Log in
updated 7:57 AM UTC, Aug 3, 2020

La Roma perde un altro pezzo "de core": cacciato anche Nela. Le figlie sui social attaccano il club: "Non conoscono il valore dell'appartenenza"

Sebino Nela, con lo scudetto sulla maglia, esulta per un gol nel derby con la Lazio Sebino Nela, con lo scudetto sulla maglia, esulta per un gol nel derby con la Lazio

Dopo le sofferte e controverse separazioni con Francesco Totti e Daniele De Rossi, l'Associazione Sportiva Roma, di proprietà americana, ammaina un'altra bandiera che nei cuori dei tifosi evoca ricordi gloriosi. Le strade di Sebino Nela e della Roma si dividono ancora una volta, racconta oggi Il Messaggero: la società per una riorganizzazione aziendale ha deciso di non rinnovare il contratto all'ex terzino del secondo Scudetto. Faceva parte del club dal 2016 e nelle ultime due stagioni aveva ricoperto il ruolo di dirigente al seguito della prima squadra della Roma Femminile


La Roma perde un altro pezzo della propria storia. Il club giallorosso infatti ha deciso di non rinnovare il contratto a Sebino Nela, che dal 2016 era dirigente al seguito della prima squadra della Roma Femminile. Tra l'ex difensore e la Roma è la seconda separazione, dopo l’addio da calciatore nel 1992.

VIRGINIA E LUDOVICA

Su Instagram le due figlie Virginia e Ludovica hanno pubblicato un post in cui attaccano la scelta della società di Trigoria. Questo il messaggio della figlia più piccola: "In pochissimi hanno dato la vita e hanno amato veramente questi colori come hai fatto tu per 12 stagioni consecutive in campo come fuori. Purtroppo qualcuno che del vero calcio giocato e dell’amore per la maglia non se ne intende affatto, ha voluto che tu oggi non ne facessi più parte. Del vero calcio ormai è rimasto solo il ricordo che ha fatto innamorare e sognare i tuoi tifosi. Sempre veri. Ad maiora papo!". Poi, in risposta ad alcuni commenti di amici: "Nessun imprenditore o banchiere capirà mai il valore e l’appartenenza della maglia".   

Poco prima era arrivato anche quello di Ludovica: "Hai sudato, gioito e pianto per la tua Maglia, la tua Squadra, la tua Roma, la tua Citta d’adozione. Hai continuato a servirla e ad onorarla in nome di quei valori e di quella storia che questa società ha voluto cancellare. Ieri qualcuno ha voluto che tu non facessi più parte di questa Roma. Ma la verità, mio adorato papa, è che tu sei la storia della Roma e questo nessuno potrà cancellarlo dalla memoria di chi ti ama".

Ultima modifica ilGiovedì, 09 Luglio 2020 17:05

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.