updated 5:12 PM UTC, Jan 15, 2021

Crisi di governo, che succede? Oggi Renzi "comunicherà la sua decisione". Intanto il Consiglio dei ministri approva il Recovery Plan, astenute le ministre di Italia Viva

La conferenza stampa convocata da Renzi nel pomeriggio alla Camera potrebbe certificare l'addio di Iv al governo. Per Conte impossibile un nuovo esecutivo con loro; ira dei 5Stelle: "Meschini politicanti"


Renzi mette una pietra sul Conte bis: "È finito, ora parliamo del dopo" -  IlGiornale.it

Il governo Conte II è a un passo dalla crisi. Il via libera nella notte al Recovery Plan da parte del Consiglio dei ministri, con l'astensione sul testo delle ministre di Italia Viva, non è servito a ricucire lo strappo all'interno della maggioranza. Al contrario, un ministro presente al confronto ha parlato all'Adnkronos di un clima "da requiem" in Cdm. Oggi Matteo Renzi comunicherà la sua decisione, se uscire o meno dal governo. La conferenza stampa del leader di Italia Viva con le ministre Bellanova e Bonetti e il sottosegretario Scalfarotto avrà luogo alle 17.30.

PALAZZO CHIGI E L'IRA DEL M5S

Secondo quanto trapelato ieri da Palazzo Chigi, se Renzi si assumerà la responsabilità di una crisi di governo in piena pandemia, per Conte sarà impossibile rifare un nuovo esecutivo con il sostegno di Italia Viva. Un concetto ribadito ieri con forza dagli esponenti del Movimento 5 Stelle. "Se Iv ritira le sue ministre le nostre strade si dividono" ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intercettato dall’Adnkronos. "Se aprono una crisi di governo, mai più a un tavolo con questi meschini politicanti", ha detto senza giri di parole Alessandro Di Battista in un post su Facebook nel quale ha definito Renzi e i renziani un "manipolo di anti-italiani".

"E' già pronto un esecutivo Conte-Mastella", ha detto ieri sera Renzi a Cartabianca. Per il leader di Italia Viva, infatti, il premier avrebbe "già l'accordo, i numeri per il nuovo esecutivo". Per Renzi il rimpasto " è un racconto fatto dai media ma è falso. Quando dicono che Renzi fa tutto per un ministro in più, io rispondo con la verità ma veline di palazzo Chigi sapientemente imbeccate" dicono il falso "tanto che stiamo ragionando di dimissioni e non di rimpasto". "Se si apre una crisi, il Parlamento troverà una soluzione, non si va a votare", ha detto Maria Elena Boschi a Porta a Porta, precisando che "l'ipotesi di un governo di centrodestra con Italia Viva non esiste".

RENZI: "PRONTO PER L'OPPOSIZIONE"

Anche per Renzi, in ogni caso, la strada sembra tracciata. "Evidentemente Conte ha trovato i 'Responsabili'. Vorrà dire che sarò all'opposizione e che farò un'opposizione diversa da Salvini e Meloni - è stato il commento di Renzi - Non volevo far fuori Conte, sono io che mi sono fatto fuori da questo governo, sullo spreco di denaro pubblico non ci metto la faccia. Penso che Conte sostituirà le ministre di Italia Viva che si dimetteranno e poi andrà alle Camere per chiedere la fiducia. Non so se prima si recherà al Quirinale, comunque quando avrà dei nuovi ministri farà il passaggio parlamentare".

 

(Fonte: Adnkronos)

Governo, il momento è critico. Conte: "Non temo voto sul Mes". Ma Renzi: "Se va sotto il premier dovrebbe dimettersi". Di Maio gioca in difesa: "Non diamo il fianco a chi vuole sostituire il presidente del Consiglio"

"Siamo in guerra con il virus, ma ora inizia la ricostruzione nel segno dell'Europa e sarà il mio governo a guidarla perché non cadrò sul Mes". Lo dice il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in un'intervista a Repubblica. "Guido un governo europeista, saremo protagonisti della riforma del Mes e del Recovery Fund assieme a Berlino e Parigi", afferma il premier, che assicura di non temere il voto del 9 dicembre in Parlamento sulla riforma del Mes "perché il M5S sta completando la svolta pro-Ue". E a chi nella maggioranza ipotizza rimpasti, Conte fa sapere che "dovete uscire allo scoperto e chiedere cosa volete"


Conte propone un deficit al 2,04%. L'accordo con la Ue è più vicino

Siamo in guerra con il virus e "l'Italia partecipa ai processi riformatori europei con un ruolo da protagonista e così sarà fino a quando avrò responsabilità di governo". Lo dice il premier Giuseppe Conte in una lunga intervista con La Repubblica.

"Non temo il voto sul Mes" sottolinea, perché il voto non sarà sull'attivazione del Salva-Stati "ma su alcune sue modifiche che, grazie anche al contributo dell'Italia, sono servite a migliorare un meccanismo già esistente dal 2012". A chi ipotizza rimpasti fa sapere: "dovete uscire allo scoperto e chiedere cosa volete". Fra i temi principali dell'intervista, c'è il Recovery Fund: lunedì con i Ministri se ne approverà il budget "con tutti gli appostamenti" e "approfondiremo anche la sessantina di progetti che hanno superato il vaglio preliminare e che sono ormai in dirittura finale. Li raggrupperemo in 17 clusters". Esprimeranno "una chiara visione del Paese" individuando, le "carenze strutturali del Paese" da superare. Lunedì "approveremo anche la struttura di governance con coordinamento presso la Presidenza del Consiglio". Vi sarà, "un comitato ristretto deputato a vigilare con costanza tutta la fase attuativa. Ne faremo parte io, il ministro dell'Economia e il ministro dello Sviluppo Economico". La supervisione tecnica dell'attuazione "sarà affidata a una struttura composta da sei manager, assistiti da uno staff dotato delle necessarie competenze professionali". Alcuni dei progetti "saranno centralizzati, altri avranno una dimensione capillare sul territori": dal potenziare l'offerta degli asili nido "offrendo servizi per 750 mila bambini" a un vasto programma di efficientamento energetico, cablaggio e messa in sicurezza degli edifici pubblici, a partire da scuole e ospedali cui sarà dedicato quasi il 10% delle risorse del Piano". I 60 progetti "li abbiamo selezionati con l'obiettivo di rendere il Paese, al contempo, più competitivo e più inclusivo". La parte del leone la faranno il green e il digitale, ma molti progetti saranno mirati a eliminare le diseguaglianze, incluse quelle di genere e territoriali". I sei esperti "avranno compiti di monitoraggio esecutivo. Nessun ministro sarà espropriato dei suoi poteri di impulso e di indirizzo, così come nessun amministratore locale sarà espropriato delle sue responsabilità".

Secondo Matteo Renzi il voto parlamentare sul Salva-Stati non riserverà sorprese, ma in caso contrario, "è naturale che il presidente del Consiglio si dovrebbe dimettere". Lo dice il leader di Italia Viva in un'intervista con La Stampa. Quello del rimpasto di governo per l'ex premier è un "tema chiuso" dopo l'aver "sentito Conte dire, nel giorno in cui abbiamo avuto mille morti che lui dispone dei migliori ministri. Io ne prendo atto". Quanto a durare fino al 2023 "non so. Se questa è la squadra non ci giurerei, ma magari sarò smentito".

Conte alle Camere, accordo Ue svolta storica, il successo appartiene  all'Italia intera - Il Mattino.it

"Ho capito che mi dite che Gualtieri non vi ha dato ascolto in Commissione ma non è che per questo noi andiamo contro il presidente del Consiglio che abbiamo nominato noi. Io non ho paura di tornare al voto. Il problema è che perdiamo Conte. E trovare un altro nome come il suo non ci riusciamo". Così Luigi Di Maio chiudendo l'assemblea M5s dove ha aggiunto: "Io non ho paura neppure di un rimpasto, non ho paura di far un'altra squadra di governo. Ma se diamo il fianco a questa cosa quì, diamo fianco a quella parte delle forze politiche che vuole cambiare il presidente del Consiglio".

 

(Fonte: Ansa)

Tasse, il Pd e quel vecchio amore per la patrimoniale. Orfini: "Non sia un tabù, serve coraggio"

L'esponente dem sull'emendamento di cui è firmatario insieme ad altri deputati del suo partito e di LeU: "La sinistra è redistribuzione del potere e anche della ricchezza. Al di là della singola norma, che può essere corretta, sul principio della patrimoniale un partito di sinistra non può non essere d’accordo"


"Dal governo dicono che la patrimoniale non si farà perché non è nel programma del Pd né in quello del governo. Peccato non lo siano tre quarti delle cose che stiamo (giustamente) facendo per fronteggiare l'emergenza. Una norma giusta ed equa non può essere un tabù". Matteo Orfini sintetizza così la propria posizione in relazione all'emendamento alla manovra presentato da alcuni deputati del Pd, fra i cui firmatari c'è lo stesso Orfini, e di Leu.

"A me ne hanno dette di tutti i colori, che andrei arrestato, che sono pazzo, sia dalla maggioranza che dall’opposizione. Mi sembrano reazioni sopra le righe di persone che fanno una battaglia politica, ma sfuggono dal merito della vicenda", spiega Orfini Radio Cusano Campus.

"Noi abbiamo presentato un emendamento molto moderato, anzi alcuni hanno avanzato dubbi opposti dicendo che è troppo moderato. Noi non aggiungiamo una tassa, rimoduliamo un meccanismo di prelievo fiscale. Noi aboliamo l’imu, l’imposta di bollo sui conti correnti e sui depositi, fino ai 500mila euro le persone pagheranno meno tasse. Quel valore base di 500mila euro si basa anche sui beni immobiliari, se stai pagando un mutuo la parte di cui stai pagando il mutuo non è calcolata, e si basa sul valore catastale, non quello di mercato. Per arrivare a quella cifra si deve avere davvero un immobile di grandi dimensioni e pregio. Quindi è un emendamento che consente alla larghissima maggioranza degli italiani di risparmiare, chiediamo un piccolo contributo dello 0,2% a chi ha grandi patrimoni".

"C’è chi reagisce male perchè legittimamente ha un punto di vista diverso, come la destra in cui inserisco anche il M5S, ma mi stupisco quando le preoccupazioni vengono anche dal centrosinistra".

"C’è chi pensa che sia una misura impopolare, ma viene considerata così perché non c’è il coraggio di spiegarla. In Italia non ci si accanisce sul risparmio, semmai ci si accanisce sulla tassazione sui redditi e sulle imprese. Un meccanismo che chiede un contributo a chi può darlo serve semplicemente a riequilibrare il peso della tassazione, dando una mano a chi sta peggio in un momento particolarmente delicato. Uno dei principi cardine della nostra Costituzione è il fatto che vi sia una tassazione progressiva, è un principio di giustizia sociale che consente anche di mantenere l’universalità dei servizi".

"Credo che il Pd debba ritrovare il coraggio, non possiamo essere sempre il partito dello status quo. La sinistra è redistribuzione del potere e anche della ricchezza. Al di là della singola norma, che può essere corretta, sul principio della patrimoniale un partito di sinistra non può non essere d’accordo. Finora la contrarietà alla mia proposta è arrivata solo da fonti anonime. Credo che i partiti ogni tanto debbano avere anche il coraggio di fare battaglie impopolari. Ad esempio questa settimana approveremo in Parlamento le modifiche ai decreti sicurezza di Salvini”.

 

 

Stati generali M5S, dal capo politico alle candidature, dalla piattaforma alle candidature, dalle alleanze alla gestione dei fondi: ecco cosa dice il documento presentato da Crimi

"Organizzazione e regole all'altezza". E' l'auspicio che il capo politico grillino Vito Crimi lancia sul blog delle Stelle, presentando il documento frutto dei Stati generali del movimento che ora dovrà essere votato dalla base.

"Gli Stati Generali hanno rappresentato l’inizio di un percorso fatto di partecipazione ed entusiasmo che ha raccolto idee e proposte. I contributi che hanno consentito di tracciare la parte tematica, come già reso noto, verranno ulteriormente arricchiti grazie al supporto e al coordinamento del Team del Futuro e al coinvolgimento del maggior numero possibile di iscritti al MoVimento. Il percorso tematico dell’Agenda per il Paese ripartirà nelle prossime settimane", promette Crimi.

"Oggi intanto sottoponiamo a tutti voi il documento di sintesi relativo all’organizzazione, le regole e i principi del MoVimento 5 Stelle, frutto del mese di lavori ai quali avete partecipato in tantissimi. Un MoVimento che in questi anni è cresciuto, ha realizzato tanti degli obiettivi per il Paese che si era prefisso, e che ha confermato la volontà di proporsi come forza di governo in grado di costruire e dare risposte concrete ai cittadini. Per realizzare questi obiettivi e rispondere alle nuove sfide che ci attendono, il MoVimento ha la necessità di dotarsi di un’organizzazione e di regole all’altezza di questo ruolo", rimarca il capo politico.

"I contenuti del documento di sintesi sono il frutto del lavoro svolto nel corso degli Stati Generali a partire dalle riunioni territoriali fino all’evento nazionale - chiarisce Crimi - e saranno sottoposti, per parti separate, al voto dell’assemblea degli iscritti sulla piattaforma Rousseau. Voto il cui esito costituirà l’atto di indirizzo a cui gli organi del MoVimento preposti, attuali e futuri, e i suoi portavoce, dovranno attenersi. Per le parti in cui si renderà necessario apportare modifiche allo Statuto, al Codice Etico, ai regolamenti esistenti, gli organi preposti formuleranno le relative proposte che saranno di volta in volta sottoposte al voto dell’assemblea degli iscritti. Per alcuni temi che richiedono un ulteriore lavoro di approfondimento, saranno costituiti appositi tavoli di lavoro".

Il testo, si legge nella premessa del documento, "contiene affermazioni che sono il frutto del lavoro svolto nel corso degli Stati generali a partire dalle riunioni territoriali fino all'evento nazionale, e saranno sottoposte, per parti separate, al voto dell'assemblea degli iscritti". Le parti approvate "costituiranno un atto di indirizzo a cui gli organi del Movimento preposti, attuali e futuri, dovranno attenersi". Invece, "per le parti in cui è necessario apportare modifiche allo Statuto, al Codice etico, ai regolamenti esistenti, gli organi preposti formuleranno le relative proposte che saranno di volta in volta sottoposte al voto dell'assemblea degli iscritti. Per alcuni temi che richiedono un ulteriore lavoro di approfondimento - si legge ancora - saranno costituiti appositi tavoli di lavoro".

Accordi con altre forze politiche - "Il Movimento 5 Stelle nasce come forza alternativa alle altre forze politiche esistenti. In via eccezionale, in relazione ai singoli sistemi elettorali, possono essere autorizzate, prima o dopo le votazioni, specifici accordi con altre forze politiche, prioritariamente con liste civiche". "Ciò può avvenire solo sulla base di accordi chiari e percorsi stabiliti di condivisione di programmi, idee e obiettivi, che tenga conto prioritariamente dei livelli territoriali coinvolti ma con un'autorizzazione che avvenga a livello nazionale che tenga conto degli interlocutori e del contenuto degli accordi", viene spiegato. Nei comuni sotto i 15mila abitanti è inoltre prevista "la possibilità di consentire di avere una rappresentanza del MoVimento 5 Stelle all'interno di liste civiche comuni".

Funzioni capo politico - "Le funzioni oggi attribuite al Capo politico" saranno trasferite "ad un organo collegiale, che combini rapidità ed efficienza nell'azione politica". E' quanto prevede il documento di sintesi degli Stati generali M5S, dove si chiede di "attribuire alcune funzioni di indirizzo politico, nonché di convocazione dell'assemblea degli iscritti, ad un organo collegiale ad ampia rappresentatività dei livelli istituzionali, territoriali, anagrafici e di genere". L'elezione dei componenti degli organi "deve essere effettuata in via prioritaria individualmente individuando eventuali incompatibilità", si legge ancora.

Gestione fondi - "Prevedere una gestione centralizzata dei fondi, superando il modello dei comitati di scopo, potenziando le forme di finanziamento già esistenti e individuandone di nuove, garantendo un sistema di controllo e trasparenza delle attività economico-finanziarie e della gestione amministrativa del Movimento", si legge ancora nel documento in cui si chiede, tra le altre cose, l'individuazione di "criteri oggettivi e trasparenti per la destinazione ai livelli locali di risorse necessarie alla realizzazione di specifici progetti o attività".

Piattaforma - "La piattaforma tecnologica è uno strumento di servizio a supporto dell'azione politica decisa dagli organi del Movimento e per l'esercizio della democrazia diretta nelle forme e nei modi previsti dallo Statuto. I rapporti con il gestore della piattaforma devono essere regolati da apposito contratto di servizio o accordo di partnership che definisca i servizi delegati, ruoli, doveri reciproci. Tutti i processi relativi a votazioni, bilanci, comunicazione, supporto ai territori devono essere improntati a massima trasparenza e imparzialità".

Candidature - "Fatto salvo il limite dei due mandati come vigente, si propone di valorizzare, all'atto della prima candidatura alle istituzioni regionali, nazionali o europee, chi ha effettuato uno o più mandati da consigliere comunale". Lo prevede il documento di sintesi degli Stati generali M5S. "In attesa di una revisione del sistema delle province" si chiede inoltre di "prevedere modalità di presentazione di candidature alle elezioni provinciali". Nel testo si parla anche di una "revisione dei meccanismi di merito nella selezione dei candidati". Per quanto riguarda la formazione, viene evidenziata la necessità di "garantire strumenti di formazione politica permanente, rivolti agli iscritti, ai portavoce e a componenti dei vari organi del Movimento. La formazione - si legge ancora - deve diventare elemento rilevante ai fini delle candidature e utile a creare un network di competenze per la crescita culturale e politica del Movimento".

Organi garanzia - "Al fine di rendere più veloce ed efficace l'azione disciplinare o di verifica della sussistenza dei requisiti di iscrizione, nonché per le questioni relative alla eventuale regolamentazione dei gruppi locali" è prevista la possibilità di: "aumentare il numero di componenti degli organi di garanzia"; "individuare collegi dei probiviri a livello regionale che svolgano funzioni di 'primo grado' per alcune tipologie di decisioni, sulle quali il collegio nazionale abbia funzioni di grado di appello"; "prevedere specifiche situazioni di incompatibilità con i ruoli negli organi di garanzia".

Strutture locali - "Formalizzazione e potenziamento della attuale struttura dei referenti territoriali a livello regionale, individuando le relative funzioni sulla base delle specifiche esigenze anche temporanee (organizzazione, campagne elettorali, formazione, realizzazione di eventi, ecc.)"; possibilità di "riconoscere il ruolo di attivista e gruppo locale, indipendentemente dalla presenza di un portavoce eletto, e di eventuali gruppi di interesse (ad esempio giovani), individuandone caratteristiche e l'eventuale loro regolamentazione, anche prevedendo luoghi di incontro sia fisici che on line". Sono alcuni dei punti contenuti nel documento di sintesi degli Stati generali M5S, che prevede, tra le altre cose, l'introduzione di "meccanismi di recall in relazione alle varie figure facenti parte della struttura organizzativa o per alcune di esse". Nel testo si parla anche della possibilità di organizzare "incontri plenari con cadenza regolare, sia a livello locale che a livello nazionale, di carattere tematico o organizzativo".

Meccanismo recall - "Formalizzazione e potenziamento della attuale struttura dei referenti territoriali a livello regionale, individuando le relative funzioni sulla base delle specifiche esigenze anche temporanee (organizzazione, campagne elettorali, formazione, realizzazione di eventi, ecc.)"; possibilità di "riconoscere il ruolo di attivista e gruppo locale, indipendentemente dalla presenza di un portavoce eletto, e di eventuali gruppi di interesse (ad esempio giovani), individuandone caratteristiche e l'eventuale loro regolamentazione, anche prevedendo luoghi di incontro sia fisici che on line". Sono alcuni dei punti contenuti nel documento di sintesi degli Stati generali M5S, che prevede, tra le altre cose, l'introduzione di "meccanismi di recall in relazione alle varie figure facenti parte della struttura organizzativa o per alcune di esse". Nel testo si parla anche della possibilità di organizzare "incontri plenari con cadenza regolare, sia a livello locale che a livello nazionale, di carattere tematico o organizzativo".

 

(Fonte: adnkronos)

 

Reddito di cittadinanza a oltre 3 milioni di persone, il 20,3% è in Campania. A Napoli il doppio dei beneficiari che in Lombardia e Veneto messi insieme

I dati dell'Osservatorio Inps sul Reddito di cittadinanza per settembre. Analizzando la distribuzione provinciale emerge che le province con il tasso di inclusione più elevato sono Palermo, Napoli e Crotone con più di 150 persone coinvolte ogni mille abitanti; quelle con il minor tasso di inclusione sono Bolzano e Belluno con meno di 10 persone coinvolte ogni mille abitanti


L'Inps ha accolto da aprile 1,5 milioni di domande di Reddito di Cittadinanza per altrettante famiglie e di queste 166mila sono decadute dal diritto. I nuclei restanti (1,3 milioni) sono costituiti per 1,2 milioni da percettori di Reddito di Cittadinanza, con circa 3 milioni di persone coinvolte, e per 137mila da percettori di Pensione (156mila in tutto). Lo si legge nell'Osservatorio Inps sui dati di settembre, secondo cui un beneficiario su 5 è in Campania.

L'Inps segnala inoltre che a settembre il beneficio è scaduto per 376mila nuclei familiari, che lo hanno ricevuto continuativamente per 18 mesi. L'importo medio mensile erogato è pari oggi a 526 euro: vengono percepiti 563 euro per il reddito e 246 per la pensione di cittadinanza. 

A Napoli il reddito a 166mila famiglie, più di Lombardia e Veneto - Nella provincia di Napoli oltre 166mila famiglie percepiscono il reddito, per quasi mezzo milione di persone coinvolte: il numero supera quello di Lombardia e Veneto messe insieme. Nella prima regione il reddito va a 112.939 nuclei per quasi 241mila persone, nel Veneto a 36.820 famiglie per un totale di 76mila persone coinvolte. In tutta la Campania percepiscono il sostegno 269mila famiglie (oltre 741mila persone) su un numero complessivo di beneficiari che a settembre è pari a 1,32 milioni. In Campania risiedono quindi il 20,3% dei nuclei interessati alla misura.

Sondaggi, crescono Pd e Lega (che resta davanti), Fratelli d'Italia terzo partito. Ancora in calo il Movimento 5 Stelle

Il Partito Democratico cresce più di tutti, il Movimento 5 Stelle scende. E' la fotografia sulle intenzioni di voto degli italiani scattata da Index in un sondaggio per 'Piazzapulita'. Il primo partito resta sempre la Lega con il 24,2% delle preferenze: il partito di Matteo Salvini fa segnare un +0,2% rispetto a una settimana fa. Resta in scia il Partito Democratico con il 20,8%, +0,3% rispetto alla precedente rilevazione. Seguono Fratelli d'Italia con il 16,3% (+0,1%), Movimento Cinque Stelle con il 15,8% (-0,2%) e Forza Italia con il 6,2% (+0,1%).

Di Maio: "Non perdo la fiducia in Tridico, né nei ministri Gualtieri e Catalfo". Il caso stipendio del presidente dell'Inps scuote il governo Conte

Dopo gli attacchi per i ritardi sul pagamento della cig, per il caos delle partite iva e le critiche per la gestione dei cosiddetti "furbetti del bonus", Pasquale Tridico torna nell'occhio del ciclone della polemica politica. Questa volta per un aumento di stipendio che il presidente dell'Inps avrebbe ottenuto - anche con effetto retroattivo sotto forma di bonus una tantum - grazie ad un decreto interministeriale, firmato lo scorso 7 agosto dalla ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo e dal collega dell'Economia, Roberto Gualtieri. Un aumento che vedrebbe più che raddoppiati - dagli attuali 62mila a 150mila euro annui - gli emolumenti del presidente dell'Inps


DI MAIO: "FAREMO APPROFONDIMENTI": "Una cosa sarebbe stata discutere dell'aumento dello stipendio di Tridico un anno fa, un'altra è adesso. Faremo gli approfondimenti, ma questa cosa non mi fa perdere la fiducia nel presidente dell'Inps, né nel ministro Gualtieri né nel ministro Catalfo che seguono il dossier". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio nel corso di 'Che tempo che fa' su RaiTre.

Di Maio ha quindi sottolineato che "non siamo interessati al rimpasto di governo, anche perché significherebbe cambiare interlocutori per la terza volta in tre anni interlocutori nell'Unione Europea" nel pieno della discussione sul Recovery Fund. "Mettere in discussione l'alleanza con il Pd "significherebbe che il governo Conte cadrebbe. E invece sono d'accordo con Zingaretti: serve colpo d'ala, può volare", ha aggiunto. Quanto alla soglia di sbarramento al 3%, "è una proposta sana" perché "evita il proliferare dei cespugli, dei partitini".

Quindi, rispondendo alla domanda se ritenga di poter tornare capo politico del movimento, ha spiegato: "Credo che bisogna andare oltre ogni forma di leadership singolare. Ha bisogno di mettere insieme persone che la pensano diversamente per trovare delle soluzioni comuni". "Io credo di poter dare un contributo sostenendo il territorio, sentendo i problemi delle imprese, delle famiglie, dei commercianti. Vorrei dare un contributo sui temi concreti e non in un dibattito interno", ha aggiunto.

TRIDICO: "NULLA DA CHIARIRE" Pasquale Tridico non si dimetterà. Non c'è nulla da chiarire, dice al Corriere della Sera il presidente dell’Inps: "Ha già detto tutto il comunicato della direzione del personale dell'Inps". Sulla decorrenza dell’aumento dello stipendio, da 62 mila a 150 mila euro lordi, "mancano i fatti", dice Tridico, sostenendo che non c'è mai stata retroattività essendo diventato presidente del Consiglio d’amministrazione il 15 aprile scorso. Inoltre, nessuno nell'Inps ha mai disposto il pagamento di arretrati a suo favore.

Chiusa la questione per Tridico, resta “l’approfondimento” sulla vicenda richiesto dal premier Conte, al centro del quale ci sarà il verbale del consiglio di amministrazione Inps del 22 aprile in cui veniva approvata la delibera numero 2 sulla ‘Determinazione degli emolumenti del presidente, del vicepresidente e dei componenti del consiglio di amministrazione’. In ogni caso, a rasserenare Tridico ha contribuito solo la dichiarazione di Di Maio che in tv, a Che tempo che fa , ha detto di non aver perso la fiducia nel presidente dell'Inps. Tuttavia il presidente dell’Inps afferma di “non ho parlato con nessuno”, pur essendo sicuramente rimasto in stretto contatto con la ministra Catalfo”.

Movimento 5 Stelle nella bufera dopo il voto: alta tensione interna sulla "sconfitta storica" e rischio scissione. Grillo shock: "Non credo nella rappresentanza parlamentare"

La vittoria referendaria non basta a fronte della batosta rimediata nel voto amministrativo. "E' la più grande sconfitta del M5s". Queste erano state le dichiarazioni Alessandro Di Battista a commento delle Regionali, parlando di una "innegabile crisi identitaria" e della "fine di un sogno in cui in tanti hanno creduto". Di Battista non aveva esultato nemmeno per la vittoria del "Sì" che porta al taglio dei parlamentari: "E' un risultato bellissimo ma viene da chi il Movimento lo odia, questo eccesso di esultanza è fuorviante". Fico e Di Maio provano a rimettere insieme i cocci, ma c'è chi non esclude una scissione. E scattano le purghe per i ribelli del No al referendum: i otto rischiano l'espulsione. Intanto Beppe Grillo parla di "parlamentari estratti a sorte" e attacca la democrazia rappresentativa


Ilcomizio.it - M5S, Di Battista torna e spacca il Movimento: "Serve un  congresso il prima possibile". Grillo lo boccia: "Pensavo di averle viste  tutte...". E il governo ha un problema in più

Alta tensione nel M5s dopo le Regionali e in vista della riunione congiunta dei gruppi parlamentari. Fico replica a Di Battista: "Non è stata una sconfitta storica". Bonafede spinge per gli stati generali, Di Maio chiede "il contributo di tutti". Grillo, in collegamento con Bruxelles, parla del referendum come del 'massimo dell'espressione democratica': 'Non credo più in una forma di rappresentanza parlamentare, ma nella democrazia diretta', aggiunge. 

"Quando usiamo un referendum usiamo il massimo della espressione democratica, e per me la domanda andare a votare si o no alla riduzione dei parlamentari - per me che non credo più in una forma di rappresentanza parlamentare ma credo nella democrazia diretta fatta dai cittadini attraverso i referendum -, è come fare una domanda ad un pacifista di essere a favore o meno della guerra". Così Beppe Grillo intervenendo in collegamento con il parlamento europeo ad un incontro con Sassoli. 

"State costruendo una società del debito, questa è la società del debito", ha detto Grillo nel suo intervento facendo riferimento al Recovery fund.

Dal "reddito universale", alle "visione del futuro", al ruolo dello stato" fino alla semantica. Sono i temi toccati nel suo intervento da Beppe Grillo al secondo incontro virtuale del ciclo di dialoghi pubblici - Idee per un nuovo mondo - promossi dal presidente del Parlamento europeo David Sassoli e dal titolo "Sarà l'Europa il motore della trasformazione verde e socialmente giusta?". "Ursula ha detto cose straordinarie, finalmente dopo 20 anni ha parlato energia rinnovabile", ha esordito così il comico genovese, collegato in video con il Parlamento europeo chiedendo all'Europa di avere una "visione" del futuro.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS