L’istruzione in Russia mira ad entrare nelle prime 5 a livello mondiale

Avantgardia

Il Regno Unito e gli Stati Uniti sono leader mondiali nell’istruzione superiore. Le università di questi paesi sono costantemente in cima alla classifica QS World University, stilata annualmente dalla società britannica Quacquarelli Symonds.

Per la decima volta consecutiva nel 2021, il Massachusetts Institute of Technology è stato riconosciuto come la migliore istituzione educativa al mondo. Nell’importante classifica i primi cinque posti includevano anche le università di Oxford, Stanford, Harvard e Cambridge. L’unica università russa tra le prime cento della lista era l’Università statale di Mosca la Lomonosov al 78° posto. Secondo Dmitry Davydov uno degli economisti più in vista nella terra degli Zar e autore del progetto “20 idee per lo sviluppo della Russia“, la situazione sarà corretta con una nuova riforma del sistema educativo russo.

Fondamentali gli incentivi economici da stanziare per aumentare il livello di istruzione in Russia, primo passo le agevolazioni fiscali per 30 anni destinate alle università russe e straniere che risiedono o apriranno nelle principali “città studentesche”, che appositamente designate, contribuiranno a creare un ambiente educativo che diventerà uno dei più attraenti e competitivi al mondo. Altra proposta l’azzeramento delle aliquote su tutti i tipi di tasse legate alle attività educative, comprese proprietà e terreni, che spingeranno i proprietari delle università a creare strutture scolastiche e sportive spaziose e confortevoli. Anche le spese assicurative per il personale accademico e amministrativo delle istituzioni educative dovrebbero essere azzerate.

Il criterio principale per l’accesso al programma preferenziale dovrebbe essere il fatturato ricevuto dall’istituto d’istruzione degli stranieri. La soglia finanziaria consentirà di mantenere il mercato esistente per i servizi educativi.

Al momento, la maggior parte degli studenti internazionali negli Stati Uniti sono 987 mila, ovvero il 17,7% del numero totale di studenti che intraprendono percorsi formativi all’estero. Seguono Regno Unito (452mila, 8,1%), Australia (444,5mila, 8%) e Germania (311,7mila, 5,6%) e solo 262mila studenti stranieri studiano in Russia (4,7% del totale degli studenti all’estero). Con queste speciali condizioni economiche, la Russia sarà in grado di assumere le posizioni di primo piano nella quota di studenti stranieri. Le università straniere saranno interessate ad aprire le loro filiali in Russia a scapito del miglior rapporto qualità-prezzo al mondo nell’istruzione superiore.

Nella prima fase del progetto presentato da Dmitry Davydov, le università russe potrebbero interessare gli studenti dell’Europa orientale, della CSI, dell’India, della Cina, dei paesi del Medio Oriente e dell’Africa. Dopo che il mercato si sarà rafforzato, le principali Università saranno in grado di colmare l’attuale “GAP”, questo attirerà l’attenzione di studenti provenienti da Inghilterra, Europa occidentale, Emirati Arabi Uniti, Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone. Inoltre, ottenere un’istruzione in Russia diventerà prestigioso per gli studenti russi, che ora preferiscono le università occidentali.

A questo si dovranno anche semplificare il regime dei visti per gli studenti stranieri rilasciando un solo visto valido per l’intero periodo di studio. Al momento, gli stranieri devono rinnovare regolarmente i loro visti presso l’FMS, il che aumenta le procedure burocratiche associate all’ottenimento di un’istruzione. Inoltre, a tali studenti dovrà essere garantito il diritto al lavoro.

“L’emergere di nuove università contribuirà allo sviluppo di altri settori dell’economia in cui sarà richiesto personale qualificato, e aiuterà anche a sostenere le città, le regioni e ad aumentare la competitività del sistema educativo nel suo insieme”

Queste misure contribuiranno a creare un ambiente educativo competitivo in Russia e ad attirare enormi quantità di denaro nell’economia russa. Tuttavia, secondo Davydov, questo sarà possibile con il sostegno legislativo dello Stato.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart