updated 10:05 AM UTC, Apr 6, 2020

Coronavirus, ora Sala bacchetta gli amici runner: "Mentre tu corri e sei felice altri cento ti guardano dalle finestre e si arrabbiano" (VIDEO)

Giuseppe Sala, il videomessaggio giornaliero ilComizio.it Giuseppe Sala, il videomessaggio giornaliero

Il consueto videomessaggio quotidiano del sindaco di Milano: "Permettetemi di dire che trovo inaccettabile che ai medici, al personale sanitario, ai medici di base non venga fatto il tampone: questo lo trovo francamente inaccettabile da parte della nostra sanità". Poi uno sguardo al futuro  Quando l'emergenza Coronavirus sarà passata, si dovrà mettere in atto una ricostruzione sociale ed economica senza precedenti. Io sono in ufficio a Palazzo Marino a gestire il quotidiano ma anche molto a pensare a cosa fare dopo, io ci sono e sono qui a lavorare con i miei collaboratori per la città" - (VIDEO)


"Permettetemi di dire che trovo inaccettabile che ai medici, al personale sanitario, ai medici di base non venga fatto il tampone: questo lo trovo francamente inaccettabile da parte della nostra sanità". A dirlo nel suo consueto messaggio sui social il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Partendo dalla sua storia personale e dal racconto di un momento molto delicato della sua vita, Sala ha poi rinnovato un appello accorato ai milanesi affinché restino a casa in questi giorni "delicati" di emergenza coronavirus, invitando gli anziani a fare spesa più abbondante per uscire meno da casa e rivolgendosi in particolare ai runner. "Premetto che voi, secondo i decreti del governo potere correre - ricorda il primo cittadino-, ma provate ad avere questo pensiero: mentre tu, runner, corri e sei felice, ne hai cento alla finestra che ti guardano e si arrabbiano perché si sentono reclusi mentre tu corri per le strade. Quando l'emergenza Coronavirus sarà  passata - conclude Sala - si dovrà mettere in atto una ricostruzione sociale ed economica senza precedenti. Io sono in ufficio a Palazzo Marino a gestire il quotidiano ma anche molto a pensare a cosa fare dopo, io ci sono e sono qui a lavorare con i miei collaboratori per la città".

Contagi in aumento a Milano

Secondo l'ultimo bollettino reso noto dalla Regione nel pomeriggio di martedì 17 marzo all'ombra della Madonnina si sono registrati 964 casi. Per "leggere il dato" bisogna tenere conto che il 10 marzo erano 246 e che in un solo giorno si sono registrati 151 casi.

La situazione non è più rosea nella Città Metropolitana: tra Milano e hinterland i casi registrati sono 2.326 e il 10 marzo erano 592. La provincia più colpita dal Coronavirus è ancora Bergamo - 3993 casi -, seguita da Brescia - 3300 casi - e Milano, 2326. Poi ci sono: Cremona - 2073 -, Lodi - 1418 -, Pavia - 884 -, Mantova - 465 -, Lecco con 440, Monza e Brianza - 376 -, Como - 256 -, Varese - 234 - e Sondrio con 74.

In Lombardia, invece, i casi totali sono saliti a 16.220. Le persone che hanno sconfitto il virus sono state 2.485, 1.640 sono morte mentre altre 879 stanno lottando nei reparti di terapia intensiva degli ospedali Lombardi. Il totale delle persone ricoverate, invece, è arrivato a 6.953.

 

Video

Ultima modifica ilMercoledì, 18 Marzo 2020 15:39

Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Fabio Pasini

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C