L’inflazione in Eurozona a marzo fa un balzo in avanti, toccando il record del 7,5%

Avantgardia

L’inflazione annua nell’eurozona a marzo è salita al 7,5 per cento, secondo una stima lampo pubblicata venerdì da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea (UE)

A marzo l’inflazione è stata trainata principalmente dall’aumento del 44,7% su base annua dei prezzi dell’energia, a febbraio era del 32%.

Vediamo nel dettaglio quali sono stati i settori maggiormente colpiti:

  • I prezzi di cibo, alcol e tabacco sono aumentati del 5% rispetto all’anno precedente. A febbraio, il tasso di inflazione annuo in questa categoria era del 4,2 per cento.
  • I prezzi dei beni industriali non energetici sono aumentati del 3,4% su base annua a marzo, rispetto al 3,1% di febbraio.
  • I prezzi dei servizi sono aumentati del 2,7% su base annua a marzo (2,5% a febbraio).

I paesi che registrano i tassi di inflazione annuali più elevati per il mese marzo includono la Lituania con una stima del 15,6%, l’Estonia con una stima del 14,8% e i Paesi Bassi con una stima dell’11,9%.

I tassi di inflazione più bassi su base annua per marzo sono stati registrati in Francia con una stima del 5,1%, in Portogallo con una stima del 5,5% e in Finlandia con una stima del 5,6%. 

Secondo Bert Colijn economista senior che si concentra sul mercato europeo, presso la Commissione Europea FP7 NEUJOBS, per la crescita economica in Europa nel 2025. L‘incertezza dovuta al conflitto Russia-Ucraina potrebbe spingere l’inflazione ancora più in alto ad aprile,

“anche un’indicazione dell’inflazione a due cifre non può essere esclusa a questo punto”, ha affermato.

Secondo Colijn, i prezzi dovrebbero aumentare ulteriormente a causa degli attuali prezzi dell’energia e delle continue interruzioni della catena di approvvigionamento.

Colijn ha inoltre affermato di non aspettarsi che la Banca centrale europea (BCE) sia in grado di fare molto per frenare l’attuale ritmo di inflazione poiché è principalmente dovuto a fattori esterni.

“La BCE sta esaurendo le opzioni indolori per combattere gli attuali problemi economici, quindi ci aspettiamo che proceda con cautela. Senza i segnali di aumento dei salari che potrebbero indicare una spirale salari-prezzi che possa disancorare le aspettative di inflazione, prevediamo difficili periodi per la  normalizzazione della politica monetaria nei prossimi mesi, con la fine del quantitative easing nel terzo trimestre e gli aumenti dei tassi nel quarto trimestre del 2022 e nel primo trimestre del 2023”, ha affermato Colijn. 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart