Fabio Pasini

Fabio Pasini

Le Fiere Zootecniche di Cremona in versione completamente digitale. Parla il direttore De Bellis: "Le nostre manifestazioni a misura d'uomo e altamente specializzate" (VIDEO)

Ai microfoni de ilComizio.it il Direttore Generale di CremonaFiere, Massimo De Bellis. Tema: le Fiere Zootecniche Internazionali che si terranno in modalità esclusivamente digitale a causa dell'emergenza Covid, oltre alle peculiarità d'eccellenza delle manifestazioni fieristiche cremonesi per il legame col territorio e l'elevato livello tecnico che le collocano ai vertici del panorama mondiale - (VIDEO)


Fiere zootecniche internazionali di Cremona, nuove date - AgroNotizie -  Zootecnia

Per far fronte alle esigenze di sicurezza sanitaria, semplificazione logistica, ottimizzazione e visibilità delle aziende, e per ospitare anche quest’anno in una situazione particolarmente difficile una mostra zootecnica d’eccellenza, le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona si riorganizzano. Dal  3 al 5 dicembre i visitatori virtuali, italiani ed esteri, potranno usufruire della rassegna partecipando agli streaming che saranno indicati sul sito http://www.fierezootecnichecr.it tramite dei link di collegamento agli eventi di interesse. La rassegna si svolgerà  in modalità online e proporrà un ampio e articolato programma convegnistico e l’esposizione dei migliori capi di bestiame.

ZONA MILANO - Degrado in via Benedetto Marcello, la Lega attacca il Comune: "Dove sono finiti i soldi incassati per la riqualificazione?"

Su ilComizio.it la vita dei quartieri, i fatti, i problemi, le segnalazioni e le denunce riguardanti le diverse zone di Milano. Oggi diamo spazio alla presa di posizione della Lega sulle problematiche di via Benedetto Marcello, tra la stazione Centrale e corso Buenos Aires, da anni al centro di discussioni e progetti di riqualificazione 


Sangue a Milano nella notte di Halloween - IlGiornale.it

Via Benedetto Marcello è sottoposta a Vincolo Ambientale e negli anni il Consiglio di Zona 3 si è più volte espresso attraverso numerose mozioni ed interrogazioni e persino con due delibere in cui si chiedeva fermamente e ripetutamente decoro, rispetto della legalità e la riqualificazione di via Benedetto Marcello. 

Sulla questione è intervenuto l'on. Igor Iezzi "L'Amministrazione Comunale nel marzo 2011, a seguito della costruzione del parcheggio sotterraneo di Via Benedetto Marcello, come corrispettivo diritto di superficie, ha incassato dalla Silos Buenos Aires, la somma di € 890.654,45 da utilizzare, come previsto anche da una Delibera di Giunta, per la riqualificazione del parterre di via Benedetto Marcello, compreso tra via Scarlatti e via Vitruvio". 

"Ad oggi - continua Iezzi - non sappiamo ancora che fine abbiano fatto questi soldi visto che le amministrazioni comunali che si sono succedute non hanno realizzato alcun lavoro di riqualificazione, anzi,  dal 2019 ad oggi si è intervenuto unicamente attraverso la cementificazione del parterre e la recentissima realizzazione di scivoli in "catrame" ai bordi dello stesso per facilitare l'accesso dei mezzi, opera realizzata in orario notturno (forse per non farsi vedere dai residenti)" 

Sul tema è intervenuto anche Gianluca Boari, capogruppo della Lega in Municipio 3 "Il Consiglio non ha mai visto, discusso, commentato ed approvato alcun progetto di riqualificazione dell'area in questione che, ricordiamolo ancora una volta, deve essere eseguita nel rispetto delle prescrizioni previste per Legge e che l'area non può essere adibita ad usi non compatibili con il carattere storico o artistico oppure tali da recare pregiudizio alla loro conservazione, quale, ad esempio, il mercato ambulante bisettimanale". 

"Il risultato è che via Benedetto Marcello è totalmente abbandonata al degrado ed all'illegalità - conclude Boari - come gruppo Lega in municipio 3 abbiamo presentato una mozione per chiedere un'immediata riqualificazione dell'area" 

Covid, ora i cinesi ci provocano: "Altro che Wuhan, virus nato in Italia". Perché lo dicono e perché c'entra un nostro studio recente

Gli articoli di New York Post e Times, le parole del portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, le precedenti "accuse" alla Spagna e all'esercito americano. Una campagna fastidiosa, ma diplomaticamente spiegabile. Nostri ospedali e università hanno detto che il SARS-CoV-2 ce l'avevamo in casa già nel settembre 2019...


 Coronavirus - Cina, rischio nuova ondata di contagi: 600mila in isolamento.  Germania proroga le misure fino al 19 aprile. Oms: "Crescita dei casi quasi  esponenziale" - Il Fatto Quotidiano

"La Cina suggerisce che l'Italia potrebbe essere il luogo di nascita della pandemia Covid-19". E' questo il titolo con il cui il New York Post, che a sua volta fa riferimento a un articolo del britannico Times, getta le ultime ombre sulla nascita della pandemia da coronavirus che ha sconvolto il mondo intero nel 2020. Una provocazione che ha potuto prendere spunto (anche) dall'esito dello studio dell'Istituto dei Tumori di Milano e dell'Università di Siena, secondo il quale il Sars-Cov-2 circolava in Italia già a settembre 2019, dunque ben prima di quanto si sia pensato finora (e prima dell'epidemia che travolse Wuhan in largo anticipo rispetto all'Italia e al resto del mondo).

Sul New York post, infatti, si può leggere quanto segue: "La Cina sta usando un nuovo studio per sollevare dubbi sulla convinzione che il Paese asiatico sia stato il luogo di nascita della pandemia. Alcuni funzionari di Pechino stanno dando risalto ad un nuovo studio. Questo suggerisce che il contagio possa aver avuto origine nella nazione europea (nello specifico proprio l'Italia) a settembre, tre mesi prima che venisse confermata la diffusione nella città di Wuhan, a lungo ritenuta l'epicentro".

Secondo il New York Post, la Cina nel recente passato ha gettato ombre anche sulla Spagna e puntato il dito anche contro l'esercito statunitense, sospettato di aver portato il virus a Wuhan ad ottobre 2019 durante i Giochi mondiali militari. Ora è il turno dell'Italia. Il Times, d'altra parte, qualche giorno fa aveva dato spazio alle parole di Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri: "Ancora una volta questo dimostra che tracciare l'origine del virus è una complessa questione scientifica che dovrebbe essere lasciata agli scienziati. E' un processo fluido che può coinvolgere numerosi paesi".

Stati generali M5S, dal capo politico alle candidature, dalla piattaforma alle candidature, dalle alleanze alla gestione dei fondi: ecco cosa dice il documento presentato da Crimi

"Organizzazione e regole all'altezza". E' l'auspicio che il capo politico grillino Vito Crimi lancia sul blog delle Stelle, presentando il documento frutto dei Stati generali del movimento che ora dovrà essere votato dalla base.

"Gli Stati Generali hanno rappresentato l’inizio di un percorso fatto di partecipazione ed entusiasmo che ha raccolto idee e proposte. I contributi che hanno consentito di tracciare la parte tematica, come già reso noto, verranno ulteriormente arricchiti grazie al supporto e al coordinamento del Team del Futuro e al coinvolgimento del maggior numero possibile di iscritti al MoVimento. Il percorso tematico dell’Agenda per il Paese ripartirà nelle prossime settimane", promette Crimi.

"Oggi intanto sottoponiamo a tutti voi il documento di sintesi relativo all’organizzazione, le regole e i principi del MoVimento 5 Stelle, frutto del mese di lavori ai quali avete partecipato in tantissimi. Un MoVimento che in questi anni è cresciuto, ha realizzato tanti degli obiettivi per il Paese che si era prefisso, e che ha confermato la volontà di proporsi come forza di governo in grado di costruire e dare risposte concrete ai cittadini. Per realizzare questi obiettivi e rispondere alle nuove sfide che ci attendono, il MoVimento ha la necessità di dotarsi di un’organizzazione e di regole all’altezza di questo ruolo", rimarca il capo politico.

"I contenuti del documento di sintesi sono il frutto del lavoro svolto nel corso degli Stati Generali a partire dalle riunioni territoriali fino all’evento nazionale - chiarisce Crimi - e saranno sottoposti, per parti separate, al voto dell’assemblea degli iscritti sulla piattaforma Rousseau. Voto il cui esito costituirà l’atto di indirizzo a cui gli organi del MoVimento preposti, attuali e futuri, e i suoi portavoce, dovranno attenersi. Per le parti in cui si renderà necessario apportare modifiche allo Statuto, al Codice Etico, ai regolamenti esistenti, gli organi preposti formuleranno le relative proposte che saranno di volta in volta sottoposte al voto dell’assemblea degli iscritti. Per alcuni temi che richiedono un ulteriore lavoro di approfondimento, saranno costituiti appositi tavoli di lavoro".

Il testo, si legge nella premessa del documento, "contiene affermazioni che sono il frutto del lavoro svolto nel corso degli Stati generali a partire dalle riunioni territoriali fino all'evento nazionale, e saranno sottoposte, per parti separate, al voto dell'assemblea degli iscritti". Le parti approvate "costituiranno un atto di indirizzo a cui gli organi del Movimento preposti, attuali e futuri, dovranno attenersi". Invece, "per le parti in cui è necessario apportare modifiche allo Statuto, al Codice etico, ai regolamenti esistenti, gli organi preposti formuleranno le relative proposte che saranno di volta in volta sottoposte al voto dell'assemblea degli iscritti. Per alcuni temi che richiedono un ulteriore lavoro di approfondimento - si legge ancora - saranno costituiti appositi tavoli di lavoro".

Accordi con altre forze politiche - "Il Movimento 5 Stelle nasce come forza alternativa alle altre forze politiche esistenti. In via eccezionale, in relazione ai singoli sistemi elettorali, possono essere autorizzate, prima o dopo le votazioni, specifici accordi con altre forze politiche, prioritariamente con liste civiche". "Ciò può avvenire solo sulla base di accordi chiari e percorsi stabiliti di condivisione di programmi, idee e obiettivi, che tenga conto prioritariamente dei livelli territoriali coinvolti ma con un'autorizzazione che avvenga a livello nazionale che tenga conto degli interlocutori e del contenuto degli accordi", viene spiegato. Nei comuni sotto i 15mila abitanti è inoltre prevista "la possibilità di consentire di avere una rappresentanza del MoVimento 5 Stelle all'interno di liste civiche comuni".

Funzioni capo politico - "Le funzioni oggi attribuite al Capo politico" saranno trasferite "ad un organo collegiale, che combini rapidità ed efficienza nell'azione politica". E' quanto prevede il documento di sintesi degli Stati generali M5S, dove si chiede di "attribuire alcune funzioni di indirizzo politico, nonché di convocazione dell'assemblea degli iscritti, ad un organo collegiale ad ampia rappresentatività dei livelli istituzionali, territoriali, anagrafici e di genere". L'elezione dei componenti degli organi "deve essere effettuata in via prioritaria individualmente individuando eventuali incompatibilità", si legge ancora.

Gestione fondi - "Prevedere una gestione centralizzata dei fondi, superando il modello dei comitati di scopo, potenziando le forme di finanziamento già esistenti e individuandone di nuove, garantendo un sistema di controllo e trasparenza delle attività economico-finanziarie e della gestione amministrativa del Movimento", si legge ancora nel documento in cui si chiede, tra le altre cose, l'individuazione di "criteri oggettivi e trasparenti per la destinazione ai livelli locali di risorse necessarie alla realizzazione di specifici progetti o attività".

Piattaforma - "La piattaforma tecnologica è uno strumento di servizio a supporto dell'azione politica decisa dagli organi del Movimento e per l'esercizio della democrazia diretta nelle forme e nei modi previsti dallo Statuto. I rapporti con il gestore della piattaforma devono essere regolati da apposito contratto di servizio o accordo di partnership che definisca i servizi delegati, ruoli, doveri reciproci. Tutti i processi relativi a votazioni, bilanci, comunicazione, supporto ai territori devono essere improntati a massima trasparenza e imparzialità".

Candidature - "Fatto salvo il limite dei due mandati come vigente, si propone di valorizzare, all'atto della prima candidatura alle istituzioni regionali, nazionali o europee, chi ha effettuato uno o più mandati da consigliere comunale". Lo prevede il documento di sintesi degli Stati generali M5S. "In attesa di una revisione del sistema delle province" si chiede inoltre di "prevedere modalità di presentazione di candidature alle elezioni provinciali". Nel testo si parla anche di una "revisione dei meccanismi di merito nella selezione dei candidati". Per quanto riguarda la formazione, viene evidenziata la necessità di "garantire strumenti di formazione politica permanente, rivolti agli iscritti, ai portavoce e a componenti dei vari organi del Movimento. La formazione - si legge ancora - deve diventare elemento rilevante ai fini delle candidature e utile a creare un network di competenze per la crescita culturale e politica del Movimento".

Organi garanzia - "Al fine di rendere più veloce ed efficace l'azione disciplinare o di verifica della sussistenza dei requisiti di iscrizione, nonché per le questioni relative alla eventuale regolamentazione dei gruppi locali" è prevista la possibilità di: "aumentare il numero di componenti degli organi di garanzia"; "individuare collegi dei probiviri a livello regionale che svolgano funzioni di 'primo grado' per alcune tipologie di decisioni, sulle quali il collegio nazionale abbia funzioni di grado di appello"; "prevedere specifiche situazioni di incompatibilità con i ruoli negli organi di garanzia".

Strutture locali - "Formalizzazione e potenziamento della attuale struttura dei referenti territoriali a livello regionale, individuando le relative funzioni sulla base delle specifiche esigenze anche temporanee (organizzazione, campagne elettorali, formazione, realizzazione di eventi, ecc.)"; possibilità di "riconoscere il ruolo di attivista e gruppo locale, indipendentemente dalla presenza di un portavoce eletto, e di eventuali gruppi di interesse (ad esempio giovani), individuandone caratteristiche e l'eventuale loro regolamentazione, anche prevedendo luoghi di incontro sia fisici che on line". Sono alcuni dei punti contenuti nel documento di sintesi degli Stati generali M5S, che prevede, tra le altre cose, l'introduzione di "meccanismi di recall in relazione alle varie figure facenti parte della struttura organizzativa o per alcune di esse". Nel testo si parla anche della possibilità di organizzare "incontri plenari con cadenza regolare, sia a livello locale che a livello nazionale, di carattere tematico o organizzativo".

Meccanismo recall - "Formalizzazione e potenziamento della attuale struttura dei referenti territoriali a livello regionale, individuando le relative funzioni sulla base delle specifiche esigenze anche temporanee (organizzazione, campagne elettorali, formazione, realizzazione di eventi, ecc.)"; possibilità di "riconoscere il ruolo di attivista e gruppo locale, indipendentemente dalla presenza di un portavoce eletto, e di eventuali gruppi di interesse (ad esempio giovani), individuandone caratteristiche e l'eventuale loro regolamentazione, anche prevedendo luoghi di incontro sia fisici che on line". Sono alcuni dei punti contenuti nel documento di sintesi degli Stati generali M5S, che prevede, tra le altre cose, l'introduzione di "meccanismi di recall in relazione alle varie figure facenti parte della struttura organizzativa o per alcune di esse". Nel testo si parla anche della possibilità di organizzare "incontri plenari con cadenza regolare, sia a livello locale che a livello nazionale, di carattere tematico o organizzativo".

 

(Fonte: adnkronos)

 
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS