updated 7:17 AM UTC, May 14, 2021

Il grido di dolore degli operatori turistici: "Il nostro settore nel dramma, servono aiuti subito"

Una folta rappresentanza di agenzie di viaggio, commerciali, consulenti turistici, tour operator, autisti di bus e pullman ha manifestato davanti a Palazzo Lombardia perché le istituzioni non si dimentichino di un settore che in questa fase di emergenza sta soffrendo come e più di altri - (VIDEO)


Le agenzie di viaggi fanno sentire la propria voce e tornano in piazza. Si sono date appuntamento a Milano, davanti a Palazzo Lombardia. Ad organizzare la manifestazione il Maavi, il movimento autonomo delle adv guidato da Enrica Montanucci e nato proprio durante la pandemia globale. L’obiettivo della protesta? Dare un ulteriore allarme alle istituzioni, in un momento di crisi senza precedenti che rischia seriamente di compromettere il futuro di numerosissime realtà del turismo.

“Per il 90% siamo piccole micro-imprese di imprenditoria femminile, ad alta specializzazione e professionalità, un settore che era sanissimo nonostante i grossi portali delle multinazionali del web, spinto dalla passione e dalla voglia di fare sempre meglio. Con un’agenzia viaggi non si diventa ricchi materialmente ma di esperienze, conoscenze ed empatia – si legge nella nota divulgata dalla delegazione lombarda di Maavi – Ogni anno muoviamo milioni di passeggeri per lavoro e per turismo, riempiamo i centri storici delle città con i suoi ristornati, bar, negozi, musei, siti archeologici, spiagge e montagne.  Siamo assicurate, abbiamo fondo di garanzia, contribuiamo a una fetta importante del Pil regionale e nazionale. Le agenzie viaggi lombarde sono quelle che movimentano più passeggeri in Italia”.

Come ricordano gli agenti, ci si è fermati prima del lockdown conclamato e “non sappiamo quando potremo ripartire con il nostro lavoro, abbiamo dato assistenza continua e gratuita ai nostri connazionali bloccati all’estero durante la primavera ancora prima che si muovesse la Farnesina. Rispettosissime dei protocolli sanitari e limitazioni ai viaggi. Il Bonus Vacanze ci ha ulteriormente penalizzate, grazie a una comunicazione istituzionale non idonea, in ogni caso non è stato un successo come lo dimostrano i dati: sugli oltre 2 miliardi stanziati ne sono stati usati 400/500 milioni. In questi mesi abbiamo riempito i tavoli governativi e regionali di proposte, per ora solo ascoltate. Per noi non ci sono orari di lavoro, noi non lavoriamo da febbraio e non sappiamo quando potremo riprendere”.

Maavi non intende minimizzare il dramma sanitario, “ma non possiamo permettere che diventi anche un dramma sociale settoriale – conclude – Alcune regioni hanno aiutato nei mesi scorsi i nostri colleghi con piccoli e significativi aiuti. Chiediamo anche alla nostra Regione Lombardia, che è la più ricca e operosa, di sostenerci velocemente”.

Nuovo Dpcm, Toti: "Colpiti sempre i soliti, la protesta rischia di crescere"

Secondo il presidente della Regione Liguria il rischio "è che il prezzo più salato di questa seconda ondata lo paghino ristoratori, proprietari e lavoratori di bar e locali"


"Colpiti sempre i soliti e la protesta rischia di crescere". Il governatore della Liguria Giovanni Toti si dice “preoccupato dallo sviluppo della pandemia e dalla mole di pazienti negli ospedali” e in un’intervista a Repubblica dichiara: “La pressione sulle terapie intensive non è emergenziale e il tasso di mortalità è più basso” ma “alla fine il rischio è che il prezzo più salato di questa seconda ondata lo paghino sempre gli stessi: ristoratori, proprietari e lavoratori di bar e locali”.

E aggiunge: “Si fa presto a dire cancelliamo il superfluo”. In una seconda intervista alla Stampa, Toti osserva: “Resto convinto che sarebbero più utili misure per proteggere o lasciare a casa le persone più fragili, gli anziani e chi convive con varie patologie” e a tale proposito propone di “segmentare la popolazione per proteggere quelle persone” come se si facessero dei lockdown a carattere anagrafico. Ma ammette: “Non siamo mai arrivati a questo punto di discussione”.

Nuovo Dpcm, Fontana: "Alle mascherine i lombardi sono abituati, ma no a un altro blocco delle attività che sarebbe una mazzata". Poi replica a Beppe Sala sulla sanità (VIDEO)

Intervista al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine della sua giornata a Varese per presentare il Piano di interventi per il territorio. Si parla del nuovo DCPM, che dovrebbe istituire l'obbligo di mascherine all'aperto e anche delle limitazioni di orario alle attività commerciali. "Alla mascherina i lombardi sono abituati, la usano anche se non è obbligatoria – ha osservato il governatore Fontana. Per quanto riguarda un altro blocco dell’attività, credo che gli imprenditori lombardi, che mi hanno accolto con grande entusiasmo e tenacia nel continuare a operare, credo non sarebbero molto entusiasti. Sarebbe una nuova mazzata".

Zanardi reagisce agli stimoli: "Progressi significativi ma il quadro resta complesso". Intervento di ricostruzione facciale e sedute di riabilitazione cognitiva e motoria

Ci sono "progressi significativi" nelle condizioni di Alex Zanardi, a fronte dei quali"i medici ribadiscono, comunque, il permanere di un quadro clinico generale complesso, sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi". E' quanto afferma una nota dell'ospedale San Raffaele di Milano, dove l'ex pilota è ricoverato dal 24 luglio, in seguito al drammatico incidente del 19 giugno a bordo della sua handbike vicino a Siena. Zanardi "sta affrontando un percorso di cure sub-intensive", ha "iniziato un ulteriore percorso chirurgico volto alla ricostruzione cranio facciale" e "da diversi giorni è sottoposto a sedute di riabilitazione cognitiva e motoria"


Sarà presto sottoposto a un nuovo intervento Alex Zanardi, il campione di handbike che ha avuto un drammatico incidente lo scorso giugno vicino Siena. Lo comunica l'Irccs ospedale San Raffaele di Milano, spiegando che "il signor Alex Zanardi, ricoverato dal 24 luglio scorso, sta affrontando un percorso di cure sub-intensive, predisposto da una équipe multidisciplinare coordinata dai professori Luigi Beretta, direttore della Neurorianimazione, Mario Bussi, direttore di Otorinolaringoiatria, Sandro Iannaccone, direttore della Neuroriabilitazione, e Pietro Mortini, direttore della Neurochirurgia. Contemporaneamente è iniziato un ulteriore percorso chirurgico volto alla ricostruzione cranio facciale. Un primo intervento è già stato eseguito con successo, alcuni giorni fa, dal professor Mario Bussi ed è già in programmazione per le prossime settimane, un secondo intervento che sarà  eseguito dal professor Pietro Mortini".

"Inoltre, da diversi giorni Alex Zanardi è sottoposto a sedute di riabilitazione cognitiva e motoria, con somministrazione di stimoli visivi e acustici, ai quali il paziente risponde con transitori e iniziali segni di interazione con l'ambiente. A fronte di questi progressi significativi, i medici ribadiscono, comunque, il permanere di un quadro clinico generale complesso, sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi".

  

Covid e scuola, dai pediatri parole rassicuranti: "Se si rispettano le regole il rischio è quasi zero. Il problema è ciò che avviene fuori"

Il presidente della Società Italiana di Pediatria (Sip), Alberto Villani, è intervenuto su Sky Tg24, nel giorno in cui sono riprese le lezioni per 5,6 milioni di studenti italiani


CORONAVIRUS: SCUOLA, a SETTEMBRE cambierà TUTTO! Ecco COME saranno  ORGANIZZATI gli SPAZI » ILMETEO.it

Per arginare il rischio che possa esserci un eventuale contagio in classe, l'unico modo è "il rispetto delle regole. Se si evitano gli assembramenti, se si rispetta il distanziamento, l'uso della mascherina e il lavaggio frequente delle mani, anche nell'ipotesi che un compagno di classe risulti positivo, il rischio concreto di contagio è pressoché zero". Lo ha spiegato il presidente della Società Italiana di Pediatria (Sip), Alberto Villani, intervenendo su Sky Tg24, nel giorno in cui sono riprese le lezioni per 5,6 milioni di studenti italiani.

 "La scuola - ha precisato Villani, che dirige l'Unità Operativa Complessa di Pediatria e Malattie Infettive dell'Ospedale Bambino Gesù - è uno dei luoghi più sicuri, perché ci sono delle regole precise e c'è chi le fa rispettare. Il problema è ciò che avviene fuori. E' molto più facile che il virus entri nella scuola piuttosto che esca da scuola".

D'altronde, "bambini e ragazzi sono molto più ossequiosi delle regole rispetto agli adulti". Anzi, come si è visto per la raccolta differenziata che, dopo tante campagne pubblicitarie non fruttuose, venne portata realmente all'interno delle famiglie quando fu insegnata a scuola, "lo stesso avverrà in questo caso, cioè i saranno i bambini a diventare diffusori di un nuovo modo di relazionarci".

Rispetto ai consigli concreti ai genitori, che dovranno misurare la temperatura ai figli prima di portarli a scuola, ha ribadito Villani: "si considera febbre sopra i 37,5 gradi, quindi 37,2 non è febbre. Ma soprattutto, il genitore saprà riconoscere il bambino sta bene o se c'è qualcosa che merita attenzione. Nessuno meglio di lui sa valutare se il figlio sta per iniziare ad avere qualcosa". Quindi, il consiglio è approcciarsi con "piena serenità e tranquillità". 

 

(Fonte: Ansa)

  • Pubblicato in Salute

Scuola, il virologo Pregliasco: "Con la riapertura aumenteranno i casi di Covid. Seconda ondata? Scongiurarla è una scommessa"

Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università degli Studi di Milano è sicuro che "ci sarà un rialzo del numero di casi" di positività al nuovo coronavirus, anche perché la ripresa dell'anno scolastico "coincide con l'autunno" e quindi con il ritorno degli altri virus respiratori e dell'epidemia di influenza. Ad 'Agorà'' su Rai 3, il virologo ha sottolineato che mentre la probabilità di una seconda ondata" di Covid-19 resta al momento "un aspetto teorico, l'influenza ci sarà, potrebbe nascondere" le infezioni da Sars-CoV-2 e ne "faciliterà l'aumento. Così come le temperature", considerando che notoriamente "gli sbalzi termici favoriscono tutti i virus respiratori e anche il coronavirus"


Venduto, adesso devi morire". Attacchi e insulti contro Pregliasco -  IlGiornale.it

Con la riapertura delle scuole "sicuramente ci sarà un rialzo del numero di casi" di positività al nuovo coronavirus, anche perché la ripresa dell'anno scolastico "coincide con l'autunno" e quindi con il ritorno degli altri virus respiratori e dell'epidemia di influenza. Lo ha spiegato ad 'Agorà'' su Rai 3 il virologo dell'università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco, sottolineando che mentre la probabilità di una seconda ondata" di Covid-19 resta al momento "un aspetto teorico, l'influenza ci sarà, potrebbe nascondere" le infezioni da Sars-CoV-2 e ne "faciliterà l'aumento. Così come le temperature", considerando che notoriamente "gli sbalzi termici favoriscono tutti i virus respiratori e anche il coronavirus".

Più in generale, ha osservato il direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano, in questa fase "abbiamo una situazione di andamento endemico" di Covid-19 e "ci sarà un'ondulazione a mio avviso verso l'alto. La tendenza, seppur con numeri assoluti bassi, è ormai costante da settimane" e, complici "gli sbagli termici, la riapertura" delle attività e "la distanza dalla fine del lockdown" che ha 'chiuso' il Paese, "dobbiamo aspettarci la ripresa di un iceberg. Noi all'inizio, quando tutto di un botto questa malattia si è evidenziata in modo epidemico - ha ricordato l'esperto - abbiamo visto solo la parte più brutale della malattia. Ora questo iceberg, che comprende i casi più importanti" di infezione e "la gran quota di casi asintomatici o con poca sintomatologia, sta ricrescendo" perché "la tendenza del virus è quella di riprendere il più possibile terreno e persone da colpire".

Tornando al capitolo scuola, "sicuramente - ha confermato comunque il virologo - i bimbi più piccoli hanno una minore capacità di trasmissione" della Covid-19 "e questo ci fa ben sperare rispetto all'effetto complessivo dell'apertura". Una ripartenza "doverosa, giusta e necessaria - ha precisato Pregliasco - ma anche una sfida, uno stress test per tutto il sistema". La ripresa delle attività didattiche coinvolge infatti "8 milioni di bambini e di ragazzi e 2 milioni di operatori", ma più in generale riguarda "metà della popolazione italiana coinvolta in qualche modo come persona a contatto con i giovani". La seconda ondata di Sars-CoV-2 va dunque vista come "un rischio", "un elemento verso cui attrezzarci essendo molto attenti e pronti al massimo dell'assistenza".

Riuscire a scongiurarla è per l'esperto "una scommessa", "una sfida legata alla capacità dei Dipartimenti di Prevenzione" delle Asl "di continuare a individuare e a isolare i focolai che ci sono stati e susseguiranno". Ma "da parte nostra, come cittadini", ammonisce Pregliasco, abbiamo il dovere di "non fare uno sgambetto a chi sta lavorando e ansimando per contenere i casi, anche grazie a test che speriamo ora siano sempre più disponibili".

  • Pubblicato in Salute

Berlusconi ricoverato al San Raffaele per un principio di polmonite bilaterale, segno tipico del Covid. Ronzulli (Fi): "E' precauzionale, sta bene"

Silvio Berlusconi è stato ricoverato a Milano al San Raffaele per accertamenti dopo che è risultato positivo al Covid. Il presidente Berlusconi, dopo la comparsa di alcuni sintomi, è stato ricoverato all'ospedale San Raffale di Milano a scopo precauzionale. Il quadro clinico non desta preoccupazioni. Al leader di Forza Italia è stata riscontrata una polmonite bilaterale allo stato precoce. Sarebbe questa, a quanto si apprende da fonti sanitarie, la diagnosi emersa dalla tac a cui è stato sottoposto il Cavaliere e che ha portato ad un suo ricovero precauzionale. Il ricovero è avvenuto attorno alla mezzanotte di ieri. In isolamento domiciliare ad Arcore da mercoledì dopo essere risultato positivo al Covid, ieri nel tardo pomeriggio è intervenuto telefonicamente a un convegno del partito a Genova spiegando di stare "abbastanza bene", di non avere più febbre e dolori. Qualche ora più tardi, però, è stato deciso il ricovero al San Raffaele. L'ex premier si trova in una stanza isolata del settore D.


Berlusconi: "Non governeremo con le sinistre" - IlGiornale.it

Silvio Berlusconi è stato ricoverato al San Raffaele di Milano per un principio di polmonite bilaterale che, segno tipico di Covid-19, sarebbe emerso a quanto si apprende dagli esami ai quali l'ex premier è stato sottoposto all'ospedale, dove ha passato la notte.

A quanto si apprende, Berlusconi è stato visitato nella notte a domicilio da Alberto Zangrillo, suo medico personale e primario di Anestesia e Rianimazione all'Irccs San Raffaele di Milano. A scopo precauzionale è stato quindi deciso il ricovero in ospedale, dove la Tac eseguita ha mostrato i primi segni di una polmonite bilaterale. Fonti confermano che le condizioni del leader di Forza Italia non appaiono preoccupanti.

Il leader di Forza Italia aveva rivelato mercoledì di essere risultato positivo al coronavirus, e ieri aveva fatto sapere di non avere più i sintomi. Positivi anche i figli Luigi e Barbara e la nuova compagna Marta Fascina. A quanto apprende l'Adnkronos Salute Berlusconi si trova al reparto Diamante dell'ospedale. Si tratta del reparto solventi della struttura, dove già in passato l'ex premier è stato ricoverato in diverse occasioni.

“E’ stato un ricovero non dettato da urgenza, ma da precauzione. Ieri sera il presidente, su consiglio del dottor Zangrillo, si è trasferito al San Raffaele per monitorare meglio le sue condizioni. La notte è passata senza problemi, sta bene, non ha febbre, è tutto a posto. Berlusconi ha l’ossessione di cautelarsi e di utilizzare tutte le precauzioni per quando riguarda questa epidemia, quindi mi sento di dire che è una vittima di quello che sta accadendo a livello sanitario. Berlusconi ci ha sempre ammorbato, anche al telefono, dicendoci che dovevamo stare attenti, mettere la mascherina. Berlusconi vuole democratizzare l’uso delle mascherine, per fare in modo che siano utilizzate il più possibile", le parole di Giorgio Mulè, deputato e portavoce di Forza Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione 'L’Italia s’è desta' su Radio Cusano Campus.

"E' stato ricoverato ieri sera" e "ha passato la notte in ospedale. Un ricovero a scopo precauzionale per monitorare l'andamento del Covid. Ma sta bene", ha dichiarato anche la senatrice di Forza Italia Licia Ronzulli a Agorà su Rai 3.

 

(Foni: Ansa, Adnkronos)

Covid, Zangrillo: "Il virus esiste ancora ma la malattia è cambiata. E chi mi dà del negazionista ne risponderà..."

Il primario di Terapia intensiva al San Raffaele di Milano e prorettore dell'Università Vita-Salute in un'intervista torna a chiarire il suo punto di vista sull'emergenza coronavirus: "Sono stato il primo, già ad aprile, a dire che dovremo convivere con il Sars-Cov-2 finché non arriverà un vaccino"


"Non datemi del negazionista, il virus esiste ma la malattia è cambiata" "Dire che il virus oggi non sta producendo una malattia clinicamente significativa non vuol dire affatto negare l'esistenza del Sars-Cov-2. Rifiuto in tutti i modi la definizione di negazionista". E' quanto afferma, perentorio, in un'intervista a "La Repubblica" Alberto Zangrillo, primario di Terapia intensiva al San Raffaele di Milano e prorettore dell'Universita' Vita-Salute, in replica intervento al convegno organizzato tre giorni fa in Senato, al quale ha partecipato anche il cantante Andrea Bocelli, al termine del quale gli sono state rivolte accuse di voler negare l'esistenza del virus. Invece, lungi dal negare l'esistenza del virus, Zangrillo nell'intervista insiste su un concetto: "Lavoro di clinica e ricerca - dice - e sin dall'inizio ci siamo occupati dell'epidemia. Io riporto solo l'evidenza, ovvero che oggi il virus non produce una malattia clinicamente rilevante. Ma questo non vuol dire che il virus non esista piu': sono stato il primo, gia' ad aprile, a dire che dovremo convivere con il Sars-Cov-2 finchè non arrivera' un vaccino".

Tuttavia, intima, se poi "colleghi universitari milanesi si permettono di dare del negazionista a chi come me è andato in mezzo ai malati e se ne è preso cura, ne risponderanno". E a chi non crede che il virus esista piu', Zangrillo dice: "Non è vero che il virus non esiste piu'" e "io non l'ho mai detto, cosi' come non ho detto che è mutato. Ho pero' affermato, e lo sostengo ancora perchè questa affermazione si basa sull'osservazione e la cura diretta dei pazienti - spiega - che la situazione clinica oggi è diversa".

 

  • Pubblicato in Salute
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS