Ocse, accordo su minimum tax: imposta minima del 15% alle multinazionali

Avantgardia

Il segretario generale dell’Ocse, Mathias Cormann, ha annunciato l’accordo sulla minimum tax che prevede un’imposta minima del 15% alle multinazionali.“Questo renderà il nostro regime fiscale internazionale più equo ed efficace”, ha sottolineato Cormann, aggiungendo che si tratta di “una grande vittoria per un multilateralismo efficace”. Il presidente Commissione Ue, von der Leyen, soddisfatta “dell’accordo sulla riforma fiscale globale”. Gli unici quattro Paesi che non hanno aderito sono Kenya, Nigeria, Pakistan e Sri Lanka. I restanti 136 che hanno detto sì, tra cui l’Italia, “rappresentano oltre il 90% del Pil mondiale”, precisa l’Ocse, aggiungendo che l’intesa consentirà “di riattribuire a Paesi del mondo intero i benefici per oltre 125 miliardi di dollari realizzati da 100 aziende multinazionali tra le più grandi e più redditizie al mondo”. L’obiettivo è fare in modo “che queste società possano onorare la propria giusta parte fiscale qualunque siano le giurisdizioni in cui esercitano le loro attività e realizzano benefici”, ha spiegato Cormann.

Source:TGCom 24
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart