updated 6:28 PM UTC, Oct 30, 2020

Coronavirus, a che punto siamo? Il dibattito che divide la scienza. Intanto in Lombardia la guardia resta alta: le misure della Regione

  • Scritto da Redazione
  • Pubblicato in Salute
Covid-19, una battaglia ancora da vincere ilComizio.it Covid-19, una battaglia ancora da vincere

Le parole "ottimistiche" di Alberto Zangrillo e i severi avvertimenti di Massimo Galli. Gli esperti danno letture diverse sullo stato dell'emergenza sanitaria. Nella Regione più colpita dall'epidemia si rilanciano provvedimenti per limitare le possibilità di contagio, soprattutto nei contesti di maggior concentramento di persone come sui mezzi di trasporto pubblico


Due importanti tesi a confronto, tra due primari e virologi di Milano. Secondo il primario di anestesia e rianimazione dell'Ospedale San Raffaele da Milano, Alberto Zangrillo, che dalla scorsa settimana sta facendo parlare molto di sé, ma soprattutto fanno molto discutere le sue affermazioni: Il coronavirus in Italia,- ha sostenuto, in una trasmissione - clinicamente non esiste più". In realtà, come subito qualche ora dopo ha dichiarato, volendo precisare doverosamente, e con meno leggerezza, che ciò che voleva dire era: "Il Covid-19 presenta attualmente sintomi meno gravi nell'organismo delle persone infette, rispetto a qualche mese fa, con una presenza meno 'invadente'; e ciò però non significa che esso sia scomparso, è semplicemente cambiato il modo in cui si presenta il Covid-19 negli infetti".

Secondo invece il primario del Sacco di Milano, il prof. Massimo Galli: "Nessun cambiamento o nessuna scomparsa clinica, il virus non è meno aggressivo, la situazione della malattia attuale non è meno pericolosa perché il virus si sia indebolito in quanto in realtà, i pazienti sono solo stati selezionati nel tempo. Le restrizioni hanno fatto sì che il contagio circolasse meno tra la popolazione, riducendo anche il numero di persone a rischio di entrare in contatto con individui inconsapevolmente contagiosi, perché o asintomatici o portatori sani". Insomma, il rischio di nuovi contagi è ipotizzabile secondo alcuni ed escluso secondo altri. 

A margine del dibattito scientifico tra virologi, si registrano misure di prevenzione locali per quanto riguarda il concentramento delle persone. Nella Lombardia guidata dal governatore Fontana, ad esempio, segnaliamo le prescrizioni riguardanti il trasporto pubblico. Dal 4 maggio dovrà essere cura del passeggero procurarsi guanti e mascherine e indossarli correttamente dal momento in cui entra in stazione, alla sosta presso fermate o banchine, a quando si accoda per salire sui mezzi, alla fase in cui si allontana. I sedili da non utilizzare sono contrassegnati da segnali ben visibili. Per quanto riguarda le mascherine, saranno obbligatorie anche all'aperto, fino a quando non ci sarà un vaccino anti Covid, in quanto rimangono il principale strumento attraverso il quale si limitano le possibilità di contagio.

Konny Bilotta

Ultima modifica ilGiovedì, 04 Giugno 2020 14:47

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.