APOCALISSE?

In evidenza APOCALISSE?

E se fosse questo il motivo di tutto questo caos? (parte 1)


Moltissime culture e civiltà descrivono profezie e predizioni che sembrano descrivere il nostro tempo attuale, dai nativi americani (Hopi in particolare), alle culture Maya e Inca, a quelle egizie o indiane fino ad arrivare a quella che ci tocca più da vicino: quella cristiana.

Al contrario di quello che la maggior parte delle persone crede, il termine apocalisse non significa “distruzione“, ma, deriva dal greco ἀποκάλυψις (apokálypsis), composto di ἀπό apó ("da") e καλύπτω kalýptō ("nascondo"), significa un gettar via ciò che copre, un togliere il velo, letteralmente scoperta o disvelamento, rivelazione!

Il concetto sembrerebbe essersi originato presso gli ebrei che parlavano greco, per poi passare ai cristiani che lo svilupparono ulteriormente.

L'inconscio collettivo è stato dunque mal programmato ad associare a questa parola un significato distruttivo, mentre invece la parola Apocalisse come abbiamo visto, ha un significato molto interessante, che ora cercheremo di rivedere insieme.

Tutte queste profezie in poche parole descrivono il tempo che stiamo vivendo e che verrà come una sorta di rinascita, che origina da una rivelazione, come se finalmente ci fosse rivelato un segreto tenuto nascosto da eoni!

Cosa significa dunque tutto questo? Di che “velo” si sta parlando?

Vorrei iniziare da un osservazione del calendario Maya.. Vi ricordate che nel 2012 in moltissimi annunciarono la “fine del mondo”? In realtà apparentemente non successe nulla e in molti rimasero quasi “delusi” da tutto ciò, nessuna catastrofe e nessuna improvvisa “illuminazione” dell'umanità.

In realtà il termine “mondo” ha un significato diverso da Terra, quindi per i Maya fine del mondo non significava distruzione del pianeta Terra, ma fine di un “modo di vivere”(mondo) e inizio di un nuovo modo di vivere dell'umanità.

Quella data infatti segnava l'ingresso nell'Era dell'Acquario e la fine dell'Era dei Pesci. Ogni era dura circa 2300 anni e si dice che nell'arco di quel tempo, l'umanità sperimenti diverse lezioni spirituali.

Dunque sembrerebbero attenderci come umanità, nuove lezioni spirituali, nuove sperimentazioni!

Dobbiamo renderci conto però, che questi cambiamenti non avvengono da un giorno all'altro, ma necessitano di cicli generazionali. Basti pensare ai cambiamenti incredibili che ci sono stati negli ultimi 30 anni con l'evolversi dell'informatica e l'elettronica. Lo stile di vita di 100 anni fa, era molto più simile a quello di 2000 anni fa, piuttosto che a quello di oggi dove sono cambiati completamente i ritmi, le esigenze e le visioni della vita.

Questo repentino cambiamento sta portando dunque un caos enorme, poiché tutto si deve destrutturare: credenze, superstizioni e abitudini a livello religioso, sociale, culturale, medico e scientifico. Mentre attraversiamo questo cambiamento ovviamente vi sono dei sobbalzi interiori e esteriori enormi. Il discorso del Covid, per esempio, potrebbe chiaramente fare parte di questo processo, essere una sorta di catalizzatore e acceleratore di questo processo di cambiamento.

Nella prossima seconda parte dell'articolo vedremo nello specifico quali sono i punti di questo cambiamento rivelatorio in modo da prendere coscienza di come poter facilitare e partecipare attivamente a questa apocalittica transizione alla nuova Era.

 

Carlo Zanni 

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.