Per l’Ucraina Pupo è un criminale: ha cantato in Crimea, occupata dai russi

Avantgardia

Dal 2015 nella lista nera di Kiev sono finiti giornalisti, politici, ma anche anche personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura. Oltre all’artista toscano, tra i tanti figurano Toto Cutugno, gli attori Gérard Depardieu e Steven Seagal oltre al regista Emir Kusturica. C’era anche Al Bano, ma è stato cancellato. Tutti accusati di essere al servizio di Mosca

Pupo non è più persona gradita in Ucraina. A rivelarlo è lo stesso artista dalle pagine di QN: “Il Ministero degli Esteri Italiano mi ha recentemente ed ufficialmente informato che il Governo dell’Ucraina mi ha inserito nella lista nera, quella degli indesiderati, dei ‘criminali’. In pratica, se mi presento alla loro frontiera, rischio di essere arrestato”.

Il cantante è stato bandito dal Paese per aver partecipato a un evento nella Crimea occupata dai russi ed è quindi finito al centro di un caso geopolitico molto delicato: “L’anno scorso ho partecipato al Festival russo della canzone di guerra a Jalta, in Crimea”, ha spiegato “Peccato! Io comunque non mi fermerò. Continuerò a portare la mia musica in giro per il mondo. Dalla Russia all’Australia e ovunque mi sarà data la libertà di cantare le mie innocue canzoni. Per questo, il prossimo aprile, tornerò di nuovo in Crimea. Lo farò con convinzione e senza nessun timore”.

Dal 2015, a seguito dell’invasione russa in Crimea, in Ucraina è stata creata una lista nera di persone considerate come una minaccia per il Paese. Nella blacklist (costantemente aggiornata) molto spesso finiscono giornalisti, politici e attivisti ma talvolta anche personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura. Pupo quindi è in buona compagnia. Tra i tanti nomi inseriti nel corso degli anni figurano infatti Toto Cutugno, Al Bano (poi rimosso), Gérard Depardieu, il regista Emir Kusturica e l’attore Steven Seagal.

Source:Tgcom24
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart