updated 3:05 PM UTC, Jan 23, 2021

La Regione Lombardia passa in Zona Arancione (VIDEO)

La regione Lombardia ha sempre mandato dati, puntuali, precisi e perfetti. Così il Governatore Attilio Fontana in un punto stampa tenutosi alle 21.00 di Venerdì


Da Roma le notizie che portano la Lombardia in Zona Arancione, questo grazie a dei veri dati ormai positivi da giorni, secondo il Governatore della Lombardia Attilio Fontana non vi erano e non vi sono motivi per mantenere la regione in zona rossa. Inoltre il Governatore contesta in modo molto sentito le false notizie che stanno circolando in queste ore, secondo le quali vi sarebbero state delle irregolarità nella trasmissione a Roma dei dati inerenti la circolazione del Virus. " I dati sono sempre stati mandati in maniera puntuale, trasparente e precisa". Così Fontana al termine del punto stampa di poco fa. 

Seguite le sue parole (VIDEO)

Affitti e pandemia, cosa posso fare se non riesco a pagare? Risponde l'avvocato (VIDEO)

Un tema di scottante attualità quello della difficoltà di adempiere agli obblighi contrattuali nei rapporti di locazione. Che diritti ha chi non riesce temporaneamente a pagare l'affitto. E a cosa è tenuto il proprietario? Lo abbiamo chiesto all'avvocato Carlo Bortolotti, civilista di Milano, esperto della materia - (VIDEO)


Ristoranti in crisi: i consumi fuori casa sono in picchiata
 
STUDIO LEGALE BORTOLOTTI
C.so Buenos Aires, 45 - 20124 MILANO
tel. 02.39562104 - fax 02.45485345
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

"Il presidente eletto, Bin Laiden", la gaffe del giornalista Rai è un capolavoro linguistico (VIDEO)

Forse si è trattato di una forma di vendetta per tutte le volte che avranno sbagliato il suo di cognome. Il conduttore del Tg2 Marco Bezmalinovich ha chiamato "Bin Laiden" il neopresidente Usa, Joe Biden. Evocando involontariamente lo scomparso leader di Al Qaeda e allo stesso tempo inserendo l'aggettivo "laido" nel cognome del nuovo inquilino della Casa Bianca, un po' come si fa con quegli stucchevoli calembour ad uso social. Marco, genio inconsapevole, si è corretto immediatamente, poco male

  • Pubblicato in Esteri

IO LEGGO - "Milano guarda in alto". dal futurismo a City Life: la città che sale sempre di più (VIDEO)

Lo skyline del capoluogo lombardo raccontato attraverso un centinaio di pagine parole e immagini da Massimo Beltrame (già autore di Milano. Viaggio nel Liberty) per Meravigli Edizioni. Una ricostruzione storica e una sorta di campionario architettonico e tecnico, ricco di curiosità, delle singoli costruzioni - (Qui per dettagli)


Immagine-Umberto boccioni la città che sale.jpg

La città che sale (1910-1911) di Umberto Boccioni

Milano guarda in alto | Zero

Il nuovo skyline di Milano

«Una volta gettate le fondamenta, nel 2007, il Palazzo della Regione Lombardia comincia a crescere velocemente fino a quando, l'8 Maggio del 2009, supera, per la prima volta dopo 50 anni, l'altezza del Grattacielo Pirelli. È un momento storico, segnato da una cerimonia fatta di giochi laser, illuminazioni notturne su entrambi i grattacieli e grande partecipazione di pubblico. Mancano però ancora 6 piani al tetto dell'edificio; la costruzione sarà ultimata, sia in altezza che in tutte le sue parti esterne, il 23 Gennaio 2010, con la prima apertura al pubblico della terrazza sommitale...»

"Lombardia zona rossa, una punizione che non merita". La protesta del governatore Fontana: "C'è qualcosa che non funziona in conti e parametri" (VIDEO)

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana critico con il governo: "Ho appena parlato con il ministro Speranza - ha detto - è una punizione che la Lombardia non si merita. Ha fatto tanti sacrifici in questo periodo, i cittadini si sono comportati molto bene. Il ministro mi ha detto che farà fare ancora dei controlli" - (VIDEO)


La Lombardia si avvia a entrare in zona rossa, con misure e regole più restrittive per quanto riguarda scuola, spostamenti, bar. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a Concorezzo, in provincia di Monza e Brianza, per la presentazione del progetto 'Smarter Italy'."Per ora sì", ha detto a chi gli chiedeva se la Regione entrerà in zona rossa e "le scuole non riaprono. Io sono molto critico. Sono molto cauto nella valutazione dei dati e della situazione, ma credo che la Lombardia non si meriti il rosso", ha aggiunto alla vigilia dell'adozione del nuovo dpcm, valido a partire dal 16 gennaio.

"Oggettivamente siamo in una fase in cui stiamo migliorando i numeri, eppure c'è il rischio che si entri in zona rossa. Credo che sinceramente la zona rossa sia una punizione che la Lombardia non si merita, perché ha fatto tanti sacrifici in questo periodo, i cittadini si sono comportati molto bene e la zona rossa è estremamente penalizzante", ha aggiunto Fontana, per il quale "c'è qualcosa che non funziona in come vengono fatti i conti e nella determinazione dei parametri, che secondo me bisogna rivedere".

"Queste sono le critiche che ho sostenuto parlando con il ministro Speranza. Il vero problema è che il conteggio dell'Rt è una cosa estremamente opinabile e poi si riferisce a dati vecchi e se c'è stata un'evoluzione, di questa non si tiene conto", ha aggiunto. "Speranza mi ha risposto che farà fare ancora dei controlli, che audirà il Comitato tecnico per rivalutare la situazione".

BERGAMO - Con 61 positivi al Covid ogni 100 mila abitanti, ben al di sotto della media regionale, Bergamo - la più colpita dalla pandemia nella prima ondata - chiede una deroga alla zona rossa. "Crediamo si possano comprendere le difficoltà e le sofferenze cui il protrarsi delle limitazioni, se non addirittura il loro inasprimento, sottopone i cittadini dei nostri territori", scrivono il sindaco e il presidente della provincia di Bergamo, Giorgio Gori e Gianfranco Gafforelli, in una lettera alla Regione Lombardia perché si faccia portatrice al Ministero della Salute.

 

#Ioapro, la mobilitazione dei ristoratori che si ribellano alle restrizioni del governo. Cosa rischiano: "Ci stiamo tutelando con una task force di avvocati, le multe le gestiamo noi" (VIDEO)

Un gruppo di ristoratori ha organizzato un'iniziativa che ha già raccolto 50mila adesioni in tutta Italia, li porterà a tenere aperti i propri locali dalla sera del 15 gennaio violando consapevolmente le misure restrittive anti-Covid". Umberto Carriera, ristoratore di Pesaro, spiega: "Non è una protesta o una manifestazione di un giorno, è sopravvivenza: siamo al collasso, non possiamo più pagare dipendenti, bollette, mutui". L'appoggio di Matteo Salvini. Come andrà a finire? - (VIDEO)


Ha già raccolto oltre 50mila adesioni da tutta Italia "ioapro", l'iniziativa social che invita i ristoratori a restare aperti, a partire dal 15 gennaio, contro le restrizioni anti Covid imposte dal governo. "E' una questione di sopravvivenza, siamo al punto di non ritorno, ma ci proviamo lo stesso", spiega Umberto Carriera, il ristoratore "ribelle" di Pesaro che ha collezionato multe e sospensioni per aver aperto alcuni suoi locali malgrado i divieti.

"Non è una protesta o una manifestazione di un giorno, è sopravvivenza: siamo al collasso, non possiamo più pagare dipendenti, bollette, mutui". Spronato dalle domande di Salvini, che lo ha invitato per un confronto sulla sua pagina Facebook, Carriera ha spiegato che "ci stanno contattando migliaia di persone, anche palestre, piscine e mondo dello spettacolo. E anche i cittadini ci sostengono, ci chiedono di riaprire".

Per quanto riguarda le sanzioni, "ci stiamo tutelando grazie a una task force di 30 avvocati per i commercianti e anche per i clienti. Le loro multe le prendiamo noi, ci pensiamo noi a gestirle, e prepareremo centinaia di migliaia di ricorsi".

Ora il virologo vuole fare i palinsesti tv. Renzi sfora e Galli sbotta con la Berlinguer: "Bisognerebbe occuparsi solo del Covid". E Crisanti commenta la crisi di governo (VIDEO)

L'onnipresente direttore del Dipartimento Malattie Infettive dell'ospedale Sacco di Milano protagonista di un siparietto nello trasmissione Rai Caratabianca dopo l'intervista a Matteo Renzi sulla crisi di governo. Il professore, apparso molto scocciato, ha espresso tutto il suo disappunto per il ritardo nel collegamento, commentando anche l'intervento del leader di Italia Viva: "Sono preoccupato dalla serqua di luoghi comuni che ho sentito"


Cartabianca, Bianca Berlinguer si infuria per i rumori in studio mentre  parla Renzi. E Galli per il ritardo: “Sono molto scocciato” - Il Fatto  Quotidiano

Matteo Renzi sfora e il professor Massimo Galli sbotta. L'intervista del leader di Italia Viva, nello studio di Cartabianca, dura circa un'ora. Alle 23, Bianca Berlinguer si collega con Galli. E il professore, responsabile di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, non nasconde il suo malumore. "Ha un'aria un po' scocciata, professore", esordisce la giornalista. "Un po' troppo scocciata, abbia pazienza. Sono in piedi a lavorare dalle 6 di stamattina, faccio a meno... Sono preoccupato per la crisi di governo? Sono preoccupato dalla serqua di luoghi comuni che ho sentito, oltretutto, mi perdoni: forse è il caso che ne parliamo un'altra sera con tranquillità". In studio arriva anche il professor Andrea Crisanti: "La crisi di governo? Non la auspico, crea un vuoto di potere in un momento delicato". "In questo momento bisognerebbe occuparsi in maniera specifica e diretta di questo", dice Galli riferendosi all'emergenza Covid, "e di non molto altro".

Lombardia, la prima intervista a Letizia Moratti: "Imparare dagli errori (che tutti possono fare). Agirò nell'interesse di tutti i cittadini lombardi" (VIDEO)

La prima intervista di Letizia Moratti, appena entrata nella Giunta lombarda di Attilio Fontana. Per l'ex sindaco di Milano la vicepresidenza e l'assessorato al Welfare. Anche grazie alla sua esperienza e le sue capacità amministrative la Regione più colpita dal Covid vuole vincere la battaglia sanitaria più difficile.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS