Log in
updated 7:57 AM UTC, Aug 3, 2020

Covid, confermata la quarantena per chi viene da Romania e Bulgaria. Riviste le disposizioni per l'Algeria. Intanto impennata di contagi negli Stati Uniti

"Ho firmato l’ordinanza che conferma la misura della quarantena di 14 giorni per chi è stato in Romania e Bulgaria, come già previsto per tutti i Paesi extra Ue ed extra Schengen". Lo comunica il ministro della Salute, Roberto Speranza, su Facebook. Nella stessa ordinanza "si elimina l’Algeria dalla lista dei Paesi extra Ue che, seppur con disposizione di quarantena, hanno la possibilità di accesso in Italia senza comprovati motivi di urgenza", conclude.


USA - Negli Stati Uniti si sono registrati quasi 1379 decessi per il Covid nelle ultime 24 ore, secondo il bilancio della John Hopkins University. E' il terzo giorno consecutivo che il numero dei morti nel Paese supera la soglia dei 1200. E non si ferma la corsa dei contagi, con altri 72.238 nuovi casi registrati. Sono quindi quasi 4,5 milioni gli americani che si sono ammalati, con circa 1,4 milioni di guariti. Mentre le vittime dell'epidemia sono oltre 151mila.

Il fronte della diffusione del coronavirus si potrebbe allargare ad altri stati americani. E' l'allarme lanciato da Anthony Fauci che, in un'intervista a Abc News, ha esortato i governatori di Ohio, Tennessee, Kentucky e Indiana di adottare misure per controllare il virus.

Il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases infatti ha sottolineato come, dopo "l'allarmante" impennata di casi di Covid in Florida, Texas, California ed Arizona, ora gli esperti si stanno concentrando su "un gruppo di altri stati" dove si sta registrando un, ancora contenuto, aumento della percentuale dei positivi. Questo, ha continuato il virologo, "è un segnale certo che ci si potrebbe trovare negli stessi problemi in cui si sono trovati gli stati del Sud" che ora sono l'epicentro dell'epidemia. Fauci ha spiegato che, insieme a Deborah Birx, la coordinatrice della task force della Casa Bianca, ha avuto nei giorni scorsi dei colloqui con i governatori di questi stati per esortarli a rafforzare le misure di prevenzione.


BOLSONARO - Jair Bolsonaro, da poco guarito dal Covid, afferma di sentirsi debole, di prendere ancora gli antibiotici, ma sostiene di avere "muffa nei polmoni" a causa dei 20 giorni di isolamento a cui si è dovuto sottoporre durante la malattia. "Ho appena fatto le analisi del sangue, ero un debole ieri, hanno anche trovato una piccola infezione - ha detto il presidente brasiliano in un video su Facebook - ora sto prendendo gli antibiotici, devono essere stati i 20 giorni trascorsi a casa, dove ci prendiamo altre cose. Ho preso la muffa, la muffa nei miei polmoni. Deve essere stato questo".
Bolsonaro ha dichiarato di essere risultato negativo al test lo scorso 25 luglio, ma ieri il suo ufficio stampa ha detto che la moglie Michelle ora risulta positiva. L'ultima volta che la first lady è stata vista in pubblico è stato mercoledì durante una cerimonia con il marito a Brasilia.
  • Pubblicato in Esteri

E' Luca Zaia il governatore più amato d'Italia, Zingaretti il peggiore. Il barese Decaro guida la classifica dei sindaci. Ma c'è una tendenza politica chiara

Il governatore del Veneto Luca Zaia e il sindaco di Bari (e presidente dell'Anci) Antonio Decaro sono gli amministratori locali più popolari in Italia. Entrambi, anche sotto la spinta dell'emergenza Covid-19, ottengono un consenso quasi plebiscitario: se si votasse in questo momento otterrebbero il 70% delle preferenze. I quattro presidenti di Regione più popolari sono del centrodestra (secondo Fedriga del Friuli Venezia Giulia). Lo rivela il Governance Poll 2020, un'indagine sul livello di gradimento dei presidenti delle 18 Regioni a elezione diretta e dei sindaci di 105 città capoluogo di provincia realizzata per Il Sole 24 Ore del Lunedì da Noto Sondaggi


Massimiliano Fedriga - Informazioni | Facebook

Luca Zaia, tra i governatori, e Antonio Decaro, tra i sindaci, sono gli amministratori locali più popolari, secondo quanto emerge dai risultati del 'Governance poll 2020', pubblicati oggi sul 'Sole 24 Ore', un’indagine sul livello di gradimento dei presidenti delle 18 Regioni a elezione diretta e dei sindaci di 105 città capoluogo di provincia realizzata per 'Il Sole 24 Ore del Lunedì' da Noto Sondaggi.

quattro presidenti di Regione più popolari sono del centrodestra con al primo posto Zaia, seguito da quelli del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, dell'Umbria Donatella Tesei e della Calabria Jole Santelli. Al quinto posto, primo presidente di centrosinistra, c'è il governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini, il cui gradimento risulta in aumento. A seguire i presidenti del centrodestra di Abruzzo Marco Marsilio, al sesto posto, seguito da quello del Piemonte Alberto Cirio, da Giovanni Toti (Liguria) che ottiene lo stesso gradimento di Christian Solinas (Sardegna). E ancora il governatore di centrosinistra della Toscana, Enrico Rossi, della Campania Vincenzo De Luca. Al 12esimo posto, Sebastiano Musumeci presidente della Sicilia, seguito dal governatore della Lombardia Attilio Fontana, del Molise Donato Toma e della Basilicata Vito Bardi, tutti e quattro di centrodestra.

Alla fine della classifica, tre presidenti di centrosinistra: il governatore delle Marche Luca Ceriscioli e il presidente della Puglia Michele Emiliano che ottengono lo stesso indice di gradimento mentre in fondo alla classifica c'è il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. "L'onda di piena della pandemia investe anche la politica locale", osserva 'Il Sole 24 Ore' commentando i dati parlando di "un doppio dualismo che nella Lega esalta il presidente veneto Zaia e schiaccia il lombardo Fontana, e nel Pd innalza l’emiliano-romagnolo Bonaccini e fa sprofondare il laziale Nicola Zingaretti. Che, però, è il segretario Dem".

DECARO SUL PODIO DEI SINDACI - La classifica sul livello di gradimento dei sindaci incorona Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci, con un ampio 69,4%, affiancato sul podio dal messinese Cateno De Luca e da Giorgio Gori, sindaco della Bergamo martoriata dall’epidemia, ex aequo con Marco Bucci sindaco di Genova.

Al contrario agli ultimi posti della classifica ci sono Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, e Virginia Raggi, prima cittadina di Roma, appaiati con un solo decimale di scarto (38,1% contro 38,2%). A far loro compagnia a fondo classifica ci sono Salvo Pogliese a Catania, Giuseppe Falcomatà a Reggio Calabria, Rinaldo Melucci a Taranto e Luigi De Magistris a Napoli. La classifica va male anche per Chiara Appendino, che dopo i primi mesi a Palazzo di Città alla guida di Torino vinceva di slancio la corsa del Governance Poll, mentre ora sprofonda alla casella numero 97: un po’ meglio della collega del Campidoglio e un poco peggio rispetto al Nisseno Roberto Gambino, che al 91esimo posto chiude la non esaltante terna a Cinque Stelle alla guida dei capoluoghi di Provincia.

Donald Trump critica il "nuovo fascismo" dell'estrema sinistra

Il presidente degli Stati Uniti approfitta delle festività nazionali, per mettere in guardia contro la "rivoluzione culturale", una strana corrente di pensiero che aumenta solo il divario politico a livello mondiale


Il "Washington Post" lo ha definito "desolante", il "New York Times", di "divisione". Come previsto, il discorso di Donald Trump alla vigilia del 4 luglio davanti al Monte Rushmore, nel South Dakota, non ha lasciato nessuno indifferente. Radicale e incendiario, ha sfruttato al massimo la divisione che esiste negli Stati Uniti a causa dell'ondata di tensione razziale e della distruzione dei monumenti che rappresentano un passato non sempre limpido, del paese. Di fronte a un gruppo di circa 7.500 seguaci, senza alcuna distanza sociale e senza l'uso delle mascherine, nonostante l'ascesa della pandemia negli Stati Uniti, Trump ha focalizzato il suo discorso sulla presenza di una "sinistra estrema" che sta stabilendo un "nuovo fascismo" per porre fine ai valori americani. Il presidente ha promesso di difendere fino in fondo le sue libertà e quelle del popolo americano, incluso il monumento con i volti scolpiti dei quattro presidenti nelle Black Hills. "Questo monumento non sarà mai profanato". "Nelle nostre scuole, nelle nostre redazioni, persino nei nostri consigli di amministrazione, c'è un nuovo fascismo di estrema sinistra che richiede lealtà assoluta", parole pronunciate in modo freddo come a voler sfidare direttamente i politici accusati di esasperare questo violento pensiero, sullo sfondo un mare di bandiere americane sventolanti. "Se non parli la loro lingua, non pratichi i loro rituali, reciti i loro mantra e segui i loro comandamenti, verrai censurato, inserito nella lista nera, perseguitato e punito."

Per Trump, la nazione "sta assistendo a una campagna spietata per cancellare la nostra storia, diffamare i nostri eroi, rimuovere i nostri valori e indottrinare i nostri figli". Il presidente sostiene che i bambini americani vengono indottrinati nelle scuole ad un nuovo pensiero. "Viene loro insegnato a odiare il proprio paese ... e che i nostri eroi non sono eroi, ma cattivi". Tutto a causa di "flashmob infuriati che stanno cercando di demolire le statue dei nostri fondatori, cancellare i volti dei nostri monumenti più sacri e scatenare un'ondata di crimini violenti nelle nostre città". Nel suo discorso ha poi dedicato alcuni passaggi alla pandemia da covid-19, che sta colpendo il paese con intensità e facendo collassare gli ospedali.

Assillato da numeri catastrofici, con oltre 50.000 casi registrati per il terzo giorno consecutivo , Trump sembra aver trovato una nuova vena da sfruttare a livello elettorale, alimentando una divisione politico culturale che gli ha dato buoni risultati nel 2016. Venerdì, nel South Dakota, è diventato di nuovo un difensore di una storia piena di episodi razzisti e discutibili. Per dovizia di informazione, va detto che il monumento con le effigi di George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln, è stato scolpito da Gutzon Borglum, un uomo che pare avesse legami con il Ku Klux Klan, a questo va aggiunto che Washington e Jefferson erano schiavisti. "A questi eroi non verranno mai cancellati i volti, la loro eredità non sarà mai distrutta e i loro successi non saranno mai dimenticati", ha detto Trump.

Tutto questo nel mezzo di una situazione allarmante in molte parti del paese, a causa dell'aumento delle infezioni da Covid-19. La Florida, epicentro della pandemia negli Stati Uniti, ha battuto il record di casi positivi contandone 11.445 in un solo giorno. Tuttavia, alcune delle spiagge dello stato settentrionale sono rimaste aperte e piene di famiglie che si sono godute il 4 luglio.

In Texas, dove i casi sono saliti alle stelle, almeno due pazienti hanno dovuto essere trasferiti in altre regioni a causa della mancanza di letti d'ospedale. In un solo stato, il Vermont, c'è stato un calo dei casi.

Russia, Putin stravince il referendum costituzionale: ora potrà rimanere in carica fino al 2036. Stretta su famiglia e religione: il matrimonio sarà definito come "un'unione tra un uomo e una donna"

Con la nuova Costituzione il presidente, alla guida del Paese negli ultimi 20 anni, potrà rimanere al potere fino al 2036. Gli emendamenti approvati aumentano i poteri del capo dello Stato, che potrà anche imporre il proprio candidato premier senza sciogliere la Duma, e rafforzano i principi conservatori, specie su matrimoni e religione. Si afferma che la Federazione è erede dell'Unione sovietica. Proteste delle opposizioni che parlano di "brogli". Gli Usa "preoccupati"


Russia, referendum sulla Costituzione: ora Putin è "per sempre ...

Dopo aver contato il 100% dei voti espressi nella votazione nazionale sugli emendamenti alla Costituzione russa, la Commissione Elettorale Centrale ha annunciato che il 77,92% dei cittadini ha sostenuto gli emendamenti e il 21,27% ha votato contro

L'affluenza totale al plebiscito sulla riforma costituzionale iniziato il 25 giugno e conclusosi ieri in Russia è stata del 67,97%: lo ha annunciato la Commissione elettorale centrale. La riforma, tra le altre cose, dà a Vladimir Putin la possibilità di aggirare il limite di due mandati consecutivi da capo dello Stato e candidarsi alle presidenziali del 2024 e del 2030.

Il Cremlino ha definito il plebiscito sulla riforma costituzionale russa "un trionfo" del presidente Vladimir Putin e della fiducia dei russi nel loro leader. "Sicuramente lo consideriamo un trionfo. In realtà, de facto ha avuto luogo un referendum trionfale sulla fiducia nel presidente Putin", ha detto ai giornalisti il portavoce di Putin, Dmitry Peskov. Vladimir Putin ha ringraziato i cittadini russi per il voto sulla riforma costituzionale. La riforma, tra le altre cose, dà a Putin la possibilità di aggirare il limite di due mandati consecutivi da capo dello Stato e candidarsi alle presidenziali del 2024 e del 2030 e quindi, potenzialmente, di rimanere al Cremlino fino al 2036. "Prima che cominciamo a lavorare vorrei rivolgermi ai cittadini russi con parole di ringraziamento. Voglio dire grazie molte per il vostro sostegno e la vostra fiducia", ha detto il presidente russo a una seduta del Comitato Pobeda, un organo consultivo presso la presidenza sull'educazione patriottica. Lo riporta l'agenzia Ria Novosti.

Gli Usa sono "preoccupati" per le modalita' di svolgimento del referendum costituzionale in Russia, che consente a Vladimir Putin di restare in carica sino al 2036. "Siamo preoccupati per le informazioni sugli sforzi del governo russo per manipolare i risultati dei recenti voti sugli emendamenti costituzionali, comprese le informazioni su una coercizione degli elettori, sulle pressioni verso gli oppositori agli emendamenti e sulle restrizioni imposte agli osservatori indipendenti", afferma il dipartimento di stato.

"Abbiamo preso atto dell'annuncio della Commissione elettorale centrale della Federazione russa in merito ai risultati del voto nazionale sugli emendamenti alla Costituzione russa. Ci rammarichiamo che, nel periodo precedente al voto nazionale, non sia stata consentita la campagna a favore e contro, negando così agli elettori l'accesso a informazioni equilibrate". Lo ha affermato Peter Stano, portavoce dell'Alto rappresentante Ue Josep Borrell. "Ci aspettiamo che tutte le segnalazioni e le accuse di irregolarità, tra cui la coercizione degli elettori, il doppio voto, la violazione della segretezza del voto e le accuse di violenza della polizia contro un giornalista siano debitamente indagate", ha aggiunto.


SCHEDA - Cosa prevede la riforma costituzionale di Putin

Russia, via al referendum che permetterà a Putin di restare al ...

Putin resta al Cremlino, principi conservatori e presidente forte

La riforma della Costituzione potrà permettere a Putin di aggirare il limite di due mandati presidenziali consecutivi e di rimanere quindi potenzialmente al Cremlino fino al 2036 allontanando lo spettro di una lotta per la successione. Questa è probabilmente la principale novità della riforma, ma anche quella meno pubblicizzata in Russia e quasi ignorata dalla tv di Stato. Gli emendamenti alla Costituzione però sono tanti e di diversa natura. Alcuni ridisegnano in parte le competenze dei vari organi statali aumentando di fatto i poteri del capo dello Stato. Altri danno valore costituzionale al patriottismo e ai principi conservatori promossi da Putin in questi 20 anni ai vertici della Federazione.

Nella "nuova Costituzione", ad esempio, il matrimonio sarà definito come "un'unione tra un uomo e una donna" rinvigorendo il divieto dei matrimoni gay in un Paese in cui i diritti delle minoranze sessuali sono regolarmente calpestati. Nella legge fondamentale dello Stato inoltre si inserisce un accenno alla "fede in Dio", si vieta di sminuire il contributo sovietico nella lotta al nazismo e di cedere ad altri Paesi parti del territorio russo: un modo quest'ultimo per ribadire che Mosca non intende restituire all'Ucraina la Crimea, annessa di fatto dalla Russia nel 2014.

Infine, si afferma che la Russia è l'erede dell'Urss e si legittimano così le mire del Cremlino sullo scacchiere internazionale. C'è poi una terza categoria di emendamenti che riguardano il benessere socio-economico e che servono ad attirare voti: introducono nella Costituzione l'indicizzazione delle pensioni e vietano che gli stipendi siano inferiori al minimo di sussistenza, per ora fissato a 135 euro al mese.

Vediamo ora come cambia l'assetto istituzionale. Il capo dello Stato potrà adesso imporre il proprio candidato premier anche senza sciogliere la Duma nel caso in cui questa respinga tre volte la persona scelta dal presidente per guidare l'esecutivo. Il presidente potrà inoltre destituire i giudici della Corte costituzionale e della Corte suprema e "dirigere il lavoro generale del governo", che così viene di fatto subordinato al Cremlino, a cui in futuro i ministri risponderanno direttamente. Gli ex presidenti diverranno poi senatori a vita ottenendo così l'immunità parlamentare. Si rafforza anche il Consiglio di Stato, che finora ha solo avuto funzione consultiva e ora diventa invece un organo di rilevanza costituzionale col potere di indicare "la direzione della politica interna e di quella estera e le priorità socio-economiche" del Paese. Per questa ragione, non è da escludere che Putin possa un giorno presiedere questo istituto. La Russia di Putin si dota inoltre di una sorta di filtro per eliminare le sentenze dei tribunali internazionali che non le vanno a genio: un emendamento prevede infatti che il diritto internazionale non si applichi nel caso in cui la Corte Costituzionale lo reputi in contrasto con la legge russa.

 

(Fonte: Ansa)

  • Pubblicato in Esteri

L'autonomista che non ti aspetti. Il "rosso" Bonaccini avverte il governo: "O dà due miliardi alle Regioni o interrompiamo le relazioni istituzionali". E intanto studia da leader...

Brusco ultimatum a Conte da Stefano Bonaccini, presidente dell'Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, in una videoconferenza sull'assestamento al bilancio 2020 della Giunta emiliana. Il governatore è accreditato da più parti come uno di quelli maggiormente accreditati alla guida del Pd e forse a qualcosa di più a livello nazionale. Lui non si nasconde, anzi, si fa sentire e incalza la sua parte politica


"Col Governo bisogna che arriviamo un accordo, o stanzia altri 2 miliardi di euro per le Regioni a statuto ordinario o interrompiamo le relazioni istituzionali". Così Stefano Bonaccini, presidente dell'Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, in una videoconferenza sull'assestamento al bilancio 2020 della Giunta emiliana.

Sulla scuola "le Regioni pretendono di trovare un accordo insieme ai Comuni e alle Province. Stiamo lavorando per questo, abbiamo lavorato intensamente tutta la notte. Vediamo", spiega. "Mi auguro si possa trovare" un accordo, aggiunge, "altrimenti noi non potremmo dare l'intesa, ovviamente".

"Quelle linee guida che erano state presentate" sulla scuola "per noi non erano ricevibili. Abbiamo fatto delle controproposte che mi auguro il Ministero possa recepire e ho trovato grande disponibilità del ministro Azzolina", aggiunge Bonaccini.

AMBIZIONI DA LEADER - Come fa notare Affari italiani: Si tratta di un ulteriore segnale delle ambizioni da leader di Bonaccini. "Per battere la destra bisogna vincere le elezioni. Per vincere le elezioni bisogna avere un progetto e una visione di futuro, attraverso i quali aggregare un campo di forze politiche e civiche. Punto", aveva scritto su Facebook. Bonaccini non ha ancora sciolto le riserve su una sua discesa in campo. E mentre non nega di pensare alla leadership del Partito democratico su Twitter manda un chiaro messaggio alla sua forza politica in vista del voto di settembre. Proprio lui che a gennaio aveva interrotto la striscia negativa per il centrosinistra assicurandosi un secondo mandato in Emilia Romagna, una delle regioni più colpite dal Coronavirus. Una gestione della pandemia che l’ha fatto schizzare in cima alle preferenze dei governatori, secondo gli ultimi sondaggi.

Insulti e minacce, Fontana sotto scorta: "Clima incandescente". Ecco perché l'aggressione al governatore è una vergogna

La Prefettura di Varese ha messo sotto scorta il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, dopo che contro di lui è stato creato un clima d'odio e di tensione. Nei giorni scorsi Fontana è stato preso di mira anche con delle scritte sui muri di Milano, una in particolare firmata dai Carc, i "Comitati di appoggio alla resistenza per il comunismo". La campagna di cieco risentimento montata contro la Regione Lombardia e il suo presidente ha prodotto una situazione di grande tensione che questo territorio generoso e laborioso non meritava. E non meritava un simile trattamento nemmeno lo stesso Fontana che, lungi dall'essere immune da possibili errori, è riconosciuto da tutti gli addetti ai lavori e da milioni di cittadini lombardi come una persona per bene, corretta e disponibile. Per molti è anche un bravo amministratore, ma questa è un'altra materia - (LEGGI IL COMMENTO)


Le convinzioni politiche c'entrano poco e poco rilevano anche le valutazioni sulla gestione dell'emergenza Covid. Qui si tratta di altro. Chi ha avuto modo di conoscere il presidente Fontana, chi si è trovato a lavorare nel contesto della Regione Lombardia, sa bene di cosa parliamo. Agli altri proviamo a spiegarlo.

Attilio Fontana è certo un uomo di parte, leghista da sempre, alla guida di una giunta di centrodestra, che porta avanti le proprie posizioni politiche. Può piacere o meno quello che pensa, dice e fa insieme alla sua compagine amministrativa. Ciò che è evidente, e riconosciuto anche dai suoi avversari, è il valore umano e morale che il governatore ha sempre dimostrato. Persona seria, gentile nei modi e corretto nell'agire. Con tutti: collaboratori, oppositori, gente comune e pure con i giornalisti, che parlino bene o male di lui. Lo diciamo per testimonianza diretta: mai ci è capitato di sentire da lui una risposta risentita, un'imposizione arrogante, un atteggiamento sgradevole. Insomma, a nessun cronista, nemmeno il più fastidioso e pungente, il governatore lombardo ha mai replicato: "Quando diventerà presidente, le scelte le farà Lei". Questi toni li abbiamo registrati, al contrario, dall'intoccabile premier Conte, senza che nessuno abbia trovato disdicevole la cosa, tanto meno l'Ordine dei giornalisti. Ma qui si aprirebbe un'altra storia.

Noi siamo convinti che la gestione dell'emergenza sanitaria, che ha investito la Lombardia in modo devastante, sia stata complicata, non priva di pecche e di scelte su cui sarà giusto fare luce, ma sostanzialmente adeguata. Abbiamo argomentato questa tesi approfondendo il tema in molti articoli e non è ora il caso di tornarci. Il rispetto per quanti sono morti, per quanti hanno sofferto per la maledizione del Covid-19, ci impone di seguire con attenzione tutte le eventuali responsabilità in possibili mancanze, a tutti i livelli. Che si tratti della Regione, dell'incriticabile governo Pd-5s, di politici, di amministratori, dirigenti o quant'altri. Ma "Fontana assassino" da parte di chi si dichiara erede di un'ideologia, quella sì responsabile di genocidi, soprusi e orribili violenze, è inaccettabile. Lo è e lo deve essere per tutti. Poco ci interessa di come si muoverà l'autorità giudiziaria nei confronti di questi esagitati, "comunisti" fuori tempo massimo, anzi speriamo che non passino altri guai, oltre a dover convivere con la propria infelicità storica. A questi e ai tanti haters che hanno dato il peggio di loro stessi in questi mesi, però, non perdoniamo che al presidente della Lombardia debba essere attribuita una scorta. Passi per il fatto che sarà meno agevole avvicinarlo con un microfono, ma che i cittadini lombardi, che sono brava gente, debbano ora fare fatica per scambiare due parole e un sorriso col sciur Attilio, sempre umile e disponibile, - beh - questo ci fa proprio "girà i ball".

Fabio Pasini

Minacce a Fontana, un dossier in Procura. Intanto l'antiterrorismo indaga sulla scritta dei Carc. Possibile la scorta, ma il presidente non la vuole

Sono decine le minacce che, negli ultimi giorni, sta ricevendo il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana relative alla gestione dell'emergenza sanitaria dettata dal coronavirus. Per la scritta "Fontana assassino" apparsa a Milano, in via Crescenzago, firmata dai Carc (Comitati di appoggio alla Resistenza per il Comunismo) il pm Alberto Nobili, che coordina il pool antiterrorismo, indaga per minacce aggravate e diffamazione. La parola "assassino" non è proprio una minaccia, ma viene ritenuto che la scritta a caratteri cubitali e il suo contenuto abbiano una portata intimidatoria. Fontana, tramite il suo legale Jacopo Pensa, sta raccogliendo tutti gli "avvertimenti" ricevuti soprattutto da singoli sui social, con nomi veri o fasulli, poi valuterà il da farsi. Con ogni probabilità il dossier della difesa confluirà nel fascicolo già aperto in Procura. In caso di allarmi di particolare entità, il pm potrebbe anche avvertire la Prefettura per un'eventuale scorta che, al momento, il presidente non ha intenzione di chiedere.

Minacce di morte a Fontana: chiesta la scorta, la Procura indaga

Renzi scatenato sul Mes: "Lega e grillini vi prendono in giro. Non possiamo rinunciare a 37 miliardi. Ecco perché conviene senza condizioni" (VIDEO)

Il leader di Italia Viva in diretta Facebook: "L'Ue ha eliminato il patto di stabilità e crescita, sta rispondendo bene, si può fare di più? Certo, anche io sogno gli eurobond ma dico che arriveremo alla proposta di mediazione che ha fatto la Francia e cioè il fondo per la ripartenza. Ma questa barzelletta del Mes deve finire, il Mes senza condizionalità significa che ci danno 37mld di euro a condizioni migliori di qualsiasi altro prestito e questi soldi vanno ai cittadini, quindi quando grillini e leghisti fanno tutta la polemica sul Mes vi stanno prendendo in giro perché il Salva Stati senza condizionalità è una cosa che aiuta l'Italia che noi useremo perché con il -9% secondo l'Fmi è evidente che nessuno si può permettere il lusso per ragioni ideologiche di buttare 37 miliardi di euro" - (VIDEO)


"Questa barzelletta del Mes deve finire, sono 37 miliardi di euro a condizioni migliori di qualsiasi altro prestito e vanno ai cittadini italiani. Quando grillini e leghisti fanno polemiche su Mes vi stanno prendendo in giro. Nessuno si può permettere di buttare 37 miliardi di euro in questo momento". Lo ha detto Matteo Renzi in una diretta Facebook.  

Continua il leader di Italia Viva: "Bisogna riaprire in sicurezza, sanificare, dare le mascherine, molte aziende si stanno attrezzando con i kit per i test sierologici ai dipendenti. Quelli che vogliono vivere di reddito di cittadinanza e di sussidi ci portano a sbattere". E ancora: "La ripartenza dell'Italia è permessa, garantita dall'Europa. Senza la Bce saremmo già falliti. Ditelo ai sovranisti alle vongole, Salvini e Meloni, che seguono i deliri ungheresi di Orban. Non c'è ombra di dubbio: la Bce ha salvato l'Italia dal fallimento".

"Anche io - spiega Renzi - sogno gli eurobond, ma arriveremo alla proposta di mediazione della Francia sul recovery fund, la proposta italiana del prossimo Consiglio europeo che è quella del nostro gruppo parlamentare europeo ed è ispirata da Macron".

Poi, sulla ripartenza, l'elogio a Colao: "Una figura come quella di Vittorio Colao, incaricato di guidare il gruppo sulla ripartenza, ci fa lasciare tutti con un senso di speranza e positività". (Fonti: Ansa e Adnkronos)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS