Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

updated 2:16 PM UTC, Oct 22, 2018

Le tempeste in America e nel Pacifico sono la prova del cambiamento climatico

Persone che vivono su lati opposti del pianeta, hanno vissuto negli ultimi giorni le conseguenze disastrose di lontani sconvolgimenti nel profondo degli oceani


Mentre in America, stavano ancora soffrendo la devastazione lasciata dall'uragano Florence, che ha causò morte e distruzione nel North Carolina il 14 settembre, a distanza di 12 ore il super-tifone Mangkhut distrusse Filippine, per poi colpire Hong Kong e la Cina meridionale. Mangkhut colpì con il pugno più grande mai riscontrato negli ultimi 40anni, le fragili terre e quando arrivò a terra la prima volta fu classificato "tempesta di categoria 5". Gli scienziati vedono come prima causa della formazione di entrambi i mostri, l'aumento dei livelli di gas serra nell'atmosfera, che stanno cambiando il clima e riscaldando il mare.

Per questo motivo, anche le tempeste future saranno probabilmente più pericolose rispetto al passato. Florence e Mangkhut hanno mostrato come si formano i potenti uragani prima prepararsi al colpire, ma principalmente hanno anche evidenziato quanto siano vulnerabili molte comunità, specialmente in Asia. 

Il legame con il cambiamento climatico deriva dall'accumulo nell'atmosfera dei gas serra prodotti dalla combustione industriale dei combustibili fossili e dalla deforestazione. Creano uno squilibrio nell'energia che fluisce dentro e fuori dal pianeta, innalzando le temperature. Circa il 90% di questa energia aggiuntiva finisce negli oceani. I ricercatori che monitorano la temperatura del mare fino a 2.000 metri hanno tracciato un costante aumento dagli anni '50, raggiungendo un livello record l'anno scorso (vedi grafico). Finora, il 2018 è sulla buona strada per stabilire un nuovo record.

Le tempeste tropicali nell'Atlantico (conosciute come "uragani") e nel Pacifico ("tifoni") traggono la loro energia da questo deposito di calore abissale. Oceani più caldi significano tempeste più intense e più durature. I modelli climatici lo prevedono da tempo. Inoltre, i livelli del mare aumentano a una velocità di 3 mm all'anno. Due fattori spiegano questo: l'acqua si espande mentre si riscalda; e i ghiacciai si stanno sciogliendo su entrambi i poli. Mari più alti significa che le mareggiate raggiungono più nell'entroterra. E, mentre l'atmosfera si scalda, aumenta l'umidità alle alte quote che alla fine cade sotto forma di bombe d'acqua.

Studi recenti hanno esplorato questi effetti in dettaglio, usando eventi reali. All'inizio di quest'anno, ad esempio, una ricerca ha mostrato che le temperature del profondo oceano  poco prima dell'uragano Harvey (che ha provocato disastrose inondazioni a Houston nell'agosto 2017), erano le più alte sia a livello globale sia nel Golfo del Messico.

I dati registrati subito dopo la tempesta hanno rivelato una diminuzione del contenuto di calore del Golfo, in modo strettamente proporzionale alla quantità di pioggia scatenata dall'uragano, più la pioggia aumentava, più la temperatura diminuiva. Questi dati hanno definito che Harvey "non avrebbe potuto produrre così tanta pioggia senza i cambiamenti climatici indotti dall'uomo". Kerry Emanuel, del Massachusetts Institute of Technology, stima che la probabilità che si formi un uragano come Harvey, entro il 2100 sarà 18 volte superiore rispetto alla fine del 20° secolo. 

 

Se le tempeste possono provocare il caos nel paese più ricco del mondo, il loro impatto nei paesi poveri dell'Asia-Pacifico è ancora più vasto. Ogni anno, la regione Asia-Pacifico è colpita da tempeste sempre più grandi di quelle che colpiscano l'America. Lì, l'approccio è stato quello di spostare le persone lontano dalla costa, ove possibile. Il Bangladesh dopo che si trovò nel 1970 sulla strada del ciclone Bhola, che uccise tra 300.000 e 500.000 persone, diventando il più mortale ciclone tropicale mai registrato, iniziò a costruire una vasta rete di rifugi rialzati. Tuttavia, ancora oggi alcune persone si rifiuterebbero di usarle. Quindi ora ospitano molto bestiame e poche persone.

Anche le Filippine hanno una cupa esperienza di tempeste. Haiyan, uno dei più forti cicloni tropicali mai registrati, che ha colpito la regione nel 2013, rimane un forte ricordo. Colpì la parte centrale delle Filippine e attraversò il paese, uccidendo 6.300 persone e lasciando 1.062 dispersi, dal conteggio ufficiale. In confronto, la gestione del Typhoon Mangkhut da parte del governo è considerata un successo. Eppure, il 19 settembre il bilancio delle vittime era di 81 persone e 70 erano ancora disperse. Il numero probabilmente aumenterà. I soccorritori stanno ancora trovando vittime nell'ultima mortale frana causata dal passaggio del ciclone, che ha seppellito una comunità di minatori illegali che cercavano l'oro in una miniera scavata nelle montagne della Cordillera, a nord di Luzon, l'isola principale delle Filippine. Il 15 settembre, giorno in cui Mangkhut ha colpito Luzon, il Consiglio nazionale per la riduzione dei rischi e la gestione dei disastri (NDRRMC) ha riferito che 194.368 persone avevano trovato scampo in rifugi (principalmente scuole). Stimò il costo del danno all'agricoltura a 14,3 miliardi di pesos (264 milioni di dollari). Successivamente il NDRRMC ha stimato che circa 1,1 milioni di persone erano state colpite dalla tempesta. Le sue fasce di nubi portanti la pioggia turbinavano intorno a un'area di 900 km di diametro. Mentre si avvicinava a Luzon, i suoi venti sostenevano velocità fino a 205 km/h vicino al centro, con raffiche fino a 255 km/h. I venti di Mangkhut spazzarono via fragili edifici, e abbatterono gli alberi ma, come Florence, ha portato gran parte della sua distruzione attraverso la pioggia, che ha causato frane e inondazioni improvvise, inondando campi e rovinando i raccolti, rendendo le strade impraticabili e tagliando le forniture di elettricità. La tempesta ha fermato tutta la normale vita economica. Le scuole erano chiuse, per tenere gli alunni al sicuro e per essere usati come rifugi pubblici; le imprese erano chiuse; le partenze dei traghetti e i voli internazionali e nazionali sono stati cancellati.

Da nord a sud, da est a ovest la natura ci sta facendo capire quanto terribile può essere la sua vendetta, i cambiamenti climatici dovuti all'azione dell'uomo paiono aver cambiato gli equilibri della natura. Questo dovrebbe farci riflettere prima di arrivare...

al punto di non ritorno.

FONTE: Economist

 

 

Cina e Stati Uniti entrano in guerra "commerciale"

Stati Uniti e la Cina entreranno nella guerra commerciale con l'entrata in vigore di dazi doganali reciproci per decine di miliardi di dollari di merci.


Le tariffe statunitensi del 25% su 34 miliardi di importazioni cinesi colpiranno 818 prodotti, tra cui automobili, componenti di aeromobili o dischi rigidi per computer, risparmiando allo stesso tempo beni popolari come telefoni cellulari o televisori. Saranno efficaci da oggi a mezzanotte (0400 GMT), ha confermato ieri presidente Donald Trump ai giornalisti.

Immediatamente dopo, la Cina risponderà applicando i dazi doganali su un quantitativo equivalente di importazioni dagli USA. Colpiranno i prodotti agricoli, compresi i semi di soia, che sono fortemente dipendenti dal mercato cinese, per passare al settore automobilistico e ai prodotti ittici, come le aragoste.

"La Cina non cederebbe mai alla minaccia o al ricatto", ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del ministro cinese del Commercio Gao Feng.

In totale, 50 miliardi $ di importazioni cinesi annuali saranno influenzate dalle misure statunitensi, per compensare quello che l'amministrazione Trump considera essere il "furto" della proprietà intellettuale e della tecnologia.

Il secondo lotto di 16 miliardi $ di importazioni cinesi, che è attualmente sotto ulteriore controllo, entrerà presto in vigore, ha detto Donald T rump, "con molta probabilità tra due settimane".

Pechino, che ha deciso di replicare in modo identico, prevede anche di aggiungere dazi su merci che raggiungono un valore totale di circa 50 miliardi $ nelle importazioni statunitensi, con un elenco iniziale di prodotti per 34 miliardi $.

Le prime due potenze economiche del mondo potrebbero non fermarsi qui, poiché Donald Trump ha chiesto a Robert Lighthizer "di identificare 200 miliardi di dollari di beni cinesi a cui applicare un ulteriore tassa del 10%".

E il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato di essere pronto a tassare prodotti cinesi per un valore di 200 miliardi di dollari di beni aggiuntivi, "se la reazione cinese sarà quella di controbattere con la stessa moneta".

Queste misure potrebbero quindi portare a 450 miliardi il valore dei prodotti cinesi tassati, la grande maggioranza delle importazioni dal colosso asiatico (505,6 miliardi di dollari nel 2017).

Gli esperti stanno avvertendo ormai dai mesi del potenziale danno di un tale confronto commerciale, non solo sull'economia statunitense ma anche sull'economia globale, purtroppo rimanendo inascoltati.

- Molti gli Investimenti in gioco -

Le aziende statunitensi hanno già indicato, nel verbale dell'ultimo incontro di giugno con la Banca Centrale degli Stati Uniti (Fed) , di sentire già l'impatto di prezzi più elevati e "la riduzione o il rinvio dei progetti di investimento di capitali a causa di incertezze che circondano la politica commerciale".

In un'analisi intitolata "l'approccio sbagliato", la Camera di commercio degli Stati Uniti ha stimato "in circa 75 miliardi $" l'ammontare delle esportazioni statunitensi finora colpite da rappresaglie da parte dei partner commerciali statunitensi.

Cita in particolare sei Stati (Alabama, Michigan, Pennsylvania, Carolina del Sud, Texas e Wisconsin), che hanno votato a favore di Donald Trump nelle ultime elezioni presidenziali del 2016.

Questi avvertimenti lasciano tuttavia indifferente il presidente americano, che ancora una volta ha risposto sugli argomenti, martedì in un tweet.

"Probabilmente l'economia sta andando molto meglio rispetto al passato, prima di risolvere il problema degli accordi commerciali sleali con ciascun paese", ha affermato. E poi ancora, - "La maggioranza dei paesi concorda sul fatto che devono cambiare, ma nessuno lo ha mai chiesto".

Il giorno prima, il segretario al commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross, aveva detto che le previsioni sul prossimo rallentamento della crescita economica degli Stati Uniti erano "premature e probabilmente imprecise".

"Gli effetti diretti delle tasse doganali, imposte finora, non cambieranno radicalmente la situazione macroeconomica statunitense", ha affermato Robert Palombi, analista di S & P Global Ratings.

"Tuttavia, l'escalation delle tensioni commerciali tra le due maggiori economie potrebbe avere reali ramificazioni globali e seminare i semi di un significativo rallentamento della crescita economica", ha aggiunto.

Giovedì a Chicago, i prezzi della soia hanno toccato un minimo che non si vedeva da nove anni e questo poche ore prima delle attese dichiarazioni di "guerra commerciale" tra negli Stati Uniti e Cina.

ultima ora×ultime notizie×primo piano×evidenza×guerra commerciale×Cina ×America×Usa ×Trump×FED×Banca centrale Statunitense×Dazi×commerciale×-Cina, scatta l'ora x della guerra commerciale. ×Usa, via a dazi per 34 mld su import Cina×ultime news×6 Luglio 2018 Un minuto dopo la mezzanotte di oggi sono entrati in vigore i dazi imposti dall'amministrazione americana di Donald Trump ad alcuni prodotti×dazi usa cina dazi cinesi cina usa trump e la cina news dazi usa guerra commerciale usa×

 

FONTE: (AFP)

  • Pubblicato in Esteri

Florida, tragedia durante uno spettacolo del Cirque du Soleil: acrobata precipita e muore (VIDEO)

Il trapezista francese Yann Arnaud, 38 anni, si stava esibendo a Tampa in un numero molto spettacolare quando ha perso l'appiglio ed è rovinato al suolo da un altezza considerevole. Trasportato immediatamente in ospedale, per lui non c'è stato niente da fare - (VIDEO)


Un acrobata del Cirque du Soleil è morto dopo essere caduto a terra durante uno spettacolo a Tampa, in Florida. Lo annuncia "con immensa tristezza" la celebre compagnia mondiale di circo con un comunicato pubblicato sui social.

Il trapezista francese Yann Arnaud, 38 anni, si stava esibendo quando è caduto al suolo. "Le procedure d'emergenza sono state immediatamente attivate e Yann è stato trasportato al più vicino ospedale, dove successivamente è morto a causa delle ferite riportate", si legge nella nota. "L'intera famiglia del Cirque du Soleil è scioccata e distrutta da questa tragedia", ha affermato il Ceo della compagnia, Daniel Lamarre, "Yann era con noi da più di 15 anni ed era amato da tutti coloro che hanno avuto la possibilità di conoscerlo".

Il Cirque ha inoltre assicurato la "massima collaborazione alle autorità" che indagano sulle circostanze dell'incidente mentre altri due spettacoli previsti a Tampa sono stati cancellati.

  • Pubblicato in Esteri

Questa volta Milano la spunta: niente Ema, ma nel 2020 ospiterà la convention del turismo gay e lesbico. C'è il supporto del Consolato Usa

Dopo aver perso l'Agenzia del farmaco a beneficio di Amsterdam, città che peraltro non è pronta a far fronte all'assegnazione, arriva un successo che fa particolarmente felice la giunta del sindaco Sala. Sarà Milano ad ospitare nel 2020 la 37esima convention di Iglta, l'associazione internazionale del turismo gay e lesbian. A dare la notizia, sui suoi profili social, è stata l'assessora al Turismo del Comune di Milano, Roberta Guaineri. "Abbiamo creduto in questo progetto sin dal primo momento - ha scritto - e, grazie alla sinergia con Enit - Agenzia Nazionale del Turismo, Aitgl, Associazione Italiana Turismo Gay & Lesbian e il supporto del Consolato USA a Milano, abbiamo raggiunto l'obiettivo di confermare ancora una volta il carattere aperto e cosmopolita della città, da sempre in prima linea per l'affermazione dei diritti". "Promuoveremo Milano come una destinazione turistica in grado di soddisfare le esigenze di qualsiasi visitatore", ha concluso.

(Fonte: Ansa)

Hitler vivo dopo la guerra? Quella foto del 1954 in Colombia... Il documento della Cia alimenta il mistero

Un file desecretato nei giorni scorsi rivela che l'agente "Cimelody-3" avrebbe avuto notizie abbastanza certe della presenza del Führer (sotto il nome di Adolf Schrittelmayor) in Sudamerica nel decennio successivo al termine del secondo conflitto mondiale. I russi hanno sempre sostenuto di essere in possesso dei resti del cancelliere nazista e della moglie Eva Braun, ufficialmente morti suicidi; nel 2009 però un esame effettuato dallo scienziato americano Nick Bellantoni su un frammento di teschio non aveva fornito conferme. Così i dubbi restano, insieme a leggende e fantasmi


Adolf Hitler sarebbe sopravvissuto alla Seconda Guerra Mondiale e fuggito in Sud America. E' quanto rivela uno dei file della Central Intelligence Agency (Cia) desec(retato nei giorni scorsi e ora disponibile online per tutti.

Secondo quanto riportato dal documento in questione, un agente della Cia in Sudamerica, nome in codice Cimleody-3, avrebbe avuto notizie abbastanza certe della presenza in Colombia del dittatore tedesco nella metà degli anni cinquanta.

"Cimelody-3 - si legge - è stato contattato il 29 settembre 1955 da un amico di fiducia che ha servito sotto il suo comando in Europa e che attualmente risiede a Maracaibo. L'amico di Cimelody-3 ha affermato che durante l'ultima parte del settembre 1955, Phillip Citroen, ex ufficiale delle SS, gli ha detto in via confidenziale che Adolph Hitler è ancora vivo. Citroen ha sostenuto di aver avuto un contatto con Hitler in Colombia durante un suo viaggio da Maracaibo verso quel Paese come impiegato della Knsm (Royal Dutch) Shipping Co. Ha poi sostenuto che Hitler ha lasciato la Colombia per l’Argentina introno a gennaio del 1955".

Al memo è allegata una fotografia, nella cui didascalia sul retro si legge testualmente 'Adolf Schrittelmayor, Tunga, Colombia, America del Sud, 1954'. Seduto accanto a lui quello che dovrebbe essere l’ex ufficiale delle Ss, Phillip Citroen.

Innegabile la somiglianza del volto nella fotografia con il leader nazista, che i libri di storia vogliono morto suicida all'interno del suo bunker di Berlino nel 1945 insieme alla moglie Eva Braun. Ad alimentare la tesi della cospirazione anche il fatto che nel continente sudamericano, e in Argentina in particolare, trovarono riparo decine di alti gerarchi nazisti fuggiti dalla Germania mentre il Terzo Reich cadeva in macerie.

Ci sono però i dubbi. Nel documento della Cia infatti, al primo punto, l'agente Cimelody-3 sottolinea di "non essere nella posizione di dare una valutazione d'intelligence dell'informazione, che è stata trasmessa perché di possibile interesse".

(Fonte: Adnkronos)

Perù-Colombia, un pari che sa di biscotto. Quante "chiacchiere" in campo nel finale: il video che ha scatenato le polemiche

Fa discutere l'esito di una delle più attese partite sudamericane, valida per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018. Conciliaboli sospetti tra i giocatori negli ultimi minuti. Il risultato dell'Estadio Nacional di Lima, insieme a quelli delle rivali nel girone, premiava entrambe le squadre (padroni di casa ai playoff, ospiti qualificati direttamente), così pare abbiano deciso di "non farsi male" - (VIDEO)


Pareggio con qualche ombra quello tra Perù e Colombia che, complice la sconfitta del Cile in Brasile, nel finale della gara si sono accontentati dell'1-1 senza più affondare il colpo. Una sensazione confermata dalle immagini in cui si vede Radamel Falcao avvicinarsi a tutti i difensori del Perù e parlare a lungo.

Falcao peraltro non è stato l'unico giocatore in campo a chiacchierare con gli avversari e chiedere informazioni sul risultato del Cile, risultato che ha permesso alla Colombia di qualificarsi e mandato il Perù agli spareggi contro la Nuova Zelanda.

Ecco perché intorno al novantesimo le due squadre hanno evidentemente rallentato i ritmi con lunghi possessi palla e senza affondare nelle aree avversarie, segno che il pareggio forse andava bene a entrambe.

D'altronde in caso di goal della Colombia ai playoff sarebbe andato il Cile con il Perù eliminato, mentre se avesse vinto il Perù sarebbe stata la Colombia a dover giocare gli spareggi. Alla fine, invece, a pagare è stato il Cile. Non senza polemiche. (Goal.com)

  • Pubblicato in Sport

Debutto caldo per Trump all'Onu: "Distruggeremo la Corea del Nord". Attacca anche Iran e Venezuela e ribadisce il suo "America first"

Il presidente Usa tiene un discorso infuocato davanti all'assemblea generale delle Nazioni Unite. il numero 1 della Casa Bianca chiama "Rocket man" (uomo missile) il leader di Pyongyang, Kim Jong-un, dicendo che "è in una missione suicida per sé e il suo regime. Gli Stati Uniti sono pronti e capaci di attuare un attacco, ma si spera che questo non sia necessario perché vogliono armonia e pace, non conflitti". Punta il dito pure contro il programma nucleare di Teheran e promette a Maduro di compiere "ulteriori azioni" se "persisterà nell'imporre un regime totalitario". Il giudizio storico sul socialismo: "Dove è stato applicato, dall'Unione sovietica a Cuba, ha portato solo sofferenza" - (VIDEO)


"Rocket man è in missione suicida". E' il messaggio che Donald Trump, al debutto davanti all'assemblea generale dell'Onu con un discorso di 41 minuti, invia a Kim Jong-un. "La Nordcorea minaccia il mondo", è un passaggio del discorso del presidente degli Stati Uniti. Se Pyongyang proseguirà lo sviluppo del suo programma nucleare, "non avremo scelta se non quella di distruggere totalmente la Nordcorea. Speriamo non sia necessario. E' ora che la Nordcorea realizzi che la denuclearizzazione è l'unico futuro accettabile", aggiunge. "Rocket man è in una missione suicida per sé e il suo regime. Gli Stati Uniti sono pronti e capaci" di attuare un attacco "ma si spera che questo non sia necessario", dice il numero 1 della Casa Bianca dopo aver assicurato, nella fase iniziale del suo intervento, che gli Usa "vogliono armonia e pace, non conflitti".

"Nessuno, più del malvagio regime nordcoreano, ha mostrato disprezzo per gli altri paesi e per il benessere del proprio popolo. E' responsabile della morte per fame di milioni di nordcoreani e della prigionia, della tortura, dell'uccisione e dell'oppresione di tantissimi altri. Siamo tutti testimoni dell'abuso mortale compiuto nei confronti dello studente americano Otto Warmbier, restituito all'America solo perché morisse qualche giorno dopo", dice Trump, elencando altre 'imprese' compiute da Pyongyang.

Ora, il programma missilistico e nucleare costituisce una minaccia "per l'intero mondo, con perdite impensabili di vite umane". "E' vergognoso che alcune nazioni non solo facciano affari con questo regime, ma forniscano anche armi e lo sostengano finanziariamente. Nessuna nazione ha interesse a vedere che questa banda di criminali si arma con un arsenale nucleare. Gli Stati Uniti hanno grande forza e pazienza, ma se saranno costretti a difendere se stessi o i propri alleati, non avranno altra scelta se non quella di distruggere totalmente la Corea del Nord", ribadisce. "Speriamo non sia necessario: è per questo che ci sono le Nazioni Uniti, vediamo come agiscono".

IRAN - "L'accordo sul nucleare con l'Iran è fonte d'imbarazzo per gli Stati Uniti, dice Trump in un altro passaggio. Il presidente degli Stati Uniti accusa il "regime" di Teheran di usare le sue risorse non per il progresso del suo popolo ma per "finanziare Hezbollah" contro "i pacifici vicini arabi e Israele". "Non possiamo rispettare un accordo se questo dà copertura all'eventuale costruzione di un programma nucleare", denuncia Trump, che definisce l'accordo raggiunto due anni fa dai 5+1 con Teheran "una delle transazioni peggiori e unilaterali mai fatte dagli Stati Uniti". Il presidente americano però non chiarisce se Washington si ritirerà o meno dall'accordo: l'amministrazione ha tempo fino al 15 ottobre per certificare o meno il rispetto dell'intesa da parte dell'Iran.

VENEZUELA - Trump punta il dito contro un altro regime canaglia quello del presidente venezuelano Nicolas Maduro, minacciando "ulteriori azioni" se persisterà nell'imporre un governo autoritario". "Come buoni amici e vicini" il nostro obiettivo è aiutare i venezuelani "a riconquistare la loro libertà, recuperare il loro paese e restaurare la democrazia", dice il presidente americano, esortando la comunità internazionale ad agire in questo senso. "Il problema non è che il socialismo sia stato male applicato in Venezuela, ma è che sia stato applicato fedelmente", dichiara sostenendo che tutti i Paesi dove è stato applicato, dall'Unione Sovietica a Cuba, ha portato solo sofferenza. A parte i tre 'regimi canaglia', Trump descrive un mondo in cui "terroristi ed estremisti hanno preso forza e si sono sviluppati in ogni regione" e "grandi porzioni del Pianeta che sono in conflitto con alcune che stanno andando al diavolo".

AMERICA FIRST - "Come presidente degli Stati Uniti metterò sempre l'America al primo posto, come così voi leader dovete sempre mettere il vostro Paese al primo posto", dice proponendo uno slogan (America First) già utilizzato in campagna elettorale. "Gli Stati Uniti rimarranno per sempre grandi amici del mondo, specialmente dei loro alleati, ma non si potrà più approfittare di noi e non faremo più accordi sbilanciati in cui l'America non ottiene nulla", ha poi aggiunto con quello che è stato letto come un riferimento agli accordi di Parigi da cui ha ritirato gli Stati Uniti. "Fino a quando io rimarrò presidente, io metterò gli interessi dell'America sopra ad ogni cosa", conclude.

(Fonte: Adnkronos)

  • Pubblicato in Esteri

L'Isis attacca l'Iran. Attentati al parlamento e al mausoleo di Khomeini: almeno 10 morti. La rivendicazione dello Stato islamico

Spari e terroristi suicidi nei due luoghi presi d'assalto. Decine i feriti e persone prese in ostaggio. Il fatto a due giorni dall'atto d'accusa con relative azioni di boicottaggio nei confronti del Qatar (legato a Teheran) da parte di Arabia Saudita e i suoi alleati del Golfo con la benedizione Usa. Quindi, dove sta la verità? Chi aiuta davvero il terrore jihadista? - (VIDEO)


Doppio attacco a Teheran, all'interno del Parlamento iraniano e nel mausoleo di Khomeini a Teheran. Attacchi rivendicati dal sedicente Stato islamico (Is), attraverso un comunicato diffuso dall' 'agenzia' Amaq. Lo ha riferito sul suo account Twitter 'Site', il sito di monitoraggio delle attività jihadiste sui social media diretto da Rita Katz.

Sarebbero una decina le persone rimaste uccise nell'attacco al Parlamento di Teheran. Lo ha riferito sul suo account Twitter l'agenzia di stampa semiufficiale Tasnim, che parla tuttavia di notizie "non confermate". La stessa agenzia sostiene che 4 persone sarebbero state prese in ostaggio.

Secondo i media il commando entrato in azione sarebbe stato composto da 3 o 4 persone, armate di kalashnikov e bombe a mano. Secondo quanto riferito dall'agenzia di stampa Fars, un assalitore avrebbe sparato diverse volte per poi fuggire. Uno dei terroristi è invece stato ucciso dalle forze dei Guardiani della Rivoluzione iraniani (pasdaran), secondo l'emittente Press Tv.

Un assalitore si sarebbe fatto esplodere mentre era in corso un'operazione delle forze speciali contro due uomini armati. Lo ha riferito la tv di Stato Irib, precisando che il kamikaze si è fatto saltare in aria al quarto piano dell'edificio.

Secondo l'agenzia di stampa Tasnim, uno scontro a fuoco sarebbe avvenuto in un corridoio del Majlis e una delle pallottole avrebbe raggiunto l'area riservata ai giornalisti. Alcuni testimoni citati dalla Tasnim hanno riportato che dal Parlamento si sentono ancora degli spari. Tutte le strade del centro di Teheran che portano al Parlamento sono state chiuse.

Alcune persone sono invece rimaste ferite in una sparatoria avvenuta al mausoleo dedicato all'ayatollah Ruhollah Khomeini nella zona sud di Teheran, dove sarebbero entrati in azione anche due kamikaze. Un altro terrorista del commando è invece stato ucciso dalle forze di sicurezza prima che riuscisse ad azionare la sua cintura esplosiva.

Le forze di sicurezza iraniane hanno sventato un terzo attacco stamane a Teheran. Lo ha riferito una nota del ministero dell'Intelligence, citata dalla tv di Stato della Repubblica islamica. "Questa mattina due gruppi terroristici hanno attaccato il Parlamento e il mausoleo dell'Imam Khomeini - si legge - I membri di un terzo gruppo sono stati arrestati prima di riuscire ad eseguire un altro attacco".

(Fonte: Adnkronos)

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

8°C

Milano

Partly Cloudy

Humidity: 85%

Wind: 3.22 km/h

  • 23 Oct 2018 15°C 3°C
  • 24 Oct 2018 20°C 7°C