updated 12:50 PM UTC, Feb 27, 2020

Deragliamento Frecciarossa, il Presidente di Regione Lombardia sul luogo dell'incidente

Attilio Fontana, "davanti ad un avvenimento come questo, si prova un grande senso di impotenza"


Il presidente della Regione Lombardia, è giunto nelle prime ore della mattina sul luogo in cui si è verificato il deragliamento del treno ad alta velocità Frecciarossa Milano-Salerno, in provincia di Lodi. “Rinnovo il mio cordoglio e la vicinanza alle famiglie delle vittime", ha detto il governatore lombardo. "Ringrazio tutti coloro che, per le proprie competenze, hanno lavorato e stanno lavorando per curare i feriti e ripristinare la situazione. Purtroppo è una vicenda che lascia increduli, in questi casi si prova soprattutto un senso di impotenza. È impensabile che si possano verificare situazioni del genere. Ho parlato poco fa con l’amministratore delegato di FS Gianfranco Battisti che, per ora, non mi ha fornito elementi diversi da quelli che conosciamo e divulgati alla stampa"

Rispondendo alle domande dei giornalisti sul luogo del deragliamento del treno, il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana ha sottolineato l'importanza del controllo sulla sicurezza della linea ad alta velocità, "ogni giorno chiediamo a RFI (Rete Ferroviaria Italiana) la costante massima attenzione. E abbiamo concordato con loro anche una serie di interventi mirati a garantire l’ammodernamento della rete e la realizzazione di interventi tecnologici che alzino i livelli di sicurezza. Da oggi la nostra richiesta diventerà ancora più forte”.

deragliamento treno
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana e l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Claudia Terzi, sul luogo in cui si è verificato l’incidente ferroviario in provincia di Lodi. Con loro il prefetto Marcello Cardona.
FONTE: LN online

Lombardia Ideale, Anguissola: "Il buon governo di Attilio Fontana un modello anche per Milano" (VIDEO)

Marco Anguissola, consigliere del Municipio 8, è stato nominato coordinatore provinciale di Milano del movimento civico Lombardia Ideale. Un'iniziativa che ha come scopo quello di portare sul territorio le buone pratiche amministrative della giunta regionale lombarda presieduta da Attilio Fontana. Dal punto di vista politico si riconosce nei contenuti e e nell'azione di Matteo Salvini. Ai nostri microfoni Anguissola illustra i prossimi passi e i temi che Lombardia Ideale affronterà in mezzo alla gente con il coinvolgimento di tutte le categorie

Parte la macchina di Lombardia Ideale, il movimento salviniano del presidente Fontana: ecco i primi coordinatori provinciali. Il sindaco di Magenta primo "colpo" pesante sul territorio

Lo definiscono il "braccio civico di Attilio Fontana e Matteo Salvini". Con buoni risultati alle ultime amministrative e già rappresentato nel Consiglio regionale, il movimento Lombardia Ideale ora si dà una struttura sul territorio. Designati i referenti provinciali: a Milano la guida è affidata a Marco Anguissola, consigliere del Municipio 8. Il Governatore: "Concretezza e sviluppo parole chiave per portare avanti il progetto civico anche nelle prossime città al voto". Cosentino: "Stiamo crescendo in maniera importante, nostra proposta seria e incisiva". L'ingresso del sindaco di Magenta salutato come un segnale importante 


Ieri mattina Giacomo Cosentino, capogruppo in Regione Lombardia e coordinatore regionale di Lombardia Ideale - movimento politico lombardo braccio civico di Attilio Fontana e Matteo Salvini –, ha provveduto a designare i coordinatori provinciali di Milano, Brescia, Bergamo, Varese e Pavia. Attesa a breve anche la formalizzazione delle nomine per Mantova.

“Con questo importante passaggio il nostro movimento, nato come sviluppo della Lista Fontana, si struttura sul territorio lombardo facendo leva anche sul successo elettorale registrato alle ultime elezioni amministrative e sui nuovi ingressi, in ultimo quello del Sindaco di Magenta: il movimento ha raggiunto risultati inaspettati soprattutto in città come Bergamo (lista Bergamo Ideale 8,3%) e Pavia (lista Pavia Ideale 6,3%) risultando il secondo movimento cittadino dopo la Lega; senza dimenticare i tanti amministratori locali eletti in Comuni più piccoli e anche alcuni Sindaci. A breve avremo il piacere di annunciare altri importanti arrivi.” Così Giacomo Cosentino, che prosegue e conclude “La nostra proposta civica è seria e incisiva. Vista l’importante crescita si è reso necessario iniziare a strutturarci partendo dalle principali province lombarde. Con queste nomine abbiamo voluto valorizzare il lavoro di coloro che sin da subito ci hanno messo la faccia e hanno lavorato molto per far partire il movimento politico che ho l’onore di coordinare, ottenendo in breve tempo risultati sorprendenti.

Nelle prossime settimane verrà convocata la prima riunione regionale a cui parteciperanno anche i nuovi coordinatori provinciali e verranno definite le prossime attività, oltre ad iniziare a lavorare in vista delle vicine scadenze elettorali quali Milano, Varese, Busto Arsizio, Mantova e altri comuni di dimensioni inferiori.”

Interviene il Governatore Attilio Fontana: “Si sta facendo un buon lavoro, stiamo intercettando quelle persone che hanno il desiderio di impegnarsi per la propria comunità ma non si riconoscono molto nei partiti e nelle relative liturgie. Il concetto è semplice: poche parole e tanti fatti per portare avanti progetti che diano risposte chiare ai nostri concittadini e servano allo sviluppo del territorio. Auguro buon lavoro ai coordinatori appena designati e a quelli che verranno individuati a breve, soprattutto a coloro che avranno il compito di portare avanti questo progetto politico nelle prossime Città che andranno al voto come, ad esempio, Milano, Varese e Mantova: stiamo già lavorando alla costruzione di una lista civica - direttamente collegata ai candidati Sindaci – in grado di dare un importante valore aggiunto sotto tutti i punti di vista.”

Guarda il nostro servizio sulla presentazione di Lombardia Ideale (articolo e video)


I coordinatori provinciali e i loro profili:

MILANO: MARCO ANGUISSOLA

Marco Anguissola, 34 anni, nato e cresciuto a Milano, laureato in giurisprudenza, lavora come consulente legale e docente nell’ambito della formazione professionale. E’ stato rappresentante d’Istituto nella Consulta provinciale studentesca di Milano. Autenticamente e profondamente cattolico, formatosi sui banchi del Leone XIII, è oggi presidente degli ex alunni della “sua” scuola e massimo rappresentante giovanile dell’Omaec (Organizzazione mondiale degli ex allievi ed ex allieve dell’Insegnamento Cattolico). Nel 2006 Anguissola è stato eletto per la prima volta consigliere della Zona 8 (in seguito Municipio 8) del Comune di Milano, per poi essere rieletto nel 2011 e nel 2016 (attualmente in carica). Nel Consiglio municipale della più popolosa zona della città, dove è cresciuto e vive, è stato presidente della Commissione Verde, Arredo Urbano e Giovani dal 2008 al 2011 e della Commissione Bilancio dal 2016 al 2019, membro della Commissione Edilizia centrale del Comune dal 2010 al 2011. Oggi è fortemente impegnato per contribuire alla costruzione di un futuro Ideale per la sua regione e la sua città.

 

BRESCIA: NICOLETTA BENEDETTI

Bresciana della Franciacorta: la sua attività politica inizia nei primi anni 2000 nell'ambito del centrodestra e nel 2014 è stata eletta Consigliere comunale del suo comune, Cologne. Nel settembre 2014, con un gruppo di amici appassionati di politica e amministrazione, dà vita ad una lista civica di centrodestra che raccoglie l'adesione di tanti amministratori in tutta la provincia che non si sentono rappresentati dai partiti tradizionali. Viene eletta Consigliere Provinciale nell'ottobre 2014 e rinnovata nelle successive elezioni. Nella primavera del 2019 viene eletta consigliere comunale di Longhena e riconfermata Consigliere Provinciale (tutt’ora in carica). Il lavoro svolto in Provincia le ha permesso di essere la seconda degli eletti in una lista unitaria a cui hanno aderito tutti i partiti di centrodestra e la componente civica da lei rappresentata. Lavora nella direzione di una storica fondazione che gestisce servizi importanti per il territorio bresciano (diverse unità di offerta rivolte agli anziani: residenza sanitaria assistenziale, centri diurni integrati, mini alloggi protetti, comunità residenziale per anziani).

 

BERGAMO: DANILO MINUTI

43 anni, residente a Bergamo nel quartiere di Borgo Santa Caterina. Laureato in Scienze Politiche all’Università Statale di Milano con un Master in Management Sanitario presso la Scuola di Direzione Aziendale dell’Università Bocconi. Nel 2002 ha iniziato a lavorare in staff alla Direzione dell’Azienda ospedaliera Bolognini di Seriate e dal 2017 è funzionario direttivo presso l’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Dopo una lunga militanza in Azione Giovani - movimento giovanile di Alleanza Nazionale - è diventato prima Dirigente Provinciale e poi Nazionale di Alleanza Nazionale. Nel 2009 è stato nominato Assessore all’Istruzione, Sport e Giovani del Comune di Bergamo nella Giunta del Sindaco Franco Tentorio per poi contribuire a fondare un movimento civico cittadino e provinciale vicino al centrodestra con il quale è stato eletto (risultando tra i più votati di tutta la città) al Consiglio Comunale di Bergamo sia nelle elezioni del 2014 che in quelle del 2019 (tutt’ora in carica).

 

VARESE: MAURIZIO MONTALBETTI

Nato a Varese l’8 settembre 1987, arcisatese ma residente a Besano dove vive con la moglie e il figlio. Lavora a Varese dove svolge la professione di Avvocato ed è appassionato di Karate, di cui è istruttore. All’età di 21 anni diventa Consigliere Comunale ad Arcisate per la lista “Pdl – Lega” e ricopre il ruolo di Presidente della Commissione Ecologia e Territorio. Nelle elezioni successive, anno 2014, viene nuovamente eletto per la lista “centrodestra Arcisate” e durante il mandato ha ricoperto il ruolo di Assessore (con deleghe prima ai Lavori Pubblici, poi all’Edilizia Privata e Urbanista e per tutto il periodo anche alle Manutenzioni e Viabilità). Attualmente è Consigliere comunale di opposizione e Capogruppo del Gruppo Consigliare che ha preso il nome di “Arcisate Ideale”.

 

PAVIA: FRANCESCO MANTOVANI

Nato a Milano 56 anni fa, residente a Pavia. Il suo percorso politico inizia con l'adesione ad Alleanza Nazionale dalla sua nascita dove ha ricoperto diversi incarichi. Nel 2014 entra nella squadra della Lega di Pavia e nella primavera di quest'anno, in occasione delle elezioni amministrative di Pavia, viene incaricato di coordinare la lista civica Pavia Ideale – Fracassi Sindaco, di cui è attualmente referente cittadino. Diplomato Ragioniere perito commerciale si occupa da più' di vent'anni di logistica editoriale e ha lavorato per importanti editori come Feltrinelli.

 

 

 

Milano, la corte d'appello sancisce il divieto di circolare a volto coperto, no al Burqua nei luoghi pubblici

 “La Corte d’Appello di Milano dà ragione a Regione Lombardia: del tutto ragionevole e giustificato consentire la possibilità di identificare le persone che accedono in luoghi pubblici”.


Lo scrive sul suo profilo Facebook il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana

commentando la notizia diffusa ieri dall’assessore alla Sicurezza, Riccardo De Corato, e ripresa da molti media. In pratica la Corte d’Appello ritiene corretta la delibera della Regione Lombardia che vieta l’ingresso alle donne con il volto coperto dal velo e/o Burqua in luoghi pubblici.

La Corte ha confermato quanto già stabilito con sentenza il 20 aprile 2017 in primo grado dal Tribunale di Milano e cioè “il divieto di ingresso a volto coperto posto nella delibera appare giustificato e ragionevole alla luce della esigenza di identificare coloro che accedono nelle strutture indicate, poiché si tratta di luoghi pubblici, con elevato numero di persone che quotidianamente vi accedono per usufruire di servizi; pertanto è del tutto ragionevole e giustificato consentire la possibilità di identificare i predetti fruitori dei servizi”.

 

Fonte: Lomb Not

Carne che passione! La Lombardia traina l'allevamento dei bovini in Italia. Presentata la fiera di Rovato, testimonial l'antivegano Cruciani. Fontana: "Tradizione che valorizziamo". Rolfi: "Da noi sicurezza assoluta, comunichiamolo bene" (VIDEO)

Presentata a Palazzo Pirelli la 130esima edizione della tradizionale fiera regionale di animali da carne bovina, equina e ovicaprina, che si svolgerà a Rovato (Brescia), dal 6 all'8 aprile. Parlano il governatore lombardo, l'assessore all'Agricoltura e Alimentazione e il popolare giornalista, noto per i suoi scontri con gli integralisti veg - (VIDEO)

Risultati immagini per lombardia carne

"In Lombardia si allevano circa 1.500.000 capi bovini pari al 25% della consistenza a livello nazionale. Circa 500.000 sono le vacche in lattazione e 200.00 i vitelli da macello (sotto 1 anno di età) pari, questi ultimi, al 40% a livello nazionale. Gli allevamenti lombardi sono oltre 12.600". Sono i dati diffusi dall'assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, durante la conferenza stampa di presentazione della manifestazione 'Lombardia Carne' tenutasi a Milano a Palazzo Pirelli. La tradizionale fiera regionale di animali da carne bovina, equina e ovicaprina, giunta alla sua 130esima edizione, si svolgerà a Rovato (BS), dal 6 all'8 aprile e vede come testimonial Giuseppe Cruciani. 

FONTANA: MANIFESTAZIONE DA SOSTENERE E VALORIZZARE - "Oltre a rappresentare un comparto rilevante dal punto di vista economico - ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana - la fiera 'Lombardia Carne' di Rovato assume un significato molto importante per la tradizione e la cultura che noi abbiamo sempre portato avanti e valorizzato. L'iniziativa è certamente da sostenere perché esalta il valore della nostra storia e delle nostre radici". 

CONCORSI E SHOW COOKING IN FIERA - Durante la tre giorni ci sarà gran spazio per convegni, prodotti del settore zootecnico, gara di tosatura, scuola di equitazione e mostra mercato equina, bovina, ovicaprina i cui capi parteciperanno al concorso che
premia oltre 40 categorie di bestiame. Previsti inoltre una mostra mercato della macchina ed attrezzature agricole, il concorso 'el salam pio bu de la Franciacurta' e show cooking con carni rovatesi. Il manzo all'olio di Rovato De.Co. sarà al centro di un concorso aperto a famiglie, massaie ed appassionati di cucina.

BRESCIA LEADERSHIP ALLEVAMENTI E NUMERO CAPI - "In Lombardia - ha aggiunto l'assessore regionale all'Agricoltura - la provincia di Brescia detiene la leadership sia in termini di allevamenti (28%) che in numero di capi (32%) ed ha un grosso peso anche nell'allevamento da carne, in quanto circa il 47% dei vitellini sotto i sei mesi allevati nella regione ricadono nel bresciano".


LOMBARDIA PRIMA PER IMPIANTI MACELLAZIONE E LAVORAZIONE CARNE - "La Lombardia - ha concluso l'assessore - oltre ad essere la prima regione italiana per presenza di allevamenti zootecnici spicca anche per la presenza di impianti di macellazione, lavorazione e trasformazione delle carni. Nella nostra regione si macellano oltre un quinto dei bovini nazionali con una punta del 46% delle vacche a fine carriera". All'incontro hanno inoltre preso parte il primo cittadino di Rovato, il testimonial dell'evento Giuseppe Cruciani, rappresentanti della Confraternita del manzo all'olio, di Confagricoltura e Coldiretti.

(Fonte: Lombardia Notizie)

Risultati immagini per lombardia carne

Autonomia, Fontana: "Troppe fake news". Ecco la verità della Lombardia sulla rivoluzione delle regioni

"Troppe fake news sull'autonomia". Lo afferma con forza il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, che venerdì ha presieduto gli "Stati Generali" del Patto per lo sviluppo con gli stakeholders (tra questi Confcommercio, Confindustria, Coldiretti, Anci) con al centro il percorso verso l'autonomia differenziata. Durante i lavori, il governatore lombardo ha presentato una serie di slide per confutare le tesi di chi vede il rischio di una sorta di secessione delle regioni più ricche da quelle più povere. "Al contrario sottolinea Fontana - applicando alla lettera il dettato Costituzionale, con l'autonomia saranno utilizzate le stesse risorse oggi spese dallo Stato e non un euro in più sarà sottratto agli altri. Anzi garantiremo maggiore efficienza dei servizi a parità di risorse e il rapporto con i cittadini sarà semplificato".


AUTONOMIA: Ecco cosa si dice di falso e cosa c'è di vero secondo Regione Lombardia

 

Dicono che mira alla secessione delle regioni più ricche da quelle più povere: FALSO

La Costituzione è applicata alla lettera: VERO

 Oggi

• Le inefficienze sono difficili da trovare e i responsabili degli sprechi impossibili da individuare • Sono necessari interventi straordinari per ripianare i dissesti e i debiti

• La distribuzione delle risorse in base alla spesa storica penalizza gli enti virtuosi

 Con l’Autonomia

• Saranno utilizzate le stesse risorse oggi spese dallo Stato. Non un euro in più sarà sottratto agli altri

• Sarà garantita maggiore efficienza dei servizi a parità di risorse

• Sarà semplificato il rapporto con i cittadini


 Dicono che si rompe la solidarietà all’interno dell’unità nazionale: FALSO

Saranno utilizzate le stesse risorse oggi spese dallo Stato. Non un euro in più sarà sottratto agli altri: VERO

Oggi

• Duplicazioni di compiti e funzioni, sprechi

• Alta conflittualità tra le istituzioni con la conseguenza che le decisioni sono prese con sentenze della magistratura

 Con l’Autonomia

• Definizione di funzioni e responsabilità

• I tempi e costi sono dimezzati: è chiaro chi fa cosa e i servizi sono più efficienti

• I cittadini potranno giudicare e criticare l’operato degli eletti

• Cancellati sprechi e duplicazioni


 Dicono che si rompe l’unità del sistema dell’istruzione: FALSO

Valorizza il mondo della scuola imponendo qualità e livelli di servizi migliori: VERO

 Oggi

• I docenti e il personale sono mal pagati e diverse classi restano per mesi senza insegnati

• L’istruzione è distante dalle esigenze del mondo del lavoro

 Con l’Autonomia

• Sarà possibile la stabilizzazione di cattedre e insegnanti

• Saranno garantite migliori retribuzioni per insegnanti e operatori in cambio di qualità nei servizi

• Sarà favorita l’integrazione col mondo del lavoro


 Dicono che si frammenta il sistema universitario: FALSO

…che già opera in piena autonomia: VERO

 Oggi

• Il sistema universitario spesso lontano dal mondo del lavoro

• Immobilismo nei ruoli accademici

• Carenza di strutture universitarie

 Con l’Autonomia

• Miglioramento dell’edilizia universitaria e delle residenze universitarie

• Miglior raccordo tra università, centri di ricerca nazionali e mondo professionale

• Adeguamento degli organici con integrazione salariale a livello regionale

• Maggiore mobilità del personale docente e dei ricercatori


Dicono che si rompe l’unità del sistema sanitario: FALSO

Da oltre 30 anni la sanità è già organizzata su base regionale: VERO

 Oggi

• Le regole nazionali bloccano le assunzioni e la crescita dei servizi

• Non si affronta il fenomeno del “turismo sanitario” dal Sud al Nord

 Con l’Autonomia

• Responsabilità nella spesa quindi minori costi

• L’assistenza sociale sarà integrata con quella sanitaria

• La diminuzione dei costi consentirà di azzerare i ticket

• Verranno rimossi i vincoli all’assunzione di medici e personale sanitario


 Dicono: e il residuo fiscale?: FALSO

Non un euro sarà sottratto agli altri: VERO

 Oggi

• Dal 2008 le manovre finanziarie del Governo hanno progressivamente ridotto l’autonomia degli enti locali e delle regioni in una chiave di forte centralismo

• I controlli sono diventati più invasivi, riducendo i confini di quella responsabilità in capo agli amministratori locali che invece i cittadini chiedono sempre di più

 Con l’Autonomia

• Saranno utilizzate le stesse risorse oggi spese dallo Stato

• Sostituiamo il criterio della spesa storica con quello dei costi standard che obbliga ad una maggiore efficienza

• Più risorse per gli investimenti dei Comuni


 Dicono che c’è il rischio di un centralismo a livello regionale: FALSO

Il vero centralismo è quello dello Stato che ha sempre penalizzato i Comuni, le Province e le Regioni: VERO

 Oggi

• Il vero centralismo è quello dello Stato che ha massacrato gli enti locali azzerando la capacità di fare investimenti comprimendone l’autonomia regolamentare; Province, Città Metropolitane, Comuni e Regioni sono stati messi nella condizione di non poter far nulla e sull’orlo del dissesto finanziario ed organizzativo

 Con l’Autonomia

• Il debito dello Stato continua ad aumentare, quello di Comuni, Province e Regioni diminuisce

• Più risorse e autonomia gestionale per i Comuni e Province

• Gli obiettivi sono stati condivisi con tutti: enti locali, mondo produttivo, Università

• Si apre una stagione costituente in cui si rafforzano le autonomie di Comuni, Province e Città Metropolitane per rispondere in modo più adeguato alle domande delle comunità locali

Ecco Lombardia Ideale, il movimento salviniano del territorio che apre le porte ai non leghisti. Tutte le nostre interviste (VIDEO)

(VIDEO) - Un'iniziativa per valorizzare ciò che già c'è e favorire qualcosa che ci sarà domani, un progetto pragmatico ma ambizioso, anche se lo stesso Attilio Fontana, il governatore lombardo attorno alla cui figura è sorto, per spiegarlo utilizza lo stile sobrio che lo caratterizza. "Oggi non nasce un nuovo movimento - ha spiegato durante la presentazione a Palazzo Pirelli -, Lombardia Ideale è piuttosto l'evoluzione della Lista Fontana, fatta da tanta gente che, dopo le elezioni, pur non riconoscendosi nei partiti tradizionali, ha manifestato la volontà di proseguire quel percorso politico amministrativo. Gente che condivide i valori di fondo della Lega e di Salvini che sono anche quelli che stiamo portando avanti in Regione". I temi sono molto concreti e tipicamente lombardi: "Vicinanza al mondo imprenditoriale, sostegno all'innovazione, rilancio della ricerca e della formazione continua, ma anche realizzazione delle infrastrutture necessarie al nostro territorio", ha detto Fontana per poi ricordare l'importante partita dell'Autonomia, "della Regione dallo Stato, ma anche delle Province e dei Comuni che devono poter avere le risorse necessarie per promuovere lo sviluppo dei territori".

Le nostre interviste al presidente Attilio Fontana, Giacomo Cosentino, Paolo Grimoldi e Roberto Anelli

Nasce Lombardia Ideale, il nuovo movimento del governatore Fontana. Così Salvini rassicura il Nord e getta le basi per qualcosa di nuovo

Lombardia Ideale – Fontana Presidente: è questo il nome del nuovo movimento politico che verrà ufficialmente presentato mercoledì 6 febbraio alle 11.30 a Milano, nella Sala del Gonfalone di Palazzo Pirelli.

Sarà proprio il governatore Attilio Fontana a illustrare scopi, idee e obiettivi dell'iniziativa. Insieme a lui esponenti storici del Carroccio come Paolo Grimoldi, deputato e segretario lombardo e Roberto Anelli, presidente del gruppo consiliare della Lega in Regione. interverrà inoltre Giacomo Cosentino, capogruppo della lista "Fontana presidente" al Pirellone. Sono attesi però per l'occasione figure provenienti da altri partiti del centrodestra che si riconoscono nel progetto, che nelle intenzioni, oltre alla tutela degli interessi lombardi, vuole essere un laboratorio politico. Mercoledì ne sapremo di più.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C