Regno Unito, la rivoluzione green di Boris Johnson: dal 2030 stop alle auto diesel e benzina. Alberi, energia pulita e piste ciclabili, Downing Street stanzia 12 miliardi di sterline

Il traguardo delle "zero emissioni" nocive entro il 2050 passa per la circolazione di solo auto elettriche entro 10 anni. I veicoli ibridi liberi di circolare fino al 2035. La decisione è stata formalizzata dal governo di Londra nel quadro di un piano in 10 punti per "una rivoluzione industriale verde" del Paese


Auto elettrica, in UK diesel e benzina al bando dal 2030? - MotorBox

Il Regno Unito accelera nella politica ambientale e diventa il primo Paese ad annunciare già per il 2030, contro l'obiettivo del 2040 fissato finora, il bando dalla circolazione di tutte le automobili a benzina e diesel per incentivare l'uso di auto elettriche, motori diesel puliti HGV per il trasporto merci. La decisione è stata formalizzata dal governo del premier conservatore Boris Johnson nel quadro di un piano in 10 punti per "una rivoluzione industriale verde" del Paese.

Il piano dovrebbe stimolare la creazione nei prossimi anni di 250mila posti di lavoro e conferma l'impegno della Gran Bretagna verso il traguardo delle "zero emissioni" nocive entro il 2050. Stando a quanto anticipato da Downing Street, i veicoli ibridi potranno comunque continuare a circolare nel Regno fino al 2035.

 Gli investimenti del governo Fra i punti della sua promessa "rivoluzione" verso una nuova "green economy", Boris Johnson mette sul piatto investimenti per 1,3 miliardi di sterline nel prossimo decennio per finanziare l'installazione di postazioni diffuse per il caricamento delle batterie delle auto elettriche presso i caseggiati e lungo le strade, 582 milioni di prestiti a fondo perduto per l'acquisto nella fase intermedia di veicoli a bassa o nulla emissione, 500 milioni in stanziamenti per la riconversione di linee industriali soprattutto nelle fabbriche dell'auto e dell'indotto delle Midlands e del nord-est dell'Inghilterra.

Alberi, energia pulita e piste ciclabili Il governo intende sostenere inoltre lo sviluppo di motori diesel puliti HGV per il trasporto merci e la realizzazione d'impianti di riscaldamento a idrogeno destinati a coprire il fabbisogno di una prima intera città entro fine decennio, ma non senza rilanciare un programma d'impianti di ultima generazione per l'energia nucleare a scopi civili. Oltre a delineare progetti ecologici per piantare nuovi alberi a tappeto, per il risanamento di siti naturalistici e aree verdi, per la moltiplicazione di piste ciclabili e pedonali. Evocata infine pure una futura disponibilità d'impianti domestici alimentati da energia eolica in ogni casa di qui a 10 anni.

Incentivi auto, nessun rifinanziamento. Niente bonus per benzina e diesel di ultima generazione: così il governo spegne il motore del mercato

Fondi terminati e niente rifinanziamento nella conversione in legge del "decreto Agosto" per le automobili che inquinano tra i 61 e 110 grammi di CO2 al chilometro. In sostanza aiuti finiti per la maggior parte di macchine motorizzate a benzina o diesel di ultima generazione in vendita, oltre ad alcuni modelli Gpl. Unrae, l'Associazione delle case automobilistiche estere, e Federauto, che rappresenta i concessionari protestano: "Si tratta di una scelta che sfiora l’autolesionismo, visto che gli incentivi già varati e presto esauriti non solo hanno ravvivato un mercato in fortissima crisi e salvato posti di lavoro, ma hanno prodotto in poche settimane un maggiore incasso per lo Stato e contribuito positivamente al PIL"


Bonus auto, le novità per gli incentivi di Euro6, ibride ed elettriche -  MotorBox

Il programma di incentivi alla rottamazione sembra destinato a una fine prematura dopo poco più di due mesi dall’avvio delle agevolazioni. A dispetto delle indiscrezioni e anche di alcune dichiarazioni pubbliche, l’atteso rifinanziamento non è stato inserito nel testo di conversione in legge del decreto Agosto approvato settimana scorsa dal Senato. 

Il passaggio alla Camera. È ancora possibile una modifica del decreto durante il passaggio alla Camera, ma a oggi le chance sono esigue e alcune associazioni di settore hanno lanciato un allarme sugli effetti di uno stop alle agevolazioni, soprattutto alla luce degli effetti positivi finora riscontrati tra tante difficoltà e molti vincoli. Ad agosto le immatricolazioni sono risultate sostanzialmente stabili nel confronto con l’anno scorso e a settembre hanno messo a segno un consistente rimbalzo proprio grazie alla spinta degli incentivi alla rottamazione. Non sono mancate criticità, tra cui l’ammontare limitato di risorse destinate a particolari fasce di auto (quelle con emissioni di CO2 tra 91 e 110 g/km) e i vincoli imposti ai concessionari nella presentazione delle istanze per accedere al programma. Ecco perché negli ultimi giorni le associazioni di rappresentanza del settore automobilistico hanno spesso chiesto al Governo di intervenire, magari spostando fondi da una fascia all’altra dei veicoli incentivabili dopo l’esaurimento delle risorse. Ora da Roma è arrivato un sostanziale rifiuto ad accogliere le richieste del comparto con la decisione di non inserire il rifinanziamento degli incentivi per lo svecchiamento del parco auto.

L’autolesionismo del Governo. “Si tratta di una scelta che sfiora l’autolesionismo, visto che gli incentivi già varati e presto esauriti non solo hanno ravvivato un mercato in fortissima crisi e salvato posti di lavoro, ma hanno prodotto in poche settimane un maggiore incasso per lo Stato e contribuito positivamente al Pil. Le misure, che si sono complessivamente autofinanziate, hanno infatti fruttato ulteriori 58 milioni di euro incrementali in gettito Iva, oltre ai maggiori introiti legati all’immatricolazione dei veicoli, tra cui l’Ipt”, affermano Federauto e Unrae. “I dati diffusi nei giorni scorsi sulla confortante ripresa del mercato grazie agli incentivi - aggiungono le due associazioni - sono la dimostrazione tangibile di quanto sia stato efficace questo strumento. Rispetto al mese di settembre dello scorso anno assistiamo, nello stesso periodo, all’immatricolazione di oltre 13.600 vetture in più (+9,5%) e ad un incremento del 47,4% di auto rottamate. Inoltre, il beneficio ambientale è palpabile: le emissioni medie di CO2 delle vetture immatricolate sono scese a livelli minimi (da 118,4 a 105,6 g/Km), circa l'11% in meno".

Necessario intervenire. Pertanto, secondo Federauto e Unrae, "è necessario un intervento urgente, da parte del governo e della politica", per sostenere un settore, quello dell’auto, che vale il 10% del Pil italiano e sostiene anche "migliaia di piccole e medie aziende, con decine di migliaia di posti di lavoro attualmente a rischio". "In questa fase particolarmente delicata per l’economia nazionale, non rifinanziare una misura così importante sarebbe un errore imperdonabile. Vanno garantite norme efficaci e di lungo periodo che consentano al consumatore la necessaria chiarezza per non deprimerne la propensione all’acquisto e agli operatori del settore un'adeguata pianificazione delle proprie attività produttive e commerciali”, proseguono le due associazioni lanciando, infine, un appello: "Chiediamo, pertanto, al governo di assicurare che i fondi esauriti o in via di esaurimento vengano rifinanziati per i restanti mesi del 2020 con l'obiettivo di non disperdere i volumi incrementali ottenuti con gli incentivi e quindi assicurare un ritorno certo sull'investimento pubblico fatto continuando anche il cammino virtuoso intrapreso di riduzione delle emissioni ambientali". Federauto e Unrae hanno inoltre ribadito la loro disponibilità a condividere con l’Esecutivo le proprie proposte per sostenere la decarbornizzazione del settore e per accompagnare la transizione verso la mobilità a zero emissioni.

 

(Fonte: quattroruote.it)

La mobilità elettrica deve offrire un'ecologia a 360 gradi

La Mazda MX-30 offre sostenibilità in tutte le aree, dalle batterie e dai materiali interni alla ricarica.


L'elettrificazione dei trasporti è la chiave per rendere green la mobilità e raggiungere, o almeno approssimare per il momento, la tanto attesa compatibilità dell'auto con l'ambiente. I veicoli meccanici tradizionali consumano ancora combustibili fossili, così come gli ibridi, ma non i modelli elettrici, che consentono di guidare senza produrre emissioni. Ed è per questo che sono l'alternativa con più futuro.

Nonostante questo, durante tutta la vita utile di un'auto, sia termica che di batteria, si genera un'impronta ambientale dall'estrazione delle materie prime, dalla loro produzione, dal trasporto al concessionario, dall'utilizzo e dal riciclaggio finale. Tuttavia, questo impatto può essere ridotto al minimo applicando le giuste soluzioni. E ci sono già esempi, come la Mazda MX-30, che mostra la via da seguire per rendere le auto elettriche il più pulite possibile.

Un'auto alimentata al 100% a batteria non genera emissioni durante la guida, ma gli ingegneri e i designer Mazda si sono spinti oltre, tenendo conto anche, tra molti altri fattori, di come viene prodotta l'elettricità che alimenta questi veicoli, perché se si ricorre a impianti che utilizzano combustibili fossili per produrlo, il bilancio ecologico non è più positivo. Ed è un punto vitale, perché secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, il pericolo nella produzione di elettricità è l'attività umana che emette più CO 2 nell'atmosfera.

Ma ci sono altri problemi da considerare. Il produttore giapponese ha condotto uno studio insieme alla Kogakuin University di Tokyo, pubblicato sulla rivista tecnica Sustainability, da cui si evidenzia che i modelli elettrici con piccole batterie generano meno emissioni nel loro ciclo completo, perché richiedono meno energia per produrle e ricaricarle, poiché pesano anche meno, non consumano tanto e sfruttano meglio l'energia disponibile.

Batterie adeguate per la necessaria autonomia

Uno dei punti più controversi intorno alle auto elettriche è stato (e continua ad essere) quello della loro autonomia. La principale lamentela dei potenziali acquirenti risiede nella sua autonomia più limitata rispetto a quella di una macchina dotata di un motore a combustione. E la maggior parte dei marchi scommette sull'integrazione di batterie sempre più grandi per offrire un raggio d'azione o autonomia superiore. 

Ma è una buona idea? L'argomento a favore è che, potendo percorrere distanze di 600 o più chilometri per carica, un veicolo elettrico riuscirebbe a convincere la maggioranza dei clienti e potrebbe essere utilizzato come unica automobile di una famiglia. Tuttavia, la realtà è che nella quotidianità quasi nessuno viaggia così lontano con il proprio veicolo.

Secondo uno studio condotto dalla società di consulenza Ipsos nel 2019, in Europa i conducenti percorrono in media 48 chilometri al giorno. Certo, ci sono anche quelli che arrivano a 80 e altri che si fermano a 30. Allora perché portare enormi batterie per poter affrontare lunghi viaggi che non si fanno quasi mai?

Mazda ha scelto la strada opposta, ed è per questo che il suo MX-30 integra una batteria da 35,5 kWh, la metà di quella che normalmente trasportano altri veicoli elettrici delle sue dimensioni. Ma la strategia ha la sua ricompensa, perché grazie al risparmio di peso e una maggiore efficienza energetica, questa batteria fornisce un'autonomia fino a 265 chilometri in ciclo urbano, più che sufficiente per coprire le necessità quotidiane e anche le fughe del fine settimana nei dintorni. Integrando accumulatori più compatti si guadagna anche lo spazio interno e, riducendo il peso, si migliora anche il comportamento dinamico. 

Mazda MX-30

Energia pulita e ricarica rapida

Mazda ha stretto una partnership con Iberdrola affinché la sostenibilità dell'MX-30 si estenda anche alla ricarica, grazie a questo accordo, l'azienda giapponese offre ai suoi clienti un punto di ricarica Wallbox Pulsar Plus da 7,4 kW. Ma la cosa migliore è che l'elettricità che consumi è prodotta in modo pulito, da fonti rinnovabili (certificato GdOs).

Inoltre, se è collegato alla ricarica tramite le colonnine pubbliche (dell'azienda elettrica locale), l'energia necessaria per percorrere 100 chilometri costerà solo 0,5 euro. E il culmine: l'MX-30 può assorbire potenze di carica fino a 50 kW,  e la somma di questa potenza e della sua efficiente batteria compatta consente di ricaricare dal 20% all'80% in carica rapida in soli 36 minuti.

Un interno che è anche rispettoso

L'interno di un'auto deve offrire qualità ed ergonomia e, se possibile, anche un'atmosfera accogliente e un design accattivante. Nel caso di Mazda, queste massime sono anche combinate con il concetto di design Modern Human, che facilita l'interazione del guidatore con il suo veicolo, e con materiali ecocompatibili.  

Il produttore utilizza sughero naturale per rivestire la consolle centrale e le maniglie delle porte. E lo fa per una doppia ragione. Innanzitutto perché per ottenere il materiale è sufficiente togliere la corteccia dagli alberi, le querce da sughero, senza doverle abbattere, riducendo così l'impatto sulle risorse naturali. La corteccia ricresce. Ma in secondo luogo, l'uso del sughero è un omaggio alle origini di Mazda, che ha iniziato il suo percorso industriale lavorando con i derivati ​​di questa materia prima.

Mazda MX-30

Inoltre, la parte superiore dei rivestimenti delle portiere è realizzata con una speciale fibra tessile proveniente da bottiglie di plastica riciclate e, in alcune versioni, i sedili sono rivestiti con una pelle vegana che utilizza l'acqua al posto dei solventi durante il processo di fabbricazione e riesce a mantenere il tocco e la resistenza caratteristici della pelle naturale.

Tutti questi valori di sostenibilità si fondono con le ultime tecnologie al servizio della sicurezza, di cui fanno parte sistemi come la frenata di emergenza automatica con rilevatore di traffico frontale o il sistema di mantenimento della corsia, che sono raggruppati sotto il nome di i-Activsense

La mobilità elettrica deve offrire un'ecologia a 360 gradi

La Mazda MX-30 offre sostenibilità in tutte le aree, dalle batterie e dai materiali interni alla ricarica.


L'elettrificazione dei trasporti è la chiave per rendere green la mobilità e raggiungere, o almeno approssimare per il momento, la tanto attesa compatibilità dell'auto con l'ambiente. I veicoli meccanici tradizionali consumano ancora combustibili fossili, così come gli ibridi, ma non i modelli elettrici, che consentono di guidare senza produrre emissioni. Ed è per questo che sono l'alternativa con più futuro.

Nonostante questo, durante tutta la vita utile di un'auto, sia termica che di batteria, si genera un'impronta ambientale dall'estrazione delle materie prime, dalla loro produzione, dal trasporto al concessionario, dall'utilizzo e dal riciclaggio finale. Tuttavia, questo impatto può essere ridotto al minimo applicando le giuste soluzioni. E ci sono già esempi, come la Mazda MX-30, che mostra la via da seguire per rendere le auto elettriche il più pulite possibile.

Un'auto alimentata al 100% a batteria non genera emissioni durante la guida, ma gli ingegneri e i designer Mazda si sono spinti oltre, tenendo conto anche, tra molti altri fattori, di come viene prodotta l'elettricità che alimenta questi veicoli, perché se si ricorre a impianti che utilizzano combustibili fossili per produrlo, il bilancio ecologico non è più positivo. Ed è un punto vitale, perché secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, il pericolo nella produzione di elettricità è l'attività umana che emette più CO 2 nell'atmosfera.

Ma ci sono altri problemi da considerare. Il produttore giapponese ha condotto uno studio insieme alla Kogakuin University di Tokyo, pubblicato sulla rivista tecnica Sustainability, da cui si evidenzia che i modelli elettrici con piccole batterie generano meno emissioni nel loro ciclo completo, perché richiedono meno energia per produrle e ricaricarle, poiché pesano anche meno, non consumano tanto e sfruttano meglio l'energia disponibile.

Batterie adeguate per la necessaria autonomia

Uno dei punti più controversi intorno alle auto elettriche è stato (e continua ad essere) quello della loro autonomia. La principale lamentela dei potenziali acquirenti risiede nella sua autonomia più limitata rispetto a quella di una macchina dotata di un motore a combustione. E la maggior parte dei marchi scommette sull'integrazione di batterie sempre più grandi per offrire un raggio d'azione o autonomia superiore. 

Ma è una buona idea? L'argomento a favore è che, potendo percorrere distanze di 600 o più chilometri per carica, un veicolo elettrico riuscirebbe a convincere la maggioranza dei clienti e potrebbe essere utilizzato come unica automobile di una famiglia. Tuttavia, la realtà è che nella quotidianità quasi nessuno viaggia così lontano con il proprio veicolo.

Secondo uno studio condotto dalla società di consulenza Ipsos nel 2019, in Europa i conducenti percorrono in media 48 chilometri al giorno. Certo, ci sono anche quelli che arrivano a 80 e altri che si fermano a 30. Allora perché portare enormi batterie per poter affrontare lunghi viaggi che non si fanno quasi mai?

Mazda ha scelto la strada opposta, ed è per questo che il suo MX-30 integra una batteria da 35,5 kWh, la metà di quella che normalmente trasportano altri veicoli elettrici delle sue dimensioni. Ma la strategia ha la sua ricompensa, perché grazie al risparmio di peso e una maggiore efficienza energetica, questa batteria fornisce un'autonomia fino a 265 chilometri in ciclo urbano, più che sufficiente per coprire le necessità quotidiane e anche le fughe del fine settimana nei dintorni. Integrando accumulatori più compatti si guadagna anche lo spazio interno e, riducendo il peso, si migliora anche il comportamento dinamico. 

Mazda MX-30

Energia pulita e ricarica rapida

Mazda ha stretto una partnership con Iberdrola affinché la sostenibilità dell'MX-30 si estenda anche alla ricarica, grazie a questo accordo, l'azienda giapponese offre ai suoi clienti un punto di ricarica Wallbox Pulsar Plus da 7,4 kW. Ma la cosa migliore è che l'elettricità che consumi è prodotta in modo pulito, da fonti rinnovabili (certificato GdOs).

Inoltre, se è collegato alla ricarica tramite le colonnine pubbliche (dell'azienda elettrica locale), l'energia necessaria per percorrere 100 chilometri costerà solo 0,5 euro. E il culmine: l'MX-30 può assorbire potenze di carica fino a 50 kW,  e la somma di questa potenza e della sua efficiente batteria compatta consente di ricaricare dal 20% all'80% in carica rapida in soli 36 minuti.

Un interno che è anche rispettoso

L'interno di un'auto deve offrire qualità ed ergonomia e, se possibile, anche un'atmosfera accogliente e un design accattivante. Nel caso di Mazda, queste massime sono anche combinate con il concetto di design Modern Human, che facilita l'interazione del guidatore con il suo veicolo, e con materiali ecocompatibili.  

Il produttore utilizza sughero naturale per rivestire la consolle centrale e le maniglie delle porte. E lo fa per una doppia ragione. Innanzitutto perché per ottenere il materiale è sufficiente togliere la corteccia dagli alberi, le querce da sughero, senza doverle abbattere, riducendo così l'impatto sulle risorse naturali. La corteccia ricresce. Ma in secondo luogo, l'uso del sughero è un omaggio alle origini di Mazda, che ha iniziato il suo percorso industriale lavorando con i derivati ​​di questa materia prima.

Mazda MX-30

Inoltre, la parte superiore dei rivestimenti delle portiere è realizzata con una speciale fibra tessile proveniente da bottiglie di plastica riciclate e, in alcune versioni, i sedili sono rivestiti con una pelle vegana che utilizza l'acqua al posto dei solventi durante il processo di fabbricazione e riesce a mantenere il tocco e la resistenza caratteristici della pelle naturale.

Tutti questi valori di sostenibilità si fondono con le ultime tecnologie al servizio della sicurezza, di cui fanno parte sistemi come la frenata di emergenza automatica con rilevatore di traffico frontale o il sistema di mantenimento della corsia, che sono raggruppati sotto il nome di i-Activsense

Coronavirus, auto ferma? I consigli dell'Aci per batteria, gomme e veicoli elettrici

L’Automobile Club d'Italia ha stilato dei semplici consigli, che possono essere messi in pratica anche al tempo del Coronavirus, per non incorrere in spiacevoli sorprese al momento di girare la chiave di accensione. Si tratta di suggerimenti validi anche nel caso di una lunga inattività del veicolo per motivi indipendenti da emergenze come quella che stiamo vivendo


ACI - AUTOMOBILE CLUB VICENZA - Confartigianato Vicenza ...

#IORESTOACASA è l’imperativo per sopravvivere alla pandemia da Coronavirus. Un imperativo che costringe anche la maggior parte delle nostre auto a rimanere parcheggiate o chiuse in garage, da oltre un mese, senza distinzioni di categoria o cilindrata: dalle city-car alle potenti sportive, dai Suv alle cabriolet.

La preoccupazione di molti non è solo “quando tornerò a lavorare?” o “quest’estate potrò andare in vacanza al mare?”, ma anche: “cosa devo fare per mantenere l’auto ferma efficiente fino a quando si potrà tornare a circolare liberamente?”

Una lunga inattività, infatti, se da una parte fa risparmiare carburante, dall’altra può nuocere a batteria o pneumatici oppure creare problemi al riavvio del motore.
L’Automobile Club d’Italia ha stilato dei semplici consigli, che possono essere messi in pratica anche al tempo del Coronavirus, per non incorrere in spiacevoli sorprese al momento di girare la chiave di accensione. Si tratta di suggerimenti validi anche nel caso di una lunga inattività del veicolo per motivi indipendenti da emergenze come quella che stiamo vivendo.

Se da una parte è sempre fondamentale mantenere la propria auto in perfetta efficienza, sottoponendola ai controlli periodici e avvalendosi di officine autorizzate, dall’altra in caso di guasti improvvisi o accidentali si può fare affidamento sul soccorso stradale ACI 803116, disponibile 24 su 24, 365 giorni all’anno.
Dalle prime analisi risulta che sarà proprio l’automobile il mezzo più usato dagli italiani per andare in vacanza la prossima estate, quindi è bene iniziare da subito a riservare al nostro veicolo quelle piccole attenzioni in grado di assicurare un viaggio sicuro e sereno.

CONSIGLI ACI – QUANDO L’AUTO RIMANE FERMA A LUNGO


Batteria auto – Cosa fare per evitare che si scarichi?
In previsione di un fermo superiore alle 4 settimane:
● Utilizzare il veicolo almeno una volta ogni 7 o 14 giorni;
● Acquistare i dispositivi “salva batteria” o “mantieni batteria”;
● Scollegare, eventualmente, il polo negativo della batteria e isolarlo*.
*In questo caso consultare sempre il libretto d’istruzioni.

Pneumatici – Cosa fare per preservarli?In caso di soste superiori ai 2 mesi, utilizzare l’accortezza adottata anche per i veicoli storici: muovere di tanto in tanto il veicolo per evitare deformazioni dello pneumatico o sospenderlo sui cavalletti (se si dispone di un garage al chiuso).

Accorgimenti – Cosa fare appena messo in moto il veicolo?Le auto immatricolate negli ultimi anni possono essere riavviate senza accorgimenti particolari anche dopo essere state ferme per 1 mese. Finito questo periodo, in occasione dei controlli di manutenzione, si consiglia di effettuare un check-up completo del veicolo.

Auto elettriche – Cosa fare in caso di inutilizzo? Fare riferimento al libretto di manutenzione e verificare se:
● È presente una “elettronica” di controllo che può consumare corrente anche a veicolo spento;
● È prevista una modalità ‘sleep’ da attivare in caso di veicolo fermo.

Le batterie al litio non dovrebbero essere né troppo cariche né troppo scariche: meglio lasciare l’auto elettrica ferma con una carica intorno al 60-70%.
Nel caso di una lunga sosta, poi, indipendentemente dall’alimentazione, è bene coprire il veicolo con un telo idoneo ed attenersi a quanto prevede il libretto di uso e manutenzione in questi casi.

Fregature a quattro ruote: Italia al primo posto per i contachilometri taroccati. Da noi vendute metà delle auto contraffatte in Europa

Secondo uno studio del Parlamento Europeo, il giro di affari si aggira sui 9 miliardi di euro. Solo da noi il mercato ne vale 2: vendute circa la metà delle auto contraffatte in tutto il Vecchio Continente


Risultati immagini per contachilometri truccati

Una truffa a quattro ruote che non conosce età. È quella del contachilometri, manomesso dal rivenditore per piazzare un'auto usata ad un prezzo molto più alto. Vecchio e noto, questo raggiro sembra non risentire del passare degli anni, anzi. Secondo uno studio commissionato dal Parlamento Europeo, il giro di affari si aggira sui 9 miliardi di euro. Un mercato che vale 2 miliardi solo in Italia, dove vengono vendute circa la metà delle auto contraffatte in tutto il Vecchio Continente.

"Il consumatore ha poche armi per difendersi - spiega l'associazione di tutela dei consumatori Codici - perché il libretto dei tagliandi può essere contraffatto, ammesso che venga compilato dal proprietario, e la revisione, per cui è obbligatorio segnare i chilometri percorsi, è aggirabile in quanto la macchina spesso viene venduta prima dei quattro anni stabiliti dalla legge per la revisione obbligatoria. In caso di guasto, invece, c'è la riparazione in garanzia con cui il rivenditore disonesto può salvarsi. Una soluzione possibile - suggerisce l'associazione - è affidarsi ad un meccanico di fiducia per una verifica accurata dell'auto prima dell'acquisto. Un aiuto arriva però anche dalla tecnologia, anche se entra in gioco soltanto per gli ultimi modelli. Le funzioni vengono gestite da centraline elettroniche che possono essere controllate per conoscere i dai reali di una vettura.

Per quanto riguarda il futuro, invece, l'Unione Europea ha chiesto più controlli alle autorità nazionali e nuove misure antitruffa alle case automobilistiche". Il giro di vite auspicato dall'UE nasce dal fatto che i truffatori oggi non corrono particolari pericoli. L'eventuale condanna per un reato che rientra nel Codice Penale prevede la reclusione da 6 mesi a 3 anni ed una multa da 51 a 1.032 euro, ma difficilmente la vittima di un raggiro si avventurerebbe in un processo che potrebbe durare anni. Per i disonesti, quindi, meglio rischiare, considerando la possibilità di un guadagno importante. A chi è in cerca di un'auto usata non resta che controllare bene prima di fare l'acquisto, in attesa che autorità ed aziende adottino norme antitruffa più efficaci.

 

(Fonte: repubblica.it)

Aiuto, ci tassano (ancora) la macchina. La marcia indietro del governo sull'ecotassa non convince. La follia del M5S imbarazza Salvini. Di Maio: "Incentiviamo solo a comprare auto non inquinanti" (VIDEO)

Una stangata sull'acquisto delle auto 'tradizionali'. Dal 1° gennaio 2019 arriva infatti l'ecotassa a pesare sulle tasche di quanti vorranno comprare automobili alimentate con carburante più inquinante. Incentivi, invece, per le auto più ecologiche. Ad annunciare ieri le nuove norme contenute nella manovra, una nota congiunta del sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti, Michele Dell'Orco, e il sottosegretario allo Sviluppo economico, Davide Crippa. Reazioni dure da tutti i fronti, i politici provano a metterci una pezza. Ma cresce la preoccupazione - (VIDEO)


Marcia indietro sull'ecotassa per le auto a benzina e diesel, contenuta in un emendamento del governo alla legge di Bilancio approvato ieri. Matteo Salvini si è detto questa mattina contrario alla misura che ha l'obiettivo di favorire le auto elettriche. Mentre Luigi Di Maio ha chiarito che non ci sarà nessuna nuova tassa per le auto già in circolazione, precisando che chi ha un Euro3 o qualsiasi altra macchina non pagherà un centesimo in più.

SALVINI- Ospite di 'Mattino 5', il ministro dell'Interno ha spiegato che la proposta di modifica, che ora passerà al Senato e poi tornerà alla Camera, "si può cambiare". Salvini, intervenendo a Radio Anch'io, si è detto "assolutamente contrario a ogni ipotesi di nuova tassa su un bene in Italia già iper tassato come l'auto". "Benissimo a bonus per chi vuole cambiare ma non credo - ha aggiunto - che ci sia qualcuno che ha un Euro3 diesel per il gusto di avere una macchina vecchia. Ce l'ha - ha osservata - perché non ha soldi per comprarsi una macchina nuova".

DI MAIO - Di Maio in un intervento pubblicato sul Blog delle Stelle e su Facebook ha chiarito innanzitutto che non ci sarà nessuna nuova tassa per le auto in circolazione. "Chi ha un Euro3 o qualsiasi altra macchina - ha spiegato - non pagherà un centesimo in più. Abbiamo pensato una norma - ha continuato - per aiutare chi decide di comprare un’auto ibrida, elettrica o a metano. Visto che - ha osservato - i livelli di inquinamento, soprattutto al Nord, sono spaventosi, perché non premiare chi decide di comprare un’auto nuova meno inquinante, dandogli un incentivo fino a 6000 euro? Questa è l’idea della norma pensata dal governo, che disincentiva chi sceglie un’auto più inquinante".

Di Maio ha detto di capire "le preoccupazioni di costruttori e dei cittadini che magari vorrebbero comprare un’auto ecologica, ma non se lo possono permettere perché costa di più". "Per questo la norma - ha sottolineato - va migliorata subito per non penalizzare nessuno, in particolare chi ha bisogno di acquistare un’utilitaria. Infatti il 60% dei modelli per cui è previsto un incentivo sono diesel: Punto diesel, Panda diesel, Clio diesel, Golf diesel, Megane diesel, Polo diesel, Classe A diesel. Per questo motivo - ha annunciato Di Maio - ho deciso di convocare un tavolo tecnico al Ministero dello Sviluppo economico, per migliorare gli incentivi per l’auto elettrica, ibrida e a metano, con i costruttori, a partire da FCA, e con le associazioni dei consumatori. Insieme - ha concluso - troveremo la soluzione giusta per centrare due obiettivi: proteggere noi e i nostri figli dall’inquinamento, senza pesare sul portafogli".

LE PROTESTE - Metalmeccanici e concessionari auto, con Fim Fiom, Uilm e Federauto si sono schierati subito insieme contro la misura dicendosi preoccupati dall'impatto che un meccanismo di bonus-malus così architettato possa avere sull'economia del Paese e sull'occupazione di un settore già esposto agli alti e bassi della crescita. Anche la Cgia di Mestre ha espresso un secco no all'ipotesi di una ulteriore tassazione sulle nuove auto a benzina e diesel. ''Già oggi in Italia sul settore dell'auto grava un carico fiscale di oltre 70 miliardi di euro all'anno - ha dichiarato Paolo Zabeo della Cgia - un record negativo che nessun altro Paese ci invidia".

 

(Fonte: Adnkronos)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS