Lavoro, a marzo vola l’occupazione. Boom per le donne, prevalgono di contratti a termine

Avantgardia

La rilevazione dell’Istat: il tasso si attesta al 59,9%, record dall’inizio delle serie storiche e si trona sopra i 23 milioni di unità. L’aumento osservato rispetto all’inizio dell’anno, pari a quasi 170mila, si concentra soprattutto tra i dipendenti, ma in crescita anche gli autonomi.

A marzo gli occupati aumentano di 81mila unità su febbraio e di 804mila su marzo 2021. Lo rileva l’Istat sottolineando che il il tasso di occupazione sale al 59,9% (+0,3 punti) al livello record dall’inizio delle serie storiche (2004).

Confrontando il primo trimestre 2022 con quello precedente si registra un aumento del livello di occupazione pari allo 0,6%, per un totale di 133mila occupati in più. Gli occupati tornano sopra i 23 milioni a 23.040.000. Rispetto a febbraio ci sono 103mila dipendenti permanenti in più.

Il tasso di disoccupazione a marzo scende all’8,3% con un calo di 0,2 punti su febbraio e di 1,8 punti su marzo 2021, tornando ai livelli del 2010. Lo rileva l’Istat sottolineando che le persone senza lavoro nel mese erano 2milioni 74mila con una riduzione di 48mila unità su febbraio e di 412mila su marzo 2021.

La crescita sostenuta dell’occupazione a marzo (+81mila su febbraio) è trainata dalle donne. Il tasso di occupazione femminile nel mese sale al 51,2 con un aumento di 0,5 punti su febbraio e di 2,9 su marzo 2021. Le donne occupate sono 9 milioni 776mila.

Source:Ansa
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart