updated 9:08 AM UTC, Mar 1, 2021

Coronavirus, la Lombardia sospende le tasse regionali fino al 31 maggio. L'assessore Caparini spiega tutto

Proroga al 30 giugno 2020, senza applicazione di sanzioni ed interessi, del bollo auto e dell'Irap, la tassa che riguarda le imprese. La delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta del presidente Attilio Fontana di concerto con l'assessore regionale al Bilancio, Finanza e Semplificazione Davide Caparini


È sospeso fino al 31 maggio in Lombardia il pagamento delle tasse regionali, comprese bollo auto e Irap. È quanto prevede la delibera approvata dalla giunta su proposta del governatore Attilio Fontana di concerto con l'assessore al Bilancio Davide Caparini. I pagamenti e i versamenti sospesi potranno essere effettuati in un'unica soluzione entro il 30 giugno 2020, senza l'applicazione di sanzioni ed interessi, salvo ulteriori proroghe legate allo sviluppo dell'emergenza coronavirus.

"Il provvedimento - specifica Caparini - riguarda gli adempimenti tributari e i termini dei versamenti che scadono nel periodo compreso tra l'8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020 per chi ha il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa in Lombardia, limitatamente all'Irap, addizionale regionale Irpef, Bollo Auto, Ecotassa e Tassa sulle Concessioni (tributi regionali non amministrati in Convenzione con l'Agenzia delle Entrate). In caso l'emergenza si protrarrà prenderemo nuovi provvedimenti di proroga. Come sempre troverete tutte le informazioni sulla pagina Tributi del Portale di Regione Lombardia www.tributi.regione.lombardia.it". La delibera, chiarisce l'assessore, "sospende il pagamento dei tributi fino al 31 maggio mettendo al riparo dalla decadenza della eventuale rateizzazione degli importi dovuti"

Coronavirus, Fontana: "In Lombardia rallentamento costante dei contagi, ma non molliamo la presa". E oggi a Bergamo arrivano 150 operatori sanitari russi (VIDEO)

L'ordinanza della Regione Lombardia che prevede misure più restrittive rispetto a quelle contenute nell'ultimo Decreto della Presidenza del consiglio dei ministri "resterà in vigore per 10 giorni a partire da domenica scorsa", giorno della sua approvazione da parte della giunta regionale. Lo ha sottolineato oggi il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana facendo il punto sull'emergenza coronavirus. Il governatore ha aggiunto: "Poi deciderà il presidente del consiglio se intende confermarli o revocarli" - (VIDEO)


Risultato immagini per attilio fontana

I numeri del coronavirus in Lombardia sembrano continuare a rallentare. Lo ha detto il governatore Attilio Fontana, al punto stampa di oggi. "Questa sensazione di rallentamento della crescita nei numeri è costante, ma non dobbiamo assolutamente mollare la presa, anzi diamo una motivazione in più ai cittadini a restare in casa", ha spiegato. "Con queste misure i risultati si portano, se dovessimo alzare il piede sarebbe un disastro", ha aggiunto.

Fontana ha spiegato che i divieti più stringenti dell'ordinanza della Regione Lombardia valgono per dieci giorni, a partire da domenica scorsa, quando sono stati emanati. "Non abbiamo ricevuto ancora - ha detto - formalmente il decreto, è inutile fare valutazione su testi che sono bozze e non si sa quanto fondati siano, l'unica cosa certa che risulta da tutte le bozze è che i provvedimenti già in essere alla data di entrata in vigore del dpcm rimangono in vigore per dieci giorni". Dunque, "l'ordinanza della Regione di domenica per dieci giorni è in vigore, salvo che poi venga confermata e revocata dal presidente del consiglio. Tutti i divieti aggiuntivi rispetto al Governo, dalla chiusura degli alberghi a quella degli studi professionali, sono validi per altri dieci giorni, a partire da domenica".

"Oggi alle 19 arrivano un gruppo di medici e di operatori sanitari inviati dalla Russia", ha detto Fontana. "Arriveranno a Bergamo, sono in tutto circa 150 uomini che daranno una mano in una serie di attività di sostegno: ci sono medici, infermieri, persone destinate alla sanificazione". Andranno all'ospedale da campo che stanno costruendo gli alpini: "Sono tutti specialisti, anestesisti, epidemiologi, persone molto qualificate che potranno sgravare i nostri medici".

Coronavirus, scatta il divieto totale di spostamento dal Comune da cui ci si trova. Stop all'esodo verso le Regioni del Sud Italia

Da oggi è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in Comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Lo stabilisce l'ordinanza, adottata congiuntamente dal ministro della Salute e dal ministro dell'Interno per l'emergenza coronavirus, che rimarrà efficace fino all'entrata in vigore di un nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri, di cui all'articolo 3 del decreto legge numero 6/2020


"In merito al divieto di spostamenti sul territorio nazionale, è opportuno che i cittadini sappiano che già da oggi il Ministero dell'Interno e quello della Salute hanno sancito, con l'art. 1 e l'art 2 di una apposita ordinanza appena emessa, il divieto di 'esodo' verso le regioni del Sud Italia e, in generale, inibito gli spostamenti al di fuori della propria residenza". E' quanto sottolinea il sottosegretario all'Interno, Carlo Sibilia. "Una misura che intende scongiurare – spiega Sibilia - un nuovo esodo che potrebbe compromettere gli effetti delle misure restrittive, messe in campo dal Governo per limitare la diffusione del Covid-19. Ancora una volta, invitiamo i cittadini ad attenersi a queste disposizioni in primis per la propria salute e poi per quella di tutti i loro cari e tutti i cittadini italiani: per il momento la priorità è la salvaguardia della nostra salute, più rispettiamo le regole e prima usciremo da questa situazione". Teniamo duro" conclude il sottosegretario. 

Al momento, come spiega il Corriere, chi contravviene al divieto rischia la denuncia per l'articolo 650 del codice penale che prevede l'arresto fino a tre mesi e l'ammenda. Il governo sta però valutando anche la possibilità di emanare un nuovo provvedimento con sanzioni più severe.

Coronavirus, ecco TraceTogether, l'app "anticontagio" di Singapore: come funziona (VIDEO)

Si chiama TraceTogether ed è l'app che Singapore schiera per contenere la diffusione del coronavirus. "Se siete stati in contatto con un caso di Covid-19, a prescindere se conosciate la persona, TraceTogher permette di chiamarvi rapidamente. Essere contattati in tempi brevi permette di proteggere le persone che vi circondano, riducendo la diffusione del Covid-19", si legge sul sito allestito dal governo per favorire l'utilizzo dell'app. Il video esplicativo indica i passi da compiere: scaricare l'app e attivare il Bluetooth sul proprio smartphone. "Tutto qui", secondo le istruzioni. Come funziona l'app? "TraceTogether usa il Bluetooth per determinare quando uno smartphone è vicino ad un altro apparecchio sul quale sia stata installata l'applicazione. I due telefoni si scambiano ID anonimi, i dati vengono criptati e conservati esclusivamente sul vostro smartphone". Se un utente risulta positivo al Covid-19, a lui o a lei verrà chiesto di fornire i dati" registrati dall'app. Si tratta di "una lista di ID anonimi a cui il telefono" del soggetto contagiato "si è avvicinato. Tutto qui: nessuna geolocalizzazione, né vengono raccolti dati personali". "Gli ID anonimi aiuteranno i 'tracers' a rintracciare velocemente le persone ad alto rischio contagio, a fornire cure e a prevenire il rischio di diffusione del virus". Il tutto è scaricabile sia per sistemi Android (Google Play Store) che per iOS (Apple)

 

Coronavirus, il mantra di Salvini: "Chiudere tutto". La mancata risposta di Conte, il colloquio con Mattarella, la linea leghista in 5 punti (VIDEO)

Il leader leghista da giorni ribadisce la sua ferma posizione che pare non ricevere ascolto da parte del governo e del premier Conte. Il filo diretto con governatori e sindaci, l'appello a Mattarella e l'attacco all'Europa "che dorme". Infine la richiesta di tenere aperto il Parlamento: "Abbiamo voglia di portare a Roma idee, proposte, soluzioni e contributi". Il suo appello - (VIDEO)


Risultato immagini per matteo salvini

"Presidente ci rivolgiamo a lei perché altri non ci ascoltano, per chiedere a nome di milioni di italiani cinque interventi immediati". Lo dice il segretario della Lega Matteo Salvini rivolgendosi al capo dello Stato in un video pubblicato sui social. "Presidente Mattarella ci affidiamo a lei, visto che altri non sembra che abbiano voglia e tempo di ascoltarci", sottolinea il leader del Carroccio, prima di illustrare i cinque punti legati all'emergenza Coronavirus.

"Primo: chiudere tutte le attività che non sono vitali per il paese. E' il momento di chiudere tutto e mettere in sicurezza la vita dei nostri figli. Due: obbligare il governo a fornire mascherine, dispositivi di protezione e tutto il materiale sanitario necessario ai nostri operatori, medici in trincea e forze dell'ordine. Non è possibile morire come servitori di uno Stato che ti dimentica. Tre: tranquillizzare tutti gli imprenditori e lavoratori garantendo un anno di pace fiscale, moratoria fiscale e sospensione di tutte le tasse locali e statali per tutto il 2020".

E ancora: "Quattro: svegliare un'Europa che dorme e che si ricorda dell'Italia e dei cittadini europei solo quando si tratta di incassare. Cinque: riaprire il parlamento. Abbiamo voglia di portare a Roma idee, proposte, soluzioni e contributi".

Ieri in una nota della Lega si leggeva: "Matteo Salvini ha chiamato oggi pomeriggio il presidente del Consiglio, nello spirito di una costruttiva collaborazione per superare la crisi e migliorare i decreti che saranno presto all’esame del Parlamento". "Non avendo ricevuta risposta, fatto più che comprensibile visti i momenti di impegno da parte di tutti, riproverà ancora". Salvini aveva annunciato nel corso di un collegamento dalla Regione Lombardia con SkyTg24, l'intenzione di chiamare Conte: "Chiameremo noi, non stiamo qui a fare i bambini, abbiamo dei problemi da risolvere" - aveva affermato. "Ho detto ieri a Mattarella che nel decreto ci sono 127 articoli, vogliamo fare il nostro mestiere, risolvere e emendare". "Abbiamo tante proposte da fare"".

Tra le prime richieste avanzate dalla Lega c'è una stretta ulteriore sulle limitazioni. "Ci sono ancora troppe persone in giro, alcuni uffici aperti, imprese non strategiche aperte. La prima cosa da fare è chiudere tutto, non ci sono più posti letto negli ospedali", aveva ribadito Salvini. "Bisogna fare di più, è l'appello che i nostri governatori stanno lanciando al governo, altrimenti quando c'è di mezzo la salute bisogna anche rischiare e chiudere di propria iniziativa", aveva sottolineato Salvini.

"Io sono qua nella sede di Regione Lombardia, chiederò alla stesso governatore Fontana, se non arrivassero risposte dal governo, di prendere l'iniativa di chiudere per tutelare la salute pubblica. Intanto agiamo noi".

Tutto va chiuso ma non il Parlamento. "La prima richiesta che facciamo a Conte e Mattarella - aveva detto il leader leghista - è che i parlamentari possano lavorare, che siano messi in condizioni di lavorare. I medici sono in ospedale, le cassiere al supermercato, i postini consegnano la posta", ricorda Salvini. "Noi siamo pagati per fare i deputati e senatori, chi è malato sta a casa, ma - insite - non si capisce perché Camera e Senato debbano restare chiuse".

Sul fronte economico Salvini boccia il fondo salva stati visto come una sorta di commissariamento del Paese. "Il Mes? No, Dio ce ne scampi, ci infileremmo in un tunnel in cui qualcuno - aveva affermato - ci obbligherebbe a fare su pensioni così, su ospedali così...".

Coronavirus, Renzi contro Boccia: "Indegno fare ironia sulle mascherine con quello che sta succedendo. Piuttosto ci spieghino..." (VIDEO)

Il videomessaggio social dell'ex premier e leader di Italia Viva sull'emergenza Covid-19. Critiche al ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, che in conferenza stampa col capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, aveva ironizzato sulle mascherine inadatte respinte dalla Regione Lombardia. Quindi un appello alla politica perché continui a lavorare: Il Parlamento non può stare a casa, la democrazia non chiude mai" - (VIDEO)


Matteo Renzi azzanna Borrelli e Boccia: basta gag, tirate fuori le mascherine

Matteo Renzi va all'assalto di Angelo Borrelli, capo della Protezione civile e commissario straordinario per l'emergenza Coronavirus, e del ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia. "Fare ironia sulle mascherine è assurdo, un atteggiamento indegno delle nostre istituzioni. A maggior ragione dopo ciò che sta accadendo sulle mascherine dalla Lombardia alla Sicilia e dopo le giuste proteste di Fontana e Musumeci", scrive su Facebook il leader di Italia VIva.

"La mancanza di protezioni è concausa del contagio più inaccettabile, quello del personale sanitario: medici e infermieri. Italia Viva presenterà una interrogazione parlamentare e un question time per sapere cosa sta facendo da settimane la protezione civile proprio sull’acquisto delle mascherine. Come funziona la direzione acquisti, quanto personale sta lavorando su questo settore strategico, che strategie di prevenzione sono state attivate? Serve trasparenza, servono risposte. Gli italiani accettano ogni sacrificio con spirito straordinario. Ma le Istituzioni devono rispondere". 

Coronavirus, il documento fake del ministero dell'Istruzione: "Scuole chiuse a data da destinarsi. Studenti dell'ultimo anno insufficienti saranno bocciati". Furiosa la ministra Azzolina

Circola un documento falso con intestazione del ministero dell'Istruzione secondo il quale la scuole chiuderebbero fino a data da destinarsi e eventuali studenti con votazione insufficiente, che frequentano anche l'ultimo anno saranno bocciati. La ministra Laura Azzolina: E' vergognoso, denunceremo"


"Sta girando questo documento. È un falso! Il momento è delicato. E c'è ancora chi gioca in questo modo. Lo trovo vergognoso. Denunceremo. Intanto chiedo a tutti di seguire solo fonti ufficiali. Dove pubblichiamo tutto. E ringrazio quanti, nella stampa, ci stanno aiutando a dare informazioni corrette. Questo è il sito del Ministero www.miur.gov.it. e questa la sezione dedicata alle notizie sulla gestione dell'emergenza https://www.miur.gov.it/…/coronavirus-online-pagina-dedicat…". Lo scrive su Facebook la ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina (nella foto sotto), pubblicando il documento falso con intestazione del ministero dell'Istruzione secondo il quale la scuole chiuderebbero fino a data da destinarsi e eventuali studenti con votazione insufficiente, frequentanti anche l'ultimo anno scolastico dovranno ripetere l'anno.

Risultato immagini per laura azzolina

Coronavirus, Zaia tira dritto: "Non ritiro l'ordinanza. Serve chiusura totale come a Wuhan. La Costa Victoria? Non deve attraccare a Venezia" (VIDEO)

Non un passo indietro, anzi. Il governatore del Veneto si conferma forse il più attivo e intransigente nella lotta al Covid-19, anche a costo di andare avanti da solo. Così ha ribadito che nella sua regione si proseguirà con gli orari ridotti dei supermercati e negozi. "Non ritiro l'ordinanza - ha esordito nella conferenza stampa nella sede della Protezione Civile di Marghera -. Per me resta valida fino al 3 aprile, a meno che il governo il 25  marzo giorno di scadenza del Dpcm non decida misure più restrittive,  cosa che mi auguro". Per lui si tratta di un sacrificio per sconfiggere, assieme ai veneti, la battaglia contro il coronavirus - (VIDEO)


Risultato immagini per luca zaia

"Non ritiro l'ordinanza del Veneto. Per me resta valida fino al 3 aprile, a meno che il governo il 25  marzo giorno di scadenza del Dpcm non decida misure più restrittive,  cosa che mi auguro". Lo ha annunciato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, nel corso della quotidiana conferenza stampa nella sede della Protezione Civile di Marghera. "Ai veneti chiedo di rispettare le regole che abbiamo dato - ha sottolineato Zaia -. Non c'è nessuna volontà di prevaricare le persone, è un sacrificio che chiedo ma è una battaglia che dobbiamo fare in squadra".

E ancora: "In attesa del nuovo decreto del governo, la mia ordinanza resta valida fino al 3 aprile - ribadisce -, non c'è alcuna contrapposizione con quella scritta ieri sera dal ministro Speranza: quella del Veneto regolamenta le attività all'aperto consentite fino a 200 metri da casa che è meno 'limitante' della 'prossimità' decisa da ministro". "L'ordinanza del Veneto prevede la chiusura anche di negozi di alimentari e supermercati la domenica perché ci serve un giorno di calo della tensione, per evitare assembramenti davanti ai supermercati la domenica e per dare respiro anche agli addetti della grande distribuzione, alcuni dei quali sono risultati positivi al coronavirus, non permettendo quindi un giusto turn over ai colleghi", ha spiegato Zaia.

"Molti insistono per una chiusura totale, spero che il governo si decida finalmente in questa direzione. Capisco che si trovi in imbarazzo nei confronti di alcune regioni che non sono ancora in emergenza ma queste misure più restrittive serviranno anche a loro perché il virus non conosce confini e l'emergenza potrà toccare anche quelle regioni", sottolinea ancora nel punto stampa quotidiano. "Il 25 marzo scade il Dpcm del governo, spero che da oggi a quella data ci sia il tempo per discutere con le regioni le nuove misure in modo da arrivare ad un misure concordate e non ritrovarci il 25 marzo a mezzanotte con un testo di un nuovo decreto che non abbiamo nemmeno il tempo di leggere", ha auspicato.

Zaia ha quindi spiegato che "la chiusura totale come avvenuto a Wuhan vuol dire chiusura totale, anche delle aziende, a parte quelle strategiche come l'alimentare, logistica, farmaceutica. D'altra parte già oggi molte aziende hanno chiuso autonomamente e altre chiuderanno nei prossimi giorni".

"Le proiezioni che abbiamo sono preoccupanti. Ai cittadini chiediamo di darci una mano in questa partita", continua ancora Zaia che ha ricordato il 'bollettino di guerra' di oggi con 13.589 persone in isolamento, 249 in terapia intensiva, 1191 ricoverati, 4617 ricoverati 146 decessi". "Resto convinto, e lo vedo dai dati, che la vera cura siamo noi cittadini - ha sottolineato -. L'isolamento fiduciario è assolutamente quello che dobbiamo fare". "Penso che oggi sia fondamentale ringraziare i veneti per il senso di responsabilità dimostrato" ha spiegato ancora.

"Stiamo seguendo da vicino la vicenda della nave Costa Victoria e abbiamo dato la nostra totale indisponibilità all'attracco della Costa Victoria a Venezia", ha quindi annunciato il governatore. "Questo non perché siamo dei lazzaroni e non sappiamo cosa sia la solidarietà - ha sottolineato Zaia -, ma perché, sapendo che a bordo ci sono 1.400 persone e non sapendo quanti siano contagiati e abbiano bisogno di cure serie, non siamo nelle condizioni di poter far sbarcare tutte queste persone e garantire loro in maniera seria la sanità perché siamo in emergenza". "In ogni caso - ha spiegato - mi hanno assicurato che non arriverà a Venezia".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS