado di catalizzare diverse reazioni, alcune anche molto diverse. Senza gli enzimi, la maggior parte delle reazioni biochimiche negli organismi viventi avverrebbe a velocità trascurabili. Come per qualsiasi reazione spontanea, l’entalpia libera della reazione deve essere negativa. L’enzima accelera l’impostazione dell’equilibrio chimico, senza modificarlo. L’efficienza catalitica di un enzima si basa esclusivamente sulla sua capacità di abbassare l’energia di attivazione in una reazione chimica: questa è la quantità di energia che deve essere inizialmente investita per avviare la reazione. Durante questo lavoro, il substrato si altera sempre più, assumendo uno stato di transizione energeticamente sfavorevole. L’energia di attivazione è ora la quantità di energia richiesta per forzare il substrato nello stato di transizione. È qui che entra in gioco l’azione catalitica dell’enzima: attraverso interazioni non covalenti con lo stato di transizione, lo stabilizza in modo che sia necessaria meno energia per forzare il substrato nello stato di transizione. Il substrato può essere convertito nel prodotto di reazione molto più rapidamente, poiché un percorso è per così dire già “asfaltato”, ovvero preparato per un lavoro più semplice.

 Si tratta di un fenomeno biodinamico, che nella sua magnificenza è familiare solo a pochi. Le persone attive dal punto di vista medico, studiano questa teoria per capirla e poi metterla in pratica. Fino a circa 10 anni fa, non si pensava a nessuna applicazione terapeuta, perchè non si era ancora in grado di lavorare per la produzione di più tipologie di enzimi contemporaneamente. Solo la fornitura del maggior numero possibile di componenti, compresi i substrati, consente un miglioramento graduale dei processi.

Poiché le lesioni nelle funzioni enzimatiche sono coinvolte in quasi tutte le malattie, l’enzimatica (accompagnata dalla mitocondriopatia) può essere definita una patologia di base. Di conseguenza, la terapia enzimatica è una terapia di base e non limitata solo ad alcune disfunzioni. Esistono protocolli di assunzione per oltre 300 disfunzioni ben conosciute. “Terapia enzimatica complementare https://en.wikipedia.org/wiki/Enzymology

La terapia enzimatica complementare è un insieme di trattamenti utilizzati come integratori ai trattamenti medici tradizionali, per diversi tipi di patologie. L’utilizzo di componenti biodinamici favorisce la riattivazione metabolica cellulare ed ottiene ottimi risultati. Le componenti biodinamiche sono in grado di mantenere una stabilità cellulare definita “allostatica” e sono in grado di fornire l’energia necessaria per il supporto intracellulare.

In paesi come la Germania o l’Austria, dove è frequente l’utilizzo di componenti biodinamiche a supporto di molte disfunzioni, si è riscontrato che le terapie enzimatiche complementari possono aprire nuovi scenari per il trattamento di queste disfunzioni, provenienti dalla biochimica (e quindi dallo studio della cellula) sono un grosso supporto alla soluzione della disfunzione stessa. Ad esempio, alcuni studi sulle patologie cardiovascolari hanno mostrato che l’uso di componenti biodinamici permetteva la riduzione delle placche carotidee e una riduzione dei livelli di grasso e colesterolo nel fegato.

Altri studi hanno mostrato come sia possibile migliorare la qualità della vita dei pazienti sottoposti a chemioterapia avanzata per il cancro del polmone. Di solito, la perdita di peso nei pazienti oncologici è causata dalla cachessia da cancro, dalla nausea e dal vomito indotti dalla chemioterapia, alcuni protocolli enzimatici utilizzati come integratori durante le cure, hanno aumentato il peso corporeo dei pazienti aiutandoli durante il percorso delle cure. Queste osservazioni sono state prese in considerazione da Giuseppe Cotellessa, ricercatore e inventore di un originale metodo fisico-matematico, brevettato dall’ENEA sulla base di importanti applicazioni pratiche a beneficio dell’umanità.

Cotellessa ha menzionato il possibile effetto positivo delle componenti biodinamiche durante il trattamento del cancro al polmone e sulla valutazione della qualità di vita del paziente. Inoltre, sono stati studiati gli effetti del trattamento con componenti biodinamici anche dal punto di vista metabolico. I dati raccolti durante gli esperimenti indicherebbero che i componenti biodinamici aumentano le prestazioni delle cellule normali del corpo e migliorano la qualità della vita del paziente. Al contrario, la loro attività causerebbe una riduzione dell’energia nelle cellule tumorali. Si potrebbe dedurre che queste nuove tecnologie potrebbero essere una strategia utile per migliorare la qualità della vita, riducendo i sintomi indesiderati della chemioterapia.

L’Italia sembra essere il Paese che va avanti in questo senso con gli studi apportati dalla Citozeatec (www.citozeatec.ch) . A Milano si sta svolgendo una produzione industriale identica per natura, ai “componenti biodinamici naturali presenti negli esseri viventi” ovvero una riproduzione di ciò che avviene all’interno delle cellule dell’organismo. L’assoluta novità è proprio dovuta all’utilizzo di Enzimi nel ciclo produttivo agendo sugli zuccheri che li compongono. La Citozeatec grazie ai continui lavori e studi applicati alle terapie enzimatiche, riesce a sbarcare in Giappone, portando al mondo scientifico una nuova visione del futuro.

Se guardiamo al futuro della medicina, la farmacologia come uso di sostanze estranee all’organismo senza l’uso o l’aggiunta di azioni naturali non avrà un futuro promettente. Anche i loro mezzi sempre più costosi non possono essere pagati nel prossimo futuro. D’altra parte, il futuro appartiene all’applicazione reale delle scienze della biofisica e della biochimica. Il primo è un argomento tipico delle Società per l’Energia e la Medicina dell’Informazione. La biochimica invece è parte della medicina ortomolecolare e non può essere realizzata al meglio se non con la terapia enzimatica.

Recentemente è apparsa una pubblicazione scientifica sui successi degli enzimi anche nella sclerosi multipla ( https://www.mdpi.com/2076-3271/9/3/52 ). Ciò dimostra che non sembrano esserci quasi limitazioni per gli enzimi. Abbiamo un ampio campo davanti a noi, non sottovalutiamolo ma informiamoci per capire e vivere, una migliore qualità della vita.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart