Obbligo di mascherine FFP2 per trasporti e spettacoli fino al 15 giugno, arrivano le “raccomandazioni”. Addio al Green Pass. Tutti i dettagli dell’ordinanza valida dal primo maggio

Avantgardia

Facoltà ai datori di lavoro di imporre la proroga. Stop al modulo richiesto ai viaggiatori. Ecco dove rimane tassativa la certificazione verde (base o rafforzata)

Obbligo di mascherine di “tipo FFP2 per l’accesso ai mezzi di trasporto, per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo”. Lo prevede l’ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, misura valida a partire dal 1° maggio e comunque non oltre il 15 giugno”. Questi dispositivi di protezione dovranno essere usati anche per “gli eventi e le competizioni sportive che si svolgono al chiuso”. Mascherine raccomandate nei negozi e centri commerciali
È “comunque raccomandato di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie in tutti i luoghi al chiuso pubblici o aperti al pubblico”, precisa l’ordinanza. Si tratta, chiarisce il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, “dei luoghi di lavoro, tranne quelli di ambito sanitario, e ovunque ci sia il rischio di assembramenti, come ad esempio ristoranti, centri commerciali, negozi. In questi luoghi la mascherina è raccomandata”.

Per i datori di lavoro facoltà proroga obbligo mascherine

Nei luoghi di lavoro, pubblici e privati – tranne ospedali e Rsa – non è stato prorogato l’obbligo di utilizzo delle mascherine, dispositivi che sono solo raccomandati. Tuttavia i datori di lavoro, se ritenuto opportuno, potranno decidere di mantenere in essere i protocolli vigenti che prevedono l’obbligatorietà di questi dispositivi di protezione.

Stop al modulo richiesto ai viaggiatori 

L’ordinanza sui viaggi esteri prevede che il Passenger Locator Form (Plf) dal 1° maggio non sarà più necessario. Prorogata al 31 maggio le misure sugli ingressi in Italia: vaccinazione completa, o guarigione da meno di 6 mesi o test molecolare o antigenico. Il Passenger Locator Form è il modulo utilizzato dalle autorità sanitarie per i viaggi.L’ordinanza prevede inoltre “l’obbligo per i lavoratori, agli utenti e ai visitatori delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, ivi incluse le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistite (Rsa), gli hospice, le strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti”. È “comunque raccomandato – si precisa – di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie in tutti i luoghi al chiuso pubblici o aperti al pubblico”.

Non hanno l’obbligo di indossare le mascherine “i bambini di età inferiore ai sei anni; le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonché le persone che devono comunicare con una persona con disabilità in modo da non poter fare uso del dispositivo; i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva”.

Addio al Green pass

Sempre il 1° maggio segna il termine dell’obbligo del Green pass quasi ovunque con la quasi completa libertà di movimento anche per i non vaccinati. Fino a questa data per alcune attività (mense, concorsi pubblici, oltre ai trasporti a lunga percorrenza) sarà obbligatorio in versione base (tampone, oltre a vaccinazione e guarigione da Covid). Il Green pass rafforzato (rilasciato solo a seguito di vaccinazione o guarigione) resterà in vigore ancora per 48 ore per centri benessere, sale gioco, discoteche, congressi ed eventi sportivi al chiuso.
Sempre Dal 1° maggio, con la decadenza completa della certificazione verde, anche i non vaccinati potranno pertanto tornare nei luoghi di lavoro e non sarà richiesto dunque neppure il tampone. Fa per&o eccezione il personale medico e del comparto sanità, per cui vale l’obbligo di vaccinazione fino al 31 dicembre 2022 pena la sospensione dal lavoro e dallo stipendio. Resta invece in vigore fino al 15 giugno l’obbligo di vaccinazione per gli over 50, forze dell’ordine e comparto scuola: queste categorie, se non si vaccineranno, continueranno ad incorrere nella sanzione prevista di 100 euro. Ai visitatori delle Rsa continuerà ad essere richiesto fino al 31 dicembre il ciclo di vaccinazione  primario più l’effettuazione di un tampone oppure la vaccinazione con tre dosi.

Source:Tgcom24
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart