updated 10:48 AM UTC, Jul 23, 2021

CHI ASSAGGIA? - I Numeroso, tre secoli di storia per i gioielli del vino campano. Scopriamo "I Borboni", dove l'Asprinio regna sovrano

I Borboni e la famiglia Numeroso, una storia nata nella seconda metà del ‘700 I Borboni e la famiglia Numeroso, una storia nata nella seconda metà del ‘700

Rubrica a cura di Andrea Sala, Advanced Sommelier – Court of Master Sommelier, dedicata ai piccoli produttori di vini di qualità del meraviglioso territorio italiano


Andrea Sala

Andrea Sala

I Numeroso, l’amore verso l’Asprinio e la loro cantina I Borboni

 Nessuna descrizione della foto disponibile.

La famiglia Numeroso è originaria della Campania nella zona di Caserta, dove sino dalla seconda metà del ‘700 è proprietaria di 20 ettari di terreno vitato.

Nella zona di Caserta, dove i Numeroso hanno le vigne, si coltiva una varietà di uva a bacca bianca autoctona dal nome Asprinio. Dalla metà del ‘700 sino al ‘900 la famiglia vendeva l’uva ad altre aziende, le quali utilizzavano l’Asprinio per produrre vini spumanti in generale insieme ad altri prodotti come il brandy e l’aceto.

Il vitigno Asprinio è una varietà di uva autoctona campana diffuso maggiormente nella zona di Caserta. L’uva si distingue per un naturale alto livello di acidità che lo rende particolarmente adatto alla produzione di vini spumanti e un altro aspetto che rende particolare questo vitigno è il suo sistema di coltivazione in vigna. Tradizionalmente, la varietà Asprinio è coltivata con il sistema di allevamento che ha le viti maritate con pioppi o olmi.

Questo tipo di allevamento favoriva maggiormente la produzione di grandi quantità d’uva che poi veniva rivenduta ad altre aziende, come fece la famiglia Numeroso inizialmente. I Numeroso ad un certo punto però ebbero un nuovo sviluppo aziendale che non li vedeva più come conferitori di uva ad altri. Grazie al suggerimento di un amico, Gabriele Lovisetto, agli inizi degli anni ’70 decisero di provare a produrre i propri vini spumanti con le uve di loro proprietà.

Oggi - I Borboni

Conseguentemente la famiglia cambiò il sistema di allevamento, passando dalla classica vite maritata ai pioppi a sistemi di allevamento più moderni e focalizzati sulla produzione di uve di qualità, adottando così il sistema Sylvoz. In ogni caso alcuni vigneti vennero lasciati con la tradizionale vite maritata ai pioppi ed oggi sono usati per la produzione dei vini spumante (controllando però le rese di uva in pianta), mentre le uve provenienti dal sistema Sylvoz vengono maggiormente utilizzate per i vini fermi.

I primi risultati ottenuti dalla produzione di vino furono soddisfacenti per la famiglia, tanto che nel 1982 registrarono il marchio “I Borboni” in onore al popolo meridionale, chiamato così in passato. Nacque così ufficialmente la cantina vinicola che oggi noi conosciamo.

L’azienda vinicola I Borboni è stata molto importante per la tipologia di vino che è conosciuta come Asprinio di Aversa. La famiglia Numeroso essendo produttrice da sempre della varietà Asprinio ha voluto investire tutte le energie nella produzione di questa fantastica varietà, preservandola così dall’estinzione. I Numeroso contribuirono a far dedicare a questa varietà prima una IGT e più tardi nel 1993 la denominazione DOC, secondo il nome di Asprinio di Aversa. Finalmente questa storica uva fu coronata per la sua particolare identità e qualità.

Nel tempo, nella cantina I Borboni furono apportati miglioramenti e introdotti nuovi progetti dalle diverse generazioni che condussero l'azienda. Alla fine degli anni ’90 la vecchia casa di famiglia costruita su una grotta di tufo fu ristrutturata rispettando lo storico stile e ad oggi è utilizzata come cantina.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

La produzione del vino Asprinio avviene utilizzando appunto le grotte scavate in profondità di tufo come spazi per la vinificazione e conservazione per via della perfetta temperatura e umidità costante durante tutto l’anno. Oltre ai vini a base Asprinio l’azienda produce altri vini con uve campane autoctone come: Coda di Volpe, Falanghina e Aglianico.

La famiglia Numeroso ad oggi possiamo dire che è riuscita nell’obiettivo di mantenere viva la tradizione di produrre i vini con il vitigno Asprinio, mantenendo uno sguardo verso il futuro, grazie alle nuove generazioni, per far conoscere maggiormente il vino e la denominazione Asprinio di Aversa pur preservando sempre la vera identità.

 Spumante Brut

NV Spumante Brut – Asprinio VSQ

Tipologia: Vino bianco spumante

Vitigno: Asprinio

Produzione: Metodo Martinotti (o Charmat) e sosta di 8 mesi sui lieviti

Prezzo:  15,90 euro 

Vino giallo paglierino brillante con perlage fine e persistente. I profumi al naso sono fragranti con sentori di lime, mela verde e citronella. Il sorso è dinamico, decisa acidità e mousse delicata in bocca. Finale gustativo con sensazioni agrumate.

 Vite Maritata

2020 Vite Maritata – Asprinio di Aversa DOC

Tipologia: Vino bianco fermo

Vitigno: Asprinio

Produzione: Vinificato in acciaio e maturazione di 6 mesi sulle fecce fini

Prezzo:  13,80 euro 

Colore giallo paglierino con riflessi verdolini Sentori di scorza di limone, melone bianco e fiore d’arancio. Palato di buona freschezza con sentori minerali. Ottimo finale gusto olfattivo, in evidenza aroma di mela bianca e pompelmo giallo.

Santa Patena

2018 Santa Patena – Asprinio di Aversa DOC

Tipologia: Vino bianco fermo

Vitigno: Asprinio

Produzione: Vinificato in acciaio e maturazione di 12 mesi sulle fecce fini

Prezzo:  22 euro 

Giallo paglierino cristallino di buona intensità. Agrumato con sentori di pompelmo giallo poi continua con profumi di pesca bianca, verbena e fieno. Ottima tensione acida al palato con richiami salini. Buona persistenza gustativa con finale su note di menta fresca, timo e limonata.

Nessuna descrizione della foto disponibile.                                                           

Altri vini da provare: Frizzante, Luna Janca, Numeroso, Vulpis Falanghina, Vulpis Aglianico, Ebro.

 

Andrea Sala

Advanced Sommelier - Court of Master Sommeliers

 

Ultima modifica ilLunedì, 19 Aprile 2021 16:31

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.