Log in
updated 8:03 AM UTC, Aug 8, 2020

Libano: un paese che alza la testa, cristiani e mussulmani uniti nelle proteste

La crisi politica ed economica è legata all'ondata migratoria dei paesi vicini


Il Libano è uno dei 40 paesi più piccoli al mondo, eppure ospita la più grande percentuale di rifugiati pro capite. La sua vicinanza a Israele e Siria ha fatto sì che migliaia di palestinesi e siriani abbiano cercato rifugio in questo paese che, nonostante abbia subito una crudele guerra negli anni '90, è uno dei più democratici del Medio Oriente. La presenza di oltre un milione di rifugiati ha comportato un enorme onere per il governo e ha comportato un aggravamento della crisi politica ed economica che il paese sta soffrendoLe dimostrazioni qui hanno un background economico puro; le religioni non hanno nulla a che fare con questo. Anche i cristiani praticano normalmente i rituali religiosi senza alcun problema. Il principale fattore scatenante delle manifestazioni è che il governo stava pianificando nuove tasse aggiuntive ai cittadini. Ora la maggior parte delle persone che partecipano alle manifestazioni non hanno più fiducia nel governo. Le loro richieste principali sono un governo di specialisti per salvare il paese, dichiarare la trasparenza bancaria dei conti dei politici e recuperare denaro saccheggiato. In realtà tutti protestano. Uomini e donne, giovani e anziani, cristiani e musulmani, studenti e genitori, questi eventi sono certamente qualcosa che non era mai successo prima in Libano. Cristiani e musulmani in tutte le regioni del Libano sono uniti dietro le stesse esigenze. Le richieste sono l'ultima battaglia per una vita migliore, come dire no alle tasse, chiedere assicurazione medica, chiedere elettricità, lamentarsi della corruzione e delle pessime situazioni economiche in cui vivono. Queste manifestazioni non hanno colori politici; la gente chiede le dimissioni di tutti gli organi politici al governo. Il risvolto della medaglia non è però così positivo, le dimissioni in massa del governo porterebbe il piccolo stato a un drammatico collasso economico. Ed è quello di cui alcuni politici e leader religiosi hanno paura. Il grave problema che ha dato origine alle proteste è il forte flusso migratorio a cui è soggetto il Libano. A otto anni dalla crisi in Siria il numero stimato di rifugiati siriani supera 1,5 milioni; oltre a un gran numero di rifugiati palestinesi. E non c'è fine in vista a questa situazione. In particolare i rifugiati cristiani, che erano e sono ancora invisibili a tutte le comunità europee e internazionali, perché vivono fuori dai campi. Vengono sempre trascurati in termini di supporto o aiuto. Il numero di famiglie cristiane sfollate è in aumento e senza controllo. La presenza dei rifugiati ha un'influenza sulla situazione economica in Libano. Il Libano è un piccolo paese con molti problemi politici ed economici e questa immigrazione ha causato ulteriori oneri al governo. Il tasso di disoccupazione è aumentato, libanesi e siriani hanno difficoltà a trovare lavoro. La situazione economica delle famiglie è pessima, il governo ha cercato di risolvere il problema, imponendo tasse aggiuntive ai cittadini libanesi e questa è stata la causa principale che ha avviato le manifestazioni. Una piccola minoranza sta tornando nel paese d'origine, mentre la maggior parte dei rifugiati sta immigrando in Europa e in Canada in cerca di un futuro migliore. 

  • Pubblicato in Esteri

Parigi: migliaia di persone alla controversa marcia contro l'islamofobia (foto e video)

In migliaia nelle strade della capitale francese per denunciare atti contro i musulmani


Qualche migliaio di persone si sono riunite Domenica pomeriggio a Parigi per una manifestazione contro l'islamofobia, per denunciare tutti gli atti anti-musulmani dovuti a intimidazioni e forti differenze politiche.

 

 

"Sì alle critiche alla religione ma non all'odio del credente", "fermate all'islamofobia", "vivere insieme, è urgente", si legge sui cartelli dei manifestanti riuniti di fronte alla Gare du Nord, in mezzo a un caos di cartelli trovavano posto anche molte bandiere francesi. 

 

"Solidarietà con le donne velate", hanno detto i partecipanti. La Francia è il paese dell'Europa occidentale con la più grande comunità musulmana (7,5% della popolazione), infatti si registrano manifestazioni in altre città transalpine. 

Questa marcia, su invito di diverse personalità e organizzazioni come il collettivo contro l'islamofobia in Francia e dall'appello del quotidiano "Liberation" il 1° Novembre esattamente 4 giorni dopo l'attacco a una moschea a Bayonne, rivendicato da un ex attivista di destra di 84 anni.

 

 

Il messaggio iniziale era di dire "STOP all'islamofobia", la "crescente stigmatizzazione" dei musulmani, vittime di "discriminazione" e "aggressioni".

Una manifestazione che vede diviso in due il governo francese, la sinistra si schiera a favore dei fratelli mussulmani, numerosi rappresentanti della sinistra radicale del partito        "France Insoumise" erano presenti, tra cui il suo leader Jean-Luc Mélenchon.

 

 Jean-Luc Mélenchon

 

Per il presidente del partito di estrema destra "Rassemblement Nationale", Marine Le Pen, "tutti coloro che andranno a questa manifestazione viaggeranno di pari passo con gli islamisti, vale a dire saranno complici di coloro che sviluppano nel nostro paese, un'ideologia totalitaria che mira a combattere le leggi della Repubblica francese ".

 

 

L'eurodeputata Aurore Bergé, portavoce del partito macronista, ha definito la manifestazione come "una marcia che attacca lo stato e usa in modo improprio un termine (islamofobia) che come è ben noto è usato solo per scopi politici". D'altra parte, "se domani ci fosse una grande marcia per combattere il razzismo in tutte queste forme, saremmo i primi ad essere presenti", ha continuato.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS