Vaccino, Costa: “Nei prossimi giorni terza dose anche per i 50enni”. Valutazione di Moderna per la fascia 6-11 anni

Avantgardia

Terza dose, parla il sottosegretario alla Salute, “Andrea Costa:  Dobbiamo affidarci ancora una volta alla scienza. E’ ragionevole pensare che ci sarà un’estensione della platea per i quali sarà prevista la somministrazione”

“Credo che già nei prossimi giorni la terza dose si estenderà ai cinquantenni”. A dirlo è il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa. “Dobbiamo attendere con fiducia le indicazioni scientifiche – sottolinea -. Mi auguro che il tema non diventi di scontro politico. Dobbiamo affidarci ancora una volta alla scienza. E’ ragionevole pensare che ci sarà un’estensione della platea per i quali sarà prevista la somministrazione”

Secondo Costa, sulla terza dose gli italiani hanno dimostrato un grande senso di responsabilità. “I numeri sono positivi – dice – e c’è una grande adesione. Le farmacie, con le loro 19mila presenze sul territorio, ci garantiscono capillarità. Siamo nelle condizioni ottimali per procedere”. E poi sottolinea: “dobbiamo ricordare le parole del presidente Mattarella: non possiamo permettere che le posizioni di una minoranza, non suffragate da evidenze scientifiche, possano impedire o rallentare il ritorno alla normalità. C’è una maggioranza silenziosa in Italia che vuole tornare alla normalità e a crescere”

Il sottosegretario di Stato al ministero della Salute in quota dem parla poi della necessità di “aumentare ancora le prime dosi” perché “siamo oggi all’86% dei cittadini che l’hanno ricevuta”. “Dobbiamo proseguire con l’opera di sensibilizzazione, raggiungendo quel 90% che ci permette di gestire meglio la pandemia – osserva -. Per quanto riguarda le terze dosi si tratta di un numero in continua evoluzione. Ad oggi c’è una grande adesione da parte degli italiani. C’è la consapevolezza che è utile“.

Ema avvia valutazione sul vaccino Moderna ai bimbi tra i 6 e gli 11 anni

Intanto l’Ema ha avviato la valutazione della domanda presentata da Moderna per ottenere il via libera all’uso del suo vaccino anti-Covid Spikevax per i bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni. La tempistica di qualsiasi valutazione dipende sempre dai dati inviati. L’attuale tempistica per la valutazione prevede un parere in circa 2 mesi, a meno che non siano necessarie informazioni o analisi supplementari.

Source:Tgcom24
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart