updated 1:04 PM UTC, Mar 8, 2021

Vaccino anti-Covid, via libera ad AstraZeneca per gli over 65. Escluse le persone ritenute "estremamente vulnerabili" a causa di patologie individuali

Circolare del ministero della Salute firmata dal direttore generale della Prevenzione, Giovanni Rezza. Il vaccino protegge sia dallo sviluppo della malattia indotta da Sars Cov-2 sia dalle forme gravi o addirittura mortali del Covid-19. Può essere somministrato da subito a tutti i soggetti sopra i 18 anni. Con delle eccezioni specifiche


Via libera al vaccino AstraZeneca anche per le persone over 65. È stata emanata la circolare del ministero della Salute firmata dal direttore generale della prevenzione Gianni Rezza, ed è stata pubblicata.

Il vaccino potrà quindi essere somministrato da subito a tutti i soggetti sopra i 18 anni, a eccezione dei pazienti identificati "come estremamente vulnerabili in ragione di condizioni di immunodeficienza, primitiva o secondaria a trattamenti farmacologici o per patologia concomitante che aumenti considerevolmente il rischio di sviluppare forme fatali di COVID-19". La decisione fa seguito a un parere favorevole del Consiglio Superiore di Sanità. 

"Ulteriori evidenze scientifiche resesi disponibili - si legge nella circolare ministeriale - non solo confermano il profilo di sicurezza favorevole relativo al vaccino in oggetto, ma indicano che, anche nei soggetti di età superiore ai 65 anni, la somministrazione del vaccino di AstraZeneca è in grado d’indurre significativa protezione sia dallo sviluppo di patologia indotta da SARS-CoV-2, sia dalle forme gravi o addirittura fatali di COVID-19".

"Sulle basi di tali considerazioni - prosegue la ciricolare - anche in una prospettiva di sanità pubblica connotata da limitata disponibilità di dosi vaccinali e alla luce della necessità di conferire protezione a fasce di soggetti più esposti al rischio di sviluppare patologia grave o addirittura forme fatali di COVID-19, il gruppo di lavoro su SARS-CoV-2 del Consiglio Superiore di Sanità ha espresso parere favorevole a che il vaccino AstraZeneca possa essere somministrato anche ai soggetti di età superiore ai 65 anni". 

  • Pubblicato in Salute

Covid, sale il tasso di positività: il governo verso una nuova stretta. Lockdown, zone rosse, coprifuoco anticipato: cosa può succedere nelle prossime ore

Una nuova stretta sulle misure, per contrastare l'impennata dei contagi di Covid e il diffondersi delle varianti, al vaglio del governo Draghi e degli esperti del Cts: le ipotesi in campo. Tra le ipotesi più drastiche, come detto, vi è anche quella di una super zona rossa che di fatto riguarderebbe buona parte del Paese, con possibili eccezioni per le poche aree (come la Sardegna) con un tasso del contagio meno preoccupante. Non è nemmeno da escludere che l'inizio del coprifuoco, attualmente in vigore in tutto il Paese dalle 22 alle 5, possa essere anticipato di un'ora o più


Lockdown locali sempre più diffusi che porteranno buona parte dell'Italia in rosso e un monitoraggio costante dell'andamento della curva del virus, per essere pronti ad intervenire con "il massimo rigore" nel caso le varianti dovessero far salire in maniera esponenziale i contagi. Il governo si prepara ad affrontare un'altra settimana difficile nella lotta al Covid, consapevole che potrebbe esser chiamato ad adottare ulteriori provvedimenti nonostante il primo Dpcm firmato dal premier Mario Draghi sia in vigore da sole 24 ore.

I numeri confermano la preoccupazione espressa degli scienziati, che più volte nei giorni scorsi hanno ribadito la necessità di rafforzare e innalzare le misure a livello nazionale e locale e di ridurre drasticamente la mobilità e le interazioni tra i cittadini: anche oggi quasi 21mila nuovi positivi, il tasso di positività che sale di ben un punto e si assesta al 7,6% e altri 207 morti, con il numero delle vittime che nelle prossime ore supererà la cifra, inimmaginabile un anno fa, di 100mila dall'inizio dell'emergenza. Non solo. Nei reparti ordinari degli ospedali ci sono stati altri 443 ingressi in 24 ore, con il totale dei ricoverati che è tornato sopra i 21mila. E le terapie intensive crescono costantemente da 18 giorni: oggi ci sono 2.605 pazienti, oltre 500 in più in due settimane. Nove regioni, inoltre, hanno superato la soglia critica del 30% di occupazione dei posti in rianimazione. Tutti chiari sintomi che la curva continua a crescere inesorabilmente. "Questo sarà un mese complicato" ammette il ministro della Salute Roberto Speranza ribadendo come le varianti abbiano "prodotto una nuova fase di accelerazione dell'epidemia", con il virus che "oggi è più capace di correre" rispetto ai mesi scorsi.

Bisognerà dunque intervenire, anche se dal governo continuano a ripetere che al momento non si sta ragionando di un lockdown generale, se non altro perché la situazione è molto diversa da regione a regione. Basta vedere i dati quotidiani: su quasi 21mila positivi, più della metà sono in tre regioni, Lombardia ( quasi 4.400 casi), Emilia Romagna (3.056) e Campania (2.560) mentre in altre 8 non si raggiungono i 500 casi. "Oggi abbiamo un'enorme differenziazione tra territori e il modello costruito serve proprio a evidenziare queste differenze" dice Speranza confermando dunque che si andrà avanti con il sistema delle fasce. Ciò non significa però che non ci sarà una stretta, anzi. "Monitoriamo la curva e verificheremo sulla base della proporzionalità quali siano le misure più adeguate. Mi aspetto nei prossimi giorni e nelle prossime settimane che la curva possa salire ancora e dunque mi aspetto altre regioni in rosso". In attesa del passaggio di fascia, che ci sarà venerdì con il nuovo monitoraggio, sono comunque sindaci e governatori ad intervenire. Da lunedì la provincia di Frosinone si andrà ad aggiungere alle altre decine già in rosso, mentre a Firenze il sindaco Dario Nardella ha annunciato limitazioni alla mobilità in determinati momenti e luoghi della città.

Diversi anche gli interventi in varie città per evitare gli assembramenti, con le forze di polizia che nelle ultime 24 ore hanno controllato 92mila persone, sanzionandone 1.800, e quasi 13mila negozi. Sui Navigli a Milano sono scattati i blocchi ai punti di accesso alla Darsena per limitare la presenza dei giovani all'ora dell'aperitivo, mentre a Roma i controlli non hanno portato alla chiusura delle zone della movida come accaduto ieri. In Sardegna invece il primo sabato in zona bianca si è chiuso con una maxi rissa con lancio di bottiglie e sedie nel centro di Nuoro, con protagonisti una ventina di giovani tutti senza mascherine. Se poi non dovessero bastare le misure a livello locale, sul tavolo del governo ci sono una serie di ipotesi che potrebbero essere adottate in vista di Pasqua: dalla proroga del divieto di spostamento, che scade il 27 marzo e già viene data per scontata, al coprifuoco anticipato fino ad un innalzamento delle restrizioni come avvenne nel periodo di Natale. Tutti interventi per cercare di evitare fino alla fine un lockdown generale che metterebbe ulteriormente in ginocchio l'economia.

 

(Fonti: Adnkronos e Ansa)

Conseguenza per il lavoratore che si rifiuta di sottoporsi a vaccinazione anti covid-19

Una prima messa a fuoco della difficile problematica nel contrasto tra il diritto di ogni persona a non essere sottoposto a trattamenti obbligatori e il dovere di non procurare danni o rischi ad altri con il proprio comportamento.


Le decisioni che i lavoratori prendono sulla propria vita e saluta, hanno motivazioni individuali e non collettive, per contro la vaccinazione è uno strumento di protezione allo stesso tempo individuale e collettivo e impone quindi un approccio diverso da tutte le altre proposte di prevenzione. In questa mancanza di legislazioni oggettive, l'Avvocato Giuslavorista Davide Pollastro fa chiarezza su quello che, anche in tale assenza, un lavoratore potrebbe rischiare sul posto di lavoro.

Crisi Italia, povertà assoluta per oltre 2 milioni di famiglie (5,6 milioni di persone): il triste record degli ultimi 15 anni

Azzerati i miglioramenti registrati nel 2019 dopo quattro anni consecutivi di aumento. Consumi indietro di 20 anni: la spesa media mensile torna ai livelli del 2000


Secondo le stime preliminari, nel 2020 le famiglie in povertà assoluta sono oltre 2 milioni (il 7,7% del totale, da 6,4% del 2019, +335mila) per un numero complessivo di individui pari a circa 5,6 milioni (9,4% da 7,7%, ossia oltre 1milione in più rispetto all'anno precedente). E' quanto emerge dai dati preliminari Istat contenuti in Statistica today, in cui viene sottolineato che i dati sono i peggiori dal 2005.

Nell'anno della pandemia si azzerano così i miglioramenti registrati nel 2019. Dopo 4 anni consecutivi di aumento, si erano infatti ridotti in misura significativa il numero e la quota di famiglie (e di individui) in povertà assoluta, pur rimanendo su valori molto superiori a quelli precedenti la crisi del 2008.
 

L'aumento della povertà assoluta si inquadra nel contesto di un calo record della spesa per consumi delle famiglie (su cui si basa l'indicatore di povertà). Secondo le stime infatti, nel 2020 la spesa media mensile torna ai livelli del 2000 (2.328 euro; -9,1% rispetto al 2019). Rimangono stabili solo le spese alimentari e quelle per l'abitazione mentre diminuiscono drasticamente quelle per tutti gli altri beni e servizi (-19,2%). 

Avvocati Rispondono; la cassa integrazione Covid

Con il prolungamento dello stato di emergenza è stata prorogata anche la cassa integrazione Covid, in questo articolo vediamo come sono regolati i principi della rotazione e il pagamento diretto da parte dell'INPS


Anche nella cassa integrazione Covid è possibile applicare il diritto dei lavoratori alla rotazione, questo nonostante l'assenza di specifiche normative in argomento.  Per avere accesso alla cig Covid, nello specifico, le aziende hanno ancora circa un mese, il 31 marzo 2021 viene definito come termine ultimo per la presentazione e l’invio delle istanze. Vengono anche confermati i requisiti per poter accedere alle domande, secondo cui la proroga verrà riconosciuta a tutte le imprese che hanno registrato un calo del fatturato a seguito o a causa dell’epidemia da Covid-19 in Italia.

Quali sono i diritti e i doveri dei lavoratori posti in cassa integrazione Covid-19? non ci sono specifiche norme in merito, per poter far luce bisognerebbe pensare di applicare la normativa contrattuale collettiva relativa ai criteri di rotazione in Cigo, Cigs e Cig in deroga...  un diritto dovrebbe essere quello alla rotazione, in una recente sentenza la corte di cassazione suprema, a seguito di un ricorso di una lavoratrice che non era stata soggetta alla rotazione, si è così espressa:

"...qualora il datore di lavoro lasci in condizione di inattività il dipendente non solo viola l’art. 2103 c.c. ma lede il fondamentale diritto al lavoro, inteso soprattutto come mezzo di estrinsecazione della personalità di ciascun cittadino, nonché dell’immagine e della professionalità del dipendente, ineluttabilmente mortificate dal mancato esercizio delle prestazioni tipiche della qualifica di appartenenza; tale condotta costituisce lesione di un bene immateriale per eccellenza, qual è la dignità professionale del lavoratore..."  (Cass., sez. Lavoro, 28 settembre 2020, n. 20466)

Altro tema complesso è quello relativo all'anticipo dei ratei da parte dell'INPS. Il decreto Rilancio, modificando il decreto Cura Italia, ha disposto che l’INPS possa anticipare una parte dei trattamenti di integrazione salariale in deroga. Il datore di lavoro può chiedere che l’Istituto provveda al pagamento diretto della prestazione. L’obiettivo della norma è che il lavoratore possa avere una disponibilità economica nel più breve tempo possibile. A tal fine l’Istituto autorizza le domande e dispone l'anticipazione del trattamento entro 15 giorni dal ricevimento delle domande stesse.

Sentiamo nel merito l'Avvocato Giuslavorista Davide Pollastro.

Meloni: "Basta Dpcm, si ritorni alla normalità della democrazia. Nei contenuti Draghi molto simile a Conte"

La leader di Fratelli d'Italia al Corriere della Sera: "Bene la sostituzione di Arcuri, ma la discontinuità non è una semplice nomina, si vede nei fatti. Noi a disposizione con le nostre proposte"


Giorgia Meloni: "Senza noi all'opposizione l'Italia come la Corea del Nord"

"Basta Dpcm, si torni alla normalità della democrazia". E' questo il pensiero di Giorgia Meloni dopo il varo del nuovo Dpcm del governo Draghi con le misure anti Covid valide dal 6 marzo al 6 aprile.

“Accolgo il segnale positivo e ribadisco che saremo a disposizione con le nostre proposte. Ma per ora nei contenuti quello che Draghi sta facendo mi sembra molto simile a quello che faceva Conte. A partire dall’ennesimo Dpcm che tutti speravamo di non vedere più. La discontinuità non è una semplice nomina, si vede nei fatti", dice la leader di Fratelli d'Italia in un’intervista al Corriere della Sera.

Meloni plaude alla sostituzione di Domenico Arcuri, dicendo che "è stata tra le prime cose che ho chiesto al capo del governo. Noi mandammo subito a Draghi documenti e dossier sull’opacità e i disservizi della gestione commissariale, che ha avuto punte surreali come sul caso delle mascherine ma anche con lo scandalo dei padiglioni vaccinali con i fiori, che giustamente Draghi ha bocciato. Benissimo, ma è il minimo sindacale".

"So che ci vuole tempo, e apprezzo che qualche passo si sia compiuto", riconosce Meloni, che riguardo le nomine del nuovo capo della Protezione Civile Curcio, di quello per l’emergenza, il generale Figliuolo, e di Gabrielli ai servizi afferma che “la provenienza non è di per sé garanzia di successo per ruoli così delicati, ma le persone scelte sono certamente di assoluta rilevanza nel proprio campo e siamo a loro disposizione. Speriamo possano rompere finalmente i ponti col passato”.

“Vedo ancora segnali preoccupanti – rimarca -. Agire ancora con Dpcm come si è appena fatto anziché coinvolgere il Parlamento è il contrario di ciò che ci aspettavamo. Ormai l’emergenza dopo un anno è diventata quasi ‘normalità’. Bisogna tornare alle procedure ordinarie in democrazia. È presto, ma nei fatti per ora, domina la continuità con le politiche di Conte. D’altronde se si confermano ministri del precedente governo in posti chiave, come Speranza alla Salute, che scarto ci si può attendere? Mi aspettavo e mi aspetto ancora che si cambi la politica surreale delle chiusure a cena dei ristoranti aperti a pranzo mentre si consente che gli anziani si accalchino in file vergognose per il vaccino anziché prevedere un servizio efficiente a domicilio, visto che sono la categoria più fragile e colpita. Mi aspetto che si affronti il tema che poniamo da un anno dei mezzi pubblici strapieni, vero vettore di contagio, altro che le palestre. Mi aspetto trasparenza sui dati del Cts, che limitano le libertà individuali. E che si cambi quello che non ha funzionato, visto che dopo un anno stiamo ancora in emergenza come nel marzo scorso”.

Vaccino anti-Covid, ora gli Stati europei scavalcano l'Ue. Danimarca e Austria guardano a Israele

Danimarca e Austria non vogliono più fare affidamento solo sull'Unione europea nella lotta contro il Coronavirus e si propongono di lavorare insieme a Israele per fare ricerca e produrre vaccini. Per questo, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz e il primo ministro danese Mette Frederiksen prevedono di incontrare il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu giovedì prossimo. Lo riferisce il quotidiano austriaco Merkur.

 

  • Pubblicato in Salute

Vaccino Johnson & Johnson efficace al 72%

Secondo il regolatore americano FDA (il nostro ISS), il vaccino Johnson & Johnson protegge bene da patologie gravi e da morte per Covid-19, dimostra un'efficacia al 72% ed è molto funzionale anche nel rallentarne la trasmissibilità.


In Sud Africa, dove circola una variante più contagiosa, il vaccino è efficace al 64%, ha affermato la FDA nel suo rapporto. Invece negli Stati Uniti, i risultati dei test dimostrano un'efficacia pari all'86%, contro le gravi patologie legate al virus, in Sud Africa, dove circola una variante moto più aggressiva e pericolosa, la percentuale si riduce all'82. Secondo il quotidiano New York Times ciò significa che, una persona vaccinata ha molte meno probabilità di finire in ospedale o morire per Covid-19, stessa probabilità di non diffondere il virus.

La FDA potrebbe già approvare l'uso del vaccino negli Stati Uniti già questo fine settimana.

Il vaccino Johson & Johson può essere conservato a temperatura di 2 gradi, a differenza di quello di Moderna o di Pfizer/BioNTech. Inoltre, è necessaria una sola dose per vaccinare completamente una persona e questo potrebbe essere un vantaggio visti i continui rallentamenti della campagna vaccinale. 

 

  • Pubblicato in Salute
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS