updated 2:03 PM UTC, Dec 9, 2019
Fabio Pasini

Fabio Pasini

Arriva "I Am Jesus Christ", il videogame su Gesù che promette miracoli. L'uscita? A Natale, dicono... (VIDEO)

A Milano quando qualcosa lascia perplessi, interdetti o anche solo distaccatamente divertiti, si dice: “O Signur…”. In questo caso l’invocazione celeste calza a pennello. Nel mondo (terreno) dei videogame è arrivato "I Am Jesus Christ", un gioco che sarà disponibile per pc sulla piattaforma Steam e che consentirà di diventare virtualmente Gesù.

L'idea è nata dalla collaborazione tra il publisher di realtà virtuale PlayWay e lo studio SimulaM. Nei trailer diffusi online si anticipa che il giocatore potrà ripercorrere le orme bibliche del Nazareno del Nuovo Testamento, ridando la vista a un cieco e producendosi in altri miracoli come la moltiplicazione dei pani e dei pesci o la camminata sulle acque. Anche la sorte fatale e salvifica sarà la stessa di Cristo crocifisso e risorto.  Non mancheranno le tentazioni e le trappole del diavolo, mentre secondo alcune anticipazioni, il protagonista potrà recuperare energie attraverso il battesimo dei personaggi incontrati lungo il cammino. I tempi di uscita? Pare a breve, forse, non casualmente, per Natale.

Parte la macchina di Lombardia Ideale, il movimento salviniano del presidente Fontana: ecco i primi coordinatori provinciali. Il sindaco di Magenta primo "colpo" pesante sul territorio

Lo definiscono il "braccio civico di Attilio Fontana e Matteo Salvini". Con buoni risultati alle ultime amministrative e già rappresentato nel Consiglio regionale, il movimento Lombardia Ideale ora si dà una struttura sul territorio. Designati i referenti provinciali: a Milano la guida è affidata a Marco Anguissola, consigliere del Municipio 8. Il Governatore: "Concretezza e sviluppo parole chiave per portare avanti il progetto civico anche nelle prossime città al voto". Cosentino: "Stiamo crescendo in maniera importante, nostra proposta seria e incisiva". L'ingresso del sindaco di Magenta salutato come un segnale importante 


Ieri mattina Giacomo Cosentino, capogruppo in Regione Lombardia e coordinatore regionale di Lombardia Ideale - movimento politico lombardo braccio civico di Attilio Fontana e Matteo Salvini –, ha provveduto a designare i coordinatori provinciali di Milano, Brescia, Bergamo, Varese e Pavia. Attesa a breve anche la formalizzazione delle nomine per Mantova.

“Con questo importante passaggio il nostro movimento, nato come sviluppo della Lista Fontana, si struttura sul territorio lombardo facendo leva anche sul successo elettorale registrato alle ultime elezioni amministrative e sui nuovi ingressi, in ultimo quello del Sindaco di Magenta: il movimento ha raggiunto risultati inaspettati soprattutto in città come Bergamo (lista Bergamo Ideale 8,3%) e Pavia (lista Pavia Ideale 6,3%) risultando il secondo movimento cittadino dopo la Lega; senza dimenticare i tanti amministratori locali eletti in Comuni più piccoli e anche alcuni Sindaci. A breve avremo il piacere di annunciare altri importanti arrivi.” Così Giacomo Cosentino, che prosegue e conclude “La nostra proposta civica è seria e incisiva. Vista l’importante crescita si è reso necessario iniziare a strutturarci partendo dalle principali province lombarde. Con queste nomine abbiamo voluto valorizzare il lavoro di coloro che sin da subito ci hanno messo la faccia e hanno lavorato molto per far partire il movimento politico che ho l’onore di coordinare, ottenendo in breve tempo risultati sorprendenti.

Nelle prossime settimane verrà convocata la prima riunione regionale a cui parteciperanno anche i nuovi coordinatori provinciali e verranno definite le prossime attività, oltre ad iniziare a lavorare in vista delle vicine scadenze elettorali quali Milano, Varese, Busto Arsizio, Mantova e altri comuni di dimensioni inferiori.”

Interviene il Governatore Attilio Fontana: “Si sta facendo un buon lavoro, stiamo intercettando quelle persone che hanno il desiderio di impegnarsi per la propria comunità ma non si riconoscono molto nei partiti e nelle relative liturgie. Il concetto è semplice: poche parole e tanti fatti per portare avanti progetti che diano risposte chiare ai nostri concittadini e servano allo sviluppo del territorio. Auguro buon lavoro ai coordinatori appena designati e a quelli che verranno individuati a breve, soprattutto a coloro che avranno il compito di portare avanti questo progetto politico nelle prossime Città che andranno al voto come, ad esempio, Milano, Varese e Mantova: stiamo già lavorando alla costruzione di una lista civica - direttamente collegata ai candidati Sindaci – in grado di dare un importante valore aggiunto sotto tutti i punti di vista.”

Guarda il nostro servizio sulla presentazione di Lombardia Ideale (articolo e video)


I coordinatori provinciali e i loro profili:

MILANO: MARCO ANGUISSOLA

Marco Anguissola, 34 anni, nato e cresciuto a Milano, laureato in giurisprudenza, lavora come consulente legale e docente nell’ambito della formazione professionale. E’ stato rappresentante d’Istituto nella Consulta provinciale studentesca di Milano. Autenticamente e profondamente cattolico, formatosi sui banchi del Leone XIII, è oggi presidente degli ex alunni della “sua” scuola e massimo rappresentante giovanile dell’Omaec (Organizzazione mondiale degli ex allievi ed ex allieve dell’Insegnamento Cattolico). Nel 2006 Anguissola è stato eletto per la prima volta consigliere della Zona 8 (in seguito Municipio 8) del Comune di Milano, per poi essere rieletto nel 2011 e nel 2016 (attualmente in carica). Nel Consiglio municipale della più popolosa zona della città, dove è cresciuto e vive, è stato presidente della Commissione Verde, Arredo Urbano e Giovani dal 2008 al 2011 e della Commissione Bilancio dal 2016 al 2019, membro della Commissione Edilizia centrale del Comune dal 2010 al 2011. Oggi è fortemente impegnato per contribuire alla costruzione di un futuro Ideale per la sua regione e la sua città.

 

BRESCIA: NICOLETTA BENEDETTI

Bresciana della Franciacorta: la sua attività politica inizia nei primi anni 2000 nell'ambito del centrodestra e nel 2014 è stata eletta Consigliere comunale del suo comune, Cologne. Nel settembre 2014, con un gruppo di amici appassionati di politica e amministrazione, dà vita ad una lista civica di centrodestra che raccoglie l'adesione di tanti amministratori in tutta la provincia che non si sentono rappresentati dai partiti tradizionali. Viene eletta Consigliere Provinciale nell'ottobre 2014 e rinnovata nelle successive elezioni. Nella primavera del 2019 viene eletta consigliere comunale di Longhena e riconfermata Consigliere Provinciale (tutt’ora in carica). Il lavoro svolto in Provincia le ha permesso di essere la seconda degli eletti in una lista unitaria a cui hanno aderito tutti i partiti di centrodestra e la componente civica da lei rappresentata. Lavora nella direzione di una storica fondazione che gestisce servizi importanti per il territorio bresciano (diverse unità di offerta rivolte agli anziani: residenza sanitaria assistenziale, centri diurni integrati, mini alloggi protetti, comunità residenziale per anziani).

 

BERGAMO: DANILO MINUTI

43 anni, residente a Bergamo nel quartiere di Borgo Santa Caterina. Laureato in Scienze Politiche all’Università Statale di Milano con un Master in Management Sanitario presso la Scuola di Direzione Aziendale dell’Università Bocconi. Nel 2002 ha iniziato a lavorare in staff alla Direzione dell’Azienda ospedaliera Bolognini di Seriate e dal 2017 è funzionario direttivo presso l’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Dopo una lunga militanza in Azione Giovani - movimento giovanile di Alleanza Nazionale - è diventato prima Dirigente Provinciale e poi Nazionale di Alleanza Nazionale. Nel 2009 è stato nominato Assessore all’Istruzione, Sport e Giovani del Comune di Bergamo nella Giunta del Sindaco Franco Tentorio per poi contribuire a fondare un movimento civico cittadino e provinciale vicino al centrodestra con il quale è stato eletto (risultando tra i più votati di tutta la città) al Consiglio Comunale di Bergamo sia nelle elezioni del 2014 che in quelle del 2019 (tutt’ora in carica).

 

VARESE: MAURIZIO MONTALBETTI

Nato a Varese l’8 settembre 1987, arcisatese ma residente a Besano dove vive con la moglie e il figlio. Lavora a Varese dove svolge la professione di Avvocato ed è appassionato di Karate, di cui è istruttore. All’età di 21 anni diventa Consigliere Comunale ad Arcisate per la lista “Pdl – Lega” e ricopre il ruolo di Presidente della Commissione Ecologia e Territorio. Nelle elezioni successive, anno 2014, viene nuovamente eletto per la lista “centrodestra Arcisate” e durante il mandato ha ricoperto il ruolo di Assessore (con deleghe prima ai Lavori Pubblici, poi all’Edilizia Privata e Urbanista e per tutto il periodo anche alle Manutenzioni e Viabilità). Attualmente è Consigliere comunale di opposizione e Capogruppo del Gruppo Consigliare che ha preso il nome di “Arcisate Ideale”.

 

PAVIA: FRANCESCO MANTOVANI

Nato a Milano 56 anni fa, residente a Pavia. Il suo percorso politico inizia con l'adesione ad Alleanza Nazionale dalla sua nascita dove ha ricoperto diversi incarichi. Nel 2014 entra nella squadra della Lega di Pavia e nella primavera di quest'anno, in occasione delle elezioni amministrative di Pavia, viene incaricato di coordinare la lista civica Pavia Ideale – Fracassi Sindaco, di cui è attualmente referente cittadino. Diplomato Ragioniere perito commerciale si occupa da più' di vent'anni di logistica editoriale e ha lavorato per importanti editori come Feltrinelli.

 

 

 

I curdi accusano la Turchia: "Usa fosforo bianco e napalm". Dura telefonata tra Conte ed Erdogan, che cestina la lettera di Trump

Napalm e munizioni al fosforo bianco sarebbero stati utilizzati dalle forze turche nella loro offensiva nel nord-est della Siria. A denunciarlo è l'amministrazione autonoma curda in una nota, nella quale si sottolinea come Ankara abbia fatto ricorso alle armi vietate a causa dell'inaspettata resistenza incontrata nella città di Ras al-Ayn. Il premier italiano chiama il presidente turco: "Interrompere questa inaccettabile iniziativa militare". Consiglio europeo a Bruxelles, mentre il vicepresidente americano Pence vola a Istanbul. Tensione internazionale alle stelle


 Immagine correlata

DURA TELEFONATA TRA CONTE E ERDOGAN - Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha avuto un colloquio telefonico con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Nel corso della conversazione durata oltre un'ora, a quanto sia apprende da fonti di palazzo Chigi, Conte ha ribadito che l'Italia ritiene inaccettabile l'azione militare avviata in Siria. Durante il colloquio "non sono mancati momenti di forte tensione a fronte del fermo e reiterato invito del presidente Conte ad interrompere questa iniziativa militare, che ha effetti negativi sulla popolazione civile". Conte ha chiesto a Erdogan di ritirare le truppe.

Intanto, crescono di intensità la accuse dei curdi alla Turchia di usare le armi chimiche: secondo le autorità curdo-siriane le forze turche avrebbero usato "fosforo bianco e napalm" dopo aver riscontrato un'inaspettata resistenza curda, in particolare nella città di Ras al Ayn. In un ospedale sarebbero ricoverati alcuni bambini con gravi ferite da ustioni. Non è possibile verificare in modo indipendente l'autenticità delle immagini. Ankara respinge le accuse dei curdi siriani: "Tutti sanno che l'esercito turco non ha armi chimiche. Alcune informazioni ci indicano che" le milizie curde dello "Ypg usano armi chimiche per poi accusare la Turchia", ha detto il ministro della Difesa.

TRUMP SCRIVE A ERDOGAN, IL PRESIDENTE TURCO BUTTA LA LETTERA - "Non fare il duro" o "non fare lo scemo", "lavoriamo a un buon accordo. Tu non vuoi essere responsabile del massacro di migliaia di persone, e io non voglio essere il responsabile della distruzione dell'economia turca", ha scritto Donald Trump al presidente Recep Tayyip Erdogan in una lettera datata 9 ottobre. La lettera è stata "gettata nella spazzatura" dal presidente turco.

La crisi siriana sarà anche sul tavolo del Consiglio europeo in programma oggi a Bruxelles, con Conte.  Mentre a Istanbul il presidente turco incontrerà il vicepresidente americano Mike Pence.

 

(Fonte: Ansa)

Salvini in Umbria dopo il malore: "Prima vinciamo e poi ci riposiamo qualche ora..."

"Sto bene, sto discretamente bene". Matteo Salvini è a Orvieto per un comizio in vista delle regionali in Umbria. Dal palco il leader della Lega risponde a chi gli chiede del suo stato di salute, dopo la colica che ieri lo ha costretto a saltare qualche appuntamento elettorale. "Tra antibiotici e antidolorifici - spiega - sto bene, ma c'è chi sta peggio. Nonostante ieri mi avessero detto 'stai un po' a casa', avevo troppi impegni in Umbria e ci tenevo a essere qui. Prima vinciamo e poi ci riposiamo. Dal 28 in poi ci prendiamo qualche ora di riposo, dai...'', assicura.

 

(Fonte Adnkronos)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C