Inizia la raccolta del grano: produzione in calo del 15%, colpa della siccità. E a livello internazionale pesa la guerra in Ucraina

Avantgardia

La stima della Coldiretti divulgata in occasione dell’avvio della trebbiatura che inizia dalle regioni del sud, dove in Puglia, la Regione dove si concentra la maggiore produzione nazionale, sono stati raccolti i primi chicchi di grano duro

Oggi inizia la raccolta del grano in Italia, e la produzione quest’anno è stimata in calo del 15% per effetto della siccità che ha tagliato le rese dal Nord a Sud del Paese.

E’ quanto emerge da una stima della Coldiretti divulgata in occasione dell’avvio della trebbiatura che inizia dalle regioni del sud, dove in Puglia, la Regione dove si concentra la maggiore produzione nazionale, sono stati raccolti i primi chicchi di grano duro.

Al nord dall’Emilia Romagna al Veneto si prevede, sottolinea Coldiretti, un calo intorno al 10%, mentre per le regioni centrali la diminuzione potrebbe attestarsi al 15-20%.

Ma al Sud si prevede un minor raccolto tra il 15 e il 30% .

Per effetto della riduzione delle rese a causa dei cambiamenti climatici, complessivamente il raccolto dovrebbe attestarsi attorno ai 6,5 milioni di tonnellate a livello nazionale su una superficie totale di 1,71 milioni di ettari coltivati.

La situazione è preoccupante anche a livello internazionale, con la produzione mondiale di grano per il 2022/23 stimata in calo a 769 milioni di tonnellate. Ciò per effetto della riduzione in Ucraina, con un quantitativo stimato nel Paese di 19,4 milioni di tonnellate, circa il 40% in meno rispetto ai 33 milioni di tonnellate previsti per questa stagione.

Source:Ansa
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart