updated 5:11 PM UTC, Oct 21, 2021

Digital business, novità in casa +Digit: Egiziano entra nel capitale al 50%. Crescono le ambizioni del gruppo specializzato che vuole assumere 600 persone entro il 2022

La società presieduta da Renato Praticò comunica l'ingresso del manager che farà parte anche del CdA con il ruolo di direttore generale. "+DIGIT - ha dichiarato - è pronta ad avvicinare consumatori e brand attraverso soluzioni multicanali che rendano l’utente protagonista di una customer experience di valore"


+DIGIT S.r.l., organizzazione leader nell’offerta di soluzioni e servizi volti alla valorizzazione del rapporto tra i brand e gli utenti finali, operante a favore di aziende dei settori Telco, Utility e Finance e che prevede entro il 2022 l’assunzione di circa 600 persone, comunica l’ingresso nel proprio capitale al 50% di Eutizio Egiziano. Il manager entra inoltre nel CdA con il ruolo di Direttore Generale.

“L’ingresso di Eutizio Egiziano in +DIGIT - commenta Renato Praticò, Presidente e Amministratore Delegato - segna la direzione verso la quale la nostra realtà aziendale intende muoversi, ossia il voler conseguire la leadership nel settore attraverso manager di talento che abbiano già lasciato un’impronta positiva sul mercato, aprendosi ad un loro pieno coinvolgimento imprenditoriale”. 

Eutizio Egiziano, 37 anni, vanta un’esperienza manageriale nel mondo del digital marketing e un patrimonio di competenze di primo piano costruito nel BPO (Business Process Outsourcing) a partire dal 2006.

“Con Renato Praticò - dichiara Eutizio Egiziano - condividiamo gli stessi valori e la medesima cultura d’impresa, il che apre le porte ad un percorso virtuoso che dovrà condurre +DIGIT tra le aziende italiane protagoniste nella valorizzazione della relazione brand-consumatore.

Il nostro primo obiettivo è concentrarci su una buona chiusura 2021 (ricavi stimati a 5 milioni con Ebitda pari all’8%) per poi orientarci verso traguardi molto sfidanti che verranno ufficializzati entro la prima decade di dicembre.

La crescita degli indicatori economici e di performance passerà dalla nostra capacità di governare il nostro patrimonio di competenze in ambito digital e sales management”.

“La pandemia - conclude il neodirettore generale - ha segnato un cambiamento radicale nel mindset e nei comportamenti dei consumatori in rapporto al processo d’acquisto, determinando grandi opportunità per le imprese.

+DIGIT è pronta ad avvicinare consumatori e brand attraverso soluzioni multicanali che rendano l’utente protagonista di una customer experience di valore”.

+Digit S.r.l. è un’organizzazione leader nell’offerta di soluzioni e servizi volti alla valorizzazione del rapporto tra i brand e gli utenti finali. +Digit opera a favore di aziende dei settori Telco, Utility e Finance, dall’ individuazione di nuovi contatti allo sviluppo di relazioni commerciali, con l’obiettivo di trasformare l’intenzione in acquisto e l’acquisto in fidelizzazione. Multicanalità, digital innovation e forte identità valoriale sono i tratti caratterizzanti di una realtà aziendale orientata costantemente verso la creazione di valore.

Spagna, 10 anni fa l'Eta annunciava la fine della lotta armata. La ferita aperta di mezzo secolo di violenze che hanno provocato 850 morti

La sinistra separatista basca riconosce il dolore per le vittime. Il leader Otegi, ex membro del gruppo terroristico, si dice "sinceramente dispiaciuto". Affermazioni apprezzate da alcuni partiti, mentre la destra le considera insufficienti


Euskadi Ta Askatasuna (ETA), una storia lunga sessant'anni - Etnie

Il 20 ottobre 2011 l'organizzazione terroristica basca Eta annunciò la fine della sua attività armata, dopo circa 50 anni di violenze che hanno provocato la morte di oltre 850 persone in Spagna. Un momento ricordato nel Paese iberico, a dieci anni di distanza, come occasione di riflessione collettiva sulle ferite ancora aperte e sul processo di riconciliazione sociale e politico sia nei Paesi Baschi sia su scala nazionale.

Alla vigilia di questa ricorrenza simbolica, il dibattito politico e mediatico è incentrato sulla svolta della cosiddetta sinistra 'abertzale', ovvero l'area dei partiti considerati braccio politico del movimento separatista radicale basco: lo storico leader ed ex membro dell'Eta Arnaldo Otegi ha infatti detto ieri che "il dolore delle vittime non ci sarebbe mai dovuto esser stato" e che lui e il suo partito si sentono "sinceramente dispiaciuti" di quanto avvenuto in passato. Si tratta del primo gesto di questo tipo nei confronti delle vittime da parte del massimo esponente dell'indipendentismo basco radicale.
   
Le sue parole sono state accolte come un segnale importante da parte di esponenti della sinistra spagnola e da diversi familiari di vittime del gruppo terroristico. Altre persone colpite direttamente dalla violenza dell'Eta e i partiti della destra, invece, ridimensionano il valore simbolico delle affermazioni di Otegi e le considerano insufficienti.  

 

(Fonte: Ansa)

  • Pubblicato in Esteri

Manovra, Superbonus 100% rimodulato, escluse le villette e sparisce il bonus facciate. Insorgono Confedilizia e amministratori di condominio

Il governo riordina le detrazioni sugli interventi per l'edilizia. Le modifiche al ribasso che si profilano preoccupano cittadini e operatori del settore


SUPERBONUS 110%/ La buona idea che si sta trasformando in un flop

La mancata proroga del superbonus 110% per edifici singoli e villette mono e plurifamliari dalla prossima manovra finanziaria al vaglio delle Camere infiamma la polemica. La misura infatti, molto richiesta, dovrebbe valere soltanto per i condomini. Sparisce anche - per ora - il bonus per il rifacimento delle facciate. 

Confedilizia preoccupata per l'impatto: "Destano forti preoccupazioni l'eliminazione del bonus facciate al 90 per cento e la mancata proroga del superbonus al 110 per cento per le case unifamiliari e le unità immobiliari funzionalmente indipendenti. Il primo è un incentivo utilissimo, essendo finalizzato a riqualificare le nostre città, e molto utilizzato da famiglie e imprese. Il secondo è fondamentale per rendere più sicure e più efficienti tante abitazioni frequentemente di proprietà di famiglie a basso reddito (non sono le 'villette' di cui si favoleggia in queste ore) e in molti casi collocate in aree a rischio sismico". "Auspichiamo che le forze politiche di maggioranza inducano il Governo a rivedere le proprie scelte, che paiono finalizzate a far venir meno proprio gli incentivi più applicati. La limitazione del superbonus, peraltro, si pone in netto contrasto con le aspettative del comparto alimentate dallo stesso Esecutivo e creerà ulteriore tensione su un mercato già fortemente stressato dalla mancanza di materiali e di imprese disponibili nonché dagli aumenti spropositati dei costi degli interventi", conclude l'associazione.

Gli amministratori condominiali riuniti nell'Anaci ricordano essersi "battuti per la proroga del Superbonus 110%, che sicuramente non deve finire nel 2022 ma secondo noi neanche nel 2023: dovrebbe continuare nel 2025, con il Pnrr". Lo ha affermato Francesco Burrelli, presidente nazionale Anaci, a margine di un convegno sul tema organizzato a Firenze da Tera Progetti. "Non è pensabile - ha detto - che nel giro di un anno si possano efficientare e mettere in sicurezza tutti i fabbricati in Italia, oltre 1,2 milioni di condomini". 

 

(Fone: Ansa)

Le mascherine chirurgiche si posso lavare (fino a 10 volte)

Lo studio di un gruppo di ricercatori francesi sulla gestione delle protezioni anti-Covid per il viso più diffuse. Il tema delle ricadute economiche ed ecologiche dell'emergenza e del post pandemia


Contrordine: le mascherine chirurgiche sono riutilizzabili se si lavano e 'reggono' anche fino a 10 lavaggi.

E' quanto ha stabilito uno studio di un gruppo di ricercatori francesi, pubblicato su Chemosphere, che ha esaminato le performance di filtraggio delle mascherine in polipropilene dopo diversi passaggi in lavatrice; uno studio che dà suggerimenti ecologici ed economici per il dopo-pandemia.

Le mascherine chirurgiche possono essere utilizzate fino a 10 volte: 'reggono' infatti ovvero conservano il loro potere filtrante o la traspirabilità fino a 10 cicli di lavaggio in lavatrice oppure se sterilizzate in autoclave per 5 volte; un suggerimento concreto che, se adottato, consentirebbe di mettere in circolazione nell'ambiente fino a 10 volte meno plastica. 

 

(Fonte: Agi)

  • Pubblicato in Salute

Lega, Fontana si stringe a Salvini: "E' prioritario, nessuno lo contesta. Avanti sulla nostra strada, nel centrodestra serve un chiarimento"

Il presidente della Regione Lombardia a sostegno del leader dopo i risultati negativi delle elezioni comunali: "Credo che all'interno della Lega ci sia una sintesi e ci sia la volontà di ritenere assolutamente prioritaria la figura di Salvini. Non c'è mai stata una voce che ha contestato la linea di Salvini. Ma non una, non lo dico metaforicamente"


Lombardia, Salvini difende Fontana: "Razza bianca a rischio? Siamo sotto  attacco". Il Pd: "Vergogna razzista" - Il Fatto Quotidiano

Nella Lega la figura di Matteo Salvini "è ritenuta assolutamente prioritaria". Lo sostiene il presidente della Lombardia ed esponente della Lega, Attilio Fontana, intervistato in diretta da Mattino Cinque. Nel partito, continua, "non mi sembra ci siano problemi di conflittualità, c'è una condivisione di messaggio", dice interpellato a proposito del voto, che ha sancito la vittoria del centrosinistra in tutte le grandi città. "Credo che all'interno della Lega ci sia una sintesi e ci sia la volontà di ritenere assolutamente prioritaria la figura di Salvini. Non c'è mai stata una voce che ha contestato la linea di Salvini. Ma non una, non lo dico metaforicamente".

Secondo Fontana, quindi, "si deve andare avanti sulla nostra strada, è nel centrodestra che serve un chiarimento". Dopo l'esito dei ballottaggi, infatti, "penso che all'interno del centrodestra si debba fare qualche riflessione. Ci sono sicuramente delle proposte non comuni: bisogna cercare di mettersi d'accordo e trovare una sintesi. E' assurdo che in un Paese di centrodestra vinca il centrosinistra", dice ancora il presidente della Lombardia ed esponente della Lega.

Nuova denuncia nei confronti di Gwyneth Paltrow, per l'esplosione di una "candela al profumo di vagina"

Brutte notizie per Gwyneth Paltrow. L'attrice, che negli ultimi anni ha avuto successo come donna d'affari con il suo marchio di lifestyle Goop. Un uomo del Texas, Colby Watson, sostiene che la cosiddetta "candela vaginale" che ha acquistato online da Goop è esplosa tre ore dopo averla accesa. Ma cosa è successo nella realtà?


La candela vaginale nella realtà avrebbe l'odore di gerani, agrumi, bergamotto e cedro. Secondo la Gwyneth, la candela è stata commercializzata solo a fini di marketing con il testo: "questa candela ha l'odore della mia vagina, Gwyneth Paltrow". Tuttavia, è diventata una notizia mondiale e nel giro di poche settimane il prodotto è andato esaurito. L'inserto che viene inserito nella confezione, riporta che la candela non dovrebbe bruciare per più di due ore di fila, cosa di cui Watson era a conoscenza. Nella denuncia per danni provocati, si afferma che questa informazione doveva essere inserita direttamente sulla scatola e in rilievo, perché diventa insufficiente se non evidenziata. Secondo l'avvocato di Watson, le candele al profumo di vagina sono "pericolose per la vita e il loro mal funzionamento potrebbe avere conseguenze pericolose per la vita".

L'uomo ora chiede un risarcimento di oltre 4 milioni di euro, perché la candela ha provocato danni ai suoi mobili e alla camera da letto. Gli avvocati della Gwyneth sembrano indifferenti, “Questa è un'affermazione ridicola, questo signore vuole solo avere soldi facilmente. Supportiamo pienamente i prodotti rilasciati da Goop, che sono ampiamente testati e non si vende nulla che non sia sicuro”.

All'inizio di quest'anno, la Gwyneth era già stata citata in giudizio da un uomo che affermava di aver rischiato la vita sempre per l'esplosione di un'altra "candela al profumo di vagina"...

 

 

Salute e Sicurezza sul lavoro, un tema fondamentale. Organi di controllo, sanzioni, risorse e tecnologie: ecco tutte le novità

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: modifiche al Decreto legislativo 81/2008


Apertura di una nuova attività ed adempimenti in materia di sicurezza nei  luoghi di lavoro. Facciamo chiarezza. | Alavie Srl

OBIETTIVI

INCENTIVARE E SEMPLIFICARE:

• L’ATTIVITÀ DI VIGILANZA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SU LAVORO

• COORDINAMENTO DEI SOGGETTI COMPETENTI A PRESIDIARE IL RISPETTO DELLE NORME PREVENZIONISTICHE

 

COME CAMBIA L’INL

• Ampliamento delle competenze ispettive dell’INL Ispettorato Nazionale del Lavoro negli ambiti della salute e sicurezza del lavoro

• Maggior presidio, su tutto il territorio nazionale

• Coordinamento di Asl e INL per l’attività di vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro svolta a livello provinciale

 

COME CAMBIA IL SINP

Rafforzamento del Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione nei luoghi di lavoro (SINP): si punta a una definitiva messa a regime e a una maggiore condivisione delle informazioni in esso contenute

 

SANZIONI

• Gli Introiti derivanti dall’adozione delle sanzioni emanate dal personale dell’Ispettorato in materia di prevenzione andranno a integrare un apposito capitolo dell’INL stesso, per finanziare l’attività di prevenzione nei luoghi di lavoro analogamente a ciò che avviene per le sanzioni adottate dal personale ispettivo delle AA.SS. LL.

• Adozione del provvedimento cautelare della sospensione dell’attività imprenditoriale interessata dalle violazioni: scatterà in presenza del 10% e non più del 20% del personale “in nero”

• Non sarà più richiesta alcuna “recidiva” ai fini della adozione del provvedimento che, pertanto, sarà subito operativo a fronte di gravi violazioni di prevenzione

 

INL, RISORSE E TECNOLOGIE

• Rilevante aumento dell’organico con l’assunzione di 1.024 unità

• Investimento in tecnologie di oltre 3,7 milioni di euro nel biennio 2022/2023

• Aumento del personale del Comando Carabinieri per la tutela del lavoro che passerà dalle attuali 570 a 660 unità dal 1° gennaio 2022

IlComizio.it dà voce a imprese e professionisti: Il territorio che produce si racconta da noi (VIDEO)

IlComizio.it continua a dare voce a chi ogni giorno parla già con i fatti, con il proprio lavoro. Spazio dunque a imprenditori, artigiani, commercianti, professionisti, ma anche artisti, creativi e comunicatori. E' lo spazio di chi si dà da fare, chi chi si mette in gioco, di chi vuole raccontare risultati, ambizioni e prospettive delle proprie fatiche quotidiane. Gli studi televisivi sono sempre aperti per tutte le categorie che rendono vivo e fertile il nostro territorio. Per contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS