Log in
updated 1:53 PM UTC, Jul 10, 2020

Il coronavirus ha distrutto 500.000 di posti di lavoro in Italia

Solo la metà dei posti di lavoro persi, verrà recuperata il prossimo anno, per raggiungere i livelli pre-pandemici dovremo attendere fino al 2023


La recessione sta colpendo in particolare i settori come l'ospitalità e il turismo. I dati pubblicati questo mercoledì dall'Istat, hanno registrato un calo del 25% dell'attività di hotel e ristoranti nel primo trimestre di quest'anno, rispetto allo stesso periodo del 2019. Sebbene queste posizioni siano state autorizzate alla ripresa dell'attività, molti hanno scelto di non alzare le saracinesche per paura di non riuscire a coprire le spese, come accade con la maggior parte dei ristoratori. Chiusi da fine marzo, i locali più piccoli e caratteristici, hanno oggi grosse difficoltà nel poter rispettare le regole anti contagio. Chi esce a cena vuole avere un momento di relax e dimenticare la vita di tutti i giorni. Se il cameriere indossa una maschera e ci sono divisori di metacrilato ovunque, è difficile dimenticare il coronavirus, per questo, è quasi meglio rimanere tra le sicure mura domestiche. Le distanze di sicurezza tra i tavoli e in cucina non sono applicabili ovunque e questo porterà molti dei lavoratori del settore, direttamente dalla cassa integrazione al licenziamento. Anche loro fanno parte dei circa 500.000 posti di lavoro che l'Italia perderà quest'anno a causa della recessione economica causata dal coronavirus. La previsione è di Mimmo Parisi, presidente dell'Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, che ha calcolato che il paese recupererà il prossimo anno solo 250.000 di quei posti di lavoro. In un intervento davanti alla Commissione del lavoro del Senato, Parisi ha dichiarato che fino al 2023, l'Italia non tornerà ai 23,4 milioni di lavoratori che aveva prima della crisi. Quest'anno secondo alcune previsioni il Pil subirà una grossa flessione, mentre il tasso di disoccupazione aumenterà di oltre tre punti rispetto al dato precedente alla comparsa del Covid-19, raggiungendo così circa l'11,6% .

In un'intervista Rai, Cristina Freguja, dirigente responsabile Istat ha dichiarato, "La pandemia non ha mostrato pienamente i suoi effetti dal punto di vista socio-economico. Dovremo ancora aspettare ancora affinché gli indicatori statistici mostrino chiaramente come stanno cambiando le condizioni della popolazione, i dati sulla disoccupazione di aprile, che saranno pubblicati a breve, saranno molto negativi". Poi ha continuato, "per alcuni settori della società, tra cui i più vulnerabili, gli effetti della pandemia e le difficoltà a riprendere l'attività economica, potranno trascinare in un grave crisi economica anche quelli che si trovavano in una buona situazione prima dell'inizio della pandemia. Questo è ciò che accadrà ai lavoratori a tempo determinato, alcuni lavoratori autonomi".

Brexit, Honda chiuderà la fabbrica di Swindon: si perderanno 3.500 posti di lavoro. Il governo britannico: "Decisione terribile". Ma la lista delle fughe industriali dal Regno Unito è già lunga

Un altro durissimo colpo per Londra dopo la decisione della Nissan di sospendere la produzione del Suv X-Trail nello stabilimento di Sunderland, l'annuncio della Porsche del rincaro del 10% dei prezzi di listino e la presa di posizione della Ford che aveva parlato di "catastrofe". Senza contare che, per quanto riguarda un altro settore importantissimo, Panasonic e Sony hanno deciso di trasferire le proprie operazioni ad Amsterdam


Risultati immagini per honda uk

Honda ha confermato il piano di chiudere nel 2021 la sua fabbrica europea di Swindon, in Gran Bretagna, che causerà la perdita di 3.500 posti di lavoro. Lo riporta Sky News, che ieri aveva anticipato la decisione della casa automobilistica giapponese. L'iniziativa, ha spiegato Honda, è la risposta "a cambiamenti senza precedenti nell'industria automobilistica globale".

Lo scorso anno Honda nella sua fabbrica britannica, dove realizza la Civic, ha prodotto oltre 160 mila veicoli, poco più del 10% del totale delle auto realizzate nel Paese (circa 1,52 milioni). L'ufficializzazione dello stop all'impianto di Swindon è stata accolta duramente dal governo britannico, con il ministro Greg Clarg, titolare delle Industrie, che ha parlato di "decisione terribile per il Regno Unito".

Secondo le indiscrezioni filtrate dalla vigilia, la società nipponica dovrebbe ancora mantenere la sede europea a Bracknell così come il suo team di Formula 1 nel Regno Unito. Il passo indietro della casa automobilistica giapponese è l'ultimo di una lunga lista di addii: Panasonic e Sony hanno deciso di trasferire le proprie operazioni ad Amsterdam, mentre Nissan ha annunciato l'intenzione di cancellare il progetto di fabbricare i Suv a Sunderland nonostante le assicurazioni del Governo britannico.

Anche la Ford ha parlato apertamente di una "catastrofe" per il mondo automobilistico, soprattutto qualora il divorzio tra Londra e Bruxelles arrivi senza un accordo. La Porsche ha fatto sapere che aumenterà del 10% i prezzi di listino.

  • Pubblicato in Esteri

Ema, fregatura europea a Milano. Salvini si scatena in diretta contro l'Ue: "Tirano la monetina... Se governiamo noi sapete dove gliela mettiamo?"

Il leader leghista commenta a modo suo su Facebook il sorteggio per l'assegnazione della sede dell'Agenzia Europea del Farmaco che ha visto sconfitto il capoluogo lombardo a beneficio di Amsterdam - (VIDEO)


Video in diretta del segretario leghista Matteo Salvini dopo la mancata assegnazione a Milano, a seguito di un sorteggio, della sede Ema, andata invece ad Amsterdam. "Pazzesco", ha poi scritto Salvini su Facebook, "L'Agenzia Europea del Farmaco, 3.000 posti di lavoro e un indotto economico di 1,7 miliardi di euro, è stata assegnata ad Amsterdam e non a Milano per SORTEGGIO. Una scelta così importante... fatta col sorteggio!?!?". Il leader della Lega lancia altri strali contro Bruxelles: "Ennesima dimostrazione che QUESTA EUROPA è una fregatura. Ci riempiono di vincoli, di pesticidi e di immigrati, e ci fregano migliaia di posti di lavoro con le buste chiuse come ai quiz. Quando andiamo al governo, ridiscutiamo i 17 MILIARDI di euro che l’Italia regala ogni anno all'Europa. Gli mandiamo una monetina".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS