updated 2:32 PM UTC, Apr 11, 2021

Doping, Schwazer assolto a Bolzano: "Nel 2016 fu incastrato, campioni di urina alterati per farlo risultare positivo". L'atleta felice: "Finalmente fatta giustizia"

Alex Schwazer è stato assolto dall'accusa di doping "per non aver commesso il fatto". Il gip del Tribunale di Bolzano ha accolto la richiesta del pm ritenendo "accertato con altro grado di credibilità" che i campioni di urina nel 2016 furono alterati per far risultare l'atleta positivo. Il marciatore altoatesino venne squalificato per 8 anni. La sentenza, però, non permetterà comunque a Schwazer di partecipare all'Olimpiade di Tokyo, vista la squalifica fino al 2024 comminata dal Tas di Losanna. Ciò non toglie che l'altoatesino, alla luce della decisione del Tribunale di Bolzano, non possa rivolgersi ora alla Corte Federale Svizzera, per impugnare la sentenza del Tas.

 

SCHWAZER: “FATTA GIUSTIZIA”


"Sono molto felice che dopo quattro anni e mezzo di attesa finalmente è arrivato il giorno in cui è stata fatta giustizia". Così Alex Schwazer commenta il provvedimento del gip di Bolzano, in una dichiarazione audio fatta recapitare dalla sua manager all'ANSA: "Probabilmente non potrò dimenticare tutte le cose - aggiunge Schwazer - , ma il giorno di oggi mi ripaga un po' di tante battaglie che insieme ad altri che mi sono stati vicini ho dovuto affrontare in questi quattro anni e mezzo, che non sono stati per nulla facili".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS