updated 2:05 PM UTC, Oct 28, 2020

Il capo della NATO esorta la Russia a non immischiarsi nella crisi della Bielorussia

Putin giura sostegno militare a Lukashenko e il capo della NATO Jens Stoltenberg lo invita a non immischiarsi nella crisi che sta travolgendo la Bielorussia a seguito di elezioni presidenziali contestate.


“La Bielorussia è uno stato sovrano e indipendente, nessuno, inclusa la Russia, dovrebbe interferire lì", ha detto Stoltenberg in un'intervista al quotidiano tedesco Bild. Durante l'intervista, Stoltenberg ha anche ribadito che sarebbe "inaccettabile" per il regime bielorusso usare la violenza per reprimere le proteste pacifiche dell'opposizione. "Il presidente Lukashenko e il regime di Minsk devono garantire che anche il popolo bielorusso possa decidere e determinare il futuro della Bielorussia", ha affermato. 

La risposta politico diplomatica del presidente russo Vladimir Putin è subito arrivata e giovedì scorso, ha promesso sostegno militare allo stretto alleato e leader bielorusso Alexander Lukashenko, sollecitando una risoluzione pacifica ai disordini e alle proteste scoppiati dopo il contestato voto del 9 agosto. Il rapporto tra i due leader è da sempre molto controverso, il 65enne Lukashenko ha da sempre accusato la Russia di voler alimentare le proteste dell'opposizione per riuscire ad entrare nel territorio e porvi delle sue roccaforti.

Eppure Putin giovedì ha promesso il sostegno militare alla Bielorussia e ha affermato che la Russia ha istituito un gruppo di riserva di agenti delle forze dell'ordine da dispiegare se la situazione post-voto si deteriorasse.

"Non verrà utilizzato a meno che la situazione non inizi a perdere il controllo", ha detto Putin, a meno che "elementi estremisti ... non comincino a dare fuoco ad auto, case e banche, inizino a sequestrare edifici amministrativi"

 

Fonte (AFP)

  • Pubblicato in Esteri

Elezioni in Bielorussia, la polizia si prepara a soffocare ulteriori disordini

La polizia antisommossa è stata dispiegata nella capitale bielorussa in vista di una nuova manifestazione contro la rielezione del presidente Alexander Lukashenko.


Isolata piazza dell'Indipendenza, mentre colonne di persone si stanno unendo in una marcia di protesta proprio verso la piazza principale di Minsk. La polizia in tenuta antisommossa ha già effettuato molti arresti con metodi molto duri.


Presidente Alexander Lukashenko

La Bielorussia è attanagliata da proteste di massa, dalle elezioni del 9 Agosto, che hanno visto uscire come vincitore il leader di lunga data Lukashenko, al potere da 26 anni.

Sabato, le autorità hanno ritirato l'accreditamento di 17 giornalisti, la maggior parte dei quali cittadini bielorussi, che lavoravano come inviati per media stranieri e incaricati di realizzare reportage sulle proteste post-elettorali in corso. I più colpiti sono stati gli inviati della BBC, individuato come media straniero contro l'attuale governo. In un comunicato, la BBC ha affermato di condannare "con la massima fermezza possibile questo soffocamento del giornalismo indipendente".

I disordini in Bielorussia sono stati innescati all'inizio di questo mese da un'elezione che si ritiene sia stata truccata a favore di Lukashenko, al potere dal 1994.

La principale candidata dell'opposizione, Svetlana Tikhanovskaya, è stata arrestata il giorno dopo il voto ed è partita per la Lituania, da allora non si hanno notizie certe sulla sua dimora . 

La Bielorussia sta assistendo a manifestazioni senza precedenti, in sciopero anche i lavoratori delle principali imprese statali, cosa mai avvenuta fino ad oggi. Migliaia di persone sono state arrestate e numerose sono state le segnalazioni di brutalità della polizia. Le poche notizie che trapelano parlano di 4 morti e centinaia i feriti.

L'Unione europea e gli Stati Uniti sono tra coloro che rifiutano le elezioni, in quanto né libere né giuste. L'UE sta preparando sanzioni contro i funzionari del governo, accusati di aver manipolato il risultato per ottenere la vittoria di Lukashenko e di reprimere il movimento di opposizione.

Il principale alleato della Bielorussia, la Russia, ha messo in guardia l'Occidente, interferenze di stati distanti dal territorio bielorusso non saranno accettate e di conseguenza avranno una reazione di pari peso. Il presidente russo considera questi disordini solo una manovra dell'occidente, per prendere il controllo del territorio bielorusso.

Il presidente Vladimir Putin ha detto di aver formato una forza di riserva della polizia, che interverrà solo in caso di necessità e di aver concordato con il presidente Lukashenko "che non verrà utilizzata fino a quando la situazione non sarà fuori controllo".

Lukashenko, in carica da 26 anni come presidente, ha rivendicato un sesto mandato quando le autorità elettorali hanno dichiarato di aver vinto con l'80% dei voti. Ma l'opposizione guidata dalla Tikhanovskaya ha subito parlato di brogli e di aver vinto il 60-70% sulla base di conteggi non falsati.

  • Pubblicato in Esteri

Macron e Merkel mettono in scena la forza dell'asse franco-tedesco di fronte alle nuove "sfide"

I due leader assicurano che c'è "convergenza" nell'agenda internazionale, anche se differiscono nella strategia nel Mediterraneo orientale


Tra il coronavirus e la lotta alla crisi economica che sta comportando, la crisi in Bielorussia, la Brexit, le tensioni nel Mediterraneo orientale, il colpo di stato in Mali o, proprio giovedì, l'avvelenamento del principale oppositore russo, Alexei Navalni, l'agenda, sia bilaterale che internazionale, era ben piena. Ma soprattutto quello che ha destato più interesse è stato il gesto di Angela Merkel che giovedì è diventato il primo cancelliere tedesco in 35 anni a visitare un presidente francese. L'incontro tra Emmanuel Macron e Angela Merkel è avvenuto a Fort Brégançon, "l'Eliseo dell'estate", dove il presidente trascorre le vacanze e dove, nei suoi tre lunghi anni di governo, aveva ospitato solo la britannica Theresa May e il russo Vladimir Putin. Una visita "eccezionale", aveva sottolineato l'Eliseo, che dovrebbe evidenziare quel rapporto speciale dell'asse franco-tedescoil . Va ricordato che il primo viaggio di Macron da presidente è stato a Berlino, nonostante i suoi alti e bassi, il rapporto tra i due è stato fondamentale nella politica bilaterale ed europea degli ultimi tre anni, un rapporto che dovrà essere ancora più stretto in quest'ultimo anno di vita politica del veterano cancelliere tedesco.

“Stiamo vivendo tempi difficili, la crisi Covid è la prima, ma ci troviamo anche di fronte a un mondo che si sta ricostruendo, compresi i cicli economici americani e cinesi, abbiamo la profonda convinzione della necessità di un'Europa che prenda il suo posto completamente, che difenda la sua sovranità strategica e l'indipendenza nel quadro della cooperazione e nel rispetto degli equilibri internazionali e del multilateralismo, ma che sappia difendere la sua agenda", ha sintetizzato Macron dopo le due ore di riunione, seguite da una" cena di lavoro ".

Era la prima volta che Merkel e Macron si vedevano di persona dopo l'interminabile Consiglio europeo di fine luglio a Bruxelles, in cui era stato approvato il fondo per la ricostruzione, non senza grandi difficoltà. L'Unione Europea darà 750.000 milioni di euro per aiutare i Paesi più colpiti dal coronavirus per far fronte alla crisi economica. L'iniziativa è stata possibile grazie alla spinta decisa di Parigi e Berlino, che insieme hanno presentato il piano multimilionario che ritengono fondamentale per salvaguardare lo stesso progetto europeo. Ma c'è ancora tanto da fare per Macron e Merkel che hanno approfittato di questo incontro in Costa Azzurra, per mettere a punto i dettagli prima della fase critica che inizierà con il ritorno delle vacanze e l'inizio del corso politico che dovrà validare la ratifica del fondo da parte del Parlamento europeo e dei 27 Stati membri, preferibilmente entro la fine dell'anno (e il mandato europeo tedesco).
Entrambi hanno concordato il desiderio di un "migliore coordinamento europeo" sia per l'approvazione finale dei fondi e la loro distribuzione a livello sanitario, sia per la risposta di ciascun paese a una pandemia che si ripercuote in Tutta l'Europa.

"Ora più che mai, dobbiamo avere un'azione europea contro il coronavirus, non possiamo limitarci a risposte nazionali, confinare nuovamente i Paesi, dobbiamo lavorare sul piano europeo, dobbiamo coordinare la nostra azione per combattere insieme l'epidemia" ha ribadito Angela Merkel.

Durante l'incontro si è parlato anche della crisi elettorale in Bielorussia, Macron ha accusato Lukashenko di "resistere" alla proposta di mediazione dell'OSCE a cui il presidente russo Vladimir Putin è già stato "favorevole", secondo il presidente francese, che allo stesso tempo ha ammonito sia Mosca sia l'Europa, si aspetta un "dialogo franco" sull'ex repubblica sovietica, perché "anche in questo caso sono in gioco la stabilità e la possibilità di un rapporto tra Ue e Russia". "Non vogliamo vedere una replica con quello che abbiamo visto negli anni passati, specialmente con l'Ucraina, e siamo stati molto chiari con Putin". "Quello che ci aspettiamo dalla Russia è davvero un dialogo franco e sincero con l'UE, in particolare con Germania e Francia, una cooperazione per una mediazione efficace che contribuisca ad evitare qualsiasi escalation e, soprattutto, vietare assolutamente qualsiasi violenza aggiuntiva alla situazione bielorussa. ".

Insieme alla Merkel, il presidente francese ha anche passato in rassegna la situazione in Libia, il colpo di stato in Mali e la crisi nel Mediterraneo orientale. Sebbene entrambi abbiano assicurato che vi sia "convergenza" su tutte le questioni, era chiaro che, almeno per quanto riguarda le strategie, quando si tratta di conflitti con la Turchia, le strade divergono, mentre Berlino sostiene il dialogo, Parigi ha inviato rinforzi militari nell'area a sostegno di Grecia e Cipro, anche se perseguono lo stesso obiettivo.

"Il nostro obiettivo strategico sul Mediterraneo orientale è lo stesso: la sovranità e la stabilità europee", ha detto Macron, anche se ha continuato precisando: "Ognuno di noi ha un modo per farlo, ognuno di noi ha la sua storia. Ci deve essere una complementarità per un obiettivo comune che agli stessi risultati ". "Ci sono diversi modi di agire", ha ammesso la Merkel. “Possiamo sostenere i nostri alleati europei, possiamo anche inviare navi, ma stiamo anche lavorando per riprendere il dialogo tra Grecia e Turchia. È difficile dire quale sia la strategia migliore, ecco perché lavoriamo insieme, penso ci siano molte possibilità di lavoro", ha aggiunto in tono conciliante.

  • Pubblicato in Esteri

Perchè i media occidentali si sono scagliati contro il vaccino russo?

L'11 agosto, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che la Russia aveva registrato il primo vaccino contro il coronavirus al mondo. E come prova della sua totale sicurezza, confermava che sua figlia aveva partecipato ai test sul nuovo farmaco.


I media occidentali sono immediatamente attivati con articoli contro la Russia, il suo governo e gli scienziati che hanno partecipato alla scoperta, accusando tutti contemporaneamente, spingendosi fino a parole molto pesanti, quasi genocidio.

 

Ecco alcune citazioni prese dai principali media:

  • "Putin sogna un "momento da leader stellare...".
  • "... Russia e Cina non sono molto scrupolose nell'osservare gli standard medici ed etici". 
  • "... più di 170 progetti per trovare un vaccino sono in corso nel mondo ... la Russia sta registrando il farmaco, ignorando alcune fasi dei test ... gli scienziati hanno testato i vaccini sui soldati e su se stessi..."
  • "L'approccio russo è sconsiderato e non etico".
  • "... questo farmaco rischia di esacerbare piuttosto che aiutare a far fronte alla pandemia."

Un'elenco che potrebbe continuare.

Sorge però una domanda: perché tutta questa isteria? Nessuna persona sarà vaccinata con la forza e contro la sua volontà con il farmaco russo "Sputnik V".

la risposta a questa domanda si potrebbe ritrovare in un post del NYT:

"Le principali potenze sono coinvolte in una corsa al vaccino globale, che il presidente Trump, Putin e il presidente cinese Xi Jinping considerano una guerra per procura, volta a consolidare per la loro leadership personale e per i sistemi nazionali concorrenti. Gli Stati Uniti, attraverso l'operazione Warp Speed e la Cina hanno investito miliardi in questo inseguimento, le autorità sanitarie sono preoccupate che la Russia stia cercando di strappare la vittoria alle due super potenze NEMICHE AMICHE".

 

Coronavirus; la Russia prosegue la registrazione del vaccino nonostante le preoccupazioni per la sicurezza

Il presidente Vladimir Putin ha annunciato che il vaccino è stato registrato, la produzione su larga scala dovrebbe iniziare a settembre e la vaccinazione di massa a ottobre


Lunedì, l'ente industriale dell'Associazione delle organizzazioni di sperimentazione clinica (ACTO), che rappresenta le organizzazioni che conducono studi clinici multinazionali sulla produzione di farmaci, aveva sollecitato ulteriori test prima della registrazione del nuovo vaccino russo contro il covid-19. La risposta delle autorità russe è stata secca, "L'ACTO sta ovviamente saltando alle conclusioni senza conoscere i risultati", ha detto al sito web di RBC Valentina Kosenko, vice capo sanitario del Roszdravnadzor l'agenzia russa per il controllo sanitario. "Diverse centinaia di volontari sono stati vaccinati con questo vaccino e non ci sono state reazioni avverse gravi", ha concluso la Kosenko.

L'istituto di ricerca statale russo Gamaleya ha lanciato la scorsa settimana gli studi di Fase III per il suo vaccino Covid-19. La Kosenko ha affermato che i nuovi test coinvolgeranno migliaia di volontari, le dosi e i tempi saranno gli stessi della fase II, fase che ha visto coinvolta come volontaria anche la figlia del presidente Putin. 

Sergei Glagolev, capo del dipartimento di controllo del Roszdravnadzor, conferma che la registrazione del vaccino avverrà durante le fase III e contemporaneamente verranno terminati anche tutti i test di laboratorio sui risultati di queste ultime vaccinazioni. “È accettabile registrare il farmaco durante le prime fasi degli studi clinici. Schemi simili esistono anche nell'UE e negli Stati Uniti, stiamo seguendo tutte le regole dettate dal controllo mondiale della sanità", ha detto Glagolev.

“Durante le pandemie, i paesi hanno fatto ricorso al permesso di utilizzare farmaci in assenza di normali studi randomizzati; non è il caso del nostro "vaccino di Gamaleya". Nel nostro caso, stiamo parlando di un'ammissione anticipata al mercato in condizioni rigorosamente controllate".

Il vaccino di Gamaleya è un cosiddetto vaccino a vettore virale, il che significa che impiega un altro virus per trasportare il DNA che codifica la risposta immunitaria necessaria nelle cellule. Si basa sull'adenovirus, il comune "raffreddore".

  • Pubblicato in Salute

Russia, Putin stravince il referendum costituzionale: ora potrà rimanere in carica fino al 2036. Stretta su famiglia e religione: il matrimonio sarà definito come "un'unione tra un uomo e una donna"

Con la nuova Costituzione il presidente, alla guida del Paese negli ultimi 20 anni, potrà rimanere al potere fino al 2036. Gli emendamenti approvati aumentano i poteri del capo dello Stato, che potrà anche imporre il proprio candidato premier senza sciogliere la Duma, e rafforzano i principi conservatori, specie su matrimoni e religione. Si afferma che la Federazione è erede dell'Unione sovietica. Proteste delle opposizioni che parlano di "brogli". Gli Usa "preoccupati"


Russia, referendum sulla Costituzione: ora Putin è "per sempre ...

Dopo aver contato il 100% dei voti espressi nella votazione nazionale sugli emendamenti alla Costituzione russa, la Commissione Elettorale Centrale ha annunciato che il 77,92% dei cittadini ha sostenuto gli emendamenti e il 21,27% ha votato contro

L'affluenza totale al plebiscito sulla riforma costituzionale iniziato il 25 giugno e conclusosi ieri in Russia è stata del 67,97%: lo ha annunciato la Commissione elettorale centrale. La riforma, tra le altre cose, dà a Vladimir Putin la possibilità di aggirare il limite di due mandati consecutivi da capo dello Stato e candidarsi alle presidenziali del 2024 e del 2030.

Il Cremlino ha definito il plebiscito sulla riforma costituzionale russa "un trionfo" del presidente Vladimir Putin e della fiducia dei russi nel loro leader. "Sicuramente lo consideriamo un trionfo. In realtà, de facto ha avuto luogo un referendum trionfale sulla fiducia nel presidente Putin", ha detto ai giornalisti il portavoce di Putin, Dmitry Peskov. Vladimir Putin ha ringraziato i cittadini russi per il voto sulla riforma costituzionale. La riforma, tra le altre cose, dà a Putin la possibilità di aggirare il limite di due mandati consecutivi da capo dello Stato e candidarsi alle presidenziali del 2024 e del 2030 e quindi, potenzialmente, di rimanere al Cremlino fino al 2036. "Prima che cominciamo a lavorare vorrei rivolgermi ai cittadini russi con parole di ringraziamento. Voglio dire grazie molte per il vostro sostegno e la vostra fiducia", ha detto il presidente russo a una seduta del Comitato Pobeda, un organo consultivo presso la presidenza sull'educazione patriottica. Lo riporta l'agenzia Ria Novosti.

Gli Usa sono "preoccupati" per le modalita' di svolgimento del referendum costituzionale in Russia, che consente a Vladimir Putin di restare in carica sino al 2036. "Siamo preoccupati per le informazioni sugli sforzi del governo russo per manipolare i risultati dei recenti voti sugli emendamenti costituzionali, comprese le informazioni su una coercizione degli elettori, sulle pressioni verso gli oppositori agli emendamenti e sulle restrizioni imposte agli osservatori indipendenti", afferma il dipartimento di stato.

"Abbiamo preso atto dell'annuncio della Commissione elettorale centrale della Federazione russa in merito ai risultati del voto nazionale sugli emendamenti alla Costituzione russa. Ci rammarichiamo che, nel periodo precedente al voto nazionale, non sia stata consentita la campagna a favore e contro, negando così agli elettori l'accesso a informazioni equilibrate". Lo ha affermato Peter Stano, portavoce dell'Alto rappresentante Ue Josep Borrell. "Ci aspettiamo che tutte le segnalazioni e le accuse di irregolarità, tra cui la coercizione degli elettori, il doppio voto, la violazione della segretezza del voto e le accuse di violenza della polizia contro un giornalista siano debitamente indagate", ha aggiunto.


SCHEDA - Cosa prevede la riforma costituzionale di Putin

Russia, via al referendum che permetterà a Putin di restare al ...

Putin resta al Cremlino, principi conservatori e presidente forte

La riforma della Costituzione potrà permettere a Putin di aggirare il limite di due mandati presidenziali consecutivi e di rimanere quindi potenzialmente al Cremlino fino al 2036 allontanando lo spettro di una lotta per la successione. Questa è probabilmente la principale novità della riforma, ma anche quella meno pubblicizzata in Russia e quasi ignorata dalla tv di Stato. Gli emendamenti alla Costituzione però sono tanti e di diversa natura. Alcuni ridisegnano in parte le competenze dei vari organi statali aumentando di fatto i poteri del capo dello Stato. Altri danno valore costituzionale al patriottismo e ai principi conservatori promossi da Putin in questi 20 anni ai vertici della Federazione.

Nella "nuova Costituzione", ad esempio, il matrimonio sarà definito come "un'unione tra un uomo e una donna" rinvigorendo il divieto dei matrimoni gay in un Paese in cui i diritti delle minoranze sessuali sono regolarmente calpestati. Nella legge fondamentale dello Stato inoltre si inserisce un accenno alla "fede in Dio", si vieta di sminuire il contributo sovietico nella lotta al nazismo e di cedere ad altri Paesi parti del territorio russo: un modo quest'ultimo per ribadire che Mosca non intende restituire all'Ucraina la Crimea, annessa di fatto dalla Russia nel 2014.

Infine, si afferma che la Russia è l'erede dell'Urss e si legittimano così le mire del Cremlino sullo scacchiere internazionale. C'è poi una terza categoria di emendamenti che riguardano il benessere socio-economico e che servono ad attirare voti: introducono nella Costituzione l'indicizzazione delle pensioni e vietano che gli stipendi siano inferiori al minimo di sussistenza, per ora fissato a 135 euro al mese.

Vediamo ora come cambia l'assetto istituzionale. Il capo dello Stato potrà adesso imporre il proprio candidato premier anche senza sciogliere la Duma nel caso in cui questa respinga tre volte la persona scelta dal presidente per guidare l'esecutivo. Il presidente potrà inoltre destituire i giudici della Corte costituzionale e della Corte suprema e "dirigere il lavoro generale del governo", che così viene di fatto subordinato al Cremlino, a cui in futuro i ministri risponderanno direttamente. Gli ex presidenti diverranno poi senatori a vita ottenendo così l'immunità parlamentare. Si rafforza anche il Consiglio di Stato, che finora ha solo avuto funzione consultiva e ora diventa invece un organo di rilevanza costituzionale col potere di indicare "la direzione della politica interna e di quella estera e le priorità socio-economiche" del Paese. Per questa ragione, non è da escludere che Putin possa un giorno presiedere questo istituto. La Russia di Putin si dota inoltre di una sorta di filtro per eliminare le sentenze dei tribunali internazionali che non le vanno a genio: un emendamento prevede infatti che il diritto internazionale non si applichi nel caso in cui la Corte Costituzionale lo reputi in contrasto con la legge russa.

 

(Fonte: Ansa)

  • Pubblicato in Esteri

Nel Golfo Persico gli Stati Uniti e l'Iran sempre più vicini allo scontro armato

Anche mentre la pandemia da Covid-19 sta devastando il mondo, Gli Stati Uniti e l'Iran continuano a scambiarsi minacce. Il conflitto verbale tra i due avversari geopolitici di lunga data, sembra rischiare di tramutarsi in una vera guerra


Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha minacciato di distruggere qualsiasi nave della marina iraniana che minacciasse le forze armate statunitensi nel Golfo Persico. Neanche la pandemia da coronavirus ferma le parti in conflitto. I recenti incidenti minacciano di esacerbare le relazioni tra Washington e Teheran. Donald Trump ha portato il conflitto a un nuovo livello di allerta, quando in un Tweet a minacciato di voler affondare qualunque nave iraniana potesse rappresentare una minaccia alle navi da guerra statunitensi, dislocate nel Golfo Persico per esercitazioni militari. Questo Tweet diede seguito a numerose dichiarazioni in cui si dichiarava la volontà di aprire il fuoco senza preavviso, contro qualunque nave si avvicinasse troppo alla flotta americana. Gli esperti ritengono che una reazione americana così forte, sia dovuta all'incidente del 15 aprile nel Golfo Persico al largo della costa del Kuwait, dove undici navi della Marina iraniana si sono mosse pericolosamente, quasi a voler cercare lo scontro a fuoco, alle navi da guerra statunitensi.

Nessuno è rimasto ferito, nessuna delle due parti ha aperto il fuoco. La leadership del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (IRGC) ha accusato gli Stati Uniti di aver volutamente provocato l'incidente, sostenendo che erano le navi da guerra statunitensi ad agire in modo provocatorio interferendo con le esercitazioni militari iraniane.

Come spiegato dal vice capo del Pentagono David Norquist, Trump ha dato un avvertimento agli iraniani. Le navi americane mantengono il diritto all'autodifesa, afferma il messaggio dell'amministrazione statunitense. Un messaggio volutamente solo provocatorio, perché le regole d'ingaggio in territorio non definito "zona rossa o zona di guerra", sono molto rigide e non ammettono il fuoco a meno di minacce reali. 

Teheran non ha tardato a rispondere alle minacce di Trump, osservando che il paese "non inizia una guerra, ma insegna una lezione a coloro che lo fanno". Il capo del Ministero degli affari esteri della Repubblica islamica, Javad Zarif, ha scritto sul suo Twitter, "A differenza degli Stati Uniti, che giacciono furtivamente, ingannano e commettono omicidi, l'Iran agisce solo a scopo di autodifesa".

Le relazioni tra gli Stati Uniti e l'Iran sono peggiorate drammaticamente dopo che Washington si è ritirata dall'accordo sul nucleare con Teheran. Gli Stati Uniti hanno sempre imposto sanzioni contro il regime di Teheran, ma l'assassinio del generale iraniano Qasem Soleimani, che è stato ucciso a seguito dell'attacco missilistico vicino a Baghdad nel gennaio di quest'anno, ha acceso nuovamente gli animi. In risposta Teheran ha lanciato un attacco missilistico su una base nell'Iraq occidentale, dove erano stati schierati dei militari statunitensi.

Il 22 aprile, l'IRGC aveva annunciato al mondo che l'Iran aveva lanciato il suo primo satellite militare. A questo proposito, John Hyten, generale dell'aeronautica militare, che è l'undicesimo vicepresidente dei capi di stato maggiore congiunti, ha affermato che il lancio del veicolo spaziale militare doveva essere identificato come un altro esempio del comportamento ostile dell'Iran.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo, durante una conferenza stampa tenutasi il 22 aprile, ha accusato l'Iran di aver violato la risoluzione n. 2231 del Consiglio di sicurezza dell'ONU del 2015, che vieta il lancio di missili balistici a capacità nucleare.

Tecnicamente, gli Stati Uniti potrebbero aprire uno scontro militare con l'Iran. Come sempre le guerre sono anche una grossa fonte di profitto, ma è giusto evidenziare che questo non è sicuramente il momento migliore per un simile sforzo. Entrambi gli stati stanno combattendo una guerra privata contro la pandemia da Covid-19. Le aspre polemiche interne consigliano ai due governi, di concentrarsi su questioni che potrebbero rivelarsi più vantaggiose. 

  • Pubblicato in Esteri

Russia & Cina, i nuovi leader mondiali ai tempi del Covid-19

Il leader russo e il leader cinese hanno firmato un pacchetto di accordi economici, che li porterà al comando dell'economia mondiale. 


Pochi leader sono in così grande sintonia quanto il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping. Alleati per convenienza politica, amici per affinità personale, si sono incontrati 30 volte in sei anni. Queste affinità e sinergie li hanno portati alla firma di un importante accordo economico commerciale e una dichiarazione comune, in cui hanno reso visibile la loro posizione su questioni chiave a livello globale. Ciò ha dato "nuovo slancio" a un legame bilaterale che Putin ha descritto come "situato a un livello senza precedenti". Le relazioni bilaterali sono diventate più importanti che mai per entrambi, con la Russia isolata dall'Occidente e nel mezzo di una guerra commerciale tra Washington e Pechino. Entrambi i leader si sono salutati con sorrisi calorosi. Il presidente cinese ha dichiarato, "Sono convinto che questo ci porterà a nuovi impressionanti successi. Per gradi siamo riusciti a portare le nostre relazioni ai massimi livelli nella loro storia. Non ci sono limiti al perfezionamento delle nostre relazioni. Saranno sempre meglio ”.

Con la pandemia da Covid-19 i rapporti tra Mosca e Washington sono sempre più danneggiati da un'economia vacillante, Putin ha anche bisogno del sostegno dell'uomo che lo vede come un "amico dell'anima", come lo definì Xi un'intervista con l'agenzia statale russa Tass. La Russia spera che aumentare le sue relazioni con la Cina porterà ad un aumento degli investimenti ora che le due economie subiscono un forte rallentamento.

Putin e Xi hanno firmato una serie di accordi su energia, difesa, aviazione, agricoltura, tecnologia e commercio elettronico. Uno di questi, tra Huawei e le società di telecomunicazioni russe per un nuovo sviluppo della rete 5G in Russia. Un altro, tra Alibaba, la più grande società commerciale online in Cina, con società di e-commerce russe. Alleanze per "contrastare le restrizioni americane, all'accesso ai mercati dei prodotti informatici cinesi e russi, con la scusa di garantire la sicurezza nazionale". Inoltre, per contrastare eventuali nuove sanzioni verso i loro paesi, hanno concordato di sviluppare un sistema per utilizzare rubli e yuan nel loro commercio bilaterale e ridurre il più possibile l'uso del dollaro.

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS