Log in
updated 2:49 PM UTC, Jul 14, 2020

"Russland doping": Un complotto istituzionale

Funzionari russi responsabili della lotta contro il doping per la prima volta hanno riconosciuto l'esistenza di un sistema di doping diffuso in Russia, negando il coinvolgimento dello Stato.


Ultime News Doping in Russia:

Alti dirigenti russi, facenti parte della task force creata dal governo russo per coordinare la lotta contro il doping in atto da alcuni mesi, per la prima volta hanno riconosciuto l'esistenza di un sistema di doping diffuso nel proprio paese negando però il coinvolgimento dello Stato, quindi di nessun membro del governo di Putin.
Questa affermazione apre una nuova crepa nella strategia di difesa russa nel grande caso che coinvolgeva la gran parte degli atleti russi trovati positivi ai test antidoping nelle ultime manifestazioni sportive a livello mondiale. I funzionari russi incaricati di attivare una seria lotta contro il doping nel loro paese, hanno ammesso per la prima volta l'esistenza di un sistema di doping diffuso. Anna Antseliovich, direttore esecutivo della Anti-Doping Agency russa, in una intervista con il New York Times ha anche usato un termine molto forte per definire la situazione che si era creata indicandola come "cospirazione aziendale e istituzionale". Ma è stata anche molto  attenta a respingere l'accusa che lo stesso stato russo fosse il principale artefice dello sviluppo di questo sistema, assicurando che i suoi leader non ne sono coinvolti.
Una "cospirazione istituzionale" in cui lo Stato non ha partecipato.
Nella sua seconda relazione all'Agenzia mondiale antidoping (WADA) e pubblicata all'inizio di dicembre, l'avvocato canadese Richard McLaren, principale accusatore del " Russaland Doping" chiede che lo stato russo sia condannato perchè il sistema adottato si era talmente radicalizzato che si poteva idealmente identificare come un "crimine verso lo sport", accusa che la Russia respinge con forza. La relazione di McLaren sottolinea l'esistenza di "un complotto istituzionale", istituito con la partecipazione del Ministero dello Sport, dell'agenzia anti-doping (Rusada) e del laboratorio nazionale per il doping russo, a fianco del FSB (servizi segreti), che coinvolgeva più di 1.000 atleti in 30 discipline sportive.
Sempre nella relazione di McLaren si cita testualmente: - "Una sistematica manipolazione dei campioni di sangue e del DNA, in particolare alle Olimpiadi nel 2012 e nel 2014".
La truffa sportiva si pensa sia stata praticata durante il periodo che va dal 2011 al 2015 "Questa gestione sistematica e centralizzata dei controlli antidoping si è evoluta e raffinata per arrivare al suo apice durante le Olimpiadi di Londra nel 2012, le Universiadi del 2013, i campionati del mondo di atletica leggera 2013 a Mosca e i Giochi invernali a Sochi nel 2014 ", spiega il signor McLaren.
Ministro dello sport russo Vitaly Mutko afferma che le accuse di "cospirazione istituzionale" non sono supportate da prove. Comunque queste accuse sono state un duro colpo per lo sport russo, che stava ancora cercando di limitare i danni causati dalla prima relazione McLaren che ha portato all'esclusione degli atleti russi nelle competizioni internazionali. I sospetti volti ai russi colpiscono molti sport. Il caso  che ha scosso anche le Olimpiadi di Rio de Janeiro (Brasile), continua a fare danni e a macchiare l'immagine dell'intero apparato sportivo russo tanto che questo inverno sono state cancellate dal calendario sportivo tutte le gare di  biathlon, di pattinaggio e di sci di fondo. In Russi si prevede un triste inverno sportivo.

FONTE: (sport24.lefigaro.fr)

  • Pubblicato in Esteri

La sciatrice Sabrina Maier in pista rischia un frontale con un cervo

Durante un allenamento rischiata la collisione con un cervo, l'austriaca Sabrina Maier, impegnata in questi giorni a Nakiska, località che ha ospitato le gare di sci alpino dei Giochi di Calgary 1988, durante un allenamento ha rischiato la collisione con un cervo.


Ultime notizie sport:

Sabrina Maier è sconvolta mentre racconta il suo incontro sulla pista con un cervo. Mentre stava viaggiando a tutta velocità giù per il pendio, la sciatrice austriaca Maier Sabrina specialista in discesa libera e Super G, un cervo ha tranquillamente attraversato il suo percorso lungo la pista.
Una tragedia evitata, vista la manovra fatta da Sabrina durante la sua corsa in piena velocità verso l'arrivo. Il contatto che avrebbe potuto causare gravi danni, visto il peso dell'animale di circa 200 kg è stato fortunatamente evitato. Sabrina Maier ha pubblicato la foto sul suo account Facebook e pasato lo spavento è riuscita a trovare il modo di scherzare sulla situazione: "vado talmente bene e veloce che il cervo ha voluto essere vicino alla mia azione"
Non è poi così poco frequente l'incontro con questi animali durante le gare di sci, nonostante la sicurezza sia garantita dalla la presenza di reti su entrambi i lati della pista. Gli incontri in pista in Canada con fauna locale di taglia extralarge sono decisamente più da brividi. La scorsa stagione invernale a Lake Louise si è chiusa con l'invasione di Olivia, un grizzly che ha fatto su e giù per le piste della località della provincia dell'Alberta, dove nel fine settimana si sarebbero tenute due discese e un superg femminili di Coppa del mondo. Oppure ricordiamo quando nel 2010 durante una discesa in Val Gardena (un episodio ripreso da tutte le televisioni internazionali), un cervo in preda al panico era stato bloccato sulla pista appena prima del passaggio di Kristian Ghedina che viaggiava a più di 100 km/h verso la linea del traguardo. GUARDA IL VIDEO

  • Pubblicato in Sport

Il Capodanno con "Colazione al Museo" in terra Etrusca

Al MAEC, Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona (AR), si propone per la mattina di Capodanno la tradizionale “Colazione al Museo”, giunta alla sua nona edizione. (VIDEO)


Ultime Notizie Enogastronomia:

Il Museo di Cortona ritiene fondamentale rimanere aperto il giorno di Capodanno, quando la maggior parte dei musei - anche nazionali - resta chiuso, per dar vita a un’iniziativa di livello tale da attirare da ogni parte d’Italia visitatori che scelgono di passare le vacanze di fine anno nella cittadina etrusca anche per partecipare all'evento. Tema di questa edizione: L'Eleganza, L'Eccellenza, il Benessere. Le sale del MAEC saranno elegantemente allestite con bei tovagliati, raffinate composizioni e importanti candelabri; le tavole riccamente imbandite coi prelibati prodotti enogastronomici che caratterizzano Toscana. La mattina di Capodanno le eccellenze toscane verranno proposte tutte insieme in degustazione per un incredibile brunch di Capodanno: la Chianina, la Cinta senese, il Tartufo Bianco delle Crete Senesi, il Pecorino DOP; la Finocchiona DOP,  il Pane Toscano DOP,  l’alta Pasticceria con cornetti caldi e torte del buon augurio, i grandi Vini di Cortona con la strada dei Vini, la Caffetteria Pascucci, Latte e prodotti  Mukki dei migliori allevamenti Toscani. Obiettivo non secondario della Colazione al Museo, dunque, è dunque quello di divulgare la conoscenza dei prodotti regionali di qualità e favorire lo sviluppo di relazioni tra produzione, distribuzione al dettaglio e filiera corta. Segno evidente del rapporto che il Museo ha consolidato nel tempo con il territorio è la partecipazione attiva degli operatori economici aderenti alla rete Amici del MAEC, attraverso la degustazione delle proprie specialità gastronomiche. Il successo di questa iniziativa è dovuto proprio alla capacità di fare rete tra la valorizzazione del territorio, i beni culturali, le eccellenze enogastronomiche ed artigianali.Il MAEC esporrà anche in esclusiva due antichi documenti legati al vescovo cortonese Giovanni Sernini e alla sua famiglia: la preziosa pergamena contenente la Bolla dell'imperatore Massimiliano d'Asburgo per la concessione del diploma di Conte Palatino e di Nobile del Sacro Romano Impero a Giovanni Sernini a seguito del suo impegno, nel 1518, come legato pontificio in Germania  nella mediazione con il mondo nordico influenzato dallo scisma di Lutero. La pergamena, insieme al grande sigillo imperiale che l’accompagnava, è stata donata da Marcella Sernini Cucciatti all'Accademia Etrusca di Cortona la scorsa estate. Il libro d'oro del Patriziato di Cortona con lo stemma della nobile famiglia dei Sernini Cucciatti. Visto il successo riscosso nella scorsa edizione, anche l'1 di gennaio 2017 sarà riproposta in esclusiva la visita guidata all'antica Biblioteca dell'Accademia Etrusca, normalmente chiusa al pubblico. Alle 11,30 le sale saranno pervase dalla magia del Gospel con l’intervento del coro Serenity Singers, a cui seguirà l’ormai consueto  taglio della Torta Maec. Un occasione unica per iniziare il nuovo anno in eleganza, degustando le eccellenze del territorio  in un ambiente unico e raffinato. La Colazione al Museo sostiene l'associazione “I love Norcia”.
 
Prevendita biglietti Terretrusche a Cortona, tel  0575605287 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.<br/> FONTE: (newsageagro.it)

  • Pubblicato in Salute

Obama vs Putin: sanzioni per gli hackeraggi durante le presidenziali

Il presidente americano annuncia sanzioni contro gli hacker russi che hanno turbato le elezioni presidenziali. Putin non ci sta e annuncia ritorsioni.


ULtime Notizie Tg Live:

Il presidente uscente degli Stati Uniti annuncia pesanti sanzioni nei confronti della Russia a causa degli hackeraggi ai danni del partito Democratico americano durante le elezioni presidenziali, che hanno visto il trionfo di Donald Trump. La prima azione messa in atto è l'immediata espulsione di 35 diplomatici russi perchè "persone non gradite" all'America. Nella realtà si tratta di Ufficiali russi molto probabilmente legati ai servizi segreti che, secondo il dipartimento di stato americano hanno abusato del loro status di diplomatici per compiere azioni poco chiare agli occhi del presidente Obama. Putin non fa attendere la sua risposta e attraverso un suo portavoce, ribadendo che la Russia è totalmente estranea ai gravi atti di pirataggio informatico, aggiungendo che questo modo di operare degli Stati Uniti danneggia ulteriormente i rapporti e posticipano i tanto annunciati accordi bilaterali tra le due super potenze. "Sanzioni dovute che arrivano dopo numerosi ammonimenti rivolti al overno russo" queste le parole del presidente Obama che sembra viaggiare su una strada a senso contrario rispetto al suo futuro sucessore Donald Trump. Un futuro presidente che vuole tornare a stringere forti legami politici/economici con la Russia di Putin, così da favorire gli interessi americani. Infatti il New York Times, riporta in un articolo che le ritorsioni decise da Obama sono anche l'ennesima durissima risposta del presidente uscente al suo successore. Questa azione porterà senza alcun dubbio il fututro presidente a prendere delle dure decisioni all'indomani del suo insediamento del 20 Gennaio prossimo. Revocare le sanzioni vorrebbe dire mettersi contro quella parte dei repubblicani che vedono di buon occhio l'apertura di un'inchiesta sul caso e smentire di fatto tutte le prove portate dalla CIA che ha portato a termine le indagini. Queste sono solo alcune delle azioni pubblicizzate dal dipartimento di stato, altre saranno messe in atto e non pubblicizzate così da non destabilizzare un governo già alle prese con un duro cambiamento.

  • Pubblicato in Esteri

Pilota della Marina: In arrivo la pubblicazione del bando di concorso

A breve sarà pubblicato il concorso per la 1^ classe dell’Accademia Navale di Livorno per l’anno 2017. Saranno reclutati 108 allievi ufficiali dei Ruoli Normali, dei quali 65 per il corpo di Stato Maggiore. - (VIDEO)


A breve sarà pubblicato il concorso per la 1^ classe dell’Accademia Navale di Livorno per l’anno 2017.

Saranno reclutati 108 allievi ufficiali dei Ruoli Normali, dei quali 65 per il corpo di Stato Maggiore. Tra gli ufficiali del corpo di Stato Maggiore, terminato il ciclo di studi in Accademia Navale, saranno selezionati quelli che entreranno a far parte delle componenti specialistiche, tra cui i Piloti.

Essere pilota della Marina significa intraprendere un percorso formativo d'eccellenza.

Dopo un'intenso percorso addestrativo presso le scuole di volo della US Navy, i piloti di aviogetti, che negli Stati Uniti conseguono l'abilitazione al volo sul velivolo AV8B, rientrano in Italia e cominciano il loro addestramento presso il Gruppo Supporto Aerei Imbarcati (GRUPAER) di Grottaglie. I piloti si confrontano con le regole di volo italiane e studiano le tattiche aeree al combattimento aria-aria; inoltre cominciano ad interagire con le unità della Marina, conseguendo la capacità di appontaggio (Carrier Qualification).

I piloti di elicottero, invece, al rientro dalle scuole di volo americane, seguono differenti iter formativi a seconda delle necessità della Forza Armata, conseguendo l’abilitazione al volo sugli aeromobili EH-101 o SH-90 presenti nelle basi aeronavali di Luni-Sarzana, Grottaglie e Catania.

Conseguite le prime qualifiche all'impiego operativo, comincia l'entusiasmante avventura a bordo delle unità della Squadra Navale della Marina, dove si conseguono le qualifiche per partecipare alle operazioni reali, che permetterà di acquisire la specifica "caratteristica" nella forma di lotta antisommergibile (ASW) o eliassalto navale (EA).

Se anche tu vuoi metterti alla prova, fare del mare il tuo futuro e diventare un professionista del mare come ufficiale pilota della Marina, scegli l'Accademia Navale.<br/>Il bando di concorso sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, indicativamente nella prima decade di gennaio 2017.

I posti a concorso saranno così ripartiti:

Concorso per 108 posti per i Corpi vari, così ripartiti:

65 per il Corpo di Stato Maggiore;
22 per il Corpo del Genio della Marina (*);
6   per il Corpo di Commissariato Militare Marittimo;
15 per il Corpo delle Capitanerie di Porto;
 

Concorso per 7 posti per i Corpo Sanitario Militare Marittimo
(*) I 22 posti per il Corpo del Genio della Marina saranno ripartiti fra le seguenti tre specialità: 9 per la specialità del Genio Navale; 7 per la specialità delle Armi Navali e 6  per la specialità Infrastrutture.

Ciascun concorrente può chiedere di partecipare a uno solo dei precitati concorsi
Rispetto al concorso del 2016, per l’ammissione di 115 giovani alla 1^ classe dell’Accademia Navale per l’anno 2017, saranno introdotte le seguenti principali novità:

due sole linee concorsuali (anziché tre), la prima per Corpi vari (comprensivi del Corpo di Stato Maggiore) e la seconda per il Corpo Sanitario;
possesso del requisito del visus corretto 10/10 per l’idoneità al Corpo di Stato Maggiore (in luogo del visus naturale 10/10);
incremento della durata della prova scritta di cultura generale (da 75’ a 90’);
differenziazione per sesso dei parametri delle prove di efficienza fisica obbligatorie;
partecipazione dei concorrenti che non abbiano compiuto il 22° anno di età alla data del termine stabilito per la presentazione delle domande (anziché alla data del 31 ottobre 2017).<br/>
 

Domanda e requisiti di partecipazione
La domanda di partecipazione al concorso potrà essere presentata nel sito on line della Difesa dal giorno successivo a quello di pubblicazione del bando e per una durata complessiva di 30 giorni. Potrà proporre domanda il giovane in possesso dei requisiti previsti dal bando di concorso, in particolare:

alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, avere compiuto il 17°, non aver compiuto il 22° anno di età;
aver conseguito o essere in grado di conseguire al termine dell’anno scolastico 2016-2017 un diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale

FONTE:(http://www.marina.difesa.it/)

Lavoro: "L'avvocato risponde" - 11° puntata

"I BUCHI CONTRIBUTIVI" Il giuslavorista Davide Pollastro risponde ai quesiti dei nostri lettori e affronta i problemi che riguardano il tema occupazionale - (VIDEO)


Il giuslavorista Davide Pollastro fornisce pareri, consigli e valutazioni qualificate a chi gli sottopone le domande sui propri casi lavorativi personali.
In questa puntata si spiega cosa fare in caso di buchi contributivi.

Capodanno a Milano, città pronta ad accogliere il 2017

Tutto pronto per salutare il 2016 ed entrare nel 2017 con un grande spettacolo gratuito in piazza Duomo a Milano.


Sarà Mario Biondi, artista famoso in tutto il mondo per la sua voce e la sua anima soul, la star della serata del 31 dicembre, preceduto da Annalisa, stella della musica pop.

Lo show terminerà entro mezzanotte e mezza. Per consentire a tutti di lasciare a casa l’auto e utilizzare i mezzi pubblici dopo il concerto, per rientrare o per spostarsi verso i molti locali e teatri che hanno organizzato feste e veglioni, sabato 31 dicembre il servizio delle linee metropolitane M1, M2, M3 e M5 sarà prolungato sulle tratte urbane – fino a Molino Dorino sulla M1 e fino a Cascina Gobba e Abbiategrasso sulla M2 – con gli ultimi passaggi in centro intorno alle 2 di notte.

Per questioni di sicurezza, è stata disposta dalle Forze dell’Ordine la chiusura nel pomeriggio della fermata M1 e M3 Duomo: saranno utilizzabili dunque le stazioni San Babila e Cordusio per la M1 e Missori e Montenapoleone per la M3.

Le 15 linee della rete notturna saranno normalmente attive. Gli AtmPoint di Duomo, Cadorna, Garibaldi, Centrale, Loreto e Romolo resteranno aperti fino alle 13.30 del 31 dicembre.  Si ricorda che i biglietti sono acquistabili anche su Atm Milano Official App o inviando un sms al 48444.

Per garantire una fruizione più tranquilla della piazza, il presidio di Polizia locale, Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili del Fuoco e Protezione civile e personale di Areu 118 inizierà nel pomeriggio. Saranno 7 i varchi di accesso alla piazza con i volontari delle associazioni coordinati dalla Protezione Civile comunale e di Città metropolitana (si consiglia di arrivare in anticipo per evitare code ai controlli). La zona del sagrato del Duomo sarà riservata a persone con disabilità e ai loro familiari.

Per assicurare il normale svolgimento della serata e tutelare l’incolumità pubblica, a partire dalle ore 15 del 31 dicembre fino alle ore 2 del 1° gennaio 2017, nell’area di piazza Duomo e Galleria Vittorio Emanuele II non si potranno vendere per asporto, introdurre e utilizzare contenitori in vetro. Inoltre sarà vietato l’uso di fuochi d’artificio, petardi, botti e razzi pirotecnici. In particolare l’area interessata sarà quella compresa tra piazza del Duomo angolo via Mazzini, Duomo angolo via Mengoni, Duomo angolo via San Raffaele, via Arcivescovado angolo piazza Reale, via Marino angolo Galleria Vittorio Emanuele II, via Foscolo angolo Galleria Vittorio Emanuele II, via Silvio Pellico.

Davanti a Palazzo Reale sarà inoltre allestito un posto di Comando Avanzato con una tenda dalla quale verranno coordinate tutte le operazioni per garantire la sicurezza nella piazza. Sarà anche allestito un presidio sanitario fisso con personale medico dedicato e mezzi di soccorso organizzati con 6 autoambulanze e 10 squadre a piedi organizzato e gestito da Areu 118.

Per assicurare il decoro dell’area, Amsa ha previsto un presidio di uomini e mezzi già a partire dal pomeriggio del 31 dicembre. In particolare, saranno posizionati 21 cassonetti per lo smaltimento di vetro e plastica in corrispondenza dei varchi, mentre in piazzetta Reale verranno raccolti i materiali pirotecnici vietati. Durante l’evento la pulizia sarà garantita dal passaggio di operatori con carrellini.

Al termine del concerto, interverranno le spazzatrici aspiranti e meccaniche per ripristinare il decoro della piazza.

31 Dicembre: Capodanno blindato nelle grandi città

Il capodanno nelle grandi città si festeggerà tra telecamere, fioriere anti-sfondamento, tiratori scelti,barriere betafence, nuove misure tecnologiche con una richiesta ai cittadini "#dacciunamano"


Il ministro dell’Interno Marco Minniti non vuole parlare di "potenziale rischio come a Berlino" ma di prevenzione, dicendo "... siamo molto occupati ma non siamo preoccupati. La guardia è altissima, abbiamo un importante sistema di sicurezza in campo , con l’obiettivo di garantire la massima tranquillità agli italiani a Capodanno". Scesi in campo agenti in borghese accompagnati da specialisti delle Unità operative antiterrorismo e pattuglie di tiratori scelti. Il Ministro ribadisce che il controllo antiterrorismo in Italia funziona bene e lo dimostrano gli ultimi fatti di Milano: "Il modello di controllo del territorio funziona bene, come ha dimostrato l’individuazione dell’attentatore di Berlino in fuga in Italia, non si sottovalutiamo nulla, ma al tempo stesso è giusto consentire ai cittadini di vivere serenamente le loro vacanze". A Milano, in piazza del Duomo, saranno attive telecamere ad alta definizione, tiratori scelti e agenti in borghese con uno speciale smartphone per la "diretta" delle immagini. In tutto questo scenario l'Antiterrorismo della Polizia e il Ros dei Carabinieri continuano ad essere in allerta rossa e sorvegliano da vino diverse decine di persone in ambienti radicali. Giovedì, nuova espulsione di un 22enne tunisino, Bendhiab Nasreddin, che, secondo gli investigatori aveva ricevuto dall’estero indicazioni su un possibile attentato in Italia. Contemporaneamente è stato arrestato un marocchino di 52 anni R. A, aveva provocato una rissa in una mensa Caritas al grido di «Allah Akbar». Proseguono anche le indagini sui movimenti in Italia di Anis Amri, l’attentatore di Berlino ucciso a Milano in uno scontro a fuoco con due poliziotti. Secondo Minniti Amri si stava muovendo in Italia senza dei veri e propri agganci con cellule del terrorismo islamico ma come un Lupo Solitario.

Oltre a tutti i controlli del territorio il viminale gioca anche la carta della partecipazione collettiva e lancia un appello ai cittadini "#dacciunamano" invitando tutti a telefonare a polizia e carabinieri, per segnalare anche solo percezioni di situazioni anomale o allarmanti.

Quindi ci raccomandiamo #dacciunamano

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS