Giro d’Italia a Genova, il sindaco vuole che le vittime del ponte Morandi siano ricordate così

Avantgardia

Il 19 maggio il Giro d’Italia partirà da Parma e arriverà a Genova. Per la prima volta nella storia della competizione la ‘corsa rosa’ potrebbe transitare su un tratto di autostrada. Il Comune di Genova sta lavorando con Rcs, Aspi e autorità per far passare la gara sul ponte San Giorgio, il viadotto costruito al posto del ponte Morandi crollato il 14 agosto 2018 e costato la vita a 43 persone.

“Per ora è un’ipotesi, ma speriamo di poterlo confermare molto presto – dice il sindaco Marco Bucci – non sarà semplice ma neppure impossibile, io credo che basterà chiudere il tratto di autostrada per qualche ora”. La tappa genovese, una delle due che toccheranno la Liguria (l’altra è la Sanremo – Cuneo, il 20 maggio) avrà molti saliscendi: il passo del Bocco, la Ruta di Camogli, il monte Becco ma sembra che gli organizzatori abbiano invece preferito rinunciare al troppo rischioso Monte Fasce.

Ed è anche grazie a questa modifica che l’opzione ponte ha scalato posizioni. Il percorso dovrebbe vedere attraversare il viadotto da ponente verso levante. La carovana rosa arriverebbe da Nervi sull’Aurelia, percorrerebbe la sopraelevata e le vie lungomare Canepa e Guido Rossa per poi fare ingresso al casello di Genova Aeroporto e uscire a Genova Ovest. Di lì, raggiungere il pieno centro per il traguardo di tappa.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart