updated 9:08 AM UTC, Mar 1, 2021

Messa di Natale anticipata di due ore, i vescovi: "Si svolgerà nella piena osservanza delle norme". Vespa: "La Cei abbozza per quieto vivere, ma da povero cristiano mi chiedo..."

''Gesù nasce ogni giorno nel cuore dei credenti. Non credo che abbia problemi con l'orologio. La Cei abbozza per quieto vivere. Ma da povero cristiano mi chiedo come posso mettere in pericolo la salute pubblica se esco dalla Messa alle 24 invece che alle 22?''. Così Bruno Vespa su twitter sulle polemiche che si sono scatenate dopo l'ipotesi di un eventuale spostamento della Messa di Natale alle 22 a causa del coprifuoco anti-Covid. Intanto la Ue smentisce di voler vietare le celebrazioni "in presenza"


La Ue vuol cancellare la Messa di Natale - IlGiornale.it

Cosa hanno detto i vescovi - Le Messe di Natale si svolgeranno "nella piena osservanza delle norme", aveva detto mons. Mario Meini, pro-presidente Cei, introducendo il Consiglio permanente. "Se le liturgie e gli incontri comunitari sono soggetti a una cura particolare e alla prudenza, ciò non deve scoraggiarci - ha chiarito - in questi mesi è apparso chiaro come sia possibile celebrare in condizioni di sicurezza, nella piena osservanza delle norme. Siamo certi che sarà così anche nella prossima solennità del Natale e continuerà ad essere un bel segno di solidarietà con tutti".

La Ue non vuole vietare la messa di Natale - La Commissione europea "non intende proibire alcuna funzione religiosa", né avrebbe "la competenza per farlo". Al contrario, "la libertà di culto è prevista dalla Carta dei diritti fondamentali". Lo precisa all'Adnkronos il portavoce della Commissione europea Stefan de Keersmaecker, a proposito delle indiscrezioni riportate dalla stampa italiana circa le raccomandazioni che l'esecutivo Ue si appresta a diffondere domani, secondo le quali sconsiglierà le celebrazioni religiose in presenza, inclusa la Messa di Natale.

Il nuovo DCPM voluto fortemente dalla UE e dall'OMS

Le istituzioni europee hanno insistono fortemente sull'inasprimento delle restrizioni per evitare una chiusura totale


Dopo più di sei mesi di tentativi di dominare il coronavirus, l'attuale aumento dei casi in tutta Europa non è solo una minaccia per la salute, ma anche economica e sociale. Un mese fa, il 15 settembre, il Centro europeo per il controllo delle malattie (ECDC) aveva registrato 2,3 milioni di diagnosi di infezione da Covid-19 in Europa; i nuovi numeri, riportati dalla stessa agenzia mercoledì scorso, erano saliti a 4,3 milioni, l'87% in più. “Siamo interessati ai dati dall'Europa; ora è il momento di mettere misure restrittive ”, ha detto giovedì il direttore per l'Europa dell'OMS, Hans Kluge. "La Commissione europea è d'accordo: dobbiamo agire con decisione adesso, ma gradualmente, per evitare di dover arrivare a chiusure come quelle all'inizio della prima ondata. Il confinamento dovrebbe essere l'ultima alternativa e può essere evitato". Anche il commissario Ue alla Salute, Stella Kyriakides, ha trasmesso giovedì un "messaggio di allarme" agli Stati membri, "stiamo finendo il tempo, dobbiamo agire, tutti devono fare tutto il possibile per evitare effetti negativi sulla salute". Le restrizioni per contenere la pandemia si stanno irrigidendo e moltiplicando in tutto il continente, da Parigi a Roma e da Barcellona ad Amsterdam.

Il presidente dell'Oms Europa non ha voluto entrare in misure concrete. Ha insistito solo su un uso generalizzato ed estensivo della mascherina e un controllo rigoroso sui gruppi sociali e se ciò fosse fatto rigorosamente, ha detto Kluge, si eviterebbero più di 280.000 nuovi decessi nel continente (finora, i dati dell'ECDC, dall'inizio della pandemia ci evidenziano 255.000 decessi). Da lì, le misure devono essere graduali, anche se Kluge non ha optato per nessuna in particolare. Ha chiarito che i confini come quelli all'inizio della pandemia, "che portano alle chiusure totali", ha detto il rappresentante dell'OMS, "devono essere l'ultima soluzione. Dobbiamo trovare un equilibrio tra il beneficio per la salute e quello che possiamo chiamare il danno collaterale". Tra questi danni, ha citato anche quelli economici, spiegando che è necessario mantenere i servizi di salute mentale, l'assistenza alle vittime di violenza di genere, i bambini con bisogni speciali o quelli con malattie croniche o acute, come il cancro, malattie cardiovascolari e mantenere anche programmi di vaccinazione.

Un'altra attività vitale che deve essere preservata è quella educativa. "Devi dare la priorità alle scuole e tenerle aperte il più possibile", ha detto Catherine Sherwood, responsabile delle emergenze presso l'OMS Europa.

I responsabili dell'organizzazione hanno fatto riferimento anche ad un altro aspetto: la stanchezza della popolazione dopo aver visto che la pandemia non è stata superata dopo mesi di sforzi. Per fare questo, Kluge ha sottolineato l'importanza di offrire dati affidabili e solidi e di cercare soluzioni creative per mantenere la vita sociale in modo sicuro.

Il commissario europeo per la Salute ha fatto riferimento alle recenti conversazioni con l'OMS e ritiene che siano in sintonia: “Vogliamo evitare di andare in un confino generalizzato. Non vogliamo interrompere la vita sociale, la vita lavorativa, l'educazione dei cittadini. E questo è il motivo per cui dobbiamo prendere misure di contenimento ”. Alla domanda sulle soglie da mantenere e in particolare sull'opportunità di chiudere bar e ristoranti, ha risposto: "Gli Stati membri, a seconda della loro epidemiologia, stanno adottando misure diverse e non commenterò se devono chiudere o meno bar e ristoranti ”.

Kyriakides ha rilasciato il suo messaggio di nuova emergenza durante la presentazione di una proposta di "strategia di vaccinazione congiunta per i Ventisette stati europei". La proposta, avanzata dalla Commissione, rappresenta un ulteriore passo nella risposta coordinata che Bruxelles intende dare nel momento in cui arriveranno, se dovessero arrivare, i quasi un miliardo di dosi che l'Ue ha già predisposto di acquistare. Finora sono stati firmati accordi di acquisto con tre laboratori e si sono tenuti “colloqui esplorativi” con altri tre.

Sebbene l'esecutivo comunitario non fornisca ancora date specifiche, il Commissario Kyriakides ha accennato alla possibilità che le dosi possano essere disponibili all'inizio del 2021. In ogni caso, la loro offerta non arriverà immediatamente a tutti i cittadini ma sarà inizialmente limitata. La Commissione afferma di voler dare la priorità alla vaccinazione di diversi gruppi come gli operatori sanitari, le persone di età superiore ai 60 anni, la popolazione vulnerabile a causa di malattie croniche, i lavoratori essenziali che non sono nel settore sanitario, le comunità in cui non è fattibile mantenere le distanze sociali (come le carceri), i lavori in cui si verifica lo stesso (come i macelli) e i gruppi socioeconomici vulnerabili.

Il commissario alla Salute ha evitato di soffermarsi sulla percentuale della popolazione da vaccinare: "Dobbiamo ancora sapere quale vaccino avremo e come funzionerà", ha detto. La strategia presentata questo giovedì invita gli Stati a iniziare a pianificare come eseguire l'efficace distribuzione dei vaccini, affrontando problemi di logistica e distribuzione.

 

Johnson si allontana dai negoziati con l'UE e chiede al Regno Unito di prepararsi per una Brexit senza un accordo commerciale

Boris Johnson ha chiesto alla popolazione britannica di prepararsi per una Brexit senza un accordo commerciale, se l'Unione Europea non attuerà "un cambiamento fondamentale nel suo approccio" sui negoziati


Negoziati che sono in stallo da mesi e hanno persino superato la scadenza del 15 ottobre che lo stesso Johnson diede per suggellare un patto. "Sono stati fatti molti progressi su questioni come la sicurezza sociale, l'aviazione, la cooperazione sul nucleare, ma è chiaro che dopo 45 anni di adesione del Regno Unito, il blocco comunitario non è disposto, a meno che non ci sia qualche cambiamento fondamentale, ad accettare le richieste della Gran Bretagna. 

sole dieci settimane dalla fine del periodo di transizione per la Brexit, Johnson ha affermato che il paese deve essere preparato per il risultato più probabile: "Ho concluso che dovremmo prepararci per il 1 ° gennaio con accordi che sembrano più a quelli dell'Australia, basati su semplici principi del libero scambio mondiale", ha detto, aggiungendo che "con completa fiducia ci prepareremo ad abbracciare l'alternativa e prosperare come nazione indipendente e di libero scambio, controllando i nostri confini, la le nostre leggi. Le relazioni commerciali tra l'UE e l'Australia si basano fondamentalmente sui termini di base stabiliti dall'Organizzazione mondiale del commercio e null'altro.

Un portavoce del "premier" è andato oltre, osservando che, "i colloqui commerciali sono finiti, l'UE li ha chiusi dicendo che non vogliono cambiare la loro posizione negoziale. O l'UE cambia radicalmente la sua posizione sugli accordi commerciali, oppure usciremo con gli stessi accordi che l'europa ha con l'Australia", ha riferito in una conferenza stampa.

Nonostante l'intenzione dell'UE di continuare i negoziati, come ha chiarito il negoziatore Michel Barnier, Londra non vuole sedersi ad un tavolo per firmare gli acoordi e il tempo stringe. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha twittato in risposta alle osservazioni di Johnson secondo cui il blocco comunitario, “continua a lavorare per un accordo, ma non a qualsiasi prezzo, come previsto, la nostra squadra si recherà a Londra la prossima settimana per intensificare questi negoziati". Ma il portavoce di Johnson ha subito chiarito che,  "il ritorno di Barnier a Londra avrebbe senso solo se solo se pronto a discutere tutte le questioni sulla base del testo legale e in modo accelerato, senza che il Regno Unito debba fare tutte le mosse e accettare le disposizioni senza batter ciglio o se è disposto a discutere aspetti pratici di aree come viaggi e trasporti".

"La nostra posizione è chiara, solo se l'UE cambierà radicalmente la sua posizione, varrà la pena parlarne", ha concluso il portavoce di Downing Street, in un messaggio che ha attirato l'attenzione perché era ancora più duro di quello di Johnson.

  • Pubblicato in Esteri

Le bici italiane vanno più forte del Covid: sono le più vendute in Europa. Un settore in grande crescita che premia il made in Italy

Secondo il V Rapporto Artibici di Confartigianato, il fatturato del settore (produzione, riparazione, noleggio) è balzato del 20% nel bimestre giugno-luglio. Il giro d'affari di tutto il 2019 è stato pari a 1 miliardo di euro


Le biciclette italiane sono tra le più amate nel mondo. Siamo primi nell’Ue per il numero di bici1.776.300vendute all’estero nel 2019, per un valore complessivo (che comprende anche la componentistica) di 609 milioni e una crescita del 15,2% rispetto all’anno precedente. Battiamo tutti i Paesi per la quota di esportazioni di selle, pari al 53,9% del totale a livello mondiale.
I record della bike economy italiana sono descritti da Confartigianato nella 5° edizione del Rapporto Artibici 2020, presentato a ‘Citemos’, il Festival Nazionale Città della Tecnologia per la Mobilità Sostenibile organizzato da Confartigianato a Vicenza.

I primati delle biciclette made in Italy si devono alle 3.128 imprese del settore (produzione, riparazione e noleggio) aumentate del 3,2% negli ultimi 5 anni, che danno lavoro a 7.409 addetti e generano un fatturato di 1.032 milioni. Un piccolo ma agguerrito ‘esercito’ in cui dominano gli artigiani con 1.981 aziende e 3.514 addetti.Dopo la battuta d’arresto dei mesi di lockdown, a giugno e luglio la produzione italiana di biciclette ha ripreso vigore con uno sprint del +20,2% rispetto allo scorso anno. Tra le province con la maggiore vocazione produttiva ‘ciclistica’ spiccano ai primi tre posti Bolzano, Sondrio, Forlì-Cesena. A livello regionale il podio spetta al Trentino Alto Adige, all’Emilia Romagna e al Veneto.
“Nella produzione e manutenzione di biciclette – sottolinea il Presidente di Confartigianato Giorgio Merletti – gli imprenditori artigiani hanno saputo far rinascere e rilanciare l’eccellenza della manifattura made in Italy, conquistando i mercati internazionali con la capacità di trasformare ogni ‘pezzo’ della bici, dalla sella al pedale alle ruote, in un sofisticato capolavoro di creatività, talento, tradizione e innovazione”.
Tra i migliori clienti esteri delle nostre biciclette vi è la Francia, che lo scorso anno ne ha acquistate per 121 milioni, seguita dalla Germania (100 milioni) e dalla Spagna (46 milioni).
Il rapporto di Confartigianato mette in evidenza anche la crescita delle vendite all’estero di bici elettriche: nel 2019 il nostro export, pari a 58 milioni, è aumentato del 37% e anche nel primo semestre di quest’anno il trend è in crescita del 30,6%.
La passione per la bicicletta ha contagiato anche gli italiani: sono 1.003.000 le persone che nel 2019 l’hanno usata per andare al lavoro e a scuola, sfruttando anche i 4.568 kilometri di piste ciclabili. Le regioni con la maggiore intensità di utilizzo di bici in rapporto agli abitanti sono il Trentino Alto Adige, il Veneto e l’Emilia Romagna.

Mario Monti: "La Brexit metterà fine all'Ue se non saremo al sicuro e uniti"

Pragmatico, l'ex premier opta per un veloce accordo così da evitare mali peggiori per l'Europa


Mario Monti classe 1943, economista, manager, politico, calmo e ironico, abituale nei media, nelle istituzioni e nei congressi con ripercussioni globali (leggi la Commissione Trilaterale o il club del Bilderberg), incarna buona parte di ieri, oggi e domani della politica italiana. Dottore di ricerca in scienze economiche e commerciali presso l'Università Bocconi di Milano, di cui sarebbe è diventato professore, rettore e presidente, un uomo decisamente di frontiera, a suo dire convinto liberale e moderato. "La Brexit metterà fine all'UE se non saremo al sicuro e uniti", dice il professore in un'intervista al giornale spagnolo "La Vanguardia". Monti valuta l'uscita del Regno Unito come una decisione che mette l'Europa allo specchio, una situazione che costringerà i vertici UE a prendere decisioni importanti. “oggi l'Europa non è un'entità con integrazione politica completa, all'interno dell'UE c'è chi vuole realizzare gradualmente un'unione politica, mentre altri si oppongono. Entrambi concordano, però, che oggi l'Unione è già molto più di un'area di libero scambio. La Brexit potrebbe ridurre l'UE a una zona di libero scambio, ma in tal caso solo l'UE dovrebbe essere incolpata".

Già membro del consiglio di amministrazione della Fiat e della compagnia di assicurazioni Generali, editorialista di giornali e riviste, parte dell'Accademia esclusiva di scienze morali e politiche di Francia e detentore di numerose onorificenze della Repubblica italiana, Monti rappresenta più di chiunque altro l'Europa. “Scegliendo di lasciare l'UE, il Regno Unito non è più vincolato da politiche comuni, ma non può neppure appropriarsi dei benefici che ne derivano. E in particolare, il Regno Unito non dovrebbe far parte del mercato unico europeo, a meno che non si raggiunga con la Norvegia un accordo simile a quello in vigore da tempo. Nei negoziati sarà fondamentale che l'UE non segua ancora una volta il modello di mostrarsi debole, agitandosi e rinunciando al corretto uso degli strumenti esistenti". “Nei negoziati per attuare la Brexit sarà fondamentale che l'Ue, nonostante i suoi sentimenti negativi nei confronti di un Paese che ha deciso di abbandonarli, non segua ancora una volta lo schema di mostrare debolezza, auto-flagellarsi e rinunciare al corretto uso degli strumenti esistenti.” Sottolinea Monti. E, secondo lui, ci sono due esempi che non si possono ripetere, "uno è l'intesa dello scorso febbraio tra il Consiglio e il Regno Unito, un accordo che (nonostante sia stato un tentativo fallito di mantenere il Regno Unito nell'UE) ha creato un precedente controproducente per altri Stati membri, che ora potrebbero chiedere la “rinegoziazione” dei loro termini come membri del club comunitario. L'altro esempio, di poche settimane fa", prosegue, "è la resa senza precedenti della Commissione Europea (sotto la pressione in particolare di Germania e Francia), nell'esercitare i suoi poteri per chiudere un accordo commerciale con paesi terzi, in questo caso dopo lunghe trattative con il Canada".

Infine dichiara in modo schietto, "Se i membri dell'UE e gli stati centrali perseguono accordi individuali con il Regno Unito piuttosto che trattarli in modo appropriato e collettivo e se la Commissione si inchina alle pressioni degli Stati per ridurre ulteriormente i loro poteri comunitari, poi l'Ue finirà per arrendersi a un assedio navale da parte del Regno Unito, invece di stabilire semplicemente nuove e cordiali relazioni con un Paese che ha deciso di salpare separatamente verso un'altra destinazione ”.

FONTE: (la vanguardia)

Clima, buone notizie: l'agenzia Ue per l'ambiente dice che le emissioni nel 2019 sono scese del 4% rispetto all'anno precedente

"La tendenza al ribasso riflette la forte e costante crescita delle energie rinnovabili in Europa e lʼabbandono del carbone"


Nel 2019 le emissioni di gas serra nell'Ue sono diminuite del 4% rispetto al 2018, e del 24% sul 1990 (26% se si include il Regno Unito). E' quanto emerge dai dati preliminari sulle emissioni 2019 dell'Agenzia europea per l'ambiente. Se confermata, sarebbe la diminuzione più significativa in 10 anni, e risulterebbe già superato l'obiettivo Ue di riduzione delle emissioni del 20%, rispetto ai livelli del 1990, entro il 2020.

La tendenza al ribasso, scrive in una nota l'agenzia, riflette la forte e costante crescita delle energie rinnovabili in Europa e l'abbandono del carbone, motivato in particolare dall'aumento dei prezzi delle emissioni di carbonio nel mercato.

Il calo si è verificato in un periodo di crescita economica e "dimostra che è chiaramente possibile raggiungere obiettivi di riduzione più ambiziosi entro il 2030, aprendo la strada alla neutralità climatica dell'Ue entro il 2050". In un altro dossier, l'Aea conferma che l'Ue sta raggiungendo i suoi obiettivi per eliminare gradualmente le sostanze che riducono lo strato di ozono. Nel 2019, per il settimo anno consecutivo, l'Ue ha distrutto o esportato più sostanze dannose per l'ozono di quante ne ha prodotto o importato. 

Covid, confermata la quarantena per chi viene da Romania e Bulgaria. Riviste le disposizioni per l'Algeria. Intanto impennata di contagi negli Stati Uniti

"Ho firmato l’ordinanza che conferma la misura della quarantena di 14 giorni per chi è stato in Romania e Bulgaria, come già previsto per tutti i Paesi extra Ue ed extra Schengen". Lo comunica il ministro della Salute, Roberto Speranza, su Facebook. Nella stessa ordinanza "si elimina l’Algeria dalla lista dei Paesi extra Ue che, seppur con disposizione di quarantena, hanno la possibilità di accesso in Italia senza comprovati motivi di urgenza", conclude.


USA - Negli Stati Uniti si sono registrati quasi 1379 decessi per il Covid nelle ultime 24 ore, secondo il bilancio della John Hopkins University. E' il terzo giorno consecutivo che il numero dei morti nel Paese supera la soglia dei 1200. E non si ferma la corsa dei contagi, con altri 72.238 nuovi casi registrati. Sono quindi quasi 4,5 milioni gli americani che si sono ammalati, con circa 1,4 milioni di guariti. Mentre le vittime dell'epidemia sono oltre 151mila.

Il fronte della diffusione del coronavirus si potrebbe allargare ad altri stati americani. E' l'allarme lanciato da Anthony Fauci che, in un'intervista a Abc News, ha esortato i governatori di Ohio, Tennessee, Kentucky e Indiana di adottare misure per controllare il virus.

Il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases infatti ha sottolineato come, dopo "l'allarmante" impennata di casi di Covid in Florida, Texas, California ed Arizona, ora gli esperti si stanno concentrando su "un gruppo di altri stati" dove si sta registrando un, ancora contenuto, aumento della percentuale dei positivi. Questo, ha continuato il virologo, "è un segnale certo che ci si potrebbe trovare negli stessi problemi in cui si sono trovati gli stati del Sud" che ora sono l'epicentro dell'epidemia. Fauci ha spiegato che, insieme a Deborah Birx, la coordinatrice della task force della Casa Bianca, ha avuto nei giorni scorsi dei colloqui con i governatori di questi stati per esortarli a rafforzare le misure di prevenzione.


BOLSONARO - Jair Bolsonaro, da poco guarito dal Covid, afferma di sentirsi debole, di prendere ancora gli antibiotici, ma sostiene di avere "muffa nei polmoni" a causa dei 20 giorni di isolamento a cui si è dovuto sottoporre durante la malattia. "Ho appena fatto le analisi del sangue, ero un debole ieri, hanno anche trovato una piccola infezione - ha detto il presidente brasiliano in un video su Facebook - ora sto prendendo gli antibiotici, devono essere stati i 20 giorni trascorsi a casa, dove ci prendiamo altre cose. Ho preso la muffa, la muffa nei miei polmoni. Deve essere stato questo".
Bolsonaro ha dichiarato di essere risultato negativo al test lo scorso 25 luglio, ma ieri il suo ufficio stampa ha detto che la moglie Michelle ora risulta positiva. L'ultima volta che la first lady è stata vista in pubblico è stato mercoledì durante una cerimonia con il marito a Brasilia.
  • Pubblicato in Esteri

Pd-M5S, divisi a Bruxelles e separati in Puglia: tra Mes e Regionali, l'alleanza che sostiene Conte traballa. Scuola, tasse, legge elettorale: tutti gli scontri. E Renzi fa la spina nel fianco

All'Europarlamento i due partiti hanno votato in modo diverso su un emendamento presentato dalla Lega. A Roma posizioni distanti nella maggioranza su scuola e fisco. Il ministro Speranza chiede 20 miliardi per la sanità, mentre il Pd avanza l'ipotesi di una Bicamerale per la regia della spesa. Italia Viva si è schierata con il centrodestra, contro i Dem, per evitare che si esaminasse la riforma della legge elettorale entro l'estate anche in Commissione. E i problemi sono anche sul territorio in vista delle elezioni amministrative. Crimi: "In Puglia correremo da soli. Il contrasto alle politiche di Emiliano non è archiviabile"


Conte, Zingaretti e il settembre fatale - Il Foglio

Pd-5Stelle, quante divergenze. E Conte si preoccupa

Pd e M5S si sono divisi a Bruxelles sul Mes. I due partiti hanno votato in modo diverso sull'emendamento presentato dalla Lega e dal gruppo Identità e democrazia alla risoluzione sulle conclusioni del Consiglio europeo straordinario. L'emendamento, poi bocciato e a favore del quale si sono schierati Lega, Fdi e M5s, chiedeva di respingere un utilizzo del Mes finalizzato a stimolare l'economia in seguito alla crisi della Covid-19. Posizioni distanti nella maggioranza su scuola e fisco. Il ministro Speranza chiede 20 miliardi per la sanità, mentre il Pd avanza l'ipotesi di una Bicamerale per la regia della spesa. Italia Viva si è schierata con il centrodestra, contro i Dem, per evitare che si esaminasse la riforma della legge elettorale entro l'estate anche in Commissione. 

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte terrà nell'Aula della Camera il prossimo 29 luglio alle 9.30 comunicazioni sulla situazione del contrasto dell'emergenza Covid e sullo stato di emergenza. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. Sulla questione dello Stato d'emergenza torna con nettezza Matteo Salvini: "Non c'è un' emergenza sanitaria in corso, chi vuole prorogare lo stato di emergenza è un nemico dell'Italia. Noi non li facciamo uscire dall'Aula, ci stanno loro chiusi, gli italiani meritano respiro e libertà. Ieri non hanno deciso in Cdm, se vogliono questo non esiste, non c'è motivo".


"Non ci siamo mai sottratti al confronto ma lo facciamo se ci sono i presupposti. Lo so che c'è un dibattito sula Puglia, so che tanti stanno spingendo ma voglio confermare, senza ombra di dubbio che in Puglia corriamo da soli. Ci abbiamo ragionato ,ma le politiche fatte da Emiliano noi le abbiamo contrastate, non possiamo archiviare questo". Lo dice il capo politico M5S Vito Crimi ai microfoni di Radio anch'io, su RadioUno, sottolineando che dalle Regionali "non ci sarà nessun impatto sul governo".

Intanto Bonetti diffida Emiliano sulla doppia preferenza di genere. "Per quanto riguarda la politica bisogna introdurre principi di parità. Mi duole dire che abbiamo delle regioni che non hanno ancora adeguato la loro legge regionale con la doppia preferenza di genere. Una tra tutte, la Puglia, e come governo siamo stati costretti a mandare una diffida al Consiglio regionale perché si adegui a quella norma. Non si capisce perché non ci si debba adeguare, a meno che non si voglia escludere un pezzo di cittadinanza, quello femminile, da un diritto fondamentale, l'accesso alle cariche elettive. Il presidente Emiliano si assuma la responsabilità d avere ricevuto una diffida dal governo, vada in Consiglio regionale e si voti, a viso aperto, non con voto segreto, una norma di diritto fondamentale". Lo ha detto la ministra per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti a Italia Viva Sicilia live.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS