updated 2:03 PM UTC, Apr 14, 2021

Crisi di governo, Salvini: "Teatrino disgustoso tutto di sinistra. Renzi, Pd e M5S si rimetteranno insieme" (VIDEO)

Il leader della Lega in tv: "A Mattarella diremo che se c'è un esecutivo che governa bene, altrimenti si vada al voto"


"Potrebbe anche finire che si rimettono tutti insieme, il Pd, il Movimento 5 Stelle e Renzi. Sono pronto a scommettere, magari lo fanno cambiando tre ministeri". Lo dice Matteo Salvini, ospite di Agorà, su Rai3, che oggi salirà al Quirinale nel terzo giorno di consultazioni. "Gli italiani - aggiunge - si chiederanno allora perché è stato fatto questo".

"Abbiamo bisogno di un governo che governi, a Mattarella diremo che se c'è un governo che governa bene, lo ribadiremo con la massima serenità, noi siamo pronti a portare avanti le nostre proposte" sulla vita reale, ha poi aggiunto Salvini riferendosi alle "proposte di legge per l'azzeramento delle cartelle di Equitalia, per salvare quota cento", "altrimenti, c'è il voto".

"Il centrodestra si è dimostrato serio e compatto, governiamo 14 regioni su 20. Sono contento, nelle differenze di culture e sensibilità", ha poi sottolineato ribadendo la necessità di "un governo a guida centrodestra, alternativo a Pd e Cinque Stelle, che mette al centro taglio tasse, salvataggio di quota cento". "Io non sto dialogando con Renzi", assicura poi smentendo retroscena che parlando di un suo asse con il leader di Italia Viva. "Renzi - spiega - ha fatto nascere questo governo, quello che gli italiani stanno subendo, questo teatrino disgustoso, è tutto made in sinistra". "Renzi - conclude - lo vedo in Senato, come incontro tanti altri colleghi senatori". (VIDEO)

 

(Fonte: Adnkronos)

Crisi di governo e dimissioni di Conte, le 5 ipotesi in campo

Dopo che il presidente del Consiglio ha rassegnato le dimissioni davanti al Capo dello Stato, al via le consultazioni al Quirinale da oggi pomeriggio a venerdì. Il duo Salvini-Meloni considera il ritorno al voto la via maestra, ma intanto al Senato si è costituito il gruppo dei cosiddetti "Responsabili" o "Costruttori", che ha scelto il nome di "Europeisti-Maie-Centro democratico", formato da dieci parlamentari pronti a sostenere il terzo reincarico dell'avvocato. Non si escludono però altre soluzioni


Var, assenze e senatori a vita: ecco perché Conte non ha i voti -  IlGiornale.it

Con le dimissioni del premier Giuseppe Conte la crisi di governo entra nella fase cruciale. Al Senato è nato un gruppo di responsabili, gli Europeisti-Maie-Centro democratico Nel giorno in cui iniziano le consultazioni del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sono diversi gli scenari all'orizzonte: dal Conte ter fino alle elezioni. Queste, al momento, le ipotesi più accreditate.

CONTE TER

E' la soluzione auspicata dal premier dimissionario, ma i numeri al momento non sembrano dalla sua parte. Soprattutto al Senato. Per tenere in piedi la maggioranza, infatti, resta decisivo Matteo Renzi: una constatazione che rende fragili i nervi dell'intera maggioranza, dal Pd a Leu, passando da M5S allo stesso Conte. I numeri a Palazzo Madama sono infatti fermi sotto quota 10 e le dimissioni di Conte non hanno portato alla svolta auspicata dai 'pontieri'.

GOVERNO GUIDATO DA UN TECNICO

E' una delle ipotesi che sta prendendo corpo in queste ore sulla scia del cosiddetto 'modello Ciampi', ossia il governo guidato nel 1993 dall'allora Governatore della Banca d'Italia. I nomi che girano sono sempre gli stessi: Carlo Cottarelli, Marta Cartabia e Luciana Lamorgese, con le due donne in pole, mentre l'ipotesi Mario Draghi sembra tramontare.

UN POLITICO AL POSTO DI CONTE

Al momento appare complessa la possibilità di sostituire Conte con un politico. I nomi di Luigi Di Maio e Stefano Patuanelli, considerati i 'papabili' del Movimento 5 Stelle, difficilmente avrebbero l'avallo del Partito Democratico. E sull'altro versante, i pentastellati non potrebbero metabolizzare un premier dem.

GOVERNO DI UNITA' NAZIONALE

L'idea è stata lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi: un governo formato dalle principali forze politiche per traghettare il Paese fuori dall'emergenza alimentata dalla pandemia di Covid, prima di ridare la parola agli italiani. E' un'opzione che tuttavia non sembra scaldare le diverse anime del centrodestra, a cominciare da Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni che si è espressa chiaramente per il ritorno alle urne.

ELEZIONI

Il ritorno alle urne è l'extrema ratio e allo stesso tempo un'ipotesi che ad oggi è tutt'altro da scartare. Se la crisi di governo non si riuscisse a ricomporre, al presidente Mattarella non resterebbe che sciogliere le Camere e indire le elezioni. Per alcune forze politiche, dalla Lega di Matteo Salvini a FdI di Giorgia Meloni, sarebbe proprio questa la strada da percorrere.

 

(Fonte: Adnkronos)

 

Conte si è dimesso, domani al via le consultazioni al Quirinale. Cosa succede adesso? Tra Responsabili, unità nazionale ed elezioni (VIDEO)

È ufficiale: Giuseppe Conte ha rassegnato le dimissioni. Trenta minuti al Colle per comunicare la decisione di lasciare il governo al capo dello Stato. Che si è riservato di decidere e "ha invitato l'esecutivo a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti". Da domani pomeriggio inizieranno le consultazioni per la formazione del nuovo governo. Pd, M5S e Leu si stringono attorno al premier per un reincarico, Italia Viva resta compatta. Berlusconi: "Governo di unità o si vada alle elezioni". I dubbi nel centrodestra sulle urne - (VIDEO)


Giuseppe Conte ha consegnato le sue dimissioni nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Conte è uscito in auto dal Quirinale da mezz'ora dal suo arrivo. Dopo il Colle, prima a Palazzo Giustiniani per incontrare la Presidente del Senato, Elisabetta Casellati, poi il premier dimissionario è andato alla Camera dei deputati per il colloquio con il presidente Roberto Fico. Conte aveva già comunicato le dimissioni nel CdM di questa mattina. Un CdM che, a quanto si apprende, si è chiuso con un momento "molto affettuoso" e gli applausi dei ministri al premier.

"Ringrazio l'intera squadra di governo, ogni singolo ministro, per ogni giorno di questi mesi insieme", avrebbe detto Conte.

Le consultazioni per la formazione del nuovo governo partiranno domani pomeriggio, ha annunciato il segretario generale del Quirinale Ugo Zampetti. Il presidente della Repubblica si è riservato di decidere e ha invitato il Governo a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti.

"È il momento della verità, in queste ore capiremo chi difende e ama la Nazione e chi invece pensa solo al proprio tornaconto. Il MoVimento 5 Stelle rimane il baricentro del Paese e insieme al presidente Giuseppe Conte offriremo il nostro contributo per la stabilità. Questo è il nostro impegno, a questo fine stiamo lavorando. Rendiamoci conto di ciò che sta succedendo in Italia". Lo scrive il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio sottolineando che Conte "ha appena rassegnato le dimissioni per via di una crisi di governo senza alcun senso".

I capi delegazione del M5s Alfonso Bonafede, del Pd Dario Franceschini e di Leu Roberto Speranza avrebbero ribadito in Consiglio dei ministri il loro sostegno a Giuseppe Conte, dopo che il presidente del Consiglio ha comunicato la sua decisione di dimettersi.

Abbiamo affrontato la pandemia e una delle fasi più difficili della storia repubblicana "al meglio delle nostre capacità e crediamo con molti risultati positivi, grazie alla guida del presidente Conte e al sostegno delle nostre forze politiche", avrebbe detto, a quanto si apprende, Dario Franceschini in Cdm. "Questo cammino ci consente oggi di pensare a questa maggioranza anche in prospettiva, come una area di forze riformiste alleate non solo temporaneamente. Per questo è fondamentale salvare questa prospettiva anche nel percorso della crisi che abbiamo davanti".

"Credo che il Pd abbia dimostrato di essere un partito di grandissima respnsabilità - così la vicepresidente del Pd Deborah Serracchiani allo speciale Tg1 -, il Pd è unito e c'è bisgno di essere un punto fermo in un percorso strettissimo e complicato. Abbiamo bisogno di rilanciare l'azione di governo e lo abbiamo detto anche prima di questa crisi che è incomprensibile. Il punto imprescindibile è Conte e bisogna allargare e rilanciare l'azione di governo". "Nessuno può mettere veti a nessuno e in politica mai dire mai. La crisi è una battuta di arresto che ci preoccupa imemsamente, e prendiamo atto che lo steso Renzi ha detto che non ci debbano essere veti su Conte. Cerchiamo di fare ragionamenti solidi in tempi brevi". 

Un messaggio arriva ancha dal presidente Cei. La Chiesa "non è di questa o di quell'altra parte - ha detto il card. Gualtiero Bassetti -. Quello che ci sta a cuore è il bene di ogni persona e di ognuno insieme agli altri, quello di cui c'importa è la vita delle persone, quello che sosteniamo è il nostro Paese". "Guardiamo con attenzione e preoccupazione alla verifica politica in corso in uno scenario già reso precario dalla situazione che stiamo vivendo. Auspichiamo che la classe politica collabori al servizio dei cittadini, uomini e donne, che ogni giorno in tutta Italia lavorano in operoso silenzio e che si giunga a una soluzione che tenga conto delle tante criticità".

 

(Fonte: Ansa)

Crisi di governo, il centrodestra da Mattarella: "Preoccupati per il Paese, Conte senza maggioranza. Impossibile lavorare con questo Parlamento".

Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Antonio Tajani ricevuti dal Presidente della Repubblica. Per rispetto del Colle non è stato chiesto esplicitamente il voto, ma di fronte al Capo dello Stato i leader dell'opposizione hanno fatto intendere chiaramente che non esistono le condizioni per tenere in vita una legislatura senza una guida politica credibile. La via maestra dunque rimane quella delle urne


Nella nota congiunta diffusa dal centrodestra dopo l'incontro al Colle non c'è espressamente la parola voto, ma, raccontano, Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani, sarebbero stati compatti nel chiedere le urne di fronte a un governo Conte agonizzante. "Con questo Parlamento è impossibile lavorare", si legge.

"Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani hanno manifestato al Presidente della Repubblica - a nome dell’intero centrodestra - la grande preoccupazione per la condizione dell’Italia: mentre emergenza sanitaria ed economica si abbattono su famiglie e imprese, il voto di martedì ha certificato l’inconsistenza della maggioranza. È convinzione del centrodestra che con questo Parlamento sia impossibile lavorare", spiegano i leader. "Il centrodestra ha ribadito al presidente della Repubblica la fiducia nella sua saggezza", si legge ancora.

Un concetto ribadito ai tg da Meloni, quella che più spinge per urne subito: "La nostra convinzione è che il problema non sia semplicemente il Governo ma questo Parlamento, che non può risolvere i problemi della Nazione e che non può dare all'Italia una maggioranza compatta per fare le cose coraggiose delle quali c'è bisogno".

Durante il colloquio al Quirinale, durato circa un'ora, il capo dello Stato Sergio Mattarella, raccontano, avrebbe ascoltato i leader dell'opposizione e preso atto delle loro richieste senza fare commenti o dare indicazioni sulla crisi in atto.

Per Lega Fdi e Fi non c'è in campo nessun Conte bis riveduto e corretto o Conte ter, perché l'attuale premier non ha i numeri per andare avanti, come dimostrato dal doppio passaggio formale in Parlamento, in particolare dai 156 sì al Senato. Si tratta di un 'governo di minoranza' che, avrebbero fatto presente i leader del centrodestra, fa acqua da tutte le parti e non può affrontare un'emergenza economica e sanitaria senza precedenti. Per il centrodestra non è solo un problema di governo, c'è anche un Parlamento che rischia di essere paralizzato e di non lavorare.

 

(Fonte: Adnkronos)

Sorteggi Champions League, la Juve si frega le mani, incubi per Lazio e Atalanta. In EL urne tranquillizzanti per le italiane: Milan a Belgrado tra vecchi ricordi e il "cugino" Stankovic

Champions League, ecco gli ottavi di finale: Porto-Juve, Atalanta-Real e Lazio-Bayern. Sedicesimi di Europa League: Stella Rossa-Milan, Braga-Roma e Granada-Napoli. Tra le altre super sfide Barcellona-Psg e Atletico Madrid-Chelsea


L'urna di Nyon ha stabilito gli accoppiamenti degli ottavi di Champions. Una "pesca" fortunata per le italiane? Insomma... Alla Lazio di Inzaghi tocca forse l'avversaria più difficile: il Bayern Monaco. L'Atalanta se la vedrà col Real Madrid che nel girone ha sconfitto due volte l'Inter. Mentre la Juve pesca la squadra, sulla carta, più abbordabile: il Porto.

Ecco gli accoppiamenti delle italiane. Tra le altre super sfide Barcellona-Psg e Atletico Madrid-Chelsea

JUVE

I bianconeri di Pirlo, grazie al primo posto strappato nell'ultima partita del girone al Barcellona, hanno evitato gli abbinamenti più insidiosi come Bayern, City, Liverpool, Chelsea, Psg, Real e Dortmund. E col Porto il bilancio è favorevole. La Juve nei precedenti non ha mai perso con la squadra lusitana. Anzi. Nel 1983-84 battendo il Porto in finale ha pure conquistato una Coppa delle Coppe. In tempi più recenti, nei gironi del 2001-02 (una vittoria e un pari), e negli ottavi del 2016-17, doppia vittoria.

ATALANTA

La squadra di Gasperini era in seconda fascia. E dovrà vedersela contro il Real Madrid. I due club non si sono mai affrontati. I bergamaschi vantano solo due precedenti (fortunati) contro squadre spagnole in Europa: 4-1 e 4-3 nella scorsa edizione di Champions contro il Valencia.

LAZIO

Come la squadra di Gasperini, anche la Lazio era in seconda fascia. E ha pescato l'avversaria più dura e temibile, il Bayern Monaco campione d'Europa in carica. I biancocelesti, nella loro storia, non hanno mai giocato contro i bavaresi.

DATE E PROSSIMO SORTEGGIO

Le squadre teste di serie (cioè le prime dei gironi) hanno il vantaggio di giocare la partita di ritorno in casa. Le partite di andata degli ottavi sono in programma il 16/17/23/24 febbraio, con le gare di ritorno il 9/10/16/17 marzo. Il fischio d'inizio è alle 21. Il sorteggio per quarti, semifinali e finale si svolgerà il 19 marzo.



Sedicesimi Europa League: Stella Rossa-Milan, Braga-Roma e Granada-Napoli

Le tre squadre italiane, che hanno vinto il rispettivo girone ed erano tra le teste di serie, possono sorridere

Dopo il sorteggio degli ottavi di Champions League è stato il turno di quello dei sedicesimi di Europa LeagueMilan, Napoli e Roma, che erano tra le teste di serie per aver passato il proprio girone da prime in classifiche, possono sorridere perché hanno evitato le squadre sulla carta più temibili come Benfica, Salisburgo e Real Sociedad. La squadra di Pioli se la vedrà, in una sfida carica di tradizione, con la Stella Rossa, mentre quella di Fonseca sfiderà i portoghesi del Braga. Sorride un pochino meno Gattuso, nell'urna di Nyon il Napoli ha pescato gli spagnoli del Granada

I SEDICESIMI
Giovedì 18 febbraio, ore 18.55/Giovedì 25 febbraio ore 21
Wolfsberger-Tottenham
Dinamo Kiev-Club Brugge
Real Sociedad-Manchester United
Stella Rossa-MILAN
Slavia Praga-Leicester
Braga-ROMA
Krasnodar-Dinamo Zagabria
Young Boys-Leverkusen
Olympiacos-Psv Eindhoven

Giovedì 18 febbraio ore 21/Giovedì 25 febbraio, ore 18.55
Anversa-Rangers
Salisburgo-Villarreal
Benfica-Arsenal
Molde-Hoffenheim
Granada-NAPOLI
Lille-Ajax
Maccabi Tel Aviv-Shakthar Donetsk

 

Dai sedicesimi in poi, come ricordato dal segretario generale della Uefa Giorgio Marchetti, nella competizione verrà introdotto l'utilizzo del VAR

 

(Fonti. gazzetta.it e sportmediaset.mediaset.it)

 

Voto in Lombardia, tutte le sfide nei Comuni alle urne il 20 e 21 settembre: dai capoluoghi Lecco e Mantova a Legnano e Saronno, da Vigevano e Voghera ai grandi centri dell'hinterland milanese

Domenica 20 e lunedì 21 settembre in 84 Comuni della Lombardia si voterà per le elezioni amministrative 2020. Complessivamente sono oltre 675mila i cittadini lombardi che dovranno recarsi alle urne per eleggere sindaci e consigli comunali. Si vota in due comuni capoluogo di provincia, Lecco e Mantova, e in 15 grosse cittadine con oltre 15mila abitanti


Come il Coronavirus ha stravolto il calendario elettorale italiano -  YouTrend

Il conto alla rovescia è partito. Oltre al Referendum Costituzionale sulla riduzione del numero dei Parlamentari (il quarto referendum costituzionale della storia della Repubblica Italiana), in Lombardia si voterà per le Elezioni comunali 2020. Alle urne si andrà domenica 20 (dalle 7 alle 23) e lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15). Nei Comuni con popolazione superiore ai 15mila abitanti, qualora nessun candidato sindaco ottenga al primo turno la maggioranza assoluta dei voti validi (il 50 per cento più uno) si tornerà a votare per il ballottaggio tra i due candidati più votati, che si terrà domenica 4 e lunedì 5 ottobre. I seggi elettorali saranno aperti domenica 20 settembre dalle ore 7 alle 23 e lunedì 21 settembre dalle ore 7 alle 15.

Si vota complessivamente in 84 Comuni, di cui due capoluoghi di provincia (Lecco e Mantova), 15 con popolazione superiore ai 15mila abitanti e 69 con meno di 15mila abitanti. Nei Comuni più piccoli non è previsto l'eventuale turno di ballottaggio, che si terrà il 4 e 5 ottobre. Complessivamente gli elettori lombardi chiamati al voto per eleggere sindaci e consigli comunali sono 675.451, mentre le sezioni che verranno allestite sono 767. L'unica provincia lombarda in cui non andrà al voto nessun Comune è quella di Monza e Brianza.


Milano
Nel Milanese sono 9 i Comuni al voto. Tra questi, ci sono 6 grossi Comuni con oltre 15mila abitanti interessati dalle amministrative: Bollate, Cologno Monzese, Corsico, Legnano, Parabiago e Segrate. A questi si aggiungono altri tre comuni più piccoli: Baranzate, Cuggiono e Vittuone.

Bergamo
Sono 13 i Comuni al voto in provincia di Bergamo, tutti con una popolazione inferiore ai 15mila abitanti: Almè, Borgo di Terzo, Cene, Cividate al Piano, Clusone, Colere, Fuipiano Valle Imagna, Gazzaniga, Mezzoldo, Oneta, Parzanica, Sorisole e Valleve.

Brescia
In provincia di Brescia sono 8 i Comuni al voto, due dei quali (Lonato del Garda e Rovato) contano oltre 15mila abitanti. Alle urne, dunque, andranno Capriano del Colle, Corte Franca, Lonato del Garda, Magasa, Quinzano d'Oglio, Roncadelle, Rovato e Travagliato.

Como
Sono 10 i Comuni al voto in provincia di Como, tutti con popolazione inferiore ai 15mila abitanti. Tra i paesi che dovranno eleggere il nuovo sindaco anche Campione d'Italia, exclave italiana in Svizzera, alle prese con una difficile situazione per via della crisi legata al casinò. Ecco dove si andrà alle urne: Asso, Campione d'Italia, Casnate con Bernate, Domaso, Lambrugo, Lipomo, Montorfano, Plesio, Turate e Valsolda.


Cremona
Soltanto 3 i comuni al voto, tutti molto piccoli, in provincia di Cremona: Corte de' Frati, Persico Dosimo e Soncino.

Lecco
Nel Lecchese sono 7 i Comuni al voto, tra cui proprio Lecco, capoluogo di provincia. Gli altri sei paesi coinvolti contano meno di 15mila abitanti. Ecco dove si andrà alle urne: Ballabio, Calco, Esino Lario, La Valletta Brianza, Lecco, Mandello Del Lario e Sueglio.

Lodi
Nel Lodigiano si vota solo in due Comuni, che contano poco più di 4000 abitanti in totale: Borgo San Giovanni e Santo Stefano Lodigiano.

Mantova
Nel Mantovano si vota in cinque Comuni: nel capoluogo Mantova, a Curtatone, Castel d'Ario , Monzambano e Viadana.

Pavia
Nel Pavese sono 8 i Comuni al voto. Due, Vigevano e Voghera, i comuni più grandi. Poi, Miradolo Terme, Pieve del Cairo, Pizzale, Silvano Pietra, Vellezzo Bellini e Vistarino.

Sondrio
In provincia di Sondrio sono 8 i Comuni al voto, tutti però molto piccoli: Cercino, Civo, Madesimo, Mazzo di Valtellina, Novate Mezzola, San Giacomo Filippo, Spriana e Talamona.

Varese
In provincia di Varese si vota in 11 Comuni, due dei quali (Saronno e Somma Lombardo) sono grossi centri con oltre 15mila abitanti. Poi, ci sono Casorate Sempione, Gemonio, Golasecca, Gorla Maggiore, Laveno-Mombello, Lonate Ceppino, Luino, Masciago Primo e Origgio.

 

(Fonte: Il Giorno)

E se si votasse oggi? Chi gode e chi piange: ecco dove tira il Vento settembre

I dati del Barometro politico di Demopolis, l'istituto diretto da Pietro Vento: "Oltre un quinto degli elettori ha modificato le proprie scelte di voto. Il peso complessivo delle 2 forze di Governo cresce dal 50% del 4 marzo al 62% odierno"


Se si votasse oggi, la Lega sarebbe con il 32% prima forza politica nel Paese: i mesi estivi hanno visto rafforzarsi il peso del partito di Salvini, cresciuto di quasi 15 punti dalle elezioni del 4 marzo. Circa 2 punti separano la Lega dal Movimento 5 Stelle, posizionato al 30,2%: sono i dati che emergono dal Barometro Politico di settembre dell’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento.

Restano lontani, in estrema difficoltà, il Partito Democratico al 17% e, soprattutto, Forza Italia all’8,5%, che cede ampi segmenti di elettorato alla Lega. Fratelli d’Italia è al 3%, LeU al 2,3%. Sotto il 2% le altre liste, con un’affluenza in lieve calo al 71%.

“Il voto in Italia resta mobile e incerto: in 6 mesi – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – oltre un quinto degli elettori ha modificato le proprie scelte di voto. Il peso complessivo delle due forze di Governo cresce dal 50% del 4 marzo al 62% odierno, mentre si riduce il consenso ai partiti di opposizione. Si tratta di equilibri destinati ad ulteriori evoluzioni, soprattutto in vista delle imminenti scelte per la legge di bilancio”.

Nella prima fotografia scattata dopo l’estate da Demopolis per il programma Otto e Mezzo, si conferma positiva la valutazione del 58% degli italiani sul Governo M5S-Lega; di parere diverso un terzo dei cittadini che esprime un voto negativo sull’Esecutivo, mentre il 9% preferisce per il momento sospendere il giudizio.

Dopo poco più di 100 giorni di Governo, l’Istituto Demopolis ha misurato la notorietà degli esponenti dell’Esecutivo: sono 8 i ministri conosciuti dalla maggioranza assoluta degli italiani. In testa i due vicepremier Matteo Salvini con il 96% e Luigi di Maio con il 95%; 3 su 4 indicano Danilo Toninelli. Notorietà molto alta, intorno al 70%, anche per Giulia Bongiorno e per il ministro della Salute Giulia Grillo; il 66% ha sentito parlare di Giovanni Tria, il 63% di Alfonso Bonafede. 6 su 10 di Paolo Savona. Citazioni inferiori al 50% – secondo il Barometro Politico Demopolis – per gli altri componenti del Governo Conte.

 

 

Nota informativa – L’indagine è stata condotta dall’11 al 12 settembre 2018 dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, per il programma Otto e Mezzo(LA7) su un campione stratificato di 1.500 intervistati, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne. Supervisione della rilevazione demoscopica di Marco E. Tabacchi. Coordinamento di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone.

Governo, tocca a Cottarelli: "Se ottengo la fiducia, si approva la legge di Bilancio con elezioni a inizio 2019. Se no si va alle urne dopo l'estate" (VIDEO)

Il presidente della Repubblica ha dato l'incarico all'ex commissario alla spending review di Renzi che si è messo subito al lavoro, ma a quanto si apprende non consulterà i partiti. L'economista ha promesso "una gestione prudente dei nostri conti pubblici e Un dialogo con l'Europa in difesa dei nostri interessi". La sua dichiarazione al Quirinale - (VIDEO)


Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha affidato l'incarico di formare il governo a Carlo Cottarelli che si è riservato di accettare. "Ce la metterò tutta. Il Presidente - ha detto l’ex commissario alla spending review dopo il colloquio con il capo dello Stato - mi ha chiesto di presentarmi in Parlamento con un programma che porti il Paese ad elezioni. Conto di presentare in tempi molto stretti la lista dei ministri al presidente della Repubblica".

"Mi presenterò in Parlamento con un programma che, in caso di fiducia - ha spiegato -, includa l'approvazione della legge di Bilancio per il 2019, dopo di che il Parlamento verrebbe sciolto con elezioni ad inizio 2019. In assenza di fiducia il governo si dimetterebbe immediatamente e il suo principale compito sarebbe la gestione dell'ordinaria amministrazione e di accompagnare il Paese ad elezioni dopo il mese di agosto". "Il governo - ha assicurato il premier incaricato - manterrebbe una neutralità completa rispetto al dibattito elettorale. Mi impegno a non candidarmi per le prossime elezioni e chiederò un simile impegno a tutti i membri del governo".

"Negli ultimi giorni - ha continuato - sono aumentate le tensioni sui mercati finanziari, tuttavia l'economia italiana è ancora in crescita e i conti pubblici rimangono sotto controllo". "Un governo da me guidato - ha aggiunto - assicurerebbe una gestione prudente dei nostri conti pubblici". "Un dialogo con l'Europa in difesa dei nostri interessi - ha affermato il presidente del Consiglio incaricato - è essenziale e possiamo fare meglio che in passato. Ma deve essere un dialogo costruttivo, nel pieno riconoscimento che, come Paese fondatore dell'Unione europea, il nostro ruolo nell'Unione resta essenziale, come resta essenziale la nostra continua partecipazione all'area dell'euro".

Al termine della rituale dichiarazione seguita all'accettazione dell'incarico, Cottarelli ha lasciato il Quirinale a bordo di un taxi, così come era arrivato, per recarsi a Montecitorio dove è stato ricevuto dal presidente della Camera Roberto Fico. Nel primo pomeriggio, intorno alle 15.30, andrà al Senato dalla presidente Elisabetta Casellati. Alla Camera in fretta e furia è stata allestita la sala dei Busti per consentire al premier incaricato di mettersi subito al lavoro. Cottarelli, da quello che si apprende, non dovrebbe tenere le consultazioni tra i partiti.

Ieri, a 84 giorni dal voto, è tramontato l'incarico che il presidente della Repubblica aveva affidato a Giuseppe Conte per la formazione di un governo M5S-Lega. Il no di Mattarella a Paolo Savona all'Economia ha fatto saltare tutto generando uno scontro istituzionale senza precedenti, con i 5 Stelle che si dichiarano pronti a chiedere l'impeachment per il capo dello Stato.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS