updated 10:10 AM UTC, Nov 27, 2020

FIGLI IN QUARANTENA E LAVORO AGILE

Diverse misure da intraprendere per quanto riguarda l'occupazione nelle prossime difficili settimane di pandemia. Scopriamo quali diritti hanno i lavoratori che si trovano in difficoltà nel conciliare la vita lavorativa con quella famigliare.


La legge 126 del 13 ottobre prevede molte disposizioni in tema di rapporto di lavoro. I lavoratori che hanno figli posti in quarantena dalla ATS, hanno il diritto di svolgere il proprio lavoro con modalità agile; se ciò non è possibile, hanno il diritto di astenersi dal lavoro con il percepimento di una indennità. Abbiamo chiesto all'Avvocato Davide Pollastro di spiegarci meglio la norma...

(VIDEO)

Elon Musk mette la "guida autonoma" nelle mani di alcuni automobilisti comuni (I VIDEO DEGLI UTENTI)

Tesla sta andando avanti con una visione futuristica per ciò che chiama "Full Self-Driving" ma non con poche polemiche, perché le sue auto sono sprovviste del sistema Lidar (I VIDEO DEI FORTUNATI CONDUCENTI)


Questa settimana, un gruppo di proprietari di Tesla è stato selezionato per ricevere un aggiornamento software che viene scaricato automaticamente nelle loro auto, consentendo ai veicoli di sterzare meglio e accelerare senza mani e senza alcun intervento umano. Secondo Tesla, centinaia di migliaia delle sue auto saranno in grado di guidare da sole già quest'anno, probabilmente rendendole la prima grande flotta di veicoli fatturati come autonomi di proprietà dei normali consumatori.

Tesla sta andando avanti nonostante lo scetticismo di alcuni sostenitori della sicurezza, perché ritengono che la tecnologia di Tesla non sia pronta e neanche il resto del mondo sia pronto per le auto che si guidano da sole. Una coalizione industriale composta da Cruise, Ford, Uber e Waymo di General Motors, questa settimana ha criticato la mossa di Tesla, dicendo che i suoi veicoli non sono veramente autonomi perché richiedono ancora un guidatore attivo. La guida autonoma è più regolamentata negli Stati Uniti e Tesla non ha bisogno di una autorizzazione ministeriale per lanciare la nuova funzionalità. Ciò che più preoccupa è che le auto a guida autonoma non sono in grado di riconoscere e differenziare una questione di vita o di morte.

Un punto su cui concordano tutti i critici di Tesla è che la società sta andando avanti senza un componente hardware chiave. Quasi tutte le case automobilistiche a guida autonoma hanno adottato i sensori Lidar, che sono posizionati all'esterno dei veicoli e possono rilevare le dimensioni, la forma e la profondità precise degli oggetti in tempo reale, anche in caso di maltempo.

Invece, Tesla sta cercando di ottenere la guida completamente autonoma con una suite di telecamere e un tipo di radar costantemente collegati a una rete neurale avanzata. La tecnologia di Tesla è in grado di rilevare veicoli, i pedoni sulla strada e alcuni oggetti come gli alberi, ma non sempre può vedere la vera forma o la profondità degli ostacoli che incontra. Ciò potrebbe non consentire all'auto, ad esempio di distinguere tra un furgone e un semirimorchio quando si avvicina al veicolo da dietro.

Il CEO di Tesla Elon Musk ha denunciato il sistema lidar come "costoso", ridondante e "con una commissione da pazzi anche dopo l'installazione", definendo "condannato" chiunque vi facesse affidamento. In risposta a una domanda di un analista, Musk ha detto che non avrebbe equipaggiato i veicoli della società con lidar anche se fosse "totalmente gratuito".
 

Inoltre, a differenza delle società di veicoli a guida autonoma come Waymo e Cruise, che hanno testato le loro auto a guida autonoma in programmi pilota controllati, Tesla ha deciso di mettere la sua tecnologia di guida autonoma nelle mani dei consumatori. Ciò significa che i rischi di un malfunzionamento potranno essere compensati dai conducenti ordinari.

 La società ha dichiarato che non attiverà la guida completamente autonoma fino a quando non riceverà l'approvazione normativa, sebbene non si sappia esattamente quale certificazione sarebbe necessaria. Musk ha detto su Twitter che il lancio della versione beta a guida autonoma sarà "estremamente lento e cauto, come deve essere per una innovazione tecnologica, che ha un forte impatto sulla vita di tutti i giorni".

Diversi proprietari di Tesla hanno riferito di aver ricevuto l'aggiornamento alla fine di mercoledì. I video hanno mostrato le auto che percorrevano strade cittadine approntando in modo normale anche le svolte, dettate dal percorso impostato. La National Highway Traffic Safety Administration, l'autorità federale di regolamentazione della sicurezza, ha risposto al rilascio delle nuove funzionalità, dicendo che "non esiterà ad agire per proteggere il pubblico da rischi irragionevoli per la sicurezza" Le funzionalità sono semplicemente un'espansione della suite di assistenza alla guida esistente di Tesla, ha affermato l'agenzia, richiedendo ai conducenti di mantenere la massima attenzione in ogni momento. "L'abuso di queste tecnologie è, come minimo, una guida distratta".
 
 
Musk ha dichiarato durante la chiamata con gli analisti che Tesla mira a rendere la funzionalità ampiamente disponibile ai proprietari entro la fine dell'anno. "Stiamo iniziando molto lentamente e con molta cautela, perché il mondo è un posto complesso e disordinato", ha detto. "Vedremo come andrà e probabilmente aumenteremo gradualmente la distribuzione fino a quando, si spera, avremo un ampio rilascio entro la fine di quest'anno." Dimostrando le difficoltà di mettere le funzionalità nelle mani degli utenti, infatti in uno di questi recenti aggiornamenti, alcune auto Tesla potrebbero rilevare i segnali semaforici e i segnali di stop ma non procederebbero attraverso l'incrocio fino a quando il guidatore non confermasse tramite l'acceleratore o la leva del volante che il semaforo era verde o l'incrocio sgombro da pericoli.
 
Diverse aziende stanno facendo progressi lenti ma costanti anche su questo obiettivo. Waymo ha annunciato questo mese che lancerà veicoli senza conducente nell'area metropolitana di Phoenix, diventando la prima entità a portare la visione di auto completamente autonome ai consumatori, come parte di un servizio di ride-hailing dedicato. La scorsa settimana, Cruise ha dichiarato che avrebbe lanciato auto senza conducente a San Francisco, diventando la prima azienda a debuttare con veicoli senza pilota in un ambiente urbano così complesso e seconda metropoli più densa del paese. E mercoledì, la Cruise ha annunciato che stava cercando il permesso del governo federale, per mettere sulle strade cittadine, il suo veicolo senza conducente chiamato Origin, inaugurando l'era dei veicoli a guida autonoma senza volante o pedali. 
La cronologia pubblica di Tesla è stata rapida. Musk ha promesso che Tesla avrebbe messo sulla strada entro il 2020, 1 milione di robotaxi, un riferimento alle ambizioni di guida autonoma dell'azienda
La tecnologia di guida autonoma dell'azienda utilizza otto telecamere per la visione di tutto ciò che accade intorno all'auto, queste telecamere raccolgono dati critici utili per circolare su autostrade caotiche e strade labirintiche delle città con traffico intenso. In sostanza, Tesla mira a compensare i suoi limiti hardware sovraccaricando il suo software, quasi per creare un lidar virtuale utilizzando la suite esistente di telecamere di Tesla, ha detto Eshak Mir, un ex ingegnere di Tesla Autopilot, che ha esaminato e lavorato con i dati volti all'addestramento del sistema neurale di Tesla. "Stanno cercando di combinare tutti i feed dalle telecamere in un video completo e di etichettarlo in tempo reale", ha detto Mir. "Con questo, sarai in grado di cogliere un pieno senso di profondità."

I cieli nuvolosi, la pioggia, le tempeste di neve e la luce solare particolarmente intensa, possono sfidare la semplice percezione delle telecamere. "In normali condizioni di luce diurna, le telecamere funzionano perfettamente", ha detto Mir. "In base alla mia esperienza, le fotocamere sono molto affidabili, ma allo stesso tempo possono esserci dei problemi da superare, in condizioni difficili", ha aggiunto Mir, che supporta l'attuale approccio di Tesla.

 ECCO TUTTI I VIDEO FATTI DAI FORTUNATI CONDUCENTI:

La NASA afferma di aver raccolto un grande campione dall'asteroide Bennu. Forse troppo grande (VIDEO)

Le immagini mostrano del materiale che fuoriesce da un dispositivo di raccolta (VIDEO), destinato a custodirlo fino al rientro della navicella Oiris- Rex sulla terra nel 2023.


Il braccio della navicella spaziale che si è allungata e afferra un campione di un asteroide è un'immagine destinata a rimanere nella storia ma potrebbe aver raccolto così tanto materiale da impedire la corretta chiusura del coperchio del porta campioni, consentendo la fuoriuscita di parte della preziosa polvere e rocce, hanno ammesso i funzionari della NASA in un comunicato diramato alla stampa.

Ora l'agenzia spaziale deve affrontare l'arduo compito di riporre i materiali di cui dispone senza versarne una quantità significativa, una procedura delicata resa ancora più difficile dall'ambiente senza peso dello spazio e dal fatto che la navicella si trova a circa 200 milioni di miglia di distanza. Martedì, un braccio della sonda OSIRIS-REx, progettata da Lockheed Martin, ha toccato la superficie dell'asteroide Bennu e ha sparato azoto gassoso che ha sollevato ghiaia e polvere, così da poter essere catturati da un dispositivo di raccolta.

Ma l'esplosione sembra aver sollevato così tanta ghiaia e polvere che parte di essa si è bloccata nel dispositivo, bloccando il coperchio in posizione aperta. Tuttavia, i funzionari della NASA hanno affermato di essere fiduciosi di avere comunque un campione di grandi dimensioni - molto più dei 60 grammi richiesti - e che saranno in grado di riporre il dispositivo di raccolta senza troppe perdite. "Sono molto fiducioso che l'operazione abbia avuto successo, che abbia raccolto una massa abbondante", ha detto Dante Lauretta, scienziato planetario presso l'Università dell'Arizona e principale attore della missione. C'erano “sicuramente prove di centinaia di grammi di materiale, e forse anche di più. La mia grande preoccupazione ora è che le particelle stiano fuggendo. Perché siamo stati quasi vittime del nostro stesso successo e alcune delle particelle più grandi hanno impedito al coperchio di chiudersi"

Invece di provare a misurare la quantità di materiale raccolto, come inizialmente previsto, la NASA ora si concentra su come conservare il dispositivo di raccolta nella capsula, la cui partenza per il rientro è prevista Martedì. Nel frattempo, tiene il veicolo spaziale e il dispositivo di raccolta il più fermi possibile, temendo che qualsiasi movimento aggiuntivo provochi la fuoriuscita di altro materiale.

"Ero piuttosto preoccupato quando ho visto queste immagini arrivare, e penso che la linea di condotta più prudente sia quella di riporre in modo molto sicuro ciò che abbiamo e ridurre al minimo qualsiasi futura perdita di massa", ha detto Lauretta.

Questa immagine frame-grab della NASA da una serie GIF mostra la testa del campionatore sulla sonda OSIRIS-REx piena di rocce e polvere raccolta dalla superficie Bennu.  (NASA / AFP / Getty Images)
Questa immagine (frame-grab) della NASA mostra la testa del campionatore sulla sonda OSIRIS-REx piena di rocce e polvere raccolta dalla superficie Bennu. 
 
"Dovremo aspettare di arrivare a casa per sapere esattamente quanto abbiamo e come si può immaginare è difficile", ha detto. "Ma la buona notizia è che vediamo molto materiale, quindi siamo nella situazione positiva di avere molto di più dei 60 grammi richiesti a questa missione". E' stata la prima volta che la NASA ha prelevato un campione da uno dei milioni di asteroidi stimati nel sistema solare. Gli scienziati ritengono che il materiale potrebbe far luce su come si è formato l'universo e su come l'acqua sia finita sulla Terra.
 

Con più di 4,5 miliardi di anni, Bennu è grande quanto l'Empire State Building e sembra una noce gigante che gli scienziati ritengono piena di ricchezze scientifiche, come il carbonio e l'acqua, rinchiuse in materiali argillosi. VIDEO

La Francia espelle cinque membri di una famiglia bosniaca per aver umiliato la loro figlia adolescente

La ragazza mussulmana bosniaca, aggredita dai componenti dalla sua famiglia, umiliata, picchiata e rasata a zero, perché colpevole di aver iniziato una relazione con un suo coetaneo serbo cristiano. 


La Francia ha espulso sabato cinque bosniaci, membri della famiglia di un'adolescente musulmana che è stata picchiata e rasata a zero allo scopo di umiliarla e renderla impotente, lo scorso agosto per punizione a causa della sua relazione con un ragazzo serbo cristiano.

Il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin, ha spiegato in una nota che l'espulsione è conseguenza del "comportamento inammissibile di questa famiglia" contro "una adolescente innamorata di un giovane serbo di un'altra confessione religiosa".

Darmanin ha precisato che i cinque membri della famiglia sono stati rispediti a Sarajevo e che i servizi sociali francesi si prenderanno cura della ragazza (che ha 17 anni), fino al raggiungimento della maggiore età, quando le sarà concessa la cittadinanza francese.

La decisione del ministro arriva il giorno dopo che il tribunale correttivo di Besançon, ha condannato i genitori e gli zii della ragazza a pene detentive ed espulsione dalla Francia, con esecuzione immediata, all'uscita dal tribunale gli imputati sono stati portati all'aeroporto militare e caricati su un cargo diretto a Sarajevo.

Il ministro dell'Interno aveva già annuncia alla famiglia della giovane bosniaca, arrivati in Francia nel 2016, a cui era stato concesso anche lo status di rifugiati, che "non avrebbero avuto più nessun rapporto con lo stato francese” e che sarebbero stati espulsi al termine. la procedura giudiziaria.

La ragazza aveva detto agli investigatori che i suoi parenti l'avevano seviziata, presa a pugni e calci perché si opponevano alla sua intenzione di sposare il suo fidanzato serbo, un accanimento solo  per "motivi religiosi", una tesi negata dagli imputati durante il processo.

La notizia dell'espulsione arriva a seguito di una sequenza di gesti decisi del governo francese contro il fondamentalismo islamico dopo l'attacco jihadista del 16 ottobre. Quel giorno un insegnante, Samuel Paty, fu decapitato da un giovane ceceno, vicino alla scuola dove insegnava. L'insegnante era stato vittima di una violenta campagna di odio sui social network, perché durante una lezione, dedicata alla libertà d'espressione, aveva mostrato ai suoi studenti le controverse vignette che ritraevano il profeta Maometto.

  • Pubblicato in Esteri

Il Regno Unito firma il primo importante accordo commerciale post-Brexit con il Giappone

Il trattato consente al 99% delle esportazioni britanniche in Giappone, la terza economia più grande del mondo, di essere esente da dazi doganali.


A poco più di due mesi dalla fine del periodo di transizione della Brexit, il Regno Unito e l'Unione europea non riescono ancora a raggiungere un accordo per le loro future relazioni commerciali. Tuttavia, il governo di Boris Johnson continua a cercare di portare avanti i suoi accordi con altri paesi e questo venerdì ha annunciato che dopo un'estate di colloqui, ha firmato il suo primo importante accordo commerciale con il Giappone, un accordo che entrerà in vigore il 1° gennaio 2021. "Questo è il primo accordo commerciale del Regno Unito come nazione indipendente", ha affermato Liz Truss, ministro britannico per il commercio internazionale. La Truss si è congratulata con se stessa ricordando le affermazioni di molti delatori europei, "un Regno Unito indipendente non potrebbe raggiungere accordi commerciali importanti o ci vorranno anni per raggiugere qualcosa di utile al paese britannico. Bene oggi dimostriamo che i detrattori hanno torto", ha anche aggiunto che l'accordo è stato raggiunto "a tempo di record". Tra le altre disposizioni, il trattato consente al 99% delle esportazioni britanniche verso il Giappone, la terza economia mondiale, di essere esenti da dazi doganali.

La firma, dell'Accordo di partenariato economico globale tra il Regno Unito e il Giappone (CEPA) è stata definita dal governo britannico in una dichiarazione definita "un evento storico", nonché un "passo importante verso l'adesione alla zona di libero scambio del Regno Unito. La Trans-Pacific Partnership, che porterebbe a legami più stretti con undici paesi del Pacifico. L'accordo include un forte impegno da parte del Giappone a sostenere il Regno Unito appunto nel suo ingresso nella Trans-Pacific Partnership, una delle più grandi aree di libero scambio al mondo, che copre il 13% dell'economia globale e ha rappresentato nel 2019, uno scambio di oltre 110 miliardi di sterline. "L'accordo aprirà nuove opportunità per le aziende britanniche, aumenterà la nostra sicurezza economica e rafforzerà i legami con una democrazia che la pensa allo stesso modo, un alleato chiave e un grande investitore in Gran Bretagna ", ha detto il ministro.

Il trattato, firmato dalla Truss e dal ministro degli Esteri giapponese Toshimitsu Motegi, "riunisce due delle nazioni tecnologicamente più avanzate del mondo, ponendo il Regno Unito in prima linea nella definizione di nuovi standard globali nel commercio digitale". Questo accordo porterà ad una importante crescita economica di entrambi i paesi,  una crescita economica stimata per il commercio tra Regno Unito e Giappone "di oltre 15 miliardi di sterline, con benefici economici a lungo termine", anch'essi "cruciali" per la necessaria ricostruzione dopo lo scempio causato dalla crisi sanitaria ed economica della pandemia Covid-19.

  • Pubblicato in Esteri

Elezioni americane: Trump e Biden, finalmente un dibattito/scontro fatto di idee (VIDEO)

L'ultimo faccia a faccia finisce senza insulti e scoppi, ei candidati discutono proposte concrete. Il presidente promette un vaccino per il coronavirus e Biden, legalizza 11 milioni di immigrati privi di documenti.


Il secondo e ultimo dibattito tra i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti è stato, infine, un coerente contrasto di idee che rifletteva due visioni molto diverse dell'immediato futuro del Paese. Ecco allora due scenari o un ritorno alle politiche dell'era di Barack Obama in materia di salute, immigrazione e politica estera o la liquidazione finale di queste politiche con altri quattro anni di governo di Donald Trump, che ha promesso di sradicare i terribili effetti della pandemia.

Quello che è veramente importante, però, è che ieri i candidati hanno rispettato scrupolosamente i turni di parola, risparmiando gli sfoghi, a differenza del primo faccia a faccia, aspro e pieno di insulti. Joe Biden a un certo punto ha apostrofato Trump come "xenofobo" e un "bugiardo",  il presidente ha ascoltato senza battere ciglio e ha lasciato perdere. L'unica volta che Trump ha cercato di interrompere il suo avversario, il suo microfono è stato messo a tacere, come promesso dalla commissione che organizza i dibattiti.

La tendenza dei candidati è stata quella di tornare in alcuni punti ad accuse personali, soprattutto da parte di Trump contro le imprese milionarie del figlio di Biden in Ucraina. Il democratico ha risposto dicendo che molti dei collaboratori del presidente sono pedine della Russia in una strategia per interferire nelle elezioni e destabilizzare il sistema democratico americano. "Siamo di nuovo con la Russia, stai scherzando!", Ha esclamato Trump.

Era ovvio che entrambi i candidati si sono presentati preparati, pronti a trattenersi per non ripetere il doloroso spettacolo del primo dibattito. C'erano promesse concrete. Biden ha detto che se vincerà, legalizzerà 11 milioni di persone oggi senza documenti, un'amnistia in piena regola che creerà sette milioni di posti di lavoro. Trump ha avanzato un nuovo piano di riforma sanitaria, a cui ha resistito negli ultimi quattro anni, e ha annunciato - per l'ennesima volta - un vaccino contro il coronavirus nel giro di poche settimane.

"Tutte le cose che prometti, perché non le hai fatte quando eri al governo per otto anni?", Ha detto Trump all'ex vice presidente Obama. "Parli molto, ma non fai niente", ha aggiunto. Ad un certo punto, Biden aveva le lacrime agli occhi mentre parlava di 50 bambini privi di documenti in custodia governativa i cui genitori non sono ancora stati rintracciati dalle autorità. "Li hanno portati i coyote e i cartelli", ha detto Trump quando gli è stato chiesto di questi minori.

La pandemia ha centrato la parte iniziale del dibattito, e Trump, pressato dal moderatore e dal suo avversario, è stato costretto a dire: "Certo che mi assumo le mie responsabilità, ma non è colpa mia se è venuto qui, è colpa della Cina ". Biden ha ricordato l'elevato numero di morti, più di 200.000, invece il presidente ha criticato le dure misure dei Democratici: "Guarda New York, sembra una città fantasma".

Durante il dibattito, durato più di un'ora e mezza, sono stati delineati due progetti futuri per il Paese: consumare il progetto "trumpista" di forza economica, protezionismo commerciale e isolamento dell'immigrazione, o tornare alle politiche sociali dell'era Obama, il cui nome è uscito, brillante in più occasioni. 

In teoria avrebbero dovuto esserci tre dibattiti, ma dopo il primo, al presidente è stato diagnosticato il coronavirus e il secondo è stato cancellato. Le elezioni si terranno il 3 novembre.

Trump è arrivato sul palco senza maschera. Il motivo è, come ha poi affermato durante il dibattito, che il virus è passato ed è considerato immune. Alla fine del testa a testa, Biden si è messo la maschera. Sul palco sono salite le mogli di entrambi i candidati, entrambe con il volto coperto.

qui l'ultimo battito tra Trump e Biden (VIDEO)

  • Pubblicato in Esteri

L'Istituto Superiore di Sanità esorta gli italiani a "restare a casa perché la situazione è gravissima" Il prof. Bassetti replica sui social

Gli scienziati scrivono a Mattarella per "adottare drastiche soluzioni" al fine di evitare che il virus provochi centinaia di morti al giorno. Intanto oggi è nuovo record di contagi: 19.143 nelle ultime 24 ore, contro i 16.078 di giovedì


Drammatica l'analisi fatta nelle scorse ore dal prestigioso Istituto Superiore di Sanità (ISS): la pandemia in Italia "si sta aggravando rapidamente", con "segnali di criticità" negli ospedali, che rischia di portarli al raggiungimento delle soglie critiche. Di conseguenza, "sono necessarie misure che favoriscano una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e che possano alleviare la pressione sui servizi sanitari, comprese le restrizioni sulle attività non essenziali e le limitazioni alla mobilità. Insomma, si chiama "la popolazione a restare a casa quando possibile", perché il tasso nazionale di trasmissione del virus (Rt) è arrivato a 1,5 e la situazione "è molto grave". Nelle ultime 24 ore ci sono stati 19.143 nuovi contagiati (16.078, giovedì), il che costituisce un record in un solo giorno. Questo venerdì i defunti erano 91 (136 nel giorno precedente). Un centinaio di scienziati scrivono a Mattarella. Questo rapido aumento quotidiano di casi positivi e ricoveri preoccupa la comunità scientifica che non è direttamente coinvolta nella lotta al coronavirus. Per questo 100 professori e scienziati hanno inviato una lettera al Presidente della Repubblica, Sergio Matarella, e al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con una forte richiesta: "Adottare misure rigorose e drastiche nei prossimi due o tre giorni", con la obiettivo di "evitare che le cifre del contagio in Italia arrivino inevitabilmente, in assenza di misure correttive efficaci nelle prossime tre settimane, a provocare diverse centinaia di morti al giorno".

Aderiscono così alla richiesta del presidente della prestigiosa Accademia Nazionale dei Lincei, il fisico Giorgio Parisi, le cui stime, basate sul raddoppio dei decessi osservati ogni settimana, indicano che l'Italia potrebbe presto raggiungere i 400-500 morti al giorno. “Stiamo andando verso il disastro più lentamente rispetto a marzo, ma la direzione è la stessa. Se non fermiamo la curva, presto ci saranno 100.000 infetti ogni giorno. Serve un database di grandi dimensioni per evitare di guidare alla cieca", ha scritto nelle scorse ore il professor Giorgio Parisi sull '" Huffington Post ".

Le regioni Lombardia, Campania , le più colpite dal virus, hanno già imposto il coprifuoco dalle 23:00 alle 5:00; mentre la Lazio lo fa dalle 24:00 alle 5:00. Anche in Liguria, Piemonte, Sardegna e in altre regioni più varie città vengono adottate anche misure restrittive. Anche il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, si è mostrato disposto a tornare alla reclusione totale in Campania, "per 30-40 giorni". De Luca ha chiesto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di ordinare il confino nel Paese: "Mi bastano le mezze misure, non voglio più vedere i camion con le bare". Quella era l'immagine drammatica di Bergamo, a marzo, diffusa in tutto il mondo, trasformata nella fotografia simbolo della pandemia in Italia", ha detto il governatore campano.

Intanto il premier Conte è preoccupato per il rapido aumento dei casi e ritiene che la "situazione sia grave", ma assicura che "va evitata la reclusione generale". Conte avrà senza dubbio tenuto conto del drammatico monito del professor Ranieri Guerra, rappresentante dell'Organizzazione mondiale della sanità che consiglia: “Dobbiamo evitare il confinamento perché provocherebbe disordini armati. Le persone sono esauste per i tre mesi di reclusione. Purtroppo in estate hanno abbassato troppo la guardia, incoraggiati anche dai colleghi che non capiscono molto bene che lavoro fanno. In una dichiarazione al quotidiano "Il Fatto", Ranieri Guerra si è anche espresso sul coprifuoco che le varie regioni stanno imponendo: "È un palliativo non chiudere tutto. Servono anche a limitare il consumo di alcol e altre sostanze che rilassano i freni inibitori, esponendo i giovani a rischi.

Subito la risposta del prof Bassetti che risponde attraverso i social al collega:"

Ho chiesto per mesi di attrezzarci, ma certa stampa ha solo provato a linciarmi e nessuno mi ha ascoltato. Certa stampa e certi colleghi hanno solo tentato di ammazzarmi mediaticamente e di screditarmi. Un vero scandalo che mi ha fatto molto riflettere sul mio futuro professionale in questo paese. Il mio timore era che la gente, allarmata da una comunicazione schizofrenica fatta di terrorismo e di sensazionalismo, in autunno/inverno potesse riversarsi negli ospedali al primo sintomo influenzale per la paura che gli era stata trasmessa. Sapevo che questo avrebbe comportato un grave rischio ai fini della propagazione del virus e del sovraccarico per gli ospedali. Oltre ad attrezzarsi, infatti nei mesi estivi andava spiegato alla gente che l'infezione da Covid, nella stragrande maggioranza dei casi, decorre in maniera lieve e si poteva gestire a casa. Questo non è stato fatto e i risultati si vedono nei nostri ospedali. Si è detto alle persone che il Covid era sempre una malattia devastante, che dava sempre complicazioni perpetue e che buona parte dei contagiati sarebbe finito intubato o morto, così, non appena qualcuno ha un sintomo, corre in ospedale a farsi curare e ricoverare per paura di non avere cure adeguate a casa. Altro che dirmi (come fa qualcuno in malafede...e sono tanti) che non dovevo dire che la malattia era più gestibile.

Che siano loro a farsi un esame di coscienza e a pensare che disastro hanno combinato.
I danni rischiano di essere devastanti.
La politica della paura non serve a nessuno."

  • Pubblicato in Salute

"Temevo un 'Italexit' quando Salvini ha governato"

Enrico Letta, ex Primo Ministro, oggi responsabile Affari internazionali presso il prestigioso Science Po di Parigi, presidente dell'Istituto Jacques Delors, dirige anche il forum Italia-Spagna. In un'intervista al quotidiano ElPais si apre parlando dell'attuale situazione politica Italia ed Europea


In un mondo in crisi, punito dalla pandemia, Italia e Spagna stanno vivendo un'intensa luna di miele. Letta, promotore di questo rinato amore mediterraneo, lo celebra e punta a un'alleanza da cui può emergere l'Europa del futuro.

 

Domanda. Credi che abbiamo imparato la lezione dei mesi di marzo e aprile?

Risposta. Sì, tutti i paesi europei cercano un coordinamento e adottano misure adeguate per proteggere la parte debole della società, ma per evitare un nuovo confinamento totale. Il costo economico è stato immenso, per l'Italia sono 30 punti di debito pubblico. Qualcosa che pagheremo per molti anni. Questo è il motivo per cui è necessario trovare un equilibrio tra il requisito sanitario e l'evitare il confinamento.

D. Quindi non applichereste misure più restrittive di quelle annunciate domenica dall'Italia?

R. La priorità deve essere data alle scuole e al lavoro. Il telelavoro dovrebbe essere sfruttato appieno, ma ciò è possibile solo se le scuole sono aperte e consentono alle persone di lavorare da casa. Ho fiducia in chi prende le decisioni e gestisce i dati. Adesso tutti criticano o suggeriscono cambiamenti, sono tutti allenatori della Nazionale.

P. Temeva che l'UE sarebbe stata toccata?

R. L' Europa stava per morire a marzo. Era un rischio reale e mortale. L'immagine più ovvia è stata l'affermazione di Jacques Delors che lo avverte: ha 95 anni e non parlava da cinque. Ma poi è nata l'Europa della solidarietà, che si esprime nella Next Generation EU. Sono molto ottimista sull'Europa del futuro, nata dalla leadership di Italia e Spagna. Insieme alla Francia, hanno acceso una linea che è stata successivamente accettata dalla Germania e seguita da tutta l'Europa.

P. Alcune risorse messe sul tavolo, soprattutto crediti e Mede (meccanismo europeo di stabilità), sono ancora viste con immenso sospetto. Nessuno sembra volerli toccare.

R. L' Europa ha gestito molto male l'episodio in Grecia e ha causato un grande problema di fiducia nell'opinione pubblica spagnola e italiana. L'immagine era quella di un Paese che nei momenti di difficoltà subiva imposizioni troppo dure e veniva abbandonato. Ciò ha danneggiato l'immagine dell'aiuto europeo.

D. Quindi, quegli aiuti non verranno usati?

R. Dobbiamo fare un passo avanti e riformare i Medi. Cambialo completamente, anche il nome e le regole. Rendilo comunitario e non solo per i paesi dell'euro, oltre a consegnarlo alla Commissione Europea. Altrimenti nessuno lo prenderà.

D. Ora sembra una caramella avvelenata. E in Italia avrebbe un prezzo politico molto alto per prenderlo.

R. La Mede è una cassaforte piena di soldi, ma per ragioni politiche non la usano. L'Italia e la Spagna insieme dovrebbero fare una proposta per riformarla. Ciò eviterà questo paradosso in cui nessuno vuole utilizzare i 400.000 milioni a causa della cattiva reputazione che ha a causa del caso greco. Dovrà chiamarsi altro, qualcosa come il Fondo europeo di solidarietà, e consegnarlo alla Commissione: dal Lussemburgo a Bruxelles.

P. Italia e Spagna si sono sempre guardate con sospetto nonostante condividessero un'agenda e interessi strategici. Cosa è successo in modo che non sia più così?

R. Non ricordo rapporti migliori di adesso, sono ottimi. Quando ero primo ministro, c'erano buoni rapporti con [Mariano] Rajoy, ma oggi sono più profondi. Credo sia dovuto principalmente alla crisi pandemica e alla risposta europea che Italia e Spagna hanno dato insieme. Il fatto di capire che contro i nordici possiamo solo essere uniti. Inoltre, Conte e Sánchez hanno lavorato molto bene per creare quell'intesa che si estende ad altri ministri. Penso che sia una situazione idilliaca.

D. Perché non è successo prima?

R. Per 20 anni la Spagna è stata tentata di immaginarsi come il principale partner mediterraneo dell'asse franco-tedesco. In altre parole, ha voluto sostituire un'Italia sempre in crisi offrendo maggiore affidabilità e un'economia che funzionasse meglio con una politica modulabile. L'Italia, invece, ha sempre ritenuto di avere uno status superiore perché apparteneva al G7. Ma l'unico modo è collaborare per creare un accordo che possa condizionare il resto delle decisioni. L'agenda italiana e spagnola in materia di immigrazione, Africa o Mediterraneo è molto simile.

P. Anche l'addio di Matteo Salvini e della Lega ha contribuito a migliorare i rapporti. E non solo con la Spagna. Temevi per il ruolo dell'Italia nel mondo in quel periodo?

R. Sì, avevo paura di un Italexit . Temevo che sarebbe accaduto un incidente come quello nel Regno Unito. La linea di Salvini in questi anni è stata antieuropea e civettuola con Italexit . Spero che cambi, ma in quell'anno di governo avevo molta paura.

D. Ho sentito dire che l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea presenta dei vantaggi.

R. Sì, naturalmente. E lo dico con tutta la forza: è necessario smettere di piangere dalla Brexit. È stato dimostrato che è positivo per l'Europa. Ora possiamo costruire progetti, come l'Europa sociale, che prima non potevamo fare con loro.

D. Pensa che l'ondata sovranista populista sia passata?

R. L' Europa ha il rischio interno che il denaro promesso contro la recessione non arrivi rapidamente. Molte aspettative si sono create e se i cittadini italiani e spagnoli non vedranno subito quei soldi, il messaggio di Salvini o Vox sarà facilitato. La seconda condizione a tal fine sono le elezioni negli Stati Uniti. Penso che il populismo in Europa sia cresciuto grazie alla legittimità che gli ha dato [Donald] Trump. Se perde, come spero, sarà un duro colpo per il populismo sovrano europeo.

P. In Spagna ultimamente si dice che la politica stia diventando italiana. Succede anche in altri paesi: parlamenti più frammentati, ripetizioni elettorali multiple, un certo caos. Quello che è successo?

R. È un problema di esaurimento delle democrazie occidentali. Ed è legato all'innovazione tecnologica. Grazie a Internet, ogni cittadino è connesso a tutte le decisioni e può esprimersi in un minuto. La democrazia rappresentativa, basata sulla delega di tale potere, ha problemi ad avanzare in questo settore. È molto importante riflettere su come modernizzarlo e Italia e Spagna hanno molto da fare insieme. Non è solo un'italianizzazione della politica europea, è un problema generale più importante.

D. In Spagna c'è un mito su una visita di Giulio Andreotti in piena transizione democratica. Gli hanno chiesto la sua opinione sui contorni della nuova politica. Mi ha risposto che mancava " finezza ", come è maturata in questi anni?

R. Hai vissuto l'impatto della crisi economica, come quella italiana. I toni si sono inaspriti molto perché la povertà è entrata con forza nelle famiglie, nelle strade. La politica è lo specchio del Paese, e anche in questo siamo simili, perché si è trasformata in seguito a questi disordini sociali. Insieme alla crisi della democrazia parlamentare, è un problema che richiede politici con uno sguardo lungo.

 

FONTE: (ELPAIS)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS