updated 3:03 PM UTC, Jun 22, 2021
Fabio Pasini

Fabio Pasini

Covid, la retromarcia del professor Galli: "Numeri in netto miglioramento, sono stupito". Poi la butta in politica: "Io catastrofista? Etichetta attaccatami addosso dai giornali di destra"

Parla Massimo Galli, direttore delle Malattie Infettive dell'Ospedale Sacco di Milano: "I vaccini stanno facendo da scudo per morti e ricoveri, hanno spostato gli equilibri più velocemente di quanto mi aspettassi"


Coronavirus, l'annuncio del primario Massimo Galli: "Basta tv per almeno  una settimana, la situazione è tale che non ho più tempo" - Il Fatto  Quotidiano

"Il mio è un compiaciuto stupore perché in Italia i numeri dell'epidemia sono in netto miglioramento, al di là delle più rosee aspettative. Con le riaperture c'era un 10% di probabilità che le cose seguissero questa via, ma alla fine è andata bene e ne sono davvero felice". Lo dice Massimo Galli, direttore delle Malattie Infettive dell'Ospedale Sacco di Milano. "La campagna vaccinale - sottolinea - ha comportato una svolta, che non sarà temporanea".

"I vaccini stanno facendo da scudo per morti e ricoveri, hanno spostato gli equilibri più velocemente di quanto mi aspettassi e lo zoccolo dei vaccinati sta crescendo ulteriormente", dice ancora Galli al Corriere della Sera. "Inoltre l'immunizzazione ha funzionato meglio nel nostro Paese rispetto altrove, in proporzione ai vaccini fatti. Merito anche degli anziani e dei fragili che hanno fatto in modo di esporsi il meno possibile al virus. E mi permetta, merito anche dei costanti inviti alla prudenza, senza assumere posizioni facilone".

"Io catastrofista? Respingo questa definizione. Direi che per motivi molto politici e poco nobili questa etichetta - chiarisce l'infettivologo - è stata appiccicata addosso a me e ad altri miei colleghi dai giornali di destra. Ma tra l'essere ottimisti per piacere, in assenza di dati (li chiamo riduzionisti), e raccontare come stanno davvero i numeri passando per catastrofisti c'è differenza". 

 

(Fonte: tgcom24)

Elezioni per i sindaci, il centrodestra: "Correremo uniti in tutte le città con candidati civici". Ma i nomi sono ancora tutti da decidere

Vertice alla Camera tra Lega, Forza Italia, Fratelli D'Italia, Udc, Cambiamo, Noi con l’Italia e Rinascimento in vista delle Comunali 2021. C'è accordo sul metodo per la scelta dei profili adatti a guidare le città che andranno ala voto, ma, da Milano a Roma, tra voci, proposte e rinunce, le decisioni sono lontane. A breve un nuovo incontro


Amministrative, slitta l'accordo nel centrodestra - Il Fatto Quotidiano

Comunali 2021, "il centrodestra correrà unito in tutte le città che andranno al voto". E' quanto si legge in una nota congiunta del centrodestra diffusa al termine del vertice di questa sera alla Camera. "Sul tavolo - viene spiegato - ci sono molti profili, alcuni inediti che si sono fatti avanti recentemente. Proprio per questo ci sarà un altro vertice a breve, dopo alcuni approfondimenti sugli aspiranti sindaci più interessanti. È quanto emerso dal vertice di oggi che si è svolto in un clima di grande collaborazione: lo stesso non si può dire del fronte opposto, dal momento che Pd e Cinquestelle non sono stati capaci di raggiungere un accordo e si presenteranno divisi agli elettori con progetti disomogenei". "Lega, Forza Italia, Fratelli D’Italia, Udc, Cambiamo, Noi con l’Italia e Rinascimento - viene assicurato nel comunicato - sono concordi nel voler mettere in campo candidature civiche, rappresentanti del mondo del lavoro e delle professioni".

"Allargare alla società civile il centrodestra sta dando i suoi frutti, oggi al tavolo sono emersi 4 o 5 nomi che fino alla settimana scorsa non c'erano, qualcuno si è impegnato ad approfondire su Bologna, Roma e Milano" ha detto Matteo Salvini, lasciando il vertice del centrodestra. "Sono finalmente usciti diversi nomi di civici", ha sottolineato il leader della Lega.

"Sono tanti bei nomi, qualcuno lo sentirò personalmente, entro la settimana avremo il quadro più chiaro". "Ci aggiorneremo a breve", ha assicurato Salvini. "Sono ottimista, noi abbiamo il valore aggiunto dell'unità". E parlando dei due nomi nuovi per Roma e Milano, il docente e speaker radiofonico Enrico Michetti e Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia, ha messo in chiaro: "Michetti e Racca nomi di serie B? Non ci sono nomi di serie B, noi badiamo alla sostanza e non alla forma, quando parliamo di avvocati, docenti, farmacisti e industriali, che siano televisivamente conosciuti mi interessa poco". "Sarebbero tutti nomi in grado di fare meglio della Raggi a Roma e di Sala a Milano", ha scandito.

"Entro questa settimana - ha spiegato poi il leader della Lega - presenteremo una proposta di legge per aumentare stipendi e tutele ai sindaci, che sono mal pagati, si dannano l'anima e troppo spesso sono puniti".

''Michetti e Rocca sono nomi interessanti come ce ne sono altri che sono arrivati - ha dichiarato Giorgia Meloni al termine del vertice - Sicuramente un elemento molto positivo è che il centrodestra riesca ad essere così attrattivo per persone che chiaramente hanno una spiccata autorevolezza. Sono diversi i nomi che ci sono, per cui facciamo le verifiche e procediamo a scegliere il profilo migliore". Meloni ha detto di aver "trovato un clima di grande collaborazione nella riunione del centrodestra. Sono molto ottimista sul fatto che siamo in dirittura d'arrivo. Ci sono diversi nomi molto interessanti".

''Lavoriamo per vincere e i candidati ci saranno in pochi giorni'' ha poi assicurato. ''Il centrodestra - ha sottolineato la leader di Fdi - ha ribadito che vuole andare compatto e unito in tutte le città al voto a differenza di quel che accade nel campo del centrosinistra dove a Roma ci sono già in campo tre candidati e di voler convergere su candidati espressione del civismo, della società, del mondo del lavoro e imprenditoriale per allargare il proprio campo e fronte".

Al termine dell'incontro, il coordinatore nazionale di Fi, Antonio Tajani, ha spiegato: "Stiamo lavorando perché ci sono stati nuovi candidati civici che si sono offerti per partecipare a questa grande battaglia. Noi li esamineremo per poi valutare e rivederci quanto prima di nuovo". ''Non si tratta di trovare delle star che fanno passerella o candidati sconosciuti, ma di individuare candidati in grado di vincere e governare molto meglio di come ha fatto la sinistra in questi anni" ha aggiunto.

''A differenza della sinistra che è divisa e ha più candidati a cominciare da Roma, noi avremo un solo candidato in ogni grande città. Questo è un segnale di coesione che diamo a tutti''. ''Il centrodestra - ha ribadito - si presenterà unito dappertutto. L'idea è quella di andare con candidati civici, altrimenti ricominceremo a valutare candidati di tipo politico. Per adesso continuiamo ad andare in questa direzione''.

I NOMI - Tornati alla casella zero dopo il doppio 'no' di Guido Bertolaso e Gabriele Albertini, i leader del centrodestra si sono rivisti oggi per la prima volta dopo tre mesi e mezzo (era il 3 febbraio) per cercare candidati civici alternativi per Roma e Milano. Il confronto, durato più di un'ora, come era prevedibile, sarebbe servito solo a ribadire l'unità e la necessità di ripartire con una nuova griglia di nomi. Nulla di deciso, per carità, ma a quanto si apprende, per la sfida del Campidoglio, almeno per ora, si profilerebbe una partita a due, tra l'avvocato amministrativista Enrico Michetti, sponsorizzato da Fdi, e la magistrata Simonetta Matone, portata avanti soprattutto da Forza Italia, ma gradita anche al partito di Giorgia Meloni. Durante il summit, Meloni avrebbe citato Michetti, su cui avrebbe espresso giudizio positivo anche Lorenzo Cesa, presente all'incontro insieme agli altri 'piccoli' della coalizione: dall'Udc appunto a Cambiamo e Rinascimento di Vittorio Sgarbi. Fi, invece, avrebbe parlato di Matone. In realtà, raccontano, nessuno si sarebbe intestato un nome in particolare. In particolare, Matteo Salvini non ne avrebbe fatto alcuno, volutamente.

Tutta in evoluzione la situazione di Milano. La scelta dello sfidante di Beppe Sala, dato dai sondaggi favorito, non è facile. I leader sono stati abbottonatissimi. In questi giorni è circolata tra i papabili Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia, ma la sensazione è che Salvini, Meloni e Tajani abbiamo un altro nome che non vogliono bruciare. Nome coperto anche per Bologna, mentre non ci sarebbe nessun problema per Torino e Napoli, dove dovrebbero essere schierati, rispettivamente, l'imprenditore Paolo Damilano e il pm Antonio Maresca.

L'unico a far nomi è stato Vittorio Sgarbi, presente all'incontro nelle vesti di leader di 'Rinascimento': "Il giornalista Feltri, il prefetto Serra, la presidente di Federfarma lombarda, Racca, il giornalista Del Debbio, un po' di nomi sono usciti. Michetti è piaciuto. Ora si fanno delle verifiche, si fanno altri sondaggi, per ora non c'è alcun accordo, ma ci rivedremo a breve".

La riunione, dunque, si è conclusa con un nulla di fatto e l'impegno a marciare uniti schierando civici. I leader si sono ripromessi di rivedersi presto: se non questa settimana, più probabilmente la prossima, per provare a chiudere il cerchio.

 

(Fonte: Adnkronos)

Aprono gli studi tv del Comizio: voce alle idee, alle professioni e al mondo che produce. Comunica con noi, come e quando vuoi (VIDEO)

IlComizio, testata giornalistica web registrata, e il suo editore S&P srl annunciano l'apertura dei nuovi studi televisivi per registrazioni e live multicanale. Uno strumento che si aggiunge alla già ricca offerta di informazione e comunicazione di una struttura attiva dal 2014, definitasi ambiziosamente "la voce di tutti", aperta e dedicata a quanti hanno qualcosa da dire, dar far conoscere, da pubblicizzare.

Gli studi si trovano alle porte di Milano, a Cinisello Balsamo, in via  Pelizza da Volpedo 53 e stanno già lavorando a pieno regime. Se sei un professionista, un commerciante, un artigiano, un imprenditore o un collega giornalista contatta ilComizio o S&P srl. Abbiamo tante cose da dirci e grandi cose da fare.

 

Contatti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Italia tutta in giallo da lunedì, tra voglia di ripartire e prudenza. Sette regioni verso il bianco, il "non colore" della normalità

L'indice Rt ancora in calo, ricoveri sotto la soglia, le vaccinazioni che procedono spedite. Tutti gli indicatori che fanno pensare che il peggio è passato


"Con il monitoraggio e le conseguenti ordinanze di oggi l'Italia sarà tutta in area gialla. E' il risultato delle misure adottate finora, del comportamento corretto della stragrande maggioranza delle persone e della campagna di vaccinazione. Ad annunciarlo con un post su Facebook è stato il ministro della Salute, Roberto Speranza. "Continuiamo su questa strada con fiducia, prudenza e gradualità", ha aggiunto. 

Sette regioni vicine al bianco

Dalla prossima settimana, dunque, tutte le regioni italiane saranno in zona gialla, per la prima volta da quando è stato introdotto il criterio dei "colori". L'ultima in arancione, la Val d'Aosta, passa nella fascia gialla dopo le canoniche due settimane di "purgatorio" per alta incidenza, e raggiunge tutte le altre regioni e province autonome. L'ultimo monitoraggio della cabina di regia ministero della Salute-Iss-Regioni fotografa il deciso miglioramento di tutti gli indicatori, a quasi un mese ormai dalle riaperture del 26 aprile: sotto soglia i ricoveri ordinari e le terapie intensive, tutte le Regioni a rischio basso e con Rt sotto l'1, e un'incidenza scesa secondo i dati Iss a 73 casi per centomila ma arrivata, secondo il dato in tempo reale di ieri, a 66.

A un passo, come rileva lo stesso report dell'Iss, dalla fatidica soglia dei 50 casi per centomila che significa ripresa piena del tracciamento dei contatti e riaperture a tappeto: la soglia della zona bianca. Già raggiunta e scavalcata da sette regioni, stando ai dati di ieri: Veneto (45), Friuli (24), Liguria (43), Umbria (42), Abruzzo (42), Molise (20) e Sardegna (25).

La norma richiede pero' tre settimane consecutive con i dati da bianca: per questo servirà ancora una settimana alle tre regioni in pole position per dire addio a gran parte delle restrizioni: Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Molise, se anche nel monitoraggio di venerdi' prossimo avranno questi dati, saranno in bianco da lunedi' 31 maggio. Per le altre quattro, ossia Veneto, Liguria, Umbria e Abruzzo, occorrerà un'altra settimana ancora: per loro la data da segnare sul calendario è presumibilmente il 7 giugno.

Iss: accelera il calo dell'incidenza

Nell'ultima settimana di monitoraggio "accelera il calo nell'incidenza settimanale (73 per 100.000 abitanti (10/05/2021-16/05/2021) vs 103 per 100.000 abitanti (03/05/2021-09/05/2021) dati flusso ISS)", sottolinea la bozza del report settimanale di ministero della Salute e Iss. "La campagna vaccinale progredisce sempre più velocemente - rileva il rapporto - e l'incidenza si avvicina a livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il contenimento dei nuovi casi". 

I ricoveri sono sotto la soglia

Per la prima volta nell'ultima settimana di monitoraggio i ricoveri sono sotto la soglia di rischio, sia per le intensive che per i reparti ordinari, in tutte le Regioni. Il tasso di occupazione in terapia intensiva, si legge nel rapporto, "è sotto la soglia critica (19%), con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 2.056 (11/05/2021) a 1.689 (18/05/2021).

 

(Fonte: Agi)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS