Robot quadrupedi armati: il video della nuova tecnologia militare cinese

Avantgardia

Nell’era dell’innovazione tecnologica, la Cina ha recentemente svelato un nuovo livello di sofisticazione militare: robot quadrupedi armati, simili a cani, equipaggiati con fucili d’assalto.

Questi robot quadrupedi armati sono stati protagonisti delle ultime esercitazioni militari di Pechino, come riportato dall’emittente statale CCTV. (VIDEO)

Durante le esercitazioni Golden Dragon 2024, in collaborazione con la Cambogia, l’Esercito Popolare di Liberazione ha messo in mostra le sue capacità avanzate, inclusi questi dispositivi a forma di cane, che possono essere comandati a distanza.

Questi robot quadrupedi armati da ricognizione, pesanti 15 chilogrammi, sono stati progettati per operare autonomamente per 2-4 ore, trasmettendo video in tempo reale alle truppe cinesi. La loro agilità nel sdraiarsi, saltare e correre su terreni pianeggianti è stata dimostrata, evidenziando la loro capacità di pianificare percorsi e superare ostacoli anche senza input esterni.

Una versione più pesante, di 50 chilogrammi, è stata dotata di un fucile d’assalto montato sulla schiena. Questo robot armato potrebbe assumere il ruolo di ricognizione in operazioni di combattimento urbano, identificando e attaccando per primo i bersagli nemici. La CCTV ha mostrato anche droni volanti, inclusi modelli a sei rotori armati, impegnati in esercizi di tiro.

Drone che spara in una esercitazione cinese

L’uso di tali  robot quadrupedi armati non è una novità per l’esercito cinese, come dimostrato da video precedenti. Anche le forze armate statunitensi hanno sperimentato robot simili, sebbene utilizzati principalmente per missioni di esplorazione senza armi visibili.

In un contesto più ampio, droni e sistemi senza pilota stanno diventando sempre più rilevanti nei conflitti moderni. L’esercito russo, ad esempio, utulizza da sempre droni (non a guida autonoma ma pilotati da remoto), per colpire obiettivi militari ucraini, inclusi carri armati e veicoli blindati. In particolare, i droni kamikaze Lancet hanno avuto un ruolo significativo in molte difficili operazioni.

Mentre queste tecnologie offrono nuove capacità militari, sollevano anche questioni etiche sull’uso della forza e l’autonomia delle macchine in scenari di combattimento. La responsabilità e l’impiego etico di tali robot quadrupedi armati rimangono argomenti di discussione cruciale, soprattutto alla luce dei recenti sviluppi.

Gli esperti di etica esprimono preoccupazioni significative riguardo all’uso di tecnologie militari avanzate come i Lethal Autonomous Weapons Systems (LAWS), che includono robot armati autonomi. Il dibattito si concentra sull’implicazione etica di permettere alle macchine di prendere decisioni autonome sulla vita umana.

Le questioni etiche sollevate includono:

  • Responsabilità: Chi è responsabile delle azioni compiute da un’arma autonoma? La difficoltà di attribuire responsabilità per le decisioni prese da sistemi autonomi è un problema centrale.
  • Conformità alle leggi di guerra: Come possono i sistemi autonomi aderire alle leggi internazionali del conflitto armato, che richiedono discernimento e proporzionalità?
  • Rischio di escalation: L’automazione del combattimento potrebbe portare a una maggiore facilità di entrare in guerra e a una possibile escalation dei conflitti.
  • Dilemma del bersaglio: I sistemi autonomi potrebbero non essere in grado di distinguere tra combattenti e non combattenti con la stessa precisione di un essere umano.
  • Messa al bando preventiva: Alcuni esperti sostengono la necessità di una messa al bando internazionale dei LAWS prima che diventino operativi su larga scala.

Inoltre, si discute l’importanza di mantenere un “human in the loop” (un intervento umano nel ciclo decisionale) per garantire che le decisioni critiche, specialmente quelle che implicano la forza letale, siano soggette a giudizio umano.

CONVENZIONI DI GINEVRA

Queste preoccupazioni evidenziano la necessità di un dibattito globale e di linee guida chiare per l’uso etico di queste tecnologie emergenti di cui fanno parte i robot quadrupedi armati. La comunità internazionale è chiamata a riflettere sull’impiego responsabile di queste tecnologie avanzate in un mondo in rapida evoluzione.

VIDEO tratto dal canale CCTV

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *