updated 5:31 PM UTC, Oct 29, 2020

Covid, "operazione verità" di 10 esperti su 10 errori gravi del governo: "Gettati alle ortiche i sacrifici degli italiani"

I dossier strategici su cui l'esecutivo di Giuseppe Conte finisce sotto accusa: tamponi di massa, scuole in sicurezza, dati epidemiologici accessibili, tracciamento, assembramenti e sanzioni, terapie intensive, distanziamento sui mezzi pubblici, vaccini antinfluenzali, medicina del territorio, Covid hotel - (LEGGI TUTTO)


"I sacrifici degli italiani, reclusi per due mesi fra marzo e aprile, sono stati gettati alle ortiche". "Noi pensiamo che quello che non è stato fatto fra maggio e ottobre debba assolutamente essere fatto ora". Così inizia e così si chiude un documento redatto da 10 studiosi che lanciano una "operazione verità" ricostruendo 10 errori gravi commessi dalle istituzioni, e innanzitutto dal Governo, nella gestione dell'epidemia. Il documento è sottoscritto da Nicola Casagli, Pierluigi Contucci, Andrea Crisanti, Paolo Gasparini, Francesco Manfredi, Giovanni Orsina, Luca Ricolfi, Stefano Ruffo, Giuseppe Valditara, Claudio Zucchelli.

Dopo aver sottolineato che, alla luce della Costituzione, il coordinamento e la programmazione delle politiche di tutela della salute degli italiani erano di competenza di Conte e dei suoi ministri, il documento (disponibile su www.fondazionehume.it e www.lettera150.it) analizza i 10 dossier ritenuti strategici: tamponi di massa, scuole in sicurezza, dati epidemiologici accessibili, tracciamento, assembramenti e sanzioni, terapie intensive, distanziamento sui mezzi pubblici, vaccini antinfluenzali, medicina del territorio, Covid hotel. 

Su queste materie "è avvenuta la Caporetto del Governo", come dimostra l’evoluzione dell’epidemia e il grido di allarme degli operatori sanitari. “Il problema cruciale di un’epidemia non è portare il numero di contagi vicino a zero, ma mantenerlo basso quando il peggio sembra passato. Per garantire questo, servono tutte e 10 le cose che abbiamo elencato”, si legge nel documento, “serve, soprattutto, un impegno solenne del governo centrale ad attuarle in tempi brevi e certi. Serve un cronoprogramma che specifici costi, strumenti, fasi di avanzamento, date di conclusione. Perché il rischio che corriamo è grande. E’ il rischio che, dopo il tempo delle chiusure, quello delle aperture ci restituisca la medesima illusione in cui siamo vissuti quest’estate. Un intervallo in cui si fa poco per contrastare il virus, ci si illude che il virus sia in ritirata, e così si prepara l’arrivo di una nuova ondata. Gli italiani attendono risposte concrete". Il documento può essere sottoscritto scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

(Fonte: adnkronos)

Il grido di dolore degli operatori turistici: "Il nostro settore nel dramma, servono aiuti subito"

Una folta rappresentanza di agenzie di viaggio, commerciali, consulenti turistici, tour operator, autisti di bus e pullman ha manifestato davanti a Palazzo Lombardia perché le istituzioni non si dimentichino di un settore che in questa fase di emergenza sta soffrendo come e più di altri - (VIDEO)


Le agenzie di viaggi fanno sentire la propria voce e tornano in piazza. Si sono date appuntamento a Milano, davanti a Palazzo Lombardia. Ad organizzare la manifestazione il Maavi, il movimento autonomo delle adv guidato da Enrica Montanucci e nato proprio durante la pandemia globale. L’obiettivo della protesta? Dare un ulteriore allarme alle istituzioni, in un momento di crisi senza precedenti che rischia seriamente di compromettere il futuro di numerosissime realtà del turismo.

“Per il 90% siamo piccole micro-imprese di imprenditoria femminile, ad alta specializzazione e professionalità, un settore che era sanissimo nonostante i grossi portali delle multinazionali del web, spinto dalla passione e dalla voglia di fare sempre meglio. Con un’agenzia viaggi non si diventa ricchi materialmente ma di esperienze, conoscenze ed empatia – si legge nella nota divulgata dalla delegazione lombarda di Maavi – Ogni anno muoviamo milioni di passeggeri per lavoro e per turismo, riempiamo i centri storici delle città con i suoi ristornati, bar, negozi, musei, siti archeologici, spiagge e montagne.  Siamo assicurate, abbiamo fondo di garanzia, contribuiamo a una fetta importante del Pil regionale e nazionale. Le agenzie viaggi lombarde sono quelle che movimentano più passeggeri in Italia”.

Come ricordano gli agenti, ci si è fermati prima del lockdown conclamato e “non sappiamo quando potremo ripartire con il nostro lavoro, abbiamo dato assistenza continua e gratuita ai nostri connazionali bloccati all’estero durante la primavera ancora prima che si muovesse la Farnesina. Rispettosissime dei protocolli sanitari e limitazioni ai viaggi. Il Bonus Vacanze ci ha ulteriormente penalizzate, grazie a una comunicazione istituzionale non idonea, in ogni caso non è stato un successo come lo dimostrano i dati: sugli oltre 2 miliardi stanziati ne sono stati usati 400/500 milioni. In questi mesi abbiamo riempito i tavoli governativi e regionali di proposte, per ora solo ascoltate. Per noi non ci sono orari di lavoro, noi non lavoriamo da febbraio e non sappiamo quando potremo riprendere”.

Maavi non intende minimizzare il dramma sanitario, “ma non possiamo permettere che diventi anche un dramma sociale settoriale – conclude – Alcune regioni hanno aiutato nei mesi scorsi i nostri colleghi con piccoli e significativi aiuti. Chiediamo anche alla nostra Regione Lombardia, che è la più ricca e operosa, di sostenerci velocemente”.

Lockdown, Sala e De Magistris chiedono spiegazioni a Speranza dopo le parole di Ricciardi: "Opinione sua o del governo?". Intanto Musumeci vuole spostare la chiusura dei locali alle 22 o alle 23

I sindaci delle due città scrivono per avere chiarimenti sulle affermazioni del consulente del ministro della Salute. Il primo cittadino di Milano in un video su Fb: "Ritengo che chiudere tutto sia una scelta sbagliata". Prea di posizione forte del governatore siciliano


Covid: Sala e de Magistris a Speranza: 'Il lockdown idea Ricciardi?' -  Cronaca - ANSA

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e quello di Napoli, Luigi de Magistris, hanno scritto una lettera al ministro della Salute, Roberto Speranza, per chiedere chiarimenti sulle affermazioni fatte dal consulente del ministero, Walter Ricciardi, che ha parlato di un lockdown "necessario" nelle due città. "Stamattina ci siamo sentiti con il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, perché ieri il consulente del ministero della Salute, il professor Ricciardi, ha evocato un lockdown a Napoli e Milano - ha spiegato Sala in un video suoi social -. Abbiamo scritto al ministro per chiedergli se quella è un'opinione del suo consulente o è un'opinione del ministero e, nel caso fosse un'opinione del ministero, se è basata su dati e informazioni che il ministero ha e noi non abbiamo". 

Il lockdown a Milano in questo momento "per quello che osservo è una scelta sbagliata". Lo ha ribadito il sindaco, Giuseppe Sala, in un video sulle sue pagine social. "E' nelle mie responsabilità e io ragiono con la testa e con il cuore, guardo i dati, abbiamo meno di 300 terapie intensive, ne abbiamo avute 1700, sono in crescita ma stiamo facendo dei sacrifici e vedremo cosa succederà - ha aggiunto -. Oggi c'è il tema di tenere a casa gli anziani, è brutale ma il 90% dei decessi è sugli over 70, c'è un problema di creare spazi di ricovero per gli asintomatici, per le quarantene e stiamo lavorando con Ats e la Regione". "C'è tempo per la polemica e per la collaborazione ma io non credo che a questo punto sia giusto fare un lockdown e lo dico sapendo che ci sono due partiti, anche tra i cittadini, c'è chi dice 'chiudi tutto' e chi 'non si può'", ha concluso.

"Sto adottando un disegno di legge che prevede, assieme alle misure restrittive già concepite e praticate, la possibilità di adottare misure estensive là dove il governo consente di farlo, come nella normativa di dettaglio. Noi rivendichiamo il diritto di poter dire, signor presidente del Consiglio, noi riteniamo di spostare l'orario di chiusura di bar e ristoranti dalle 18 alle 22 o alle 23. Quando il governo centrale dirà che bisognerà chiudere per 24 ore, noi allora non fiateremo". Così il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, a Tgcom24. "Stiamo adottando il ddl in giunta nelle prossime ore - spiega - poi sarà il Parlamento siciliano a dovere approvare o respingere. E mi auguro che il governo centrale terrà conto della nostra prerogativa".

Faro del Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, sugli incidenti e le tensioni legate alle ultime misure anti-contagio. Nella seduta di oggi è stato infatti deciso, tra l'altro, di "indire specifiche audizioni relative alle tensioni sociali manifestate in questi giorni". Lo rende noto il presidente del Copasir, Raffaele Volpi.

 

(Fonte: Ansa)

Nuovo Dpcm, il dramma di ristorazione e agroalimentare. Anche chi aveva successo ora dice: "In queste condizioni meglio chiudere"

Perso il 98% degli affari. Così è meglio chiudere”. Sui giornali di oggi le reazioni, comprensibilmente dure, al nuovo Dpcm in vigore da oggi che ferma bar e ristoranti alle 18.00


I locali possono restare aperti tutti i giorni -domenica compresa - fino alle 18.00 con limitazioni per numero di persone anche al singolo tavolo (più di quattro solo se conviventi) e poi fare asporto fino a mezzanotte (salvo diverse disposizioni regionali). Una misura che mortifica e abbatte un intero settore già fortemente provato e, come sottolinea Coldiretti, avrà ripercussioni su tutto il settore agroalimentare.

Il Dpcm, su questo punto, ha incontrato l’opposizione di diversi Governatori, come Zaia e Toti, oltre che di molti nomi di riferimento del settore. Da leggere Mariella Tanzarella che su Repubblica Milano dà un primo quadro delle strategie messe in campo dagli operatori: chi cambia orario invertendo il pranzo con la cena, chi punta su take away e delivery ma c’è anche chi ha deciso di chiudere (“Perché ora in una città come Milano non ha senso tenere aperto” come dichiarato da Diego Rossi del Trippa locale che fino a prima delle chiusure registrava il sold out ogni sera).

Così ci rovinano” è il laconico pensiero di Knam mentre su QN interviene Iginio Massari: “Così a rischio anche il Natale” perché la gente, spaventata e scoraggiata, potrebbe decidere di chiudersi in casa. @ Intanto tra le “vittime” eccellenti della nuova peggiorata situazione si annovera anche la Fiera del Tartufo di Alba che sospende gli eventi in presenza e il mercato e si affiderà unicamente alla propria proposta digitale come l’Alba Digital Truffle Lab e Langhe Digital Wine Lab.

 

(Fonte: ilgolosario.it)

Nuovo Dpcm, il governo ferma lo sport. Chiuse palestre e piscine, via libera a running e tennis. Lo sci in bilico

Vietato a livello amatoriale qualsiasi sport di contatto. Consentite attività individuali all'aperto. Il caso degli impianti sciistici: tutto dipenderà dall'approvazione di un protocollo che escluda assembramenti


Consigli sci di fondo Alta Pusteria | lungo i percorsi più belli

Dopo lo stop di marzo, il nuovo Dpcm segna una nuova battuta di arresto per lo sport. La normativa prevede infatti la chiusura di palestre e piscine, ma vieta anche a livello amatoriale qualsiasi sport di contatto. Via libera invece al tennis e al running: resteranno aperti, infatti, centri e circoli sportivi pubblici e privati per svolgere attività all'aperto, così come è consentita l'attività sportiva nei parchi. Chiusi gli impianti sciistici.

Calcio Si continua a giocare solo sui campi di Serie A, B, C e D, ma si ferma tutta il resto dell'attività, dall'Eccellenza in giù. Nel calcio femminile proseguono serie A e B, nel calcio a 5 serie A, A2 e B maschile e A e A2 femminile.

Nel Dpcm non è più citato il permesso di avere negli impianti una presenza massima del pubblico di mille spettatori all'aperto (e di 200 al chiuso per gli altri sport), con altre possibili deroghe affidate alle Regioni. Ora le attività consentite sono solo "a porte chiuse", sia negli stadi, sia negli impianti al coperto. Questo vale per il calcio e per tutti gli altri sport.

Basket Vanno avanti i campionati nazionali di A, A2, B nella pallacanestro maschile e A1 e A2 in quella femminile.

Volley Restano i campionati di Serie A e di Serie B maschili e femminili e una parte dei tornei giovanili.

Sport da contatto Sono 130 quelli elencati in un provvedimento pubblicato il 13 ottobre scorso (da aikido a wushu kung fu) e restano vietati per gli amatori, non per i professionisti, nonché dilettantistiche di livello nazionale, e nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni. Sono ammessi per le discipline dell'elenco allenamenti individuali, anche a livello amatoriale: in sostanza, un non tesserato alla Federcanottaggio non può fare l'otto senza ma può pagaiare in solitudine. Sono sospese l'attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l'attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto nonché le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale.

Sci Con l'avvicinarsi della stagione della neve, il dpcm prevede la chiusura degli impianti nei comprensori, che potranno essere utilizzati solo da atleti professionisti riconosciuti di interesse nazionale dal Coni, dal Cip e/o dalle rispettive federazioni per permettere la preparazione per competizioni nazionali e internazionali o il loro svolgimento. Gli sciatori amatoriali potranno accedere agli impianti solo se sarà adottato un protocollo da Regioni e Province autonome, validato dal Comitato tecnico scientifico, per evitare assembramenti.

 

(Fonte: Sportmediaset)

Nuovo Dpcm, sindaci e governatori leghisti valutano ricorso al Tar: "Per l'ennesima volta totale assenza di confronto e condivisione da parte del governo"

Giornata di confronto per Matteo Salvini, che ha ascoltato le preoccupazioni di sindaci e governatori della Lega. Nel tardo pomeriggio di domenica, spiegano fonti leghiste, "il leader del primo partito italiano si è confrontato in teleconferenza con i presidenti delle Regioni, preoccupati che i sacrifici imposti dal governo mettano in ginocchio l'economia senza produrre risultati efficaci sul fronte sanitario". Alcuni primi cittadini della Lega, affermano le stesse fonti, "stanno valutando di ricorrere al Tar contro il Dpcm. Per l'ennesima volta, gli amministratori locali hanno lamentato la totale assenza di confronto e di condivisione da parte del governo".

Blocco dei licenziamenti e cig, nessun accordo tra governo e sindacati. I consulenti lavoro: servono misure straordinarie a sostegno delle imprese

Si è concluso la notte scorsa con un "nulla di fatto" il confronto tra Cgil, Cisl, Uil e il Governo, con la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ed il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, sulla proroga della cassa integrazione ed il blocco dei licenziamenti. "Molto distanti", affermano i sindacati, le posizioni espresse dalle parti.

Dopo alcune ore di trattativa, Cgil, Cisl e Uil hanno "valutato insufficiente la proposta del Governo" ed hanno "proposto una soluzione in cui le ulteriori 18 settimane di cassa integrazione annunciate dal Governo e il blocco dei licenziamenti devono camminare di pari passo".
A questo punto, proseguono, "ritengono necessaria e utile una convocazione da parte del presidente del Consiglio e attendono l'avvio, in tempi brevissimi, di un tavolo a Palazzo Chigi" su questo capitolo e in generale sulla riforma degli ammortizzatori sociali, sulle politiche attive del lavoro, sulla manovra economica e sui fondi europei. 


Studio Gabellone Studio Professionale di Consulenza del Lavoro

La situazione di difficoltà in cui versano già moltissime piccole e medie imprese richiede misure straordinarie a loro sostegno, in grado di supportarle economicamente e salvaguardarne i livelli occupazionali. E' uno degli aspetti che emergono dall'indagine 'Crisi, emergenza sanitaria e lavoro nelle pmi', che sarà presentata al Festival del Lavoro, in programma oggi e domani, e condotta dalla Fondazione studi consulenti del lavoro tra gli iscritti.

Il 56,6% dei consulenti intervistati indica al primo posto l’urgenza di fornire contributi a fondo perduto per sostenere l’attività; a seguire, il 53,2% la proroga degli ammortizzatori sociali e il 51,9% la sospensione delle scadenze fiscali. Interventi importanti, a fronte dei quali altre possibili misure di incentivo e supporto, quali contributi per sostenere i costi della sicurezza o riorganizzare le aziende in modalità agile appaiono del tutto residuali.

Secondo la ricerca dei consulenti del lavoro l'esigenza di convogliare le risorse in interventi rilevanti da un punto di vista economico, per consentire il necessario afflusso di liquidità, rappresenta lo stato di forte criticità con cui le piccole e medie imprese si apprestano ad affrontare la seconda ondata pandemica. È indicativo che al Sud, prima ancora che contributi e ammortizzatori sociali, si indichi come prioritaria la sospensione delle scadenze fiscali, segnalando l’impossibilità totale delle aziende di far fronte ai propri adempimenti. Di contro al Nord, l’attenzione è posta soprattutto sugli ammortizzatori sociali, per rendere sostenibile il proseguimento delle attività, anche in condizione di forte criticità, puntando quanto possibile alla salvaguardia dei livelli occupazionali.

 

(Fonti: Ansa e Adnkronos)

"Temevo un 'Italexit' quando Salvini ha governato"

Enrico Letta, ex Primo Ministro, oggi responsabile Affari internazionali presso il prestigioso Science Po di Parigi, presidente dell'Istituto Jacques Delors, dirige anche il forum Italia-Spagna. In un'intervista al quotidiano ElPais si apre parlando dell'attuale situazione politica Italia ed Europea


In un mondo in crisi, punito dalla pandemia, Italia e Spagna stanno vivendo un'intensa luna di miele. Letta, promotore di questo rinato amore mediterraneo, lo celebra e punta a un'alleanza da cui può emergere l'Europa del futuro.

 

Domanda. Credi che abbiamo imparato la lezione dei mesi di marzo e aprile?

Risposta. Sì, tutti i paesi europei cercano un coordinamento e adottano misure adeguate per proteggere la parte debole della società, ma per evitare un nuovo confinamento totale. Il costo economico è stato immenso, per l'Italia sono 30 punti di debito pubblico. Qualcosa che pagheremo per molti anni. Questo è il motivo per cui è necessario trovare un equilibrio tra il requisito sanitario e l'evitare il confinamento.

D. Quindi non applichereste misure più restrittive di quelle annunciate domenica dall'Italia?

R. La priorità deve essere data alle scuole e al lavoro. Il telelavoro dovrebbe essere sfruttato appieno, ma ciò è possibile solo se le scuole sono aperte e consentono alle persone di lavorare da casa. Ho fiducia in chi prende le decisioni e gestisce i dati. Adesso tutti criticano o suggeriscono cambiamenti, sono tutti allenatori della Nazionale.

P. Temeva che l'UE sarebbe stata toccata?

R. L' Europa stava per morire a marzo. Era un rischio reale e mortale. L'immagine più ovvia è stata l'affermazione di Jacques Delors che lo avverte: ha 95 anni e non parlava da cinque. Ma poi è nata l'Europa della solidarietà, che si esprime nella Next Generation EU. Sono molto ottimista sull'Europa del futuro, nata dalla leadership di Italia e Spagna. Insieme alla Francia, hanno acceso una linea che è stata successivamente accettata dalla Germania e seguita da tutta l'Europa.

P. Alcune risorse messe sul tavolo, soprattutto crediti e Mede (meccanismo europeo di stabilità), sono ancora viste con immenso sospetto. Nessuno sembra volerli toccare.

R. L' Europa ha gestito molto male l'episodio in Grecia e ha causato un grande problema di fiducia nell'opinione pubblica spagnola e italiana. L'immagine era quella di un Paese che nei momenti di difficoltà subiva imposizioni troppo dure e veniva abbandonato. Ciò ha danneggiato l'immagine dell'aiuto europeo.

D. Quindi, quegli aiuti non verranno usati?

R. Dobbiamo fare un passo avanti e riformare i Medi. Cambialo completamente, anche il nome e le regole. Rendilo comunitario e non solo per i paesi dell'euro, oltre a consegnarlo alla Commissione Europea. Altrimenti nessuno lo prenderà.

D. Ora sembra una caramella avvelenata. E in Italia avrebbe un prezzo politico molto alto per prenderlo.

R. La Mede è una cassaforte piena di soldi, ma per ragioni politiche non la usano. L'Italia e la Spagna insieme dovrebbero fare una proposta per riformarla. Ciò eviterà questo paradosso in cui nessuno vuole utilizzare i 400.000 milioni a causa della cattiva reputazione che ha a causa del caso greco. Dovrà chiamarsi altro, qualcosa come il Fondo europeo di solidarietà, e consegnarlo alla Commissione: dal Lussemburgo a Bruxelles.

P. Italia e Spagna si sono sempre guardate con sospetto nonostante condividessero un'agenda e interessi strategici. Cosa è successo in modo che non sia più così?

R. Non ricordo rapporti migliori di adesso, sono ottimi. Quando ero primo ministro, c'erano buoni rapporti con [Mariano] Rajoy, ma oggi sono più profondi. Credo sia dovuto principalmente alla crisi pandemica e alla risposta europea che Italia e Spagna hanno dato insieme. Il fatto di capire che contro i nordici possiamo solo essere uniti. Inoltre, Conte e Sánchez hanno lavorato molto bene per creare quell'intesa che si estende ad altri ministri. Penso che sia una situazione idilliaca.

D. Perché non è successo prima?

R. Per 20 anni la Spagna è stata tentata di immaginarsi come il principale partner mediterraneo dell'asse franco-tedesco. In altre parole, ha voluto sostituire un'Italia sempre in crisi offrendo maggiore affidabilità e un'economia che funzionasse meglio con una politica modulabile. L'Italia, invece, ha sempre ritenuto di avere uno status superiore perché apparteneva al G7. Ma l'unico modo è collaborare per creare un accordo che possa condizionare il resto delle decisioni. L'agenda italiana e spagnola in materia di immigrazione, Africa o Mediterraneo è molto simile.

P. Anche l'addio di Matteo Salvini e della Lega ha contribuito a migliorare i rapporti. E non solo con la Spagna. Temevi per il ruolo dell'Italia nel mondo in quel periodo?

R. Sì, avevo paura di un Italexit . Temevo che sarebbe accaduto un incidente come quello nel Regno Unito. La linea di Salvini in questi anni è stata antieuropea e civettuola con Italexit . Spero che cambi, ma in quell'anno di governo avevo molta paura.

D. Ho sentito dire che l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea presenta dei vantaggi.

R. Sì, naturalmente. E lo dico con tutta la forza: è necessario smettere di piangere dalla Brexit. È stato dimostrato che è positivo per l'Europa. Ora possiamo costruire progetti, come l'Europa sociale, che prima non potevamo fare con loro.

D. Pensa che l'ondata sovranista populista sia passata?

R. L' Europa ha il rischio interno che il denaro promesso contro la recessione non arrivi rapidamente. Molte aspettative si sono create e se i cittadini italiani e spagnoli non vedranno subito quei soldi, il messaggio di Salvini o Vox sarà facilitato. La seconda condizione a tal fine sono le elezioni negli Stati Uniti. Penso che il populismo in Europa sia cresciuto grazie alla legittimità che gli ha dato [Donald] Trump. Se perde, come spero, sarà un duro colpo per il populismo sovrano europeo.

P. In Spagna ultimamente si dice che la politica stia diventando italiana. Succede anche in altri paesi: parlamenti più frammentati, ripetizioni elettorali multiple, un certo caos. Quello che è successo?

R. È un problema di esaurimento delle democrazie occidentali. Ed è legato all'innovazione tecnologica. Grazie a Internet, ogni cittadino è connesso a tutte le decisioni e può esprimersi in un minuto. La democrazia rappresentativa, basata sulla delega di tale potere, ha problemi ad avanzare in questo settore. È molto importante riflettere su come modernizzarlo e Italia e Spagna hanno molto da fare insieme. Non è solo un'italianizzazione della politica europea, è un problema generale più importante.

D. In Spagna c'è un mito su una visita di Giulio Andreotti in piena transizione democratica. Gli hanno chiesto la sua opinione sui contorni della nuova politica. Mi ha risposto che mancava " finezza ", come è maturata in questi anni?

R. Hai vissuto l'impatto della crisi economica, come quella italiana. I toni si sono inaspriti molto perché la povertà è entrata con forza nelle famiglie, nelle strade. La politica è lo specchio del Paese, e anche in questo siamo simili, perché si è trasformata in seguito a questi disordini sociali. Insieme alla crisi della democrazia parlamentare, è un problema che richiede politici con uno sguardo lungo.

 

FONTE: (ELPAIS)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS