updated 1:20 PM UTC, Oct 26, 2021

Netflix, arrivano i primi videogiochi per Android. Il primo test in Polonia: ecco di cosa si tratta

Senza costi aggiuntivi, il servizio di streaming più famoso al mondo sta portando due giochi di Stranger Things sulla sua app Android, ma – al momento – non in Italia


Netflix sta testando il suo primo gioco mobile all'interno della propria app Android: ecco di che si tratta.

Stranger Things su Android

Senza costi aggiuntivi, il servizio di streaming più famoso al mondo sta portando due giochi di Stranger Things sulla sua app Android, ma – al momento – non in Italia.

L'unico paese dove i due giochi sono disponibili è la Polonia: si tratta di Stranger Things: 1984 e Stranger Things 3. Va ricordato che i due game sono disponibili da anni sull'app di Netflix, essendo stati rilasciati attraverso una partnership di licenza nel 2017 e nel 2019, in concomitanza con il lancio della seconda e terza stagione della serie.

Il mese scorso, Netflix ha confermato l'intenzione di espandersi nel campo dei videogiochi, introducendo nel servizio (e senza costi aggiuntivi) giochi per telefoni e tablet.
 
Con la grande ambizione di estendersi anche ai giochi per console Xbox e PlayStation, l'entrata nell'universo dei videogame rappresenterà la più grande espansione in un nuovo tipo di intrattenimento, da quando la società ha esordito nel 2007 e ha pubblicato il suo primo show originale nel 2012.

I giochi su Netflix non avranno pubblicità, nè includeranno acquisti in-game e la possibilità di acquistare singoli titoli, dato che faranno parte dell'abbonamento complessivo.

Netflix va a caccia di nuovi iscritti con i videogiochi - Wired

Con la grande ambizione di estendersi anche ai giochi per console Xbox e PlayStation, l'entrata nell'universo dei videogame rappresenterà la più grande espansione in un nuovo tipo di intrattenimento, da quando la società ha esordito nel 2007 e ha pubblicato il suo primo show originale nel 2012.

I giochi su Netflix non avranno pubblicità, nè includeranno acquisti in-game e la possibilità di acquistare singoli titoli, dato che faranno parte dell'abbonamento complessivo.

 

(Fonte: telefonino.net)

 

Social, ecco heArt, la nuova piattaforma che connette i talenti. L'idea di Matteo Forte tra innovazione e opportunità di lavoro (VIDEO)

Si presenta come una novità "rivoluzionaria" e vuole essere una grande vetrina digitale attraverso cui ciascuno possa esprimere e condividere le proprie doti, senza essere giudicato, per il piacere di intrattenere o per farsi scoprire - (VIDEO


Una nuova piattaforma social interamente dedicata al talento, agli artisti e agli amanti di arte e spettacolo. Si chiama heArt e si pronuncia come ‘cuore’ in inglese: è l’idea ‘rivoluzionaria’, unica nel suo genere, lanciata da Matteo Forte, anima e ideatore di questo progetto, che intende raccogliere in una community le diverse espressioni del talento offrendo loro una grande vetrina digitale finalizzata alla ricerca di nuove opportunità professionali e all’offerta di un intrattenimento social di qualità.

L’ambizione del progetto è quella di proporre una piattaforma protetta nella quale ciascuno possa esprimere e condividere i propri talenti, senza essere giudicato, per il piacere di intrattenere o per farsi scoprire.

heArt accoglie artisti come attori, cantanti, danzatori, pittori, scrittori, fotografi, musicisti, scultori, disegnatori, ma anche tecnici e professionisti dell’arte. E ancora associazioni culturali e dell’arte, accademie, musei, teatri e produttori, società di eventi, editori. Senza dimenticare la categoria di utenti più nutrita: tutti coloro che amano una qualsiasi forma d’arte e di spettacolo e che si registreranno per il puro piacere di essere intrattenuti da contenuti di qualità.

La piattaforma è raggiungibile al link heArt o scaricando l'app, ancora in versione Beta, ‘heArt social’ su App Store o Google Play con funzioni analoghe ai social esistenti, ma anche con specifiche peculiarità. Le opere/performance, per esempio, non potranno essere commentate pubblicamente da altri utenti, ma solo apprezzate con un sistema di valutazione da 1 a 5 ‘cuori’ e chiunque (aziende o istituzioni culturali e dell’arte o privati) potrà inserire opportunità professionali rivolte ad artisti.

Inoltre, heArt dispone di un 'Osservatorio scientifico', un qualificato gruppo di indirizzo, di cui fanno parte personalità come il professor Gianni Canova (Rettore dell’Università IULM); il professor Giacomo Manzoli (Direttore del DAR già DAMS di Bologna); la dottoressa Luisa Vinci (Direttore Generale dell’Accademia Teatro alla Scala); il professor Roberto Favaro (Direttore della Civica Scuola di Musica ‘Claudio Abbado’) e ovviamente lo stesso Matteo Forte.

“Vogliamo essere aperti, inclusivi e ‘democratici’ – conclude Matteo Forte - offrendo a tutti la possibilità di caricare contenuti e navigarli liberamente o guidati da un sistema di filtri che consentirà specifiche selezioni di utenti ‘consigliati’ dai partner del progetto.

Tra i partner dell’iniziativa l'Università IULM di Milano, l'Università di Bologna con il dipartimento delle Arti DAR (già DAMS), l’Università Cattolica con l’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo (ALMED), l'Accademia Teatro alla Scala e la Fondazione Milano con le sue Scuole Civiche di alta formazione

WhatsApp, occhio ai link dannosi! Nove su dieci arrivano via messaggio. Le truffe del phishing

Un report di Kaspersky rivela che i truffatori si rivolgono soprattutto alle app di messaggistica, diventate nel 2020 lo strumento di comunicazione più utilizzato superando i social


Le truffe viaggiano su WhatsApp, ecco quali sono e come difendersi -  Tiscali Notizie

link dannosi viaggiano soprattutto sulle app di messaggistica, in particolare WhatsApp. Sono questi i canali più utilizzati dai truffatori che sfruttano tecniche di phishing: tra dicembre e maggio i loro malware hanno sfruttato nell'86,9% dei casi a WhatsApp, nel 5,6% a Telegram e nel 4,7% a Viber. A livello globale, sono stati registrati 480 casi di phishing al giorno, secondo una ricerca condotta dalla società di sicurezza informatica Kaspersky.

Il phishing - Attraverso il phishing, il truffatore cerca di ingannare la vittima convincendola a procurargli informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso su un sito inviato insieme al messaggio. Spesso questi portali fasulli riproducono fedelmente quelli di soggetti reali, che possono essere istituti postali, bancari oppure enti o organizzazioni di vario genere. 

Nel 2020 le app messaggistica superano i social - Il report dello studio è frutto dei dati resi anonimi, forniti volontariamente dagli utenti di Kaspersky Internet Security for Android. Come spiega Kaspersky, nel 2020 le app di messaggistica hanno superato i social network del 20% in termini di popolarità tra gli utenti, diventando lo strumento di comunicazione più utilizzato.               

"Servono tecnologie avanzate" - "Nella lotta al phishing nelle app di messaggistica bisogna fare molto attenzione, affidandosi alle tecnologie anti-phishing più recenti", commenta Tatyana Shcherbakova, senior web content analyst di Kaspersky. 

Entro il 2023 oltre 3 miliardi di utenti - I risultati del sondaggio mostrano anche che nel 2020 il numero totale di utenti di queste app, a livello globale,  ammontava a 2,7 miliardi, un dato che entro il 2023 dovrebbe crescere fino ai 3,1 miliardi. Un numero che rappresenta quasi il 40% della popolazione mondiale. In termini di numero di attacchi di phishing registrati per singolo utente su WhatsApp, il primato va al Brasile  con 177 attacchi, seguito dall'India con 158. 

 

(Fonte: tgcom24)

Cammini guardando lo smartphone? Google ti "sgrida": ecco come funziona la nuova app per il benessere digitale

Applicazione sui modelli Pixel a marchio Google, invierà una una notifica se si accorge che l'utente è chino con la testa verso il basso, durante il movimento a piedi. L'obiettivo è spingere le persone a prestare maggiore attenzione all'aperto quando, come spesso accade, sono con gli occhi puntati sullo schermo


New York, sanzione per chi cammina guardando lo smartphone - IlGiornale.it

Google ha aggiornato la versione beta della sua app 'Benessere Digitale', che introduce una funzione chiamata 'Heads Up'. Questa è pensata per salvaguardare le persone che rischiano di distrarsi guardando lo smartphone mentre camminano per strada.

Nello specifico, l'app finora individuata solo sui modelli di smartphone Pixel a marchio Google, invia una notifica se si accorge che l'utente è chino con la testa verso il basso, durante il movimento a piedi.

Per farlo, 'Heads Up' utilizzerà le stesse autorizzazioni richieste da altre piattaforme del gruppo, come Google Fit, tra cui il GPS e lo spostamento del segnale tra le celle telefoniche, così da registrare automaticamente l'attività fisica e capire il movimento di un soggetto all'esterno. Se lo smartphone rileva che è in corso sul display l'utilizzo di qualche app o lo scrolling delle pagine, manda un avviso. L'obiettivo è spingere le persone a prestare maggiore attenzione all'aperto quando, come spesso accade, sono con gli occhi puntati sullo schermo.

Attualmente in fase di rollout, l'aggiornamento si presenta con questo testo: "Se cammini mentre usi il telefono, ricevi un promemoria per concentrarti su ciò che ti circonda. Da utilizzare con cautela: Head Up non rimpiazza il prestare attenzione all'ambiente circostante". La funzione 'Heads Up' può essere attivata dal menu di Benessere Digitale, da cui è anche possibile disabilitarla, qualora non la si voglia più utilizzare. L'app è disponibile sul Play Store di Android e da qui verrà aggiornata nelle prossime settimane, con tempistiche e Paesi ancora non comunicati da Google.

 

(Fonte: Ansa)

"Dillo a Clemente!", dalla vecchia politica l'innovazione che non ti aspetti: ecco l'app "Mastella". La sfida tecnologica del sindaco di Benevento: "Ascoltare e trovare soluzioni"

Il movimento "Noi Campani", fondato dall'eterno politico centrista, annuncia l'iniziativa: "Sarà dotata di intelligenza artificiale"


Una app per "ascoltare" ed "essere vicino a tutti, trovando soluzioni", dal nome inequivocabile: "Mastella". La segreteria cittadina e provinciale di Benevento di Noi Campani, partito politico fondato e guidato dal sindaco di Benevento Clemente Mastella, annuncia la nascita dell'app che sarà in funzione da aprile. "Il sindaco di Benevento Clemente Mastella - spiega una nota - si è da sempre occupato di politica e in un momento storico così delicato è sicuramente questo un punto di forza. Politica è anche capacità di rinnovare l’impegno che interpreti al meglio una società che evolve alla velocità di quella modernità che ogni giorno ci propone nuove sfide ed orizzonti. E anche questa volta non poteva non immaginare un nuovo modo di essere vicino a tutti trovando soluzioni, partendo dalla cosa più semplice: ascoltare".

"Mastella", spiega la segreteria di Noi Campani, "sarà la prima App munita di intelligenza artificiale dedicata alla politica che ascolta e risolve e Clemente Mastella il primo politico ad utilizzare le tecnologie emergenti per identificare con tempestività i segnali di una Benevento che vive e vuole ripartire prima di tutto e di tutti. Benevento della storia e, da oggi, della tecnologia che diventerà un riferimento e soprattutto un ‘metodo’ per affrontare sfide e generare opportunità a partire dai giovani. L'obiettivo è quello di riposizionare Benevento, una città del Sud, per collocarla al centro di un processo innovativo sviluppando sinergia con i centri di innovazione ed eccellenza che fanno parte del nostro territorio. Ricerca, innovazione e ascolto la linee guida che ispireranno il nuovo 'Metodo Mastella' che ancora una volta saprà dare le risposte con quella velocità a cui oggi siamo tutti abituati. Dal mese di Aprile troverete un Politica rinnovata ed una nuova porta sui vostri telefonini con una sola parola d'ordine: dillo a Clemente!", conclude la nota di Noi Campani.

 

(Fonte: Adnkronos)

Dipendenti pubblici, Draghi firma il Patto per l'innovazione e la coesione sociale: "Ruolo centrale che richiede nuove professionalità". Smart working nel contratto e arrivano gli aumenti (VIDEO)

Firmato il patto sugli statali con il ministro Brunetta e i sindacati. Concorsi, digitalizzazione e lavoro agile al centro dell'intesa. Il premier: "Se il settore non funziona, società più fragile e ingiusta. Ci tengo a confronto e dialogo". Landini: "E' il momento della responsabilità di tutti. C'è la piena condivisione e il pieno sostegno della Cgil" - (VIDEO)


Governo e sindacati siglano il Patto per l'innovazione del lavoro pubblico  e la coesione sociale. "Puntare su digitalizzazione, concorsi e smart  working" | LA NOTIZIA

"Il buon funzionamento del settore pubblico è al centro del buon funzionamento della società. Questo è sempre vero, con la pandemia è ancora più vero".

Lo dice il premier Mario Draghi intervenendo nella sala verde di Palazzo Chigi alla firma del Patto per l'innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale. "A fronte di questa centralità del settore pubblico se guardiamo la situazione attuale concludiamo che c'è molto da fare", aggiunge, parlando in particolare dell'età media e della formazione del personale pubblico. "La pandemia - ha detto il premier - e il piano di rilancio e resilienza richiedono nuove professionalità e nuove forme di lavoro. Nuove professionalità richiedono investimenti e nuove regole. Questo è quello che oggi stiamo cominciando". 'Nel corso delle consultazioni ho avuto modo di esprimervi quanto io tenga a questo confronto e questo dialogo", ha detto il presidente del Consiglio ai sindacati.

Il "Patto per l'innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale" che si firma a Palazzo Chigi con il premier Mario Draghi e Cgil, Cisl e Uil "inaugura una nuova stagione di relazioni sindacali". Così il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, aggiungendo che "venerdi convocherò le confederazoni sindacali per avviare il negoziato in tempi brevi. E' per noi il miglior segno di ripartenza".

"La scelta del presidente Mario Draghi di valorizzare con la sua firma l'accordo di oggi pone questo nuovo inizio sotto i migliori auspici, per il Paese e per la sua capacità di puntare sulla responsabilità di tutte le parti per costruire un Piano nazionale di Recovery e resilienza che investa sullo Stato e sui suoi servitori". Lo sottolinea il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, alla firma del "Patto per l'innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale" a Palazzo Chigi.

"E' un atto molto importante sia per i contenuti del Patto sia per il significato che esso ha. La scelta di investire sul lavoro, sull'innovazione del lavoro pubblico, sulla buona occupazione, sulla formazione, sull'investimento per un miglior funzionamento della macchina pubblica e quindi per migliorare i diritti e le condizioni dei cittadini credo sia un obiettivo molto importante". Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, sulla firma del "Patto per l'innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale" a Palazzo Chigi. Per Landini è "importante anche il modo e metodo con cui ci stiamo muovendo: abbiamo bisogno di un confronto, di trovare le necessarie sintesi che siano in grado di rispondere ai problemi e ai tanti bisogni del Paese. Innanzitutto creare lavoro, buona occupazione dare un futuro ai giovani e alle donne" e arrivare al rinnovo dei contratti, aggiunge il leader della Cgil apprezzando che già da venerdì partirà il confronto con i sindacati, come annunciato dal ministro della Pa, Renato Brunetta.

"L'accordo esprime valori e contenuti importanti sia per il mondo del lavoro pubblico sia per il Paese, guardando al presente e al futuro, per vincere la sfida della pandemia, della crisi economica e sociale e del cambiamento della Pa". Così il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, sulla firma del "Patto per l'innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale" a Palazzo Chigi. "Imprimiamo - sottolinea - una spinta partecipata alla ripartenza del Paese nel segno di una nuova concertazione e di un nuovo dialogo sociale da sostenere ed estendere a tutti gli ambiti delle riforme". Sbarra sottolinea, tra l'altro, che si offrono "le condizioni per rilanciare l'occupazione, rinnovare i contratti e disciplinare per via contrattuale forme di lavoro agile" e rimarca "due grandi temi: uno di metodo, entriamo in una fase nuova che esalta le relazioni sociali, e uno nel merito con aspetti di assoluto rilievo, sui processi di valorizazzione e sul recutamento, sulla formazione e professionalità. Si dà una spinta forte al rinnovo dei contratti".

"Abbiamo sottoscritto un accordo importante che risponde alle nostre esigenze che unitariamente facevamo da tempo. Investire nella Pa e garantire una Pubblica amministrazione efficiente è nell'interesse dei cittadini italiani". Così il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, sulla firma del "Patto per l'innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale" a Palazzo Chigi. "Questo accordo sottolinea la convergenza fra Cgil Cisl Uil e il Governo", aggiunge Bombardieri apprezzando "la scelta del metodo sulla coesione sociale" e l'avvio del "nuovo percorso di relazioni sindacali". "Una pubblica amministrazione che garantisce ogni giorni diritti di cittadinanza, diritti di territorialità. In questo accordo - sottolinea - sono previste delle scelte strategiche sugli investimenti, sulla digitalizzazione, sulla semplificazione amministrativa. Investimenti in nuove assunzioni, nella formazione del personale, nel rinnovo dei contratti.Tutte cose che servono a identificare la richiesta di fondi che si faranno su Next generation Eu, uno degli asset strategici del nostro Paese. Per noi la Pa in quanto garante di diritti di cittadinanza è uno degli asset strategici".

Tra i capitoli del documento ci dovrebbero essere la formazione, la digitalizzazione, lo sblocco dei concorsi, l'utilizzo dello smart working una volta che si esaurirà l'emergenza dettata dalla pandemia, le relazioni sindacali, il welfare contrattuale e la revisione dell'ordinamento professionale del settore. Nel documento ci dovrebbe essere anche un impegno ad allargare la riserva tecnico economica per i nuovi contratti oltre i 3,375 miliardi attuali.

Il ministro dell'Economia, Daniele Franco, ha parlato di "importanti innovazioni" in arrivo e ha parlato della sfida alla quale sta lavorando Brunetta per "l'immissione in tempi brevi" di giovani nella pubblica amministrazione in modo da avere le competenze necessarie per gestire i nuovi progetti.

L'accordo sarà una cornice all'interno della quale lavorare per poi negoziare sui singoli temi.

Sullo smart working dovrebbe esserci un'indicazione di massima per riportarlo sotto l'egida del contratto dopo essere stato in questi mesi di pandemia disciplinato dalla legge mentre per quanto riguarda il welfare contrattuale ci dovrebbe essere un impegno sul suo sviluppo con la definizione successiva delle modalità come ad esempio potrebbe essere l'agevolazione fiscale del salario accessorio.

 

(Fonte: Ansa)

Spid, cos'è, come funziona e come richiederlo. La digitalizzazione dei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione procede (a rilento)

Il sistema pubblico di identità digitale (Spid) è un sistema di identificazione che consente, attraverso l'utilizzo delle stesse credenziali (nome utente e password), di accedere a tutti i servizi pubblici online abilitati. L'indagine di Altroconsumo sul processo in corso, tra criticità, rallentamenti e necessità


Richiedi la tua identità digitale SPID

Entro il 28 febbraio, come previsto dal decreto Semplificazioni, tutte le pubbliche amministrazioni (Pa) dovrebbero integrare il sistema Spid come strumento esclusivo di identificazione per accedere ai servizi digitali (insieme a Cie, Carta d’Identità elettronica). Altroconsumo ha condotto, a dicembre 2020, un’indagine per fotografare lo stato di avanzamento del processo di adozione del sistema Spid, analizzando anche i servizi dei provider abilitati a fornire le credenziali: nonostante ci sia stato un aumento delle richieste dei cittadini, arrivate a 15 milioni nello scorso dicembre, al momento delle rilevazioni le pubbliche amministrazioni che avevano adottato il sistema erano circa 6mila su 22mila.

Dagli ultimi dati dell’Agid, emergono, infatti, diverse criticità che contribuiscono al rallentamento del processo e costituiscono limiti di accesso per i consumatori: il 76% delle attivazioni del servizio avviene con modalità offline (nonostante il processo sia volto alla digitalizzazione dei servizi), perché quasi tutti gli operatori non permettono un riconoscimento via webcam gratuito (costo fino a 40 euro). Gli ultra 65enni che hanno attivato il servizio sono meno del 5% del totale delle attivazioni, necessaria quindi una rete di assistenza facilmente accessibile anche per le generazioni meno digitalizzate. Emerge che l’operatore a cui ci si rivolge più frequentemente (80% dei casi) è Poste Italiane, che assume un ruolo di assoluto protagonista. In alcuni casi, la ricezione del codice di sicurezza Otp, necessario per effettuare le procedure, comporta dei costi o limiti (se richiesto via sms) ed è, inoltre, impossibile avere più identità digitali collegate allo stesso numero di telefono.

Altroconsumo ha scritto una lettera al Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale e Agid, Agenzia per l’Italia Digitale, in cui ha condiviso i risultati dell’indagine, augurandosi che questi ultimi possano contribuire a introdurre modifiche strutturali volte a semplificare e migliorare le modalità di adozione dello Spid per i cittadini, facilitando l’accesso al servizio e sfavorendo i meccanismi di discriminazione.

Lanciato nel 2016, il sistema pubblico di identità digitale è un sistema di login unico per l'accesso ai servizi online della pubblica amministrazione. Una volta richiesta e abilitata, l'identità Spid consente a cittadini e imprese di accedere ai servizi da qualsiasi dispositivo: computer, smartphone e tablet.

COS'E' SPID E COME FUNZIONA

Il sistema pubblico di identità digitale (Spid), spiega Altroconsumo, è un sistema di identificazione che consente, attraverso l'utilizzo delle stesse credenziali (nome utente e password), di accedere a tutti i servizi pubblici online abilitati. Il potenziale vantaggio sta in una radicale semplificazione della pubblica amministrazione, con dati anagrafici, certificati, cartella fiscale e sanitaria accessibili comodamente da casa, evitando code agli uffici pubblici e utilizzando un'unica registrazione.

A COSA SERVE SPID

Sono oltre 4.000 le amministrazioni che utilizzano Spid per identificare i cittadini ed erogare i propri servizi. Spid può essere utilizzato ad esempio per l'iscrizione dei figli alle scuole primarie e secondarie, di primo e di secondo grado, in alternativa alla registrazione al sito del Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca (Miur); per portare a termine la richiesta del bonus cultura 18app per i nati nel 2000; per accedere a pagoPA, il sistema di pagamenti elettronici verso la pubblica amministrazione. Effettuando il login si potrà accedere online a molti servizi abilitati tramite Spid tra cui l’anagrafe (sui siti dei Comuni che hanno implementato il sistema), la fatturazione elettronica, il fascicolo sanitario elettronico, i servizi di Inps e di Agenzia delle Entrate (si può usare Spid per accedere al sito e presentare il 730 precompilato ad esempio).

COME RICHIEDERE SPID

Per richiedere le proprie credenziali Spid è necessario essere maggiorenni e seguire alcuni passaggi:

- Scegli il fornitore: si tratta di Identity Provider accreditati che offrono diverse modalità di registrazione, gratuitamente o a pagamento. Fai la tua scelta in base a eventuali costi, in base ai livelli di sicurezza di cui hai bisogno (sono tre in totale) e alle modalità di riconoscimento. Sul sito Agenzia per l'Italia Digitale dedicato a Spid è disponibile uno schema semplificato con il confronto tra i servizi offerti dagli Identity Provider.

- Inserisci i dati anagrafici: segui il percorso sul sito dell'operatore scelto, inserisci i tuoi dati e crea le credenziali Spid; ti serviranno carta d’identità o passaporto o patente (può essere necessario fotografarli e allegarli); tessera sanitaria con codice fiscale. Serve inoltre un numero di cellulare e un indirizzo mail.

- Effettua il riconoscimento: Spid viene confermata soltanto dopo l'identificazione che può avvenire tramite webcam, di persona prendendo appuntamento presso uno degli uffici del provider, tramite firma digitale o utilizzando la carta di identità elettronica o la carta nazionale dei servizi.

 

(Fonte: Adnkronos)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS