“L’immigrato impari le regole della vita civile o torni in patria”: la sentenza del Tar Liguria che fa riflettere

Avantgardia

La Questura di Savona e il Viminale avevano negato il rinnovo di permesso di soggiorno a un albanese condannato a 3 anni per 16 episodi di cessione di stupefacenti

E’ legittimo che la Questura non rinnovi il permesso di soggiorno a un immigrato facendolo rientrare in patria con la famiglia anche se residente da 13 anni in Italia, con moglie e figli di 7 e 4 anni, occupato con regolare contratto di lavoro subordinato, perché’ “non ha interiorizzato le regole essenziali del vivere civile” violate “con la commissione di reati di rilevante gravità”. Lo stabilisce il Tar Liguria bocciando il ricorso di un albanese contro Questura di Savona e Viminale.

La Questura di Savona e il Viminale avevano negato il rinnovo di permesso di soggiorno in considerazione della condanna a 3 anni per 16 episodi di cessione di stupefacenti.

“La Questura – ha spiegato il Tar nella sentenza – ha evidenziato che tutto il nucleo familiare possiede la stessa cittadinanza e pertanto può rientrare nel Paese di origine senza rischi di divisione. È stato ritenuto – conclude il tribunale amministrativo – che prevalesse l’esigenza di allontanare uno straniero pericoloso, nonostante la situazione famigliare e gli anni di permanenza in Italia”.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart