updated 2:16 PM UTC, Oct 22, 2018

Migranti, la Spagna ora critica l'atteggiamento del governo italiano

Il capo del diplomatico spagnolo esce allo scoperto e critica duramente la decisione dell'Italia di chiudere i suoi porti ai migranti e ha sostenuto l'adozione di una politica europea a lungo termine per affrontare la crisi migratoria "più grave della crisi del paese euro".


L'Italia ha chiuso la rotta della migrazione attraverso la Libia "in modo discutibile, che creerà indubbiamente problemi più gravi a livello europeo di quelli creati dai paesi dell'Est", si legge nella nota  del ministro degli Esteri spagnolo Josep Borrell. Anche i paesi dell'Unione dell'Europa orientale rifiutano di accogliere i rifugiati che Bruxelles desiderava distribuire tra gli Stati membri.

Dopo aver respinto diverse navi cariche di migranti raccolti nel Mediterraneo, il governo di Roma ha collegato lo sbarco nei suoi porti dei migranti a una condivisione delle loro cure con altri Stati membri. La Spagna aveva ospitato una delle prime navi respinte dall'Italia, l'Acquario, che aveva sbarcato 630 migranti a Valencia il 17 giugno.

"La soluzione al problema della migrazione", continua Borrell, - "non può essere una sorta di aggiustamento permanente per distribuire i migranti che arrivano. La Spagna avrebbe potuto anche chiedere una distribuzione di migranti che attraversano i confini terrestri delle enclavi spagnole in Marocco, ma non lo fa".

Il ministro spagnolo continua ponendo delle domande alla politica migratoria europea: "Per i prossimi 20 o 30 anni, cosa faremo con gli ulteriori 200 milioni di abitanti che il Sahel avrà? Questo è ciò che cercherò di mettere su il tavolo, delle discussioni". Lo Sahel è una fascia di territorio dell'Africa sub-sahariana che si estende tra il deserto del Sahara a nord e la savana del Sudan a sud, e tra l'oceano Atlantico a ovest e il Mar Rosso a est, un area di circa 3.053.000 km².

-"L'Unione europea deve condurre la politica migratoria in loco, nei paesi di origine, altrimenti trasferiremo solo la pressione da un luogo all'altro", ha continuato l'ex presidente del Parlamento europeo, sottolineando che la chiusura della rotta libica sta dirottando i migranti verso il Marocco e la Spagna, dove si registra il passaggio di ​​più migranti dall'inizio dell'anno, di quelli raccolti nel Mediterraneo e poi sbarcati in Italia.

"La crisi migratoria", ha detto Borrel, "è più difficile da risolvere della crisi dell'euro, perché è molto più strutturale, molto più permanente, influenza molto di più a livello emotivo, culturale e identitario. Le attuali società europee non hanno ancora la mentalità per affrontarla".

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

13°C

Milano

Partly Cloudy

Humidity: 62%

Wind: 8.05 km/h

  • 23 Oct 2018 15°C 3°C
  • 24 Oct 2018 20°C 7°C