Guerra Ucraina; Secondo Kiev più di 1.000 militari ucraini rimangono ancora ad Azovstal

Avantgardia

Più di 1.000 militari ucraini, tra cui centinaia di feriti, rimangono ancora nel complesso delle acciaierie Azovstal, circondati dalle truppe russe a Mariupol, ha detto oggi a France-Presse (AFP) il vice primo ministro ucraino.

Dopo l’evacuazione di tutti i civili con l’aiuto delle Nazioni Unite la scorsa settimana, “più di mille” soldati, tra cui “centinaia di feriti”, rimangono nelle gallerie sotterranee di questo vasto complesso industriale, ha detto all’AFP Iryna Vereshchuk, vice primo ministro ucraino.

“Ci sono feriti molto gravi che richiedono un’evacuazione urgente”, ha affermato.

Iryna Vereshchuk ha anche negato l’informazione, trasmessa da due autorità regionali, che riferiscono della presenza  di altri civili nell’acciaieria.

“Questo non è vero”, ha detto il vicepremier, osservando che il capo del reggimento Azov “ha dichiarato ufficialmente” ai funzionari del governo ucraino e a un rappresentante dell’Onu “che nessun civile, nessuna donna, bambino o anziano è rimasto nell’Azovstal”.

Il sindaco di Mariupol Vadym Boychenko ha rifiutato di confermare al 100%, che tutti i civili dell’Azovstal siano stati evacuati, sottolineando che “non è possibile” verificarlo fino a quando non ci sarà un cessate il fuoco duraturo.

Un consigliere del sindaco, Petro Andryushchenko, citato oggi dalla stampa locale, afferma che almeno 100 civili rimangono ancora al riparo nelle strutture del complesso siderurgico di Azovstal. Le autorità ucraine stanno ora “lavorando” sulla possibilità di evacuare dall’acciaieria personale militare ferito, personale medico e cappellani militari, in attesa dell’aiuto delle organizzazioni internazionali e della Turchia.

“Il personale medico deve ancora evacuare tutti i feriti, perché possono essere accompagnati fuori dal complesso solo in caso di una nuova apertura di un corridoio umanitario presso l’acciaieria”

Secondo il funzionario ucraino, un’operazione del genere potrebbe “durare almeno una settimana”, visto il numero di feriti che devono essere “trasportati in barella”. L’esercito di Azovstal ha ripetutamente chiesto aiuto al presidente turco Recep Tayyip Erdogan e Vereshchuk ha sottolineato che “la Turchia sta lavorando a stretto contatto” con Kiev.

“Le autorità turche vogliono davvero aiutare”, ha dichiarato, aggiungendo che tale ritiro potrebbe essere effettuato via mare con una barca turca dotata di un ospedale militare. La situazione nel complesso industriale dell’Azovstal, l’ultimo baluardo della resistenza ucraina a Mariupol, non può essere confermata da fonti indipendenti, poiché le truppe russe controllano praticamente l’intera città e stanno cercando di imporre la propria autorità e le proprie regole sul terreno.

Secondo il sindaco di Mariupol, nelle ultime 24 ore un totale di 34 aerei hanno sorvolato il complesso dell’Azovstal.

“Il nemico non smette di cercare di catturare la fortezza ucraina e continua a compiere attacchi quotidiani con il supporto della fanteria”, ha detto sul social network Telegram.

La Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio e l’offensiva militare ha già ucciso più di 3.000 civili, secondo l’Onu, che avverte che il numero reale potrebbe essere molto più alto. Secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite, l’offensiva militare ha causato la fuga di oltre 13 milioni di persone, di cui oltre 5,6 milioni hanno lasciato il Paese.

 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart