updated 7:17 AM UTC, May 14, 2021

Ferrari SF21, ecco la nuova monoposto di Leclerc e Sainz Jr. Un ritorno alle origini per il rilancio del Cavallino (VIDEO)

Rivoluzionata la livrea, che è bicolore: il posteriore è amaranto, come quello della prima vettura da corsa Ferrari, la 125 S. Venerdì il debutto in pista a Sakhir nel primo dei tre giorni di test precampionato - (VIDEO)


Si alza il sipario sulla stagione 2021 della Ferrari. Con un evento online, il Cavallino ha presentato la Sf21, la vettura che correrà nella stagione 2021. La casa di Maranello è già in Bahrain, dove da domani parte una tre giorni di test. Rivoluzionata la livrea, che è bicolore: il posteriore è amaranto, come quello della prima vettura da corsa Ferrari, la 125 S. Lo stesso amaranto che era stato usato un anno fa al Mugello per il traguardo dei mille Gp.

"Il 2020 è alle nostre spalle ma non sarà dimenticato, anzi ci avrà resi più forti. Eccoci al 2021, non vediamo l'ora di tornare in pista". Così il presidente della Ferrari John Elkann, nel video di presentazione della nuova monoposto, la SF21. "è stato eccitante vedere come Charles Leclerc e Carlos Sainz hanno contribuito insieme ai nostri tecnici e meccanici alla preparazione della stagione. Questa eccitazione si può toccare con mano. Tutti sono ansiosi di mettere in pista la vettura e dare il massimo", aggiunge Elkann. "La presentazione è un momento molto speciale, il momento della verità. Ai nostri tifosi, agli appassionati della F1, tutti noi in Ferrari vogliamo assicurarvi che onoreremo il nome del nostro fondatore Enzo Ferrari e che inizieremo il campionato 2021 con il suo spirito vincente". 

(Fonte: Ansa motori)

Ferrari 2021, Leclerc e Sainz corrono per mettersi alle spalle un anno orribile: "Basta soffrire"

Il monegasco prima guida del Cavallino: "Abbiamo lavorato tanto, tante cose positive in questa macchina". Le ambizioni dello spagnolo: "Entro 5 anni voglio diventare campione del mondo". Binotto: "Abbiamo la coppia di piloti più giovane dal 1968. Su di loro vogliamo fondare il nostro prossimo futuro"


Charles Leclerc si presenta al 2021 come la prima guida della Ferrari, il pilota su cui puntare per regalare a Maranello un titolo che manca ormai dal 2007. Troppo tempo, anche se il monegasco guarda un po' più avanti. "Il traguardo minimo è fare meglio del 2020 e mettere delle basi solide per il 2022, quando ci sarà una macchina totalmente nuova", ha detto nel giorno della presentazione della scuderia di Maranello.

"Arriviamo da un 2020 difficile, con le limitazioni del regolamento non abbiamo avuto grande libertà, ma sicuramente l'obiettivo è fare meglio del sesto posto dello scorso anno. Speriamo di aver smesso di soffrire. Abbiamo lavorato tanto, stiamo facendo lunghissime riunioni dall'inizio dell'anno e sappiamo che c'è tanto lavoro e ci sono tante cose positive in questa macchina, ma le risposte le darà la pista".

Sulla stessa lunghezza d'onda Carlos Sainz jr, arrivato per sostituire Vettel. "Anche per me l'obiettivo minimo è fare meglio del 2020 e ridurre il gap dalla Mercedes, preparandoci poi per il 2022 quando potremo fare uno step più grande. Serve un po' di pazienza".

Il traguardo finale, però, resta importante: "Entro 5 anni voglio diventare campione del mondo. Ferrari e' il posto giusto per riuscirci. Per me quest'anno sarà molto difficile battere Leclerc, mi manca un po' conoscere la squadra. Sarebbe il massimo riuscirci, ma c'è un obiettivo più importante: far andare avanti la Ferrari insieme. Se c'è un anno in cui dobbiamo lavorare bene insieme è questo. Quando ci sarà il titolo come obiettivo, magari potremo preoccuparci l'uno dell'altro".

Su questo punto sembra essere d'accordo anche Leclerc: "Il compagno più veloce è uno stimolo: quando è successo, l'ho analizzato per migliorare. E' uno stimolo che ci diamo l'uno con l'altro: l'importante è che la Ferrari vinca".

BINOTTO - Nel giorno in cui la Ferrari ha ufficialmente presentato il team per la nuova stagione di F1 (la SF21 verrà svelata solo il 10 marzo), Mattia Binotto non ha nascosto gli obiettivi della scuderia di Maranello dopo un 2020 nero. "Il 2021 sarà un anno importante, con grandissime sfide, con un budget cap e una nuova coppia di piloti. La vettura del 2022 è ancora da progettare e sarà completamente nuova", ha detto il team principal.

"Il percorso che ci attende e' lungo e accidentato. Ci saranno dei momenti in cui eventualmente commetteremo degli errori, alcuni evitabili e altri magari anche intollerabili. Ma l'importante è che come squadra impareremo a crescere con lo spirito giusto", ha aggiunto.

Binotto si affida a Leclerc e Sainz jr per il riscatto: "Come una grande orchestra bisogna avere gli strumenti migliori, che la Ferrari e i nostri partner tecnici e commerciali ci mettono a disposizione e che condividono con noi i nostri obiettivi. Per raggiungere questi traguardi, quest'anno abbiamo una nuova coppia di piloti, Sainz e Leclerc, la più giovane della Scuderia Ferrari dal 1968. Su di loro vogliamo fondare il nostro prossimo futuro, consapevoli anche loro di far parte di questa lunga e straordinaria storia della Ferrari", ha concluso.

(Fonte: Sportmediaset)

Disastro Ferrari, parla Montezemolo. Anzi no: "Meglio tacere". Cosa è successo nel folle Gp di Monza: Gasly trionfa a sorpresa, l'incubo rosso e la penalizzazione di Hamilton

Il Gran Premio d'Italia a Monza ha offerto uno spettacolo ricco di imprevisti e colpi di scena, suggellando la prima vittoria in F.1 di Pierre Gasly, sull'AlphaTauri, nel giorno delle sviste dei big e della crisi della Ferrari, con entrambi i suoi piloti ritirati: Sebastian Vettel per un guasto all'impianto frenante e Charles Leclerc per un'uscita di pista a forte velocità alla Parabolica. Puniti Lewis Hamilton e Antonio Giovinazzi per un ingresso "proibito" ai box


La Ferrari si spacca: Leclerc si riduce lo stipendio del 25%, Vettel dice  no - Eurosport

Per chi vuole bene alla Ferrari, e io gliene voglio molto, questo è il momento in cui è meglio tacere". Lo dice Luca di Montezemolo, al telefono con l'ANSA, all'indomani dell'ennesimo disastro delle Rosse nella stagione della Formula 1, al Gp di Monza. Per l'ex presidente di Maranello e' anche il momento di "sperare, alla vigila del millesimo gran premio, che come è successo alcune volte in passato, la Ferrari sia in grado di fare affidamento alle sue capacità, per superare momenti difficili come questo".

Pierre Gasly, su AlphaTauri, ha vinto per un soffio il 71/o Gp d'Italia, sul circuito di Monza. Il francese ha preceduto lo spagnolo Carlos Sainz, a bordo di una McLaren. Fuori le Ferrari di Charles Leclerc, per incidente, e di Sebastian Vettel, per un problema ai freni.

Gasly, alla prima vittoria in carriera, ha preceduto sul traguardo del Gp d'Italia, oltre a Carlos Sainz junior, il canadese Lance Stroll su Racing Point, terzo. Quarto Lando Norris su McLaren, quinto il finlandese Valtteri Bottas su Mercedes. La Renault di Daniel Ricciardo ha ottenuto la sesta piazza, la Mercedes di Lewis Hamilton si è collocata al settimo posto, dopo una rimonta in seguito alla penalizzazione di 10" con partenza dai box.

"La Ferrari è molto difficile da guidare, ho dato il massimo ma ho fatto un errore. Non so se ho chiesto troppo alla macchina, forse, ma ho preso il muro". E' amaro Charles Leclerc dopo l'incidente alla Parabolica che lo ha costretto al ritiro al Gran Premio di Monza. Settimana prossima la Ferrari festeggerà le 1000 gare al Mugello. "Sulla carta è un circuito migliore per noi - aggiunge Leclerc a Sky -, ora ho qualche giorno per recuperare dalla botta. Sto bene? Più o meno".

Gara pazza a Monza. 
Il francese Pierre Gasly guida dopo 44 dei 53 giri, inseguito dallo spagnolo Carlos Sainz. Lewis Hamilton è 12/o, ma in grande rimonta dopo la penalizzazione di 10" e il rientro a box. L'iridato su Mercedes punta a questo punto a rientrare nelle posizioni, in modo da intascare qualche punto. Le Ferrari sono fuori. L'ultimo ritiro è quello di Max Verstappen, fermato da un problema alla 'power-unit'.

Seconda partenza per il Gp d'Italia, a Monza, con Lewis Hamilton che dovrà rientrare ai box entro tre giri per scontare la penalizzazione di 10" e le due Ferrari fuori per diversi motivi. La gara era stata interrotta al 27/o giro ed è rimasta ferma per una ventina di minuti.

Il Gp d'Italia, a Monza, è ancora fermo: bandiera rossa dopo il brutto incidente a Charles Leclerc. Si attende il nuovo via della corsa, al rientro Lewis Hamilton dovrà scontare 10" di penalità per essere entrato in pit-lane quando non si poteva. Le due Ferrari ritirate.

"E' stato un weekend da incubo, peggiore del previsto. Meglio che non ci siano i tifosi a guardarci". E' durissimo Sebastian Vettel, costretto al ritiro all'ottavo giro per un guasto ai freni della Ferrari nel Gran Premio di Monza. "Tenere la testa alta è difficile - spiega il quattro volte campione del mondo a Sky -, ma cerchiamo un finale di stagione degno".

Dopo Giovinazzi anche Lewis Hamilton è stato penalizzato dai giudici, al Gp d'Italia, a Monza. Il britannico è stato punito per l'ingresso ai box con la pit-lane chiusa.

Lewis Hamilton è sotto investigazione per non aver rispettato la bandiera rossa: i commissari verificheranno, anche se l'iridato rischia la squalifica. Dal replay non si nota nulla al momento del transito della Mercedes in pit-lane. Stesso discorso per Giovinazzi, cui sono stati inflitti 10" di penalità. Safety car in pista al giro n.23 del Gp di Monza.

Brutto incidente per Charles Leclerc al 25/o giro del Gp di Monza. Gran botta per la Ferrari e per il monegasco, che è uscito con le proprie gambe dall'abitacolo. Caos in pista, bandiera rossa e monoposto ai box prima della ripartenza.

Sebastian Vettel è rientrato ai box e si ritira dal Gp d'Italia, a Monza, dopo che sulla sua vettura si è sono notate delle fiamme. Probabilmente c'è stato un problema al sistema frenante della Ferrari nel corso del sesto giro. Il tedesco, che si mise in luce proprio a Monza nel 2008, conclude mestamente l'ultimo Gp a Monza da pilota del Cavallino rampante. 

Lewis Hamilton scatta subito in testa al 71/o Gp d'Italia, che si disputa sulla pista di Monza. Il britannico della Mercedes, che è partito per la 44/a volta in carriera dalla pole, ha preso subito la testa della gara: ottimo spunto al via delle McLaren di Carlos Sainz e di Lando Norris che hanno scavalcato la Mercedes di Valtteri Bottas. Le vetture dovranno percorrere i 5.793 metri del circuito per 53 volte.

 

(Fonte: Ansa)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS