updated 7:17 AM UTC, May 14, 2021

IO LEGGO - Anziani a chi? Nella Milano triste della pandemia una coppia di settantenni regala una luce ai più giovani

Voglia di vivere ancora (Mursia, pagg. 170, Euro 14,00) è il nuovo romanzo di Ada Grecchi, un libro coinvolgente che avvicina le generazioni e guarda al futuro con il sorriso e l'energia tipica dell'autrice


«“Mamma, la nonna è magica!” La nonna in questione è Corinna, settantenne milanese, protagonista e io narrante di questo romanzo breve di Ada Grecchi…Ci fa essere accanto a lei, nel cuore di Milano, ma anche a Sanremo e a Parigi, negli aeroporti e in taxi, sul balcone o quando suona qualcuno alla porta, nei mesi infiniti di lockdown, di mascherine e di distanze. Mai un piagnisteo, fronte alta, anche nella commozione di notizie amare.», si apre così la presentazione di Gianni Letta a Voglia di vivere ancora (Mursia, pagg. 170, Euro 14,00), il nuovo romanzo di Ada Grecchi che in una Milano trasformata dalla pandemia racconta con incredibile veridicità la resilienza e la straordinaria voglia di vivere di due anziani, Corinna e Luigi. Un romanzo coinvolgente che avvicina le generazioni e guarda al futuro con il sorriso e l’energia tipica di Ada Grecchi e che come scrive l’autrice è: «…una testimonianza di un periodo vero e difficile ma a cui gli anziani devono e possono reagire. Come? Allenando il cervello…e, sia pure con qualche limite scontato, entrare nei processi digitali che ci consentono i contatti persi. È triste non abbracciare i nipoti, ma si possono vedere su WhatsApp se si impara a maneggiare quello strumento favoloso che è lo smartphone…»

 «Guardo il viale alberato sotto casa e continuo a pensare che le foglie dei tigli sono ricresciute, in settembre cambieranno colore, ma solo per ripararsi dall’inverno, poi torneranno a fiorire, e io fino a quando sarò solo uno spettatore della vita altrui che ricomincia?»

Corinna e Luigi, due brillanti settantenni, si incontrano all’Istituto dei Tumori. Lui è stato un alto funzionario del ministero degli Esteri, lei la direttrice di un’azienda pubblica. Nell’attesa, parlano, si raccontano le loro vite, i viaggi che hanno fatto e quelli che vorrebbero fare se la malattia lo consentisse. Tra loro nasce un rapporto davvero speciale che si costruisce giorno dopo giorno.

In una Milano trasformata dalla pandemia, con luci spente, negozi chiusi, strade deserte, irrompe per caso nelle loro vite Marion, una piccola immigrata dagli occhi verdi, che ha con sé solo un gattino bianco di nome Miao. La bambina diventa parte integrante della vita di Corinna e di Luigi, fino a rappresentare il punto focale dei loro progetti.

Marion è per loro il futuro, la speranza che fa tornare la voglia di vivere, di viaggiare, di sostenersi l’uno con l’altra, e tutto alla fine resta sospeso, tra i ricordi di un’intera vita e una città di mare, su una terrazza attraversata dai gabbiani che la sera volano verso la collina.

Ada Grecchi - Home | Facebook

Ada Grecchi, milanese, avvocato, ha avuto una lunga carriera in Enel, dove è stata per nove anni Vicedirettore centrale del Personale. Per quattro anni è stata Vicepresidente della Commissione Parità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. In seguito è stata Assessore tecnico del Personale alla Provincia di Milano, consigliere di amministrazione di Metropolitana Milanese S.p.A. e, per due mandati, di Sea Handling. Attualmente è Vicepresidente della Commissione Esperti del Comune di Milano e consigliere dell’associazione 50&Più. È autrice di diversi libri di soggetto diverso. Tra i riconoscimenti ufficiali: Commendatore, Ambrogino d’Oro di Milano 1992, Premio Bellisario 1995, Premio Standout Woman Award 2016, Paladino delle Memorie 2019.

 

Da Ufficio stampa Mursia

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.