Guerra Russia – Ucraina; le news e i numeri

Avantgardia

L’offensiva russa continua, seguiamo dove si svolgono le battaglie e il costo umano della guerra, oltre 2,5 milioni di rifugiati stanno scappando dall’Ucraina.

Le forze russe si avvicinano alla capitale ucraina, Kiev e le persone si affrettano a scappare dalla città, Mariupol invece è ancora assediata. Il conteggio più recente, ancora in crescita indica che 1.655.503 persone che sono entrate in Polonia, 246.206 in Ungheria, 195.980 in Slovacchia, 105.897 in Russia, 84.671 in Romania, 104.929 in Moldova e 938 in Bielorussia. Almeno 304.156 persone sono fuggite anche in altri paesi europei. Le cifre rappresentano il numero di rifugiati attualmente presenti in ciascun Paese e censite, non il numero di ingressi. La maggior parte degli arrivi sono donne e bambini. A tutti gli uomini di età compresa tra i 18 ei 60 anni è stato impedito di lasciare l’Ucraina per restare e combattere.

Secondo il sindaco di Mariupol, 18 giorni di bombardamenti russi hanno ucciso 1.500 persone, le autorità militari nella città ucraina occidentale di Lviv affermano che l’esercito russo ha lanciato un attacco aereo contro una base militare ucraina a Yavoriv, ​​nella parte occidentale del paese, vicino al confine con la Polonia.

Migliaia di persone si sono recate nelle piazze pubbliche e nelle ambasciate russe in tutto il mondo per protestare contro l’invasione.

OVD-Info, che da anni documenta la repressione dell’opposizione russa, afferma che più di 5.000 manifestanti sono stati arrestati in tutta la Russia da quando Putin ha lanciato la guerra all’Ucraina.

La mappa e l’elenco di seguito mostrano i luoghi in cui si sono verificate proteste considerevoli. Altre proteste sono previste nei prossimi giorni in tutte le città del mondo.

La Russia e l’Ucraina facevano parte delle 15 repubbliche sovietiche che componevano l’Unione Sovietica. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, l’Ucraina ha dichiarato l’indipendenza il 24 agosto. Ecco gli sviluppi della geopolitica dei territori ex URSS dal 1990 ad oggi.

 

La NATO è l’alleanza militare più potente del mondo. Composto da 30 nazioni, il suo ruolo principale è quello di proteggere i suoi stati membri con mezzi politici e militari. La Russia si oppone alle basi NATO vicino ai suoi confini e ha chiesto garanzie scritte che la NATO non si espanda verso est. Una delle richieste centrali del Cremlino è che l’Ucraina non possa mai entrare a far parte della NATO, una mossa che considera una linea rossa. Gli Stati Uniti si sono rifiutati di accogliere questa richiesta.

 

La Russia ha uno degli eserciti più potenti al mondo e si colloca tra i primi cinque governi che investe maggiormente in strutture militari di difesa.

Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute.el 2020, la Russia ha speso 61,7 miliardi di dollari per le sue forze armate, che rappresentavano l’11,4% della spesa pubblica. In confronto, l’Ucraina ha speso 5,9 miliardi di dollari per le sue forze armate, ovvero l’8,8% della spesa pubblica. Dall’inizio delle tensioni, gli alleati della NATO, per contrastare l’invasione via terra da parte della Russia, hanno intensificato il sostegno a Kiev inviando attrezzature militari in Ucraina, che stanno garantendo una importante resistenza militare.

Russia e Ucraina sono entrambe ricche di petrolio e gas. La Russia ha le riserve di gas accertate più alte del mondo con 48.938 miliardi di metri cubi. Più del 70 per cento delle riserve di gas del paese sono detenute da Gazprom, un gigante energetico di proprietà dello stato.

La Russia fornisce circa un terzo del gas naturale necessario al fabbisogno europeo. Le sanzioni statunitensi per il conflitto potrebbero interrompere tale fornitura, esacerbando la crisi energetica dell’Europa. Il 22 febbraio, la Germania ha sospeso la certificazione del Nord Stream 2, un progetto di gasdotto da 11,6 miliardi di dollari progettato per spostare in Europa, 151 milioni di metri cubi di gas al giorno. La Russia detiene anche alcune delle più grandi riserve di petrolio accertate, con 80 miliardi di barili, ovvero il 5% del totale mondiale.

Anche l’Ucraina ha una consistente riserva di petrolio e gas, rispettivamente di 395 milioni di barili e 349 miliardi di metri cubi. Il paese si trova all’incrocio tra l’Occidente e la Russia e svolge un ruolo chiave nella fornitura di gas russo ai mercati europei. 

Anche nel campo delle risorse naturali, vedono le due nazioni al centro delle esportazioni verso il resto del mondo, più di un quarto delle esportazioni mondiali di grano proviene da Russia e Ucraina. Le sanzioni economiche o l’azione militare possono avere un effetto significativo sul costo del cibo poiché gli importatori cercano di trovare plausibili alternative. Nel 2019 prima della pandemia, la Russia ha esportato $ 407 miliardi di prodotti e l’Ucraina $ 49 miliardi. 

Infine per capire i reali motivi di questa guerra che non coinvolge solo Russia e Ucraina, ma anche Europa, USA e Medio Oriente leggiamo anche questi ultimi numeri…

L’Ucraina ha una popolazione stimata di 44 milioni di persone, la settima nazione più grande d’Europa. Il paese comprende 24 regioni, conosciute come oblast. La popolazione del paese è diminuita dagli anni ’90 con tassi di fertilità tra i più bassi al mondo. Nel 2020, il tasso di fertilità dell’Ucraina era di appena 1,2, che non consente una crescita demografica ma mantiene un equilibrio tra le nuove nascite e le morti. 

L’Ucraina è il secondo paese più grande d’Europa, dopo la Russia. A 603.550 kmq (233.031 miglia quadrate), l’Ucraina è un po’ più piccola dello stato americano del Texas, circa tre volte più piccola dell’India, la metà del Sud Africa e circa due volte e mezzo il Regno Unito.

Tutto questo ci permette di capire che i reali motivi di questo tragico conflitto, sono puramente economici, interessi che servono a garantire i difficili equilibri dei debiti nazionali di alcune super potenze, che devono evitare il fallimento.

 

 

 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart