Log in
updated 4:28 PM UTC, Jul 13, 2020

Coronavirus, l'annuncio di Zaia: "Nessun malato in terapia intensiva". Nuove linee guida per locali e cerimonie, impegno per le fiere. "La Grecia riapre? Merito del casino che abbiamo fatto noi, non di Di Maio" (VIDEO)

Il punto stampa del governatore veneto: "Oggi nessun malato Covid in terapia intensiva. Ci sono solo 15 pazienti ex malati che si sono negativizzati. In magazzino abbiamo almeno 100 respiratori imballati. I morti di Coronavirus sono in totale 1961, più 6 decessi fuori dagli ospedali rispetto al bollettino di ieri. Il virus comunque resta in giro, questo bisogna ricordarselo bene" - (VIDEO)


"Con oggi cala il sipario sulle terapie intensive per i pazienti Covid, infatti non abbiamo più un solo malato Covid ricoverato. mentre sono solo 4 i nuovi casi positivi registrati  da ieri e 6 nuovi decessi, i dimessi sono stati in totale 3459, +12 da ieri". Lo ha annunciato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia oggi nel corso del punto stampa, in cui ha fatto un bilancio ad oggi dell'epidemia in regione: "Che ha causato quasi 2 mila morti, 19 mila positivi al coronavirus, centinaia di persone ricoverate nelle terapie intensiva e 6.500 pazienti già guariti, che doneranno il loro sangue alla 'Banca del plasma'".

"Ma, al di là di possibili toni 'trionfalistici' ricordo a tutti che il virus c'è sempre, anche se non fa più i danni di prima, ma non è scomparso, e quindi raccomando ancora l'uso della mascherina al chiuso e all'aperto in presenza di assembramenti". "E per il prossimo autunno-inverno speriamo non ci sia una nuova ondata, anche se il Veneto è già pronto con l'artiglieria pesante: abbiamo infatti pronte poco meno di mille terapie intensive".

"Il sistema fieristico italiano rischia il collasso. E per questo con il presidente Bonaccini entro un paio di giorni presenteremo un business plan alla Conferenza delle Regioni che poi andrà al governo: con delle linee guida perchè le fiere devono riaprire", ha sottolineato ancora il presidente del Veneto. "Ieri con il presidente Bonaccini abbiamo avuto un incontro in videoconferenza con il ministro dell'Economia Gualtieri. In Veneto abbiamo il polo fieristico d'eccellenza di Verona che ad oggi ha perso il 60% del Fatturato pari a 65 mln di euro, mentre l'indotto perso per l'economia veronese è di 700 mln di euro, e se non riapre per fine anno perderà il 90% del giro d'affari. Il dato nazionale per i grandi poli di Milano, Bologna e Verona è di 700 mln di euro per un indotto di 7 mld di euro".

"Le Fiere chiedono certezze e per programmare gli eventi di fine anno hanno bisogno di regole certe entro fine giugno e soprattutto un'iniezione di risorse - ha spiegato Zaia - ne ha convenuto lo stesso ministro dell'Economia, e quindi entro un paio di giorni gli presenteremo il business plan , una sorta di 'lista delle richieste'. In ogni caso, sarà fondamentale l'intervento della Cassa Depositi e Prestiti in questa partita", ha concluso Zaia.

Maltempo. «Abbiamo province massacrate da piogge e inondazioni, finito un problema ne inizia un altro, qui in Veneto non ci facciamo mancare niente». Il governatore ha firmato il decreto per la dichiarazione dello stato di emergenza.

Elezioni a settembre. Il governo va verso un accorpamento referendum sul taglio dei parlamentari, regionali e comunali in un election day, la data ipotizzata è il 20 settembre.
 «La finestra del governo andava dal 6 settembre, un emendamento di Forza Italia ci ha fatto sapientemente slittare a dopo il 15, cioè al 20 settembre. Ci è stata tolta la possibilità di decidere come Regione. Diveregenze con la segreteria della Lega? Ci sono valutazioni nazionali che tengono conto delle situazioni di tutte le regioni. Io però non sono assolutamente d'accordo con la soluzione del Parlamento. Ricordo che la data delle elezioni non è stata fissata. C'è solo una finestra dal 20 settembre al 15 dicembre. Chi indirà le eleziomi dovrà fare un decreto.  Ma voglio sapere: riapriamo le scuole a inizio settembre per chiuderle dopo una settimana il 20 settembre? Che pasticcio. Che casino. E poi nei comuni ci saranno anche i ballottaggi, i secondi turni. A luglio si poteva votare: spiagge aperte, tutto aperto tutto che funziona e ci dicono che non possiamo andare a votare? Perchè no?
La mia domanda è: quando andremo a votare? Ce lo possono dire di preciso? Lo chiedo al presidente Conte, lo dica lui non qualche sottosegretario».

Nuove linee guida. Sono al centro di un incontro della Conferenza delle Regioni convocata d'urgenza. «Le linee guida vanno aggiornate a mio avviso, ci sono parti che non vanno più bene. E poi c'è il problema dei centri estivi e del bonus baby sitter». Le linee guida saranno rese pubbliche nella giornata di oggi.

Ristoranti, discoteche, cerimonia. L'assessore Lanzarin ha confermato l'arrivo di nuove regole anche per ristorazione e discoteche e per le cerimonie: per le piste da ballo è stato studiato un indice di capienza della pista legato ad un distanziamento di 2 metri di una persona dall'altra, come per le piscine e l'attività sportiva. Resta il problema di chi controllerà. Nei ristoranti si potranno tenere cerimonie come battesimi, matrimoni ecc. Si potrà ballare solo all'esterno comunque.

Grecia, frontiere riaperte con l'Italia. «Hanno tolto il divieto oggi. Merito del casino che abbiamo fatto noi, non del ministro Di Maio. E' la dimostrazione che un problema c'era e non era stato risolto. Si vede che qualcuno non se n'era interessato».

Plexiglass negli autobus. «Costa un sacco di soldi, in giro non ce n'è. E inquina. Non vorrei che fosse la soluzione richiamata per ogni situazione».

L'Italia torna a spostarsi tra code, registrazioni, test e app. Tutte le regole per muoversi Regione per Regione

Da ieri si è tornati a circolare normalmente in tutta Italia, una data attesa che ha visto file agli imbarchi dei traghetti, treni affollati e autostrade ravvivate rispetto ai giorni scorsi. Alcune Regioni del Sud però, stanno cercando di tutelarsi con delle ordinanze per evitare che il contagio da coronavirus si diffonda considerando che con l’arrivo dell’estate aumenteranno gli spostamenti dei turisti. Vediamo il quadro


Dal 3 giugno via libera agli spostamenti tra regioni Seconde case ...

Tutta Italia si rimette in moto, tra code ai caselli e treni pieni, file davanti ai musei e autostrade di nuovo intasate. Ma tutti si muovono nel segno dell'ordine e del rispetto delle regole. La ripartenza segna una generale riapertura dei confini regionali ma con qualche restrizione in più in alcune aree e una normativa a macchia di leopardo. Dai primi segnali sembra però che la voglia di tornare a muoversi abbia avuto la meglio sulle paure.

Sono tanti. scrive il "Corriere della Sera",  i governatori che ben presto si sono resi conto di quanto il ritorno alla libera circolazione significhi linfa vitale per il turismo e per le casse locali. E che quindi hanno allentato in tutta fretta regole e restrizioni, pur mantenendo fermi controlli e vigilanza per evitare il ritorno del contagio. 

Liguria e Calabria, liberi tutti - Ci sono alcune Regioni dove si torna esattamente al pre-lockdown: confini aperti senza alcuna limitazione. Si tratta di Liguria e Calabria, dove chiunque può entrare e uscire senza controllo. 

Veneto ed Emilia-Romagna, porte aperte - E ci sono anche le Regioni, come il Veneto di Luca Zaia e l'Emilia-Romagna di Stefano Bonaccini, dove si preme perché autostrade e treni siano al massimo della capienza, per una ripartenza ai massimi livelli dell'industria del turismo.

Puglia, obbligo di registrazione e diario di viaggio - Ma ce ne sono altre dove i cordoni sono molto più stretti. Chi vuole entrare in Puglia deve registrarsi sul sito della Regione fornendo i suoi dati personali (oltre a nome e residenza, codice fiscale, domicilio durante il soggiorno, numero di cellulare e mail, professione, data di arrivo e di partenza, mezzi di trasporto usati e tipo di permanenza). Inoltre vanno indicati tutti gli spostamenti nel territorio, gli incontri e i luoghi visitati per un eventuale tracciamento del contagio. 

Sardegna, registrazioni e incentivi per i test - Niente più obbligo di test o patente di immunità in Sardegna, come aveva "minacciato" inizialmente il governatore Christian Solinas. Ma solo obbligo di registrazione, app di tracciamento su base volontaria e incentivi per il test: chi si sottoporrà al sierologico o al tampone potrà disporre di un bonus per visite culturali in loco. 

Campania, controllo della febbre nelle stazioni e agli imbarchi - In Campania si controlla la temperatura a tutte le persone che entrano da fuori Regione. La febbre viene misurata nelle stazioni dell'Alta velocità, ma anche ai viaggiatori in entrata in tutte le stazioni di Napoli e a chi si imbarca per le isole. Il biglietto di traghetto o aliscafo va prenotato almeno 24 ore prima e all'imbarco ci si presenta con un'ora di anticipo per farsi controllare la febbre. 

App anti-contagio in Sicilia - Si chiama "Sicilia si cura" l'app di tracciamento regionale. Chi entra in Sicilia è invitato a scaricarla e anche a registrarsi per indicare giorni di soggiorno e luogo di permanenza. E' tutto facoltativo, ma ci sono parecchi vantaggi per chi sceglie di aderire: l'app mette in contatto i turisti con il sistema sanitario locale, consentendo di rafforzare il servizio in base ai flussi turistici. Inoltre, chi scarica l'app può contare su un call center in italiano e in inglese per avere consigli in caso di necessità. 

Lazio, sotto controllo chi supera i 37,5 gradi - Chi arriva nella Regione Lazio, in caso di temperatura superiore ai 37,5 gradi, viene subito preso in carico dal sistema sanitario, sottoposto a un test sierologico ed eventualmente a un tampone. In caso di positività al virus, viene messo subito in quarantena. e, nei casi più gravi, portato in ospedale. 

Zaia, l'uomo del momento, resta con i piedi per terra: "Astro nascente? Non mi interessa, abbiamo altro da fare". Poi chiede più autonomia sulla salute. E occhio ai trasporti che rischiano di implodere

"L'astro nascente di Venezia offusca Salvini". E' il titolo di un editoriale pubblicato oggi sul Financial Times e dedicato al governatore del Veneto Luca Zaia. Il quotidiano economico britannico dedica un editoriale al governatore leghista sottolineandone l'alto indice di gradimento e lodando il "modello Veneto".  Lui si schermisce: "E' solo un momento particolare, tenetemi fuori da questa storia"


"Io spero si possa portare a casa la delega alle Regioni di poter decidere sui propri territori. Questa 'autonomia' potrebbe essere utile visto che abbiamo avuto diverse regioni che hanno avuto risultati e servizi erogati a tutela della salute diversi da regione a regione. Perché ogni regione ha avuto la sua storia sanitaria e questo è importante ricordarlo". Lo ha sottolineato il presidente del veneto Luca Zaia oggi nel corso del punto stampa.

"L'interlocuzione con il governo è assolutamente serena, il governo conosce la nostra posizione: non siamo irresponsabili, sappiamo che il virus c'è e bisogna fare in modo di non prenderselo, e quindi rilancio il mio appello: usate la mascherina", ha ammonito. "Ad oggi abbiamo fatto 392 mila tamponi, 9 mila in più da ieri, i positivi sono 18.402, 29 in più da ieri, le persone in isolamento sono scese a 6.353 (-426), 1024 i pazienti ricoverati, 32 in meno, 98 quelli in terapia intensiva, uno in meno da ieri, 2743 i dimessi, 1207 i decessi in ospedale 13 in più, mentre 1545 in totale", ha detto rendendo noti i dati.

"A me risulta che in Svezia ad una certa eta' non ti presenti nemmeno in ospedale. Se questo e' un buon modello di sanita'... A voi risulta che noi applichiamo questo modello? Noi abbiamo dimesso ultra 90enni dalle terapie intensive, pensate a cosa sarebbe accaduto se queste persone avessero avuto la sfortuna di essere nati in un paese diverso", ha aggiunto rispondendo a chi gli chiedeva del 'modello Svezia' per affrontare l'emergenza coronavirus nel corso del punto stampa.


TUTTO SUL PUNTO STAMPA DI LUCA ZAIA 

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha parlato dell'avvio della Fase 2 di ieri con 4,8 milioni di spostamenti e del rischio che i trasporti pubblici possano implodere.

Veneto, bollettino e conferenza stampa/ Video: 13.421 casi, Zaia ...

La ripresa di ieri

Il governatore del Veneto Luca Zaia durante il punto stampa quotidiano nella sede della Protezione civile ha parlato delle persone che ieri, giorno di avvio della Fase 2, si sono spostate: «In Veneto l'analisi in tempo reale ha segnalato nella giornata di ieri 4,8 milioni di spostamenti. È un dato in linea con quelli del 9 marzo. Rispetto al picco più basso del lockdown - ha aggiunto Zaia - l'aumento del traffico è del 61%. Per noi è quasi normalità».

Trasporto pubblico
«Nel trasporto pubblico locale sono state messe regole per cui temo che il sistema imploderà - afferma il presidente del Veneto Luca Zaia - Pensate al ritorno a regime è impossibile  ordinare il triplo dei bus e il doppio dei treni. Non arriveranno mai per tempo. C'è anche il tema fondamentale del rispetto delle regole di distanziamento, siamo molto preoccupati».

Le riaperture delle attività
«Stiamo lavorando con il governo sulle attività che non hanno ancora ripreso a lavorare - aggiunge Zaia -  confidiamo sull'ipotesi di poter avere un anticipo sulle riaperture rispetto alla data del 18 maggio. Potrebbe essere l'occasione - ha proseguito - di dare competenze in maniera differenziata alle Regioni sui propri territori. Se siamo responsabili della salute dei cittadini, è altrettanto vero che il presidente di una Regione possa decidere se aprire. Tutti abbiamo coscienza della messa in sicurezza, ma quando un operatore ha la protezione e il cliente ha la protezione siamo convinti che sia più che sufficiente a garantire la salute di entrambi».

Ospedali cambia tutto
«E' fondamentale il rispetto delle regole, se non usate la mascherina finite in ospedale - raccomanda Zaia - gli ospedali saranno diversi a tutela di tutti: possono accedere solo i pazienti, le visite sono contingentate e niente negozi come negli ospedali realizzati in passato». 
«Chi firma gli appelli sui tamponi di massa dovrebbe spiegare anche operativamente come si fanno e in che tempistica - afferma il governatore commentando l'appello di Lettera 150 - non lo dico per polemica - ha aggiunto - ma per dare la giusta informazione. Noi facciamo 10-15 mila tamponi al giorno, ma ci vogliono trasporti, operatori, macchine per processarli, neanche la macchina del professor Crisanti riesce a fare tutti i 9.000 tamponi al giorno. Abbiamo messo in rete tutte le microbiologhe, ci facciamo i reagenti in Veneto e dobbiamo spingere ancora per arrivare al piano da 20 mila».

Elezioni
«Sono convinto che il 12 luglio sia la data più utile per un election day. Ci sono sei Regioni da eleggere. A differenza dei Comuni, hanno l'incombenza dei bilanci, della salute. Dal governo ci sono segnali incoraggianti in questi termini, credo che sia assolutamente una data affrontabile. Credo che il governo punterà a una finestra, nulla vieta che il Governo o il relatore presenti un subemendamento alla legge».

Financial Time
«Astro nascente? È un'ossessione, stiamo parlando di sondaggi fatti in un momento particolare. Non me ne frega niente». Lo ha ribadito il presidente del Veneto Luca Zaia, rispondendo ai giornalisti sulle ipotesi di un impegno politico nazionale, fatta oggi anche sul Financial Times. «L'obiettività - ha aggiunto Zaia - porta a dire che nella classifica sono in testa tutti quelli che si sono occupati di Coronavirus, da Conte in giù. Poi la politica ha un corso diverso dal Coronavirus, non sono minimamente interessato, lasciatemi fuori da queste manfrine». Zaia ha infine sottolineato che «Sallustio diceva che il sentimento che viene dopo la gloria è l'invidia, dobbiamo governare una regione complessa e non abbiamo tempo da perdere con le distrazioni. E stavolta è vero - ha scherzato - non è Eracleonte da Gela».

Piscine
«Le piscine pubbliche o dei centri sportivi sono aperte solamente ad atleti che fanno agonismo - spiega il governatore - per quanto riguarda le piscine condominiali o degli alberghi possono essere utilizzate nel rispetto delle regole»

Il bollettino
In Veneto oggi sono saliti a 18.402 i casi positivi, solo 29 in più rispetto al pomeriggio di ieri. Sono stati fatti 392mila tamponi, soprattutto nei posti più a rischio come Rsa e ospedali. Le persone in isolamento domiciliare sono 6.353, 426 in meno rispetto a ieri; i ricoverati in ospedale sono 1.024 (-32), quelli in terapia intensiva 98 (-1); i dimessi sono 2.743, +40 rispetto a ieri, i morti in ospedale sono 1.207 (+13), in totale i decessi in Veneto sono 1.545.

Coronavirus, lo sprint di Zaia verso la riapertura del Veneto: "Di fronte a un finto lockdown, domani nuova ordinanza con un cambio di strategia" (VIDEO)

 "Stiamo scrivendo una nuova ordinanza che presenteremo domani e avrà un cambio di strategia. Dobbiamo fare analisi approfondita rispetto ad alcuni temi, ma è evidente che ormai siamo di fronte a un finto lockdown". Lo ha annunciato il presidente del Veneto, Luca Zaia nel corso del punto stampa presso la Protezione Civile a Marghera. "Dovremo riassettare il provvedimento – ha proseguito Zaia – dato che siamo di fronte a un finto lockdown, avremo una riapertura del 50-60 per cento, se togliamo negozi e ristorazione, non è più lockdown lo abbiamo fatto ma oggi ordinanza verrà scritta con questa filosofia" - (VIDEO)


Il presidente della Regione Luca Zaia parla in diretta video dalla sua pagina Facebook ai veneti oggi, 11 Aprile 2020. Ecco gli argomenti principali affrontati: la riapertura delle imprese e le protezione dei lavoratori, la nuova ordinanza della Regione prevista per il giorno di Pasqua, il problema delle mascherine e dell'abuso dei prezzi, spiagge e vivai, le donazioni (hanno superato quota 30.000 per 42 milioni di euro, molte di mascherine e di prodotti alimentari, la Regione inizierà presto la distribuzione).

Riapertura delle imprese.
 
«Non possiamo chiudere imprese che sono dichiarate aperte. Il lockdown di fatto non esiste più. Parlare di misure restrittive con tre quarti dell'Italia che sta aprendo a poco senso, a questo punto abbiamo una riserva indiana in cui ci sono "poveri" che non riescono ad aprire e non è accettabile. Vedi la moda, prima filiera italiana. E' difficile spiegare che apre Fincantieri e non lo possono fare che so Rosso o Benetton. A questo punto io programmo sapendo che non c'è più il lockdown. Già oggi il 60% delle aziende è aperta e lo si vede dal traffico che è aumentato, a causa del cosiddetto silenzio-assenso cosicché molte aziende in deroga hanno già riaperto».

Nuova ordinanza  in arrivo. 
«Martedì 14 sarà un altro Veneto rispetto a quello che vediamo oggi.  Domani, giorno di Pasqua, faremo una nuova ordinanza. Si concentrerà più sui dispositivi piuttosto che su alcune restrizioni che, alla luce di quello che sta accadendo, rischiano di sparire. È pur vero che dobbiamo fare un'analisi approfondita rispetto ad alcuni temi. Ora ci concentriamo sulle misure di protezione dei cittadini. Con l'ordinanza di domani faremo un cambio di strategia. E' chiaro che anche il sistema dei trasporti va ricalibrato. Ma il fattore limitante sono le mascherine, devono essere liberalizzate, le farmacie dovranno poterle vendere anche sfuse. Il vero tema è la messa in sicurezza del sistema, lavoratori e cittadini, questo è il tema centrale».

Messaggio agli imprenditori.
 «Se non avete le mascherine non riaprite. Questo vale in modo particolare nelle imprese dove c'è ammassamento, dove le persone lavorano con squadre a poca distanza. Le Spisal lavoreranno in continuazione per i controlli, come già stanno facendo».

La mascherine.
 
«Averla o non averla è lo spartiacque tra il contagio e il non contagio. I dati sulle terapie intensive sono chiarissimi. I cittadini devono avere i dispositivi».
L'abuso dei prezzi? «I controlli li possono fare anche i Vigili urbani oltre alla Finanza. Il problema si risolve con la liberalizzazione delle importazioni. Quella chirurgica in tempi di pace vale 25-30 centesimi. Nei giorni scorsi sono salite a 1 euro, adesso mi dicono che sono scese a 0,40-45. Se c'è chi vende una mascherina a 9 euro, va segnalato alla Guardia di Finanza: è chiaramente un abuso. Se fossero reperibili, le mascherine andrebbero indossate da tutti».

Spiagge.
«Non sono inserite nel decreto del governo ai fini della riapertura da martedì 14. Ma stiamo valutando anche questo aspetto».

Rischi.
 
«Se qualcuno pensa che riapriamo tutto, facciamo baldoria, si sbaglia di grosso. Ci arriveremo, ma per gradi. E comunque cambierà il nostro approccio con la tutela della salute anche quando l'emergenza sarà finita».

Vivai.
«Resta un vulnus tra il codice Ateco che permette la riapertura dei vivai e il motivo indifferibile che ti autorizza ad uscire di casa. Se ti fermano e gli dici che stai andando in vivaio è da verbale. Lo stesso vale per altri casi, tipo il cambio delle gomme delle macchine. Vedete che se di mezzo ci mettiamo una mascherina e i guanti sarebbe tutto più facile. Sul fronte specifico dei vivai comunque faremo presto qualcosa».

Rapporto con l'Europa.
 «L'Europa? Non c'è. I 400 miliardi? Allettanti ma nessuno ha capito come funzionerà il meccanismo».

Via libera alle aziende private per i test sierologici.
 
«Per noi devono essere liberi. Non so però quanti test saranno in grado di fare i privati».

Il bollettino di oggi
Si sono registrate nella notte altre 7 vittime (dati aggiornati alle 8 di oggi), il totale dei decessi in Veneto dall'inizio della crisi è di 831. Salgono anche i casi positivi: 10.592 (+309), mentre sono 2.188 i negativizzati virologici. In isolamento domiciliare ci sono 18.111 persone. I ricoverati sono 1716 (-10), di cui 1465 in area non critica (-13) e 251 in terapia intensiva (+3) dopo molti giorni di calo. I dimessi salgono a 1595 (+99). Lo rileva il Bollettino ufficiale della Regione Veneto. (Fonte: il Gazzettino)

Zona rossa per la Valle Seriana, la Lombardia zittisce Conte: "Era compito del governo". E quella nota del 2 marzo che è stata ignorata: l'ira dei sindaci di Nembro e Alzano

Il presidente del Consiglio in un'intervista al Fatto Quotidiano aveva detto che "se la Regione voleva la zona rossa poteva disporla". Oggi è arrivata la replica dell'assessore al Welfare della giunta Fontana, Giulio Gallera: "Chiesta più volte, ma serviva un decreto da chi ha competenza su forse dell'ordine e forze armate". Oltretutto come emerso in questi giorni, l'Istituto superiore di sanità, in una nota tecnica del 2 marzo scorso, evidenziava l’incidenza di contagi da Covid-19 nei due Comuni seriani, raccomandandone l’isolamento immediato e la chiusura. "Raccomandazione che è stata colpevolmente ignorata, così come gli appelli a più voci che si levavano dagli amministratori di un territorio allo stremo", scrive il Giorno


Zona rossa ad Alzano e Nembro? ''Era lo Stato che doveva farla come ha fatto a Codogno''. Così l'assessore al Welfare Giulio Gallera interviene sui presunti ritardi negli interventi per mitigare l'espansione del coronavirus in una delle zone maggiormente colpite della bergamasca.

Secondo Gallera, la Regione non aveva i poteri per istituire una zona chiusa, serviva ''un decreto del presidente del Consiglio dei ministri''. La zona rossa "l'abbiamo chiesta più volte. Abbiamo salutato con successo il fatto che l'Istituto superiore della Sanità avesse fatto un verbale. Ci attendevamo da lì a pochi minuti l'avvio della zona rossa. E la zona rossa - sottolinea - per essere efficace deve essere blindata con le forze militari che a Codogno ad esempio hanno chiuso tutti gli accessi e hanno chiuso le attività produttive. Questi due elementi non rientrano nelle facoltà delle Regioni. Noi possiamo chiudere le attività commerciali''.
 
Quanto alle zone rosse di altre Regioni ''io non so come hanno fatto. Non rientra nelle nostre competenze disporre delle forze dell'ordine e delle forze armate. Noi ci siamo confrontati anche con i prefetti che ci hanno detto: non potete essere voi a dirci cosa dobbiamo fare. Se siamo in uno Stato ognuno ha le sue competenze. Questa non rientra nelle competenze istituzionali e costituzionali delle Regioni''.

Ad Agorà l'assessore al Welfare della Lombardia spiega poi il senso dell'ordinanza regionale che prevede l'uso della mascherina quando si esce da casa. ''Era importante dare un messaggio forte e preciso. I numeri sono più favorevoli, ma non bisogna allentare la tensione, si deve continuare a stare a casa - dice Gallera - Le stiamo iniziando a distribuire nei luoghi nevralgici, inizieremo con 3 milioni e mezzo ma continueremo. Chi non ce l'ha può usare un altro indumento idoneo, come una sciarpa".

 

(Fonte: Adnkronos)

Coronavirus, in Lombardia un altro giorno che fa ben sperare. Fontana: "A breve inizierà questa benedetta discesa". Poi la replica al ministro Boccia: "Ha fatto più la Regione del governo. Lo dicono i dati" (VIDEO)

Buone notizie dalla Lombardia sul numero dei contagi da coronavirus. il governatore Attilio Fontana che nel corso del punto stampa quotidiano ha detto: "E' un altro giorno positivo perché stiamo assistendo a questo procedere in linea senza aumenti dei casi rispetto ai giorni precedenti, fra qualche giorno quindi inizierà questa benedetta discesa". Continua lo scontro col governo - (VIDEO)


"La Regione Lombardia si muove nel rispetto della scienza e non fa iniziative avventate. Gia' alcuni giorni fa abbiamo incaricato l'Universita' di Pavia perche' provveda ad esaminare tutti i test che esistono in questo campo
per individuare se ce ne e' uno scientificamente valido.  Appena avremo queste risposte le comunicheremo e se ce ne sara' uno valido inizieremo ad utilizzarlo, diversamente faremo altro. In questa direzione si e' mosso anche il presidente del Veneto Luca Zaia che, proprio poco fa, ha comunicato che lo screening sierologico si decidera' solo al termine della sperimentazione delle Universita' di Padova e Verona".

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante il consueto punto stampa e riferendosi ai test sierologici spiegando anche che "nel pomeriggio, la Regione mandera' una lettera con riposte rigorosamente scientifiche ai sindaci nonostante abbia gia' risposto in tante altre occasioni.

Per quanto riguarda i numeri dei contagi, Fontana ha detto che "I numeri sono in linea e che si sta verificando quello che hanno previsto i nostri esperti. Bisogna quindi mantenere la massima attenzione senno' la linea di positivita' rischia di invertirsi". Proprio con questo obiettivo la Giunta ha stanziato 464.000 euro per la Polizie locali affinche' possano aumentare i controlli sul territorio.

Infine, rispondendo alle domande dei giornalisti su quanto dichiarato dal ministro Boccia, il presidente ha risposto "Credo a quello che dice il ministro Boccia, ma devo credere anche ai dati in mio possesso: per ora credo che abbiamo fatto molto di piu' come Regione".

Coronavirus, scatta il divieto totale di spostamento dal Comune da cui ci si trova. Stop all'esodo verso le Regioni del Sud Italia

Da oggi è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in Comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Lo stabilisce l'ordinanza, adottata congiuntamente dal ministro della Salute e dal ministro dell'Interno per l'emergenza coronavirus, che rimarrà efficace fino all'entrata in vigore di un nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri, di cui all'articolo 3 del decreto legge numero 6/2020


"In merito al divieto di spostamenti sul territorio nazionale, è opportuno che i cittadini sappiano che già da oggi il Ministero dell'Interno e quello della Salute hanno sancito, con l'art. 1 e l'art 2 di una apposita ordinanza appena emessa, il divieto di 'esodo' verso le regioni del Sud Italia e, in generale, inibito gli spostamenti al di fuori della propria residenza". E' quanto sottolinea il sottosegretario all'Interno, Carlo Sibilia. "Una misura che intende scongiurare – spiega Sibilia - un nuovo esodo che potrebbe compromettere gli effetti delle misure restrittive, messe in campo dal Governo per limitare la diffusione del Covid-19. Ancora una volta, invitiamo i cittadini ad attenersi a queste disposizioni in primis per la propria salute e poi per quella di tutti i loro cari e tutti i cittadini italiani: per il momento la priorità è la salvaguardia della nostra salute, più rispettiamo le regole e prima usciremo da questa situazione". Teniamo duro" conclude il sottosegretario. 

Al momento, come spiega il Corriere, chi contravviene al divieto rischia la denuncia per l'articolo 650 del codice penale che prevede l'arresto fino a tre mesi e l'ammenda. Il governo sta però valutando anche la possibilità di emanare un nuovo provvedimento con sanzioni più severe.

Coronavirus, controlli nelle stazioni, negli aeroporti e lungo strade e autostrade. La direttiva del Viminale spiegata dal ministro Lamorgese. Vale l'autocertificazione

Controlli nelle stazioni, negli aeroporti, lungo le strade in Lombardia e nelle 14 province a cui fa riferimento il decreto con le ultime misure per affrontare l'emergenza coronavirus. Lo prevede la direttiva ai prefetti diramata dal Viminale per l'applicazione delle norme previste dal provvedimento


"La convocazione immediata, anche da remoto, dei Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica, per l’assunzione delle necessarie misure di coordinamento", si legge nella direttiva ai Prefetti per l’attuazione dei controlli nelle "aree a contenimento rafforzato" adottata dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. Inoltre il provvedimento prevede "indicazioni specifiche per i controlli relativi alla limitazione degli spostamenti delle persone fisiche in entrata e in uscita e all’interno dei territori ‘a contenimento rafforzato’". Le sanzioni per chi viola le limitazioni agli spostamenti possono arrivare all'arresto fino a tre mesi.

"Gli spostamenti potranno avvenire solo se motivati da esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute da attestare mediante autodichiarazione, che potrà essere resa anche seduta stante attraverso la compilazione di moduli forniti dalle forze di polizia - si legge nella direttiva - Un divieto assoluto, che non ammette eccezioni, è previsto per le persone sottoposte alla misura della quarantena o che sono risultate positive al virus".

I controlli sul rispetto delle limitazioni della mobilità "avverranno lungo le linee di comunicazione e le grandi infrastrutture del sistema dei trasporti", spiega la direttiva. "Per quanto riguarda la rete autostradale e la viabilità principale, la polizia stradale procederà ad effettuare i controlli acquisendo le prescritte autodichiarazioni - si legge nella direttiva - Analoghi servizi saranno svolti lungo la viabilità ordinaria anche dall’Arma dei carabinieri e dalle polizie municipali".

"Per quanto concerne il trasporto ferroviario, la Polizia ferroviaria curerà, con la collaborazione del personale delle Ferrovie dello Stato, delle autorità sanitarie e della Protezione civile, la canalizzazione dei passeggeri in entrata e in uscita dalle stazioni al fine di consentire le verifiche speditive sullo stato di salute dei viaggiatori anche attraverso apparecchi ‘termoscan’ - prosegue il provvedimento - Inoltre saranno attuati controlli sui viaggiatori acquisendo le autodichiarazioni".

"Negli aeroporti delle aree dei territori ‘a contenimento rafforzato’, i passeggeri in partenza saranno sottoposti al controllo, oltre che del possesso del titolo di viaggio, anche della prescritta autocertificazione", secondo quanto prevede la direttiva del Viminale. Inoltre analoghi controlli verranno effettuati nei voli in arrivo nelle predette aree. Restano esclusi i passeggeri in transito.

"Per i voli Schengen ed extra Schengen in partenza, le autocertificazioni saranno richieste unicamente per i residenti o domiciliati nei territori soggetti a limitazioni - si legge nella direttiva - Nei voli Schengen ed extra Schengen in arrivo, i passeggeri dovranno motivare lo scopo del viaggio all’atto dell’ingresso. "Analoghi controlli verranno adottati a Venezia per i passeggeri delle navi di crociera che non potranno sbarcare per visitare la città ma potranno transitare unicamente per rientrare nei luoghi di residenza o nei paesi di provenienza", continua il provvedimento. La veridicità dell’autodichiarazione potrà essere verificata anche con successivi controlli".

"La sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti è quella prevista in via generale dall’articolo 650 del codice penale (inosservanza di un provvedimento di un’autorità: pena prevista arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino 206 euro) salvo che non si possa configurare un’ipotesi più grave quale quella prevista dall’articolo 452 del Codice penale (delitti colposi contro la salute pubblica che persegue tutte le condotte idonee a produrre un pericolo per la salute pubblica)". E' quanto prevede la direttiva ai Prefetti per l’attuazione dei controlli nelle "aree a contenimento rafforzato" adottata dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

"Viene richiamata l’attribuzione del prefetto al monitoraggio dell’attuazione delle misure previste in capo alle varie amministrazioni - si legge nella direttiva - Per quanto concerne le prescrizioni finalizzate a uniformare gli interventi per contrastare l’epidemia sul resto del territorio nazionale".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS