updated 2:32 PM UTC, Apr 11, 2021

Sci, Mondiali di Cortina: oro per Marta Bassino nel gigante parallelo. Prima medaglia italiana e pensiero a Sofia Goggia

La sciatrice piemontese sale sul gradino più alto del podio con due spettacolari rimonte in semifinale su Tessa Worley (bronzo) e in finale su Katharina Liensberger. In entrambi i casi è premiata dal regolamento, ottenendo lo stesso tempo complessivo ma vincendo perché in svantaggio nella prima manche


Risultato immagini per marta bassino

Marta Bassino ha vinto la medaglia d'oro nel gigante parallelo ai Mondiali di sci di Cortina 2021. La 24enne piemontese sale sul gradino più alto del podio dopo aver battuto l'austriaca Katharina Liensberger in una finale molto tirata. Per l'Italia arriva così la prima medaglia di questa rassegna iridata.

Il bronzo nella finale per il terzo posto è andato alla francese Tessa Worley, che ha avuto la meglio sulla statunitense Paula Moltzan. La transalpina in semifinale era stata battuta proprio dalla Bassino, che nel derby azzurro dei quarti si era imposta sull'altra azzurra Federica Brignone.

"Incredibile, bellissimo, ero emozionata già nel run dove ho realizzato che avrei giocato per il primo e secondo posto, lì ho pensato solo a rimanere concentrata. E' stata veramente una lotta, sapevamo che la pista blu era più lenta e che la manche non era finita", esulta Bassino.

L'oro "è la ciliegina sulla torta, per ora, ma non è finita, credo tanto nel gigante. Mi tolgo un grande peso ma so che posso fare bene e che si deve combattere sempre e che se vuoi puoi farcela sempre", prosegue l'azzurra 24enne ai microfoni di Rai Sport.

"La dedica va alla mia squadra e al tanto lavoro che c'è dietro a tutto questo. Penso a Sofia Goggia che purtroppo non è qui, grazie a tutti coloro che hanno creduto in me", conclude.

 

 

Sofia Goggia, dopo il dramma si accende la speranza. Il medico: "Potrebbe tornare in pista per le finali di Coppa del mondo"

Lo specialista della Fisi ha visitato la campionessa dopo l'infortunio subito a Garmisch-Partenkirchen: per l'azzurra forse possibile gareggiare il 17 marzo


"Visti i tempi di recupero lampo ai quali ci ha abituato in passato, vedasi la frattura del malleolo del 2018 e che dopo quattro mesi l'ha vista argento mondiale, se andrà tutto come deve andare e se la Coppa del mondo di discesa libera nel frattempo non è stata ancora assegnata, si potrebbe valutare una partecipazione di Sofia alle finali di Coppa del mondo il 17 marzo. Vediamo, ripeto, la vedo comunque tirata".

Lo ha detto all'AGI Andrea Panzeri, presidente della Commissione medica della Federazione Italiana Sport Invernali che ieri sera insieme al dottor Herbert Schoenhuber (decano della Commissione medica Fisi) ha visitato Sofia Goggia dopo l'infortunio subito a Garmisch-Partenkirchen. Un incidente che costringe la campionessa azzurra a saltare gli attesi Campionati mondiali di Cortina d'Ampezzo dei quali lei è anche ambasciatrice.

Il 17 marzo è in calendario a Lenzerheide la gara di discesa libera nell'ambito delle finali di Coppa del mondo. "Sofia ha metabolizzato quello che è successo, visto il dolore durante il volo in elicottero verso Milano aveva capito che qualcosa era accaduto ma ci si aspettava un problema al legamento già operato due volte e non una frattura" spiega Panzeri dalla clinica 'La Madonnina' di Milano dove è ricoverata la sfortunata 28enne sciatrice bergamasca.

"Risonanza e tac hanno evidenziato una frattura composta del piatto tibiale laterale del ginocchio destro. Non è una frattura importante, non c'è bisogno si intervento, ci vorranno circa sei settimane. Oggi pomeriggio procederemo a rimozione della placca al radio sinistro operato un anno fa. Domani mattina Sofia rientrerà a casa in carrozzina ma per una questione di mobilità avendo il braccio operato".

 

(Fonte: Agi)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS