Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

updated 1:24 PM UTC, Nov 11, 2018

METEO / Ancora piogge nel weekend ma poi arriva l'Estate di San Martino. Ecco cos'è e perché si chiama così

Il maltempo cede il passo all'Estate di San Martino. Dopo l'ennesima perturbazione atlantica, infatti, nei prossimi giorni l'alta pressione comincerà ad avanzare dal Nord Africa verso il nostro Paese - (LEGGI TUTTO)


Sabato, stando alle previsioni del team del sito www.iLMeteo.it, le piogge continueranno a bagnare, seppure in maniera meno intensa, il Nordovest, qualche temporale potrà interessare la Sardegna e sarà ancora una volta la Sicilia ad essere raggiunta da nubifragi e forti precipitazioni che potrebbero causare frane, allagamenti e esondazioni di fiumi o torrenti. Sul resto delle regioni però il tempo sarà sempre più stabile e soleggiato. Ancora una parentesi di maltempo domenica 11, quando le piogge colpiranno ancora debolmente il Nordest mentre rovesci e temporali localmente forti interesseranno ancora la Sicilia ionica e la Calabria meridionale. Ma la svolta è proprio dietro l'angolo. Da lunedì 12, infatti, l'alta pressione comincerà ad avanzare decisa su gran parte del Paese facendo iniziare un lungo periodo di tempo stabile, soleggiato e con clima caldo, ma con il forte rischio della nebbia in Pianura padana. La cosiddetta estate di San Martino, che durerà almeno 6-8 giorni.

Perché si chiama "Estate di San Martino"

Estate di San Martino, ecco perché si chiama così

L'origine del nome deriva dalla cosiddetta tradizione del mantello di San Martino di Tours: il santo, vedendo un mendicante patire il freddo durante l'acquazzone, gli cede metà del suo mantello, poi fa altrettanto con un altro mendicante. Dopo che San Martino si denuda per far riscaldare gli altri, il cielo si schiarisce e le temperature aumentano vistosamente. Probabilmente, è anche sulla base di questa tradizione che la ricorrenza di San Martino accade proprio in questo periodo dell'anno, per la precisione l'11 novembre. Al di là della tradizione cristiana, gli aumenti di temperatura in autunno hanno un nome specifico in varie culture. Nei paesi anglosassoni, ad esempio, si parla di estate indiana (Indian Summer), mentre in Russia esiste la cosiddetta estate delle nonne (Bab'e leto).

Le tempeste in America e nel Pacifico sono la prova del cambiamento climatico

Persone che vivono su lati opposti del pianeta, hanno vissuto negli ultimi giorni le conseguenze disastrose di lontani sconvolgimenti nel profondo degli oceani


Mentre in America, stavano ancora soffrendo la devastazione lasciata dall'uragano Florence, che ha causò morte e distruzione nel North Carolina il 14 settembre, a distanza di 12 ore il super-tifone Mangkhut distrusse Filippine, per poi colpire Hong Kong e la Cina meridionale. Mangkhut colpì con il pugno più grande mai riscontrato negli ultimi 40anni, le fragili terre e quando arrivò a terra la prima volta fu classificato "tempesta di categoria 5". Gli scienziati vedono come prima causa della formazione di entrambi i mostri, l'aumento dei livelli di gas serra nell'atmosfera, che stanno cambiando il clima e riscaldando il mare.

Per questo motivo, anche le tempeste future saranno probabilmente più pericolose rispetto al passato. Florence e Mangkhut hanno mostrato come si formano i potenti uragani prima prepararsi al colpire, ma principalmente hanno anche evidenziato quanto siano vulnerabili molte comunità, specialmente in Asia. 

Il legame con il cambiamento climatico deriva dall'accumulo nell'atmosfera dei gas serra prodotti dalla combustione industriale dei combustibili fossili e dalla deforestazione. Creano uno squilibrio nell'energia che fluisce dentro e fuori dal pianeta, innalzando le temperature. Circa il 90% di questa energia aggiuntiva finisce negli oceani. I ricercatori che monitorano la temperatura del mare fino a 2.000 metri hanno tracciato un costante aumento dagli anni '50, raggiungendo un livello record l'anno scorso (vedi grafico). Finora, il 2018 è sulla buona strada per stabilire un nuovo record.

Le tempeste tropicali nell'Atlantico (conosciute come "uragani") e nel Pacifico ("tifoni") traggono la loro energia da questo deposito di calore abissale. Oceani più caldi significano tempeste più intense e più durature. I modelli climatici lo prevedono da tempo. Inoltre, i livelli del mare aumentano a una velocità di 3 mm all'anno. Due fattori spiegano questo: l'acqua si espande mentre si riscalda; e i ghiacciai si stanno sciogliendo su entrambi i poli. Mari più alti significa che le mareggiate raggiungono più nell'entroterra. E, mentre l'atmosfera si scalda, aumenta l'umidità alle alte quote che alla fine cade sotto forma di bombe d'acqua.

Studi recenti hanno esplorato questi effetti in dettaglio, usando eventi reali. All'inizio di quest'anno, ad esempio, una ricerca ha mostrato che le temperature del profondo oceano  poco prima dell'uragano Harvey (che ha provocato disastrose inondazioni a Houston nell'agosto 2017), erano le più alte sia a livello globale sia nel Golfo del Messico.

I dati registrati subito dopo la tempesta hanno rivelato una diminuzione del contenuto di calore del Golfo, in modo strettamente proporzionale alla quantità di pioggia scatenata dall'uragano, più la pioggia aumentava, più la temperatura diminuiva. Questi dati hanno definito che Harvey "non avrebbe potuto produrre così tanta pioggia senza i cambiamenti climatici indotti dall'uomo". Kerry Emanuel, del Massachusetts Institute of Technology, stima che la probabilità che si formi un uragano come Harvey, entro il 2100 sarà 18 volte superiore rispetto alla fine del 20° secolo. 

 

Se le tempeste possono provocare il caos nel paese più ricco del mondo, il loro impatto nei paesi poveri dell'Asia-Pacifico è ancora più vasto. Ogni anno, la regione Asia-Pacifico è colpita da tempeste sempre più grandi di quelle che colpiscano l'America. Lì, l'approccio è stato quello di spostare le persone lontano dalla costa, ove possibile. Il Bangladesh dopo che si trovò nel 1970 sulla strada del ciclone Bhola, che uccise tra 300.000 e 500.000 persone, diventando il più mortale ciclone tropicale mai registrato, iniziò a costruire una vasta rete di rifugi rialzati. Tuttavia, ancora oggi alcune persone si rifiuterebbero di usarle. Quindi ora ospitano molto bestiame e poche persone.

Anche le Filippine hanno una cupa esperienza di tempeste. Haiyan, uno dei più forti cicloni tropicali mai registrati, che ha colpito la regione nel 2013, rimane un forte ricordo. Colpì la parte centrale delle Filippine e attraversò il paese, uccidendo 6.300 persone e lasciando 1.062 dispersi, dal conteggio ufficiale. In confronto, la gestione del Typhoon Mangkhut da parte del governo è considerata un successo. Eppure, il 19 settembre il bilancio delle vittime era di 81 persone e 70 erano ancora disperse. Il numero probabilmente aumenterà. I soccorritori stanno ancora trovando vittime nell'ultima mortale frana causata dal passaggio del ciclone, che ha seppellito una comunità di minatori illegali che cercavano l'oro in una miniera scavata nelle montagne della Cordillera, a nord di Luzon, l'isola principale delle Filippine. Il 15 settembre, giorno in cui Mangkhut ha colpito Luzon, il Consiglio nazionale per la riduzione dei rischi e la gestione dei disastri (NDRRMC) ha riferito che 194.368 persone avevano trovato scampo in rifugi (principalmente scuole). Stimò il costo del danno all'agricoltura a 14,3 miliardi di pesos (264 milioni di dollari). Successivamente il NDRRMC ha stimato che circa 1,1 milioni di persone erano state colpite dalla tempesta. Le sue fasce di nubi portanti la pioggia turbinavano intorno a un'area di 900 km di diametro. Mentre si avvicinava a Luzon, i suoi venti sostenevano velocità fino a 205 km/h vicino al centro, con raffiche fino a 255 km/h. I venti di Mangkhut spazzarono via fragili edifici, e abbatterono gli alberi ma, come Florence, ha portato gran parte della sua distruzione attraverso la pioggia, che ha causato frane e inondazioni improvvise, inondando campi e rovinando i raccolti, rendendo le strade impraticabili e tagliando le forniture di elettricità. La tempesta ha fermato tutta la normale vita economica. Le scuole erano chiuse, per tenere gli alunni al sicuro e per essere usati come rifugi pubblici; le imprese erano chiuse; le partenze dei traghetti e i voli internazionali e nazionali sono stati cancellati.

Da nord a sud, da est a ovest la natura ci sta facendo capire quanto terribile può essere la sua vendetta, i cambiamenti climatici dovuti all'azione dell'uomo paiono aver cambiato gli equilibri della natura. Questo dovrebbe farci riflettere prima di arrivare...

al punto di non ritorno.

FONTE: Economist

 

 

Meteo, ma quale primavera... E' arrivato il gelo. Beffato chi ha già fatto il "cambio degli armadi". Dove andrà sotto zero

Brutta sorpresa dopo le festività pasquali: torna il clima invernale fino a venerdì prossimo. Lo si deve a un impulso di aria fredda che sta interessando l'Italia. Regioni adriatiche particolarmente colpite dall'inatteso fenomeno


Un'irruzione di aria fredda artica si prepara a interessare l'Italia. Per l'Europa si tratta di un ritorno a condizioni quasi invernali, dopo che nelle ultime settimane la Primavera aveva ormai preso il sopravvento. In Italia, la massa d'aria fredda, seppur attenuata, sarà notevole per il periodo di fine aprile, con un isoterma di -5°C a 850 hPa (circa 1400m) che toccherà le Alpi orientali e una -3°C sulle regioni adriatiche.

Le temperature dunque caleranno bruscamente, fino a 12° in meno nei prossimi giorni. E la sensazione di freddo sarà acutizzata dal vento forte e dall'abitudine ai tepori tardo-primaverili. Ecco le previsioni degli esperti del sito 3bmeteo.com. Oggi l'aria fredda raggiungerà il Centro-Sud causando un generale calo termico su tutta Italia, con massime intorno o inferiori ai 15°C (ad eccezione di Sicilia, Sardegna e Calabria ionica).

 

 

Tra giovedì e venerdì clima decisamente freddo ovunque, ma sopratutto sulle regioni adriatiche. Le temperature notturne scenderanno anche al di sotto dei 5°C sulle aree interne pianeggianti e localmente potranno anche raggiungere lo zero con calma di vento. I valori diurni saranno generalmente compresi tra 13 e 17°C (anche inferiori sul versante adriatico). L'ondata di freddo tardivo dovrebbe poi smorzarsi nel corso del prossimo fine settimana con un graduale rialzo termico.

Italia nella morsa del gelo: dove è sconsigliato mettersi in viaggio

Anas sconsiglia vivamente di mettersi in viaggio nelle regioni interessate da temperature polari: Puglia, Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata e Sicilia Nord-Est. La Sala Operativa Nazionale di Anas continua in queste ore a ricevere telefonate di clienti che hanno iniziato il viaggio, anche nelle aree interessate dalle avversità meteo, senza montare le catene da neve o senza disporre di gomme antineve.

Si ricorda che è d'obbligo l'uso delle catene o di pneumatici antineve: il mancato rispetto è causa di pericoli e difficoltà della viabilità per sé stessi e gli altri mezzi. Per garantire la transitabilità lungo la rete stradale e autostradale in gestione diretta, da oltre 48 ore, ogni giorno Anas sta operando con 450 mezzi e 650 uomini nelle regioni particolarmente colpite dalle intense nevicate. Oltre 70 gli uomini impegnati nelle Sale Operative Compartimentali sulla rete del Centro-Sud Italia. Mezzi spargisale e sgombraneve dell’Anas proseguono nella loro attività sull’intera rete nazionale.

Anas raccomanda prudenza nella guida, ricordando che l'evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all'applicazione 'VAI Anas Plus', disponibile gratuitamente in 'App store' e in 'Play store'. Inoltre si ricorda che il servizio clienti 'Pronto Anas' è raggiungibile chiamando il nuovo numero verde, gratuito, 800 841 148. 

(Fonte: Adnkronos)

Befana 2017: Freddo e gelo in Veneto, neve nelle zone terremotate

Gelo e freddo in gran parte della penisola, nevicate a bassa quota nelle zone terremotate grossi i disagi per le popolazioni nelle tendopoli. Temperature a picco in Veneto e in particolare nelle zone montuose, -23 gradi sulla catena della Marmolada.


Si presenta accompagnata da una bufera la Befana 2017. Freddo e gelo da ieri hanno investito gran parte della penisola aggiungendosi nelle zone terremotate ai disagi già patiti dalle popolazioni. Temperature minime a picco sulle montagne venete. A Cortina la colonnina di mercurio registra -7,6 gradi a 1.270 metri di quota. Arabba segna un -8,1 gradi, Asiago -7,5 mentre ai 2.090 metri di quota di Passo Falzarego l'Arpav ha registrato -13,1 gradi e ai 3.256 di Punta Rocca sulla Marmolada -23,5. Vento gelido e allerta incendi in alta Lombardia, in particolare nella zona della Valchiavenna, in provincia di Sondrio, e in Valcamonica: la Protezione civile ha diffuso ieri un bollettino di moderato allarme, precisando che il vento forte è destinato a perdurare anche per venerdì con raffiche fino a 50-60 km/h. Previsto un crollo drastico delle temperature, con minime sotto allo zero in tutta la regione. Neve su alcune strade umbre a ridosso del versante marchigiano dell'Appennino e su gran parte del Molise dove le condizioni del tempo dovrebbero peggiorare con venti forti da nord e un brusco calo delle temperature. In Abruzzo freddo e nevischio anche sulla costa. 'Codice rosso' sull'autostrada A14 per una intensa nevicata che ha portato a disporre lo stop ai mezzi pesanti nel tratto compreso tra i caselli di Atri-Pineto e Pescara Sud-Francavilla, in entrambe le direzioni. La perturbazione andrà avanti fino a sabato, con accumuli di neve che, secondo le previsioni degli esperti, potrebbero essere consistenti anche sul litorale. Anche Roma stretta nella morsa del gelo con un grecale che arriva dalla Russia; l'apice verrà toccato sabato con temperature bassissime che oscilleranno tra i più 3 gradi di massima e i -4, meno -5 di minima.  Neve a bassa quota in diverse zone della Campania dove la forte ondata di maltempo ha creato grossi problemi ai collegamenti marittimi nel golfo di Napoli: il mare mosso e il forte vento hanno determinato la soppressione stamani della maggior parte delle corse di linea per Capri. Vesuvio innevato dalla cima alle quote più basse. Problematica la circolazione sulle strade interne dell'Alta Irpinia, dove la neve caduta ieri ha raggiunto anche i 50 centimetri. Imbiancati pure i Sassi di Matera con un "effetto presepe" suggestivo per i tanti turisti che anche in questa parte finale di vacanze natalizie, affollano la città lucana che nel 2019 sarà Capitale europea della Cultura. La Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) ha attivato il Piano Neve e Gelo alla luce dell'allerta della Protezione civile che prevede nevicate su Marche, Lazio orientale, Umbria, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia settentrionale. Ma fiocchi di neve hanno fatto capolino pure in Sardegna, a Fonni, il paese più alto della regione. Tra oggi pomeriggio (venerdì 6) e la giornata di domani sabato 7 gennaio 2017, con l’ingresso diretto del nucleo freddo dall’area carpatico-danubiana e dalle Alpi Dinariche, tramite gli intensi venti di bora e tramontana, "l’Adriatic Sea Effect” e il “Tyrrhenian Sea Effect” torneranno nuovamente in azione, con abbondanti nevicate fino a quote collinari sulle regioni adriatiche, specie fra Marche e Abruzzo, dove i fiocchi misti alla pioggia raggiungeranno pure le aree costiere, lasciando abbondanti apporti di neve fresca sulle aree dell’entroterra. Il “Tyrrhenian Sea Effect”, all’inizio del fine settimana, favorirà buone precipitazioni lungo le coste della bassa Calabria tirrenica e nella Sicilia tirrenica, compresa l’area dello Stretto di Messina. Precipitazioni che dato l’ingresso dell’intensa avvezione fredda da N-NE, isoterme fino a -10°C a 850 hpa in prossimità dello Stretto di Messina e della Calabria meridionale, potrebbero assumere carattere nevoso fino al litorale, assumendo le caratteristiche di autentiche bufere di neve per via delle forti raffiche di tramontana, che toccheranno punte di oltre 80-90 km/h nei punti maggiormente esposti. Visto la disposizione delle correnti dal quadrante settentrionale, con una spiccata curvatura ciclonica fra Tirreno, Adriatico e Ionio, per il minimo barico in allontanamento verso levante, verso la Grecia settentrionale, saranno i rilievi abruzzesi, molisani, pugliese, calabresi e quelli della Sicilia settentrionale a vedere i maggiori accumuli nivometrici, che potranno risultare abbondanti fin dalla collina.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

11°C

Milano

Mostly Cloudy

Humidity: 90%

Wind: 6.44 km/h

  • 13 Nov 2018 12°C 6°C
  • 14 Nov 2018 11°C 6°C