Log in
updated 2:35 PM UTC, Sep 18, 2020

La crisi del coronavirus spinge i media verso i licenziamenti

La forte crisi economica generata dai lockdown per Covid-19, sta mettendo in difficoltà molti media, che si tratti di carta stampata, radio o televisione, e aumentano i licenziamenti.


Cassa integrazione, licenziamenti e tagli agli stipendi dei manager si sono moltiplicati con la crisi portata dal coronavirus, nonostante un forte interesse da parte delle popolazioni per l'informazione, tutto il mondo soffre il crollo del mercato pubblicitario, mentre i social incalzano.

In Francia, il quotidiano regionale "La Marseillaise", è stato duramente colpito dal lockdown stabilito in tutta la Francia è stato messo in liquidazione. "Le Parisien", altro quotidiano francese, prevede di tagliare trenta posizioni e tutte le sue edizioni locali. Prevedendo tre anni di perdite, il quotidiano "L'Equipe" ha chiesto ai suoi dipendenti di ridurre i loro salari. Dopo la liquidazione di “Paris-Normandie”, il suo acquirente belga, il gruppo Rossel, ha annunciato il taglio del 20% della forza lavoro, ovvero 60 posizioni. L'acquirente di "Paris-Turf" ha anche previsto di licenziare un centinaio di dipendenti del gruppo ippico. 

In Italia il nuovo editore della rivista "Grazia" ha annunciato da parte sua l'eliminazione di 31 posizioni di diversi inquadramenti.

Nel Regno Unito, il "Guardian" ha annunciato 180 licenziamenti e la rivista "The Economist" 90. Negli Stati Uniti, il gruppo Conde Nast ("Vogue", "Wired" e "New Yorker"), ha annunciato il licenziamento di un centinaio di dipendenti su 6000. Vox Media ("The Verge", "New York Magazine") licenzierà 72 dipendenti, la maggior parte dei quali in disoccupazione parziale. Il "New York Times" ha licenziato 68 dipendenti del suo comparto commerciale.

Il gruppo familiare McClatchy, che pubblica venti giornali tra cui il "Miami Herald", è stato venduto a un fondo di investimento, dopo essere stato messo in liquidazione. Dall'inizio della crisi, secondo un'analisi del "New York Times", più di 36.000 addetti ai media americani, i cui numeri sono già stati ridotti negli ultimi anni, sono stati colpiti dalla riduzione degli stipendi o al licenziamento. In tutto il paese americano, una cinquantina di redazioni locali, a volte con una storia di oltre 100 anni, hanno chiuso, secondo un elenco aggiornato dal sito di Poynter.

Le informazioni online non vivono migliori momenti. Il gruppo Vice Media prevede di licenziare 55 dipendenti negli Stati Uniti e 100 all'estero. Al di là della crisi sanitaria, i colossi dei social vengono accusati di essere una "minaccia" per le informazioni online e di prendere "non solo la fetta più grande della torta ma l'intera torta", con la conseguente perdita di decine di migliaia di posti di lavoro nel giornalismo.

Il sito di notizie e intrattenimento Buzzfeed, che ha annunciato tagli salariali del 5-25% a seconda del livello di reddito dalla fine di marzo, terminerà anche la sua copertura giornalistica nel Regno Unito e in Australia, dopo aver già abbandonato il territorio francese. Per alcuni, la crisi è un'opportunità per accelerare la transizione verso un modello di business diverso basato prevalentemente su abbonamenti per l'invio del cartaceo o la lettura on-line. È il caso del sito americano di informazione economica Quartz, il cui titolare ha annunciato il licenziamento di circa il 40% della forza lavoro, principalmente nella rete pubblicitaria.

Anche l'industria audiovisiva ha avviato licenziamenti di fronte ai primi effetti della crisi sanitaria. Nel Regno Unito, la BBC ha annunciato che taglierà 520 posti di lavoro su un totale di 6.000 dipendenti, soprattutto nelle redazioni regionali. I giornalisti tratteranno meno argomenti e lavoreranno in team centralizzati invece di concentrarsi su un particolare programma, ha detto il direttore della BBC. Anche negli Stati Uniti, la NBC Universal ha tagliato i salari più alti del 20%.

Secondo Bloomberg il gigante Viacom CBS, prevede di licenziare il 10% dei suoi 35.000 dipendenti in capo alla produzione televisiva. In Francia, BFMTV / RMC ha annunciato un piano sociale che mira in particolare a dimezzare l'utilizzo di personale a tempo determinato, liberi professionisti e consulenti.

Possiamo aspettarci l'inizio di una rivoluzione nel mondo della comunicazione, incominciata alcuni anni fa e accelerata dalla pandemia da coronavirus, un cambiamento che porterà sempre meno notizie fondate e sempre più fake news. 

Ciclismo, finalmente si riparte! Apre sabato la Strade Bianche, la magica corsa toscana sugli "sterrati". Tanti i big internazionali per il trono di Alaphilippe. Attesa anche per la Women Elite

Sabato 1° agosto si rivede il grande ciclismo: dalla Toscana ecco Strade Bianche 2020, uomini e donne. Appuntamento di prestigio con arrivo in Piazza del Campo a Siena: campioni e squadre alla prova del caldo record. Da Van Der Poel a Sagan a Nibali parte la sfida al campione uscente francese


Siena: tutte le iniziative collaterali alla manifestazione “Strade ...

Maledetta primavera, maledetto Covid. Quasi cinque lunghi mesi di stop forzato per gli appassionati di ciclismo. L'emergenza sanitaria ha fermato anche le emozioni che solo gli appuntamenti classici di questa disciplina sanno dare. Dal primo agosto però si riparte ufficialmente per cento giorni fatti di fatica, sudore e tutto l'amore che muove questo sport unico, dal sapore antico e dal volto moderno. Il primo appuntamento è di quelli belli, suggestivi e prestigiosi: la Strade Bianche 2020, corsa toscana unica nel suo genere.

La partenza della quattordicesima edizione è fissata per le ore 13.45, mentre l'arrivo è previsto alle 18.30, come sempre nella fantastica cornice di Piazza del Campo di Siena. Alla kermesse sono attesi tanti big del panorama internazionale: tra i più noti il campione uscente Julian Alaphilippe, Mathieu Van der Poel, Michal Kwiatkowski, Zdenek Stybar, Philippe Gilbert, Tiesj Benoot, Alejandro Valverde, Peter Sagan e Greg Van Avermaet.

E Julian Alaphilippe, vincitore al suo esordio in gara nella scorsa stagione e primo francese ad aggiudicarsi, ha dichiarato:  "Vincere l'anno scorso è stata una sensazione incredibile, uno dei miei ricordi più belli della stagione. Sono arrivato alla partenza con un'ottima forma, ero molto concentrato e avevo una squadra molto forte sempre attorno a me fino a quando la gara non ha preso vita nell'ultima ora. Adoro i percorsi e l'atmosfera delle Strade Bianche - ha detto il francese della Deceunick - e sarà interessante ricominciare la stagione lì, soprattutto perché arriva dopo una preparazione diversa rispetto a quella dell'anno scorso"

La Strade Bianche 2020 sarà trasmessa in diretta televisiva su Rai Sport + HD e Rai 2 (a partire dalle ore 16.50), ma anche su Eurosport. Per chi non potesse piazzarsi davanti alla tv, la corsa senese sarà visibile anche in streaming su Rai Sport Web, Eurosport Player e DAZN.

Una novità riguarda invece la Strade Bianche femminile (Women Elite): per la prima volta la corsa delle ragazze sarà trasmessa in diretta tv su RaiSport (negli altri anni andava solo in diretta web), mentre Eurosport mostrerà la diretta solo in streaming tramite Eurosport Player e il in tv si vedrà solo in differita nella mattina di lunedì.

 

IL PROGRAMMA

Strade Bianche Women Elite, sesta edizione. 136 km

Partenza ore 12 da Siena, Fortezza Medicea

Arrivo ore 16.50 circa a Siena, Piazza del Campo 

Strade Bianche uomini, quattordicesima edizione. 184 km

Partenza ore 13.45 da Siena, Fortezza Medicea

Arrivo ore 18.30 circa a Siena, Piazza del Campo

 


Ma con il gustoso aperitivo toscano ecco 

IL CALENDARIO COMPLETO DEL 2020

1° agosto Strade Bianche

3 agosto Gran Trittico Lombardo

5 agosto Milano-Torino

5-9 agosto Giro di Polonia

8 agosto Milano-Sanremo

12 agosto Gran Piemonte

12-16 agosto Giro del Delfinato

15 agosto Giro di Lombardia

18 agosto Giro dell’Emilia

20-23 agosto Campionati Nazionali

24-28 agosto Europei Plouay

25 agosto Bretagne Classic/Ouest France

28 agosto Trofeo Matteotti

29 agosto Memorial Marco Pantani

29 agosto-20 settembre Tour de France

30 agosto Brussels Cycling Classic

1-5 settembre Settimana Coppi & Bartali

7-14 settembre Tirreno-Adriatico

11 settembre GP di Quebec

13 settembre GP di Montreal

15-19 settembre Giro del Lussemburgo

16 settembre Giro di Vallonia

16 settembre Giro di Toscana

17 settembre Coppa Sabatini

20 settembre Giro dell’Appennino

20-27 settembre Mondiali ad Aigle-Martigny

22 settembre Trofeo Lombardia

29 settembre-3 ottobre BinckBank Tour

30 settembre Freccia Vallone

3 ottobre Classica di Amburgo (cancellata)

3-25 ottobre Giro d’Italia

4 ottobre Liegi-Bastogne-Liegi

10 ottobre Amstel Gold Race

11 ottobre Gent-Wevelgem

18 ottobre Giro delle Fiandre

20 ottobre-8 novembre Vuelta di Spagna

21 ottobre Brugge-De Panne

25 ottobre Parigi-Roubaix

5-10 novembre Tour of Guangxi

 

Open Arms, Salvini: "Voto politico per processo politico. Ho difeso la patria, ho fatto il mio dovere". E attacca Renzi: "Che triste fine, uno Scilipoti qualunque..." (VIDEO)

"Io stasera torno a casa con un processo ma a testa alta", attacca Matteo Salvini nel corso del suo intervento nell'Aula del Senato prima che venga votata l'autorizzazione a procedere nei suoi confronti per il caso Open Arms. Nel mirino di Salvini finisce soprattutto Matteo Renzi, il leader di Italia Viva che, contraddicendo quanto fatto settimane fa in commissione, aveva da poco annunciato il "sì" al processo. Il leader leghista è durissimo: "Preferisco il silenzio del M5S, in imbarazzo, alle gratuite supercazzole di Renzi e compagnia". Salvini ha notato pure l'abbondante presenza in Aula di senatori a vita: "Mi confermo nell'idea che sia una figura ampiamente superata nelle nostre istituzioni". A margine dell'intervento l'intervista fuori da Palazzo Madama: "Sono orgoglioso di quello che ho fatto" - (VIDEO)


Il Senato vota sull'autorizzazione a procedere nei confronti di ...

"Si è già capito che il voto è politico". Matteo Salvini apre così il suo intervento al Senato nella discussione sul caso Open Arms. "Ringrazio il governo per la sua abbondante presenza. Non era dovuta, ma se la forma è sostanza, ringrazio i banchi vuoti del governo che dimostrano il rispetto per quest'Aula", esordisce il leader della Lega.

"Noto l'abbondante presenza dei senatori a vita e mi riconfermo nell'idea che sia una figura ampiamente superata nelle nostre istituzioni. Noto il fatto che non sia intervenuto nessuno del M5S, evidentemente questo sottolinea l'imbarazzo. Preferisco il bel tacer del M5S alle gratuite supercazzole di Renzi e compagnia. Con tutto il rispetto per Ugo Tognazzi e Amici miei, più seri di qualche senatore presente in quest'aula", afferma ancora Salvini, richiamato dal presidente Casellati per il linguaggio. "Triste fine passare, per quanto riguarda il senatore Renzi, dall'avere De Gasperi come modello a comportarsi come uno Scilipoti qualunque", prosegue.

Salvini cita l'articolo 52 della Costituzione: "La difesa della patria è sacro dovere del cittadino", dice, prima di affermare che "di questa vicenda, mi rammarico perché dovrò spiegare ai miei due figli che papà non va a processo perché è un delinquente ma perché ha fatto il suo dovere di cittadino e di ministro della Repubblica. Delle critiche politiche mi frega zero". "Quello che è successo è agli atti", dice rivolgendosi al "mancato presidente Grasso", ironizzando sulla mancata nomina dell'esponente di Leu alla presidenza della commissione Giustizia. "Questa è una nave pirata", dice ripercorrendo la vicenda. "Se c'è qualcuno che ha commesso un crimine è il comandante di questa nave pirata".

"Io stasera torno a casa a testa alta, con un processo, ma a testa alta. Io vi ringrazio, mi fate un regalo a mandarmi a processo, vado a testa alta e con la schiena dritta", conclude. "Oggi si manda Salvini a processo politico. Domani, siccome la ruota gira e toccherà a qualcuno di voi, la Lega starà dalla parte delle garanzie e della libertà del Parlamento. Non vi manderemo in un'aula di tribunale, saranno i cittadini a giudicarvi".

Sport in Lombardia, dal Grande Trittico di ciclismo agli impianti in sicurezza: la ripartenza spiegata dall'assessore Cambiaghi. Fontana: "Grandi eventi per riscoprire la bellezza del nostro territorio" (VIDEO)

Il "Grande Trittico lombardo" di ciclismo, in programma il 3 agosto, è la prima gara per professionisti che si disputa in Lombardia dopo lo stop causato dall'emergenza Coronavirus. L'evento è stato presentato giovedì dal governatore, Attilio Fontana, e dall'assessore allo Sport e Giovani, Martina Cambiaghi. Quest'ultima è intervenuta nel quotidiano appuntamento video social di Lombardia Notizie, l'agenzia di stampa regionale, che ha dedicato un focus alla ripresa dello sport lombardo - (VIDEO


Ciclismo, Lissone protagonista del Grande Trittico Lombardo con il ...

Fontana e Cambiaghi: grande evento sportivo che ci vede protagonisti

La gara internazionale ciclistica presentata  a Palazzo Lombardia. Agostoni, Bernocchi e Tre Valli Varesine in un unico percorso

Il ‘Grande Trittico lombardo’ di ciclismo è la prima gara per professionisti che si disputa in Lombardia dopo lo stop causato dalla pandemia da Coronavirus. L’evento è stato presentato all’Auditorium Testori dal presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, e dall’assessore allo Sport e Giovani, Martina Cambiaghi.

Intervenuti, tra gli altri, anche i rappresentanti delle società sportive e degli sponsor.

Il ‘Grande Trittico lombardo’ che quest’anno riunirà, in via eccezionale, in un’unica competizione, le tre storiche gare del Trittico Regione Lombardia (Coppa Agostoni, Coppa Bernocchi e Tre Valli Varesine) si svolgerà lunedì 3 agosto.

Segnale per lo sport e il territorio

“Il Gran Trittico Lombardo – ha detto il presidente Fontana – rappresenta, dopo il lockdown, un segnale importante per il ciclismo e una nuova opportunità di crescita per tutto lo sport . È anche motivo di ripresa per il territorio lombardo, e in particolare varesino, che accoglie ogni anno migliaia di turisti, appassionati, atleti e squadre”.

“Il Grande Trittico Lombardo – ha aggiunto – è la prima grande gara mondiale a sancire la ripartenza dello sport delle due ruote”.

“Gli occhi del mondo sportivo – ha concluso Fontana – saranno nuovamente puntati sulla nostra Regione per assistere a un evento eccezionale. Questo sarà l’ennesima dimostrazione di forza e intraprendenza da parte del nostro meraviglioso territorio”.

Ciclismo, salta l'Agostoni: nasce il Grande Trittico Lombardo che ...

Squadre partecipanti

Saranno 21 le squadre al via lunedì 3 agosto con partenza da Legnano, alle ore 12, e arrivo a Varese verso le ore 16,30. I ciclisti toccheranno anche Busto Arsizio, San Giorgio su Legnano, Parabiago e Legnano. Pedaleranno poi verso Lissone dove percorreranno un mini circuito tipico della Coppa Agostoni. Dopo Saronno andranno verso la Valle Olona con la classica salita del ‘Piccolo Stelvio’ di Castiglione Olona. Si dirigeranno quindi a Varese dove percorreranno i quattro giri del circuito Tre Valli Varesine.

Fare squadra

“Il successo di questo evento – ha spiegato l’assessore Martina Cambiaghi – è stato quello di sapere fare squadra, soprattutto in un momento di difficoltà, per andare avanti e raggiungere questo importante obiettivo. Regione Lombardia che fa della concretezza il suo concetto base, crede da sempre nel ‘Trittico’. Che quest’anno diventa il ‘Grande Trittico lombardo’ con un fascino unico davvero da non perdere e da seguire con interesse”.

La gara, che si disputerà nel pieno rispetto delle norme anti Covid, sarà trasmessa in diretta su Rai 2.

(Fonte: Lombardia Notizie)

Scuola, i sindacati frenano ancora la ministra Azzolina: "Non ci sono le condizioni per la didattica in presenza, bisogna essere onesti". Lei insiste: "Si ripartirà regolarmente, adesso basta". E sfida Salvini in tv

A lanciare l'allarme i sindacati della scuola Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda e Snals nel corso di una conferenza stampa via web dal titolo 'La Scuola si fa a Scuola'. A meno di due mesi dalla riapertura secondo i sindacati è necessario l’impegno del governo e del Mi affinché a settembre vi siano le condizioni per una ripresa della "pienezza della relazione educativa che può essere assicurata solo dalla didattica in presenza". La ministra replica: "Da loro mi aspetto collaborazione"


Fino ai 13 anni è inutile qualunque linea guida»: Crisanti ...

In questo momento "le condizioni per cui le scuole riaprano in presenza non ci sono". A sostenerlo è il segretario della Flc Cgil scuola, Francesco Sinopoli, secondo il quale è "inutile continuare a raccontare che le cose vanno bene, bisognerebbe essere onesti". La situazione "è drammatica" e i dirigenti scolastici "sono a caccia di spazi; serve un organico straordinario che al momento non c'è", con il rischio che "si torni alla didattica a distanza".

Sinopoli ha parlato nel corso della conferenza stampa "La scuola si fa a scuola" promossa da Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda della scuola. "La preoccupazione che sta nascendo è che poiché il tempo scuola si ridurrà, si tornerà alla didattica a distanza. Noi sindacati vogliamo che si ritorni a scuola non vogliamo soluzioni diverse. Abbiamo bisogno di un decreto legge sulla scuola. Il governo deve dire con chiarezza che bisogna riaprire la scuola in presenza", ha concluso il sindacalista.

Scuola: Gilda, propaganda dire riaprirà in sicurezza  "Vedo molta propaganda quando si dice che il 14 settembre la scuola riaprira' in sicurezza. Il cruscotto che la ministra aveva promesso nessuno lo ha e si sta scaricando tutto sulle scuole e gli enti locali", ha rincarato Rino di Meglio, coordinatore della Gilda della scuola." Io sono molto preoccupato per l'apertura delle scuole: per stare in sicurezza serve spazio e personale".

"Riceviamo telefonate disperate dalle scuole - ha proseguito - in cui ci viene detto che si stanno tagliando i posti. Si vuole ridurre l'ora di lezione: ma 40 minuti sono troppo pochi e significa mascherare la riduzione delle ore di insegnamento: poché non ci sono spazi e personale, si fa finta di dare le stesse lezioni ma si riducono le ore. Non ci è stato spiegato chi pulisce i banchi, come si fa a evitare gli assembramenti quando arrivano bambini e genitori e tanti altri aspetti. Siamo pronti a collaborare ma è tardi", ha concluso Di Meglio.

La replica della Azzolina "La scuola riaprirà regolarmente il 14 settembre. Mi attaccano ma ora vado in tv e spiego io, adesso basta, ho sbagliato a non farlo prima. Dai sindacati mi aspetto collaborazione". Lo ha detto Lucia Azzolina, rispondendo alla Cgil secondo cui "le condizioni per la didattica in presenza non ci sono". Il ministro dell'Istruzione ha poi aggiunto: "Sono pronta ad un confronto televisivo con Salvini".

 

Calcio, la Lega di Serie A vuole riportare i tifosi negli stadi: quasi pronto il protocollo. Intanto niente stop alle partite su Sky

I club della Serie A, riuniti in Assemblea, hanno ribadito "la necessità di favorire al più presto, nel pieno rispetto delle condizioni di sicurezza, la riapertura parziale degli stadi al pubblico". Lo si legge in una nota della Lega di A. "A tal proposito è in fase di finalizzazione un articolato protocollo che sarà inviato nelle prossime ore al Presidente della Figc Gabriele Gravina affinché possa utilizzarlo nelle interlocuzioni con le istituzioni governative competenti - prosegue il comunicato - La Lega Serie A, già nelle ultime gare di questa stagione, auspica che venga consentita a ciascuna Società, secondo le specificità di ogni realtà e impianto, la possibilità di riaprire i propri stadi ad un numero limitato di tifosi"


Intanto scongiurato l'oscuramento di Sky

eSerieA, in arrivo il campionato italiano di calcio virtuale ...

La Lega Serie A ha dato mandato al prof. Vaccarella di reiterare a Sky l'intimazione al pagamento della rata scaduta a maggio in considerazione del decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale di Milano. Lo hanno deciso in assemblea all'unanimità i venti club che comunque, come spiega una nota della Lega, "a tutela e nel pieno rispetto dei propri tifosi, degli sponsor e di tutti gli stakeholders, hanno deciso di non sospendere l'esecuzione del contratto di licenza dei diritti audiovisivi nonostante il mancato versamento, da parte di Sky, dell'ultima rata del corrispettivo dovuto". Quindi non verrà oscurato il segnale delle partite. 

Mihajlovic show a fine partita: "Quel piccolino, marito della Parodi...". L'ira su Caressa e Sky che avevano snobbato il suo Bologna vittorioso sull'Inter (VIDEO)

Al termine della gara persa 1-2 contro il Sassuolo, l’allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic non ha voluto rispondere alle domande dei giornalisti di Sky Calcio Show L'Originale. Dopo aver ammesso i meriti dell'avversario, ha criticato la puntata di Sky Calcio Club dello scorso turno, dove, a detta del tecnico rossoblù, non è stata data sufficiente rilevanza alla prestazione della sua squadra dopo la vittoria sull'Inter. Il serbo non ha risparmiato espressioni colorite all'indirizzo di Fabio Caressa - (VIDEO)


Mihajlovic una furia: "Quel piccolino marito della Parodi ...

"Non voglio nessun tipo di domanda, rispondo a tutto io e poi me ne vado". Sfogo tv dopo partita del mister del Bologna Sinisa Mihajlovic, ed è subito cult. A finire nel mirino dell'allenatore - uscito sconfitto dopo il match contro il Sassuolo - è in particolare il giornalista sportivo Fabio Caressa, definito "quello piccolino", "marito di Benedetta Parodi", conduttore di "quella trasmissione là in cui si tolgono le giacche" e 'reo', secondo Mihajlovic, di non aver esaltato abbastanza vittoria del suo Bologna con l'Inter la scorsa domenica.

"Abbiamo perso meritatamente, loro hanno giocato meglio di noi, sono più forti di noi, hanno corso meglio di noi. Forse ha influito un giorno in più, non lo so ma non voglio cercare scuse. Sono stato espulso, giustamente, perché ho mandato l'arbitro a quel paese - commenta ai microfoni di Sky i mister dopo la partita persa ieri sera contro il Sassuolo - perché mi sono rotto le palle che sia la squadra più ammonita al mondo. Sembra ci siano 11 killer in campo, invece sono tutti ragazzini del 2000, tutti ragazzi giovani. Evidentemente è più facile ammonire un ragazzino che un giocatore affermato, per questo mi sono arrabbiato".
Poi l'attacco a Caressa e alla trasmissione 'Il Club': "Volevo dire che domenica abbiamo vinto con l'Inter, con un uomo in meno abbiamo recuperato e abbiamo vinto. Abbiamo visto quella trasmissione là, quella in cui si tolgono le giacche, con l'uomo piccolino che conduce, il marito di Benedetta Parodi, e c'erano dentro Bergomi e tutti....ho sentito mezz'ora di quella trasmissione, non si è mai detta una parola sul Bologna: è una vergogna, sembrava Inter Channel. Una vergogna - ripete Sinisa -, si è parlato mezz'ora dell'Inter e nessuno si è permesso di fare i complimenti al Bologna per la vittoria e per quello che ha fatto. Questo non è giornalismo". E al tentativo di replicare del conduttore Sky impegnato nel collegamento, la replica di Mihajlovic è netta: "Ho finito, non voglio più parlare, ho detto quello che dovevo dire e non mi interessa altro".

Milan, Boban: "Quell'inno è una caduta di stile". Emis Killa lo insulta: "Faccia di m...a". Lite social rossonera ad alta gradazione alcolica (VIDEO)

"Cosa rispondi al Sig. Zvonimir Boban che definì la tua canzone Rossoneri una caduta di stile per il Milan?", gli ha chiesto un fan su Twitter con riferimento all'inno per il club scritto insieme a Saturnino, storico bassista di Jovanotti. La risposta del rapper di Vimercate non è stata delle più carine sul conto dell'ex campione croato ora dirigente. Il giorno dopo una spiegazione senza ripensamenti: "Ero ubriaco, ma confermo tutto"


Il Milan ha un nuovo inno #Rossoneri scritto da Emis Killa e Saturnino

"Sì, 1899, è la data che tengo a memoria/ A.C. Milan uguale vittoria/ in Europa si è fatta la storia". Emis Killa è l'autore dell'inno del Milan che risuona a San Siro prima delle partite casalinghe. Un inno che non piace a tutti, neanche all'ex 10 rossonero ed ex dirigente Zvonimir Boban, che lo ritiene una caduta di stile. E a questo ha risposto, su Twitter, il rapper italiano.

Tornato a casa ubriaco, come ha scritto lui stesso, Emis Killa, nella notte, ha risposto ai suoi fan, uno dei quali gli ha chiesto di commentare il pensiero del dirigente croato: "Una caduta di stile per il Milan? Faccia di m...a". Se ha ritrattato il giorno dopo, Emis Killa? No, ha solamente precisato il suo pensiero: "Per essere chiari, io il fascino dei calciatori non l’ho mai subito. Che tu sia pinco pallino o Cristiano Ronaldo, se mi rompi il c... gratuitamente sei nulla. Figuriamoci di voi invasati sui social. Buone cose a voi!".  

Stamattina la "precisazione del giorno dopo" da parte dell'artista: "Ieri sera ero ciucco, quando bevo esagero sempre - ha twittato -. Ciò nonostante riconfermo ogni cosa che ho scritto, buongiorno!". Per poi continuare: "Comunque, qualcosa mi dice che molti cialtroni perderanno un paio di giorni a discutere di sta min.....a, quindi vado in piscina e lascio che si spengano da soli. A presto!".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS