Covid-19: l’America raccomanda il vaccino di Pfizer per i bambini di 5-11 anni

Avantgardia

Il consiglio del comitato scientifico americano è solo consultivo, ma è raro che non sia seguito dalla United States Medicines Agency (FDA)

Un’opinione che apre la strada alla vaccinazione dei più piccoli d’oltreoceano. Martedì 26 ottobre un comitato di esperti americani ha votato a favore dell’autorizzazione del vaccino Covid-19 di Pfizer-BioNTech per i bambini dai 5 agli 11 anni.

Il consiglio di questo comitato scientifico è solo consultivo, ma è raro che non sia seguito dalla United States Medicines Agency (FDA). Se consentirà il vaccino per questa fascia di età, circa 28 milioni di bambini negli Stati Uniti potranno potranno essere vaccinati.

Composto da scienziati indipendenti (immunologi, esperti in malattie infettive, pediatria, ecc.), il comitato ha esaminato i dati raccolti da Pfizer e dalle autorità sanitarie. Al termine di una giornata di discussioni, trasmessa in diretta su Internet, i suoi membri hanno stimato che i benefici del vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni sono superiori ai rischi (17 voti per un’astensione).

 I bambini “sono lungi dall’essere risparmiati dai danni del Covid-19” , ha ricordato Peter Marks, della FDA, nell’introduzione. Tra i bambini dai 5 agli 11 anni, dall’inizio dell’epidemia negli Stati Uniti sono stati registrati oltre 1,9 milioni di casi di Covid-19, più di 8.300 ricoveri e un centinaio di decessi, ha affermato. I bambini che contraggono il virus possono sviluppare la sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica (MIS-C), o anche un “Covid lungo” .

A sostegno della sua richiesta di autorizzazione, Pfizer ha presentato i risultati di uno studio clinico che ha dimostrato l’efficacia del 90,7% del vaccino nella prevenzione delle forme sintomatiche della malattia nei bambini dai 5 agli 11 anni.

Dibattito sui casi di miocardite

Prima dell’incontro, la FDA aveva rilasciato la propria interpretazione dei dati, puntando chiaramente a favore dell’autorizzazione.

Il punto principale del dibattito riguarda il rischio di miocardite indotta da vaccino. Questa infiammazione del muscolo cardiaco è un effetto collaterale che è stato particolarmente rilevato negli adolescenti e nei giovani adulti (soprattutto uomini) dopo Pfizer o Moderna. Le autorità sanitarie hanno confermato quasi 880 casi (più di 600 restano da valutare), di cui circa 830 hanno richiesto il ricovero. Da allora, circa 790 sono tornati a casa e non sono stati registrati decessi.

Tra i 3.000 bambini vaccinati in totale durante gli studi clinici di Pfizer, non sono stati rilevati casi di miocardite. Gli esperti ritengono che questo effetto collaterale dovrebbe essere più raro nei bambini piccoli, poiché potrebbe essere collegato ai livelli di testosterone. Ciò non significa che il rischio sia assente. Ma l’analisi dell’Fda prevede che il numero di “problemi clinicamente significativi” legati al Covid-19 evitati grazie al vaccino “farebbe da contraltare nettamente all’eccesso di casi di miocardite” .

Dosaggio più basso per i bambini

D Il dottor Paul Offit, un membro del comitato, si è detto rassicurato dal fatto che il dosaggio per i bambini è più basso (dieci microgrammi per iniezione invece di trenta per i gruppi più anziani). Molti esperti, tuttavia, hanno trovato difficile decidere la questione e hanno sottolineato la necessità di monitorare i dati una volta avviata la campagna di immunizzazione.

Quando la FDA darà il via libera, un comitato di esperti dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) si riunirà a sua volta il 2 e 3 novembre sull’argomento. Questa agenzia federale pubblicherà quindi le sue raccomandazioni per gli operatori sanitari che somministrano le dosi. Come per gli adulti e gli adolescenti, il vaccino richiede due iniezioni, a distanza di tre settimane. I tappi delle fiale destinate ai bambini saranno arancioni, e quindi facilmente riconoscibili rispetto ai tappi viola delle fiale per le fasce di età più avanzata.

La Casa Bianca si è detta pronta a inviare milioni di dosi ai quattro angoli del Paese. I bambini possono essere vaccinati dai pediatri, dalle farmacie o da alcune scuole.

Ma sarà comunque necessario convincere. Secondo un sondaggio della Kaiser Family Foundation alla fine di settembre, circa un terzo dei genitori ha dichiarato che avrebbe vaccinato il proprio figlio il prima possibile, un altro terzo che avrebbe aspettato prima di prendere una decisione e un quarto che non lo avrebbe fatto vaccinare.

Source:leMonde.fr
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart