updated 10:03 AM UTC, Dec 4, 2020

Usa, Trump ruggisce ancora e non si arrende: "In ogni caso ci vediamo tra quattro anni". E smentisce la grazia per i figli: "Fake news"

"Sono stati quattro anni fantastici. Stiamo cercando di farne altri quattro. Altrimenti, ci vediamo tra quattro anni". Sono le parole usate dal presidente americano Donald Trump per annunciare la sua candidatura alle elezioni del 2024 durante la festa di Natale che si è svolta alla Casa Bianca. Come scrive Politico, i membri del Comitato Nazionale Repubblicano presenti all'evento hanno accolto l'annuncio con un lungo applauso


"Sono stati quattro anni fantastici. Stiamo cercando di farne altri quattro. Altrimenti, ci vediamo tra quattro anni". Sono le parole usate dal presidente americano Donald Trump per annunciare la sua candidatura alle elezioni del 2024 durante la festa di Natale che si è svolta alla Casa Bianca. Come scrive Politico, i membri del Comitato Nazionale Repubblicano presenti all'evento hanno accolto l'annuncio con un lungo applauso.

Intanto, il Dipartimento di Giustizia americano sta indagando sul potenziale ultimo colpo di scena di Trump, ovvero la grazia concessa dal presidente in cambio di presunte tangenti. Lo riferisce la Cnn, mentre secondo il New York Times la grazia interesserebbe i figli Donald Jr., Eric e Ivanka, il genero Jared Kusher e l'avvocato personale di Trump Rudy Giuliani. Lo stesso Trump è intervenuto su Twitter per definire ''l'inchiesta sulla grazia una fake news''.

A capo dell'indagine il giudice Beryl Howell della Corte distrettuale degli Stati Uniti a Washington. Solo pochi giorni fa Trump ha perdonato il suo ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn che si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi sui contatti con un funzionario russo.

 

(Fonte: adnkronos)

  • Pubblicato in Esteri

Biden si rompe un piede, colpa di un tedesco. Major, il suo cane pastore lo fa cadere: il futuro presidente più anziano della storia americana porterà un tutore

UN MALE CANE - Nella caduta mentre giocava con uno dei suoi cani, Joe Biden si è procurato delle microfratture al piede destro. E' quanto emerge dagli accertamenti medici. Il presidente eletto degli Stati Uniti dovrà quindi indossare un tutore per diverse settimane. Biden ha compiuto 78 anni il 20 novembre e diventerà il presidente americano più anziano della storia. Durante la campagna elettorale è stata resa pubblica la situazione del suo stato di salute: perfettamente compatibile con l'incarico di presidente. Al momento dell'infortunio Biden stava giocando con Major, un pastore tedesco adottato dalla sua famiglia. L'altro cane di casa è Champ, un altro pastore tedesco acquistato da un allevatore.

joelovesdogs.jpg

 

(Fonte: Ansa)

 

  • Pubblicato in Esteri

Vaccino anti-Covid, l'annuncio di Pfizer a fine sperimentazione: "Il nostro efficace al 95%, nessun effetto collaterale grave"

Il colosso farmaceutico americano ha annunciato i dati del completamento della Fase 3. A giorni la richiesta di autorizzazione alla Food and Drugs Administration Usa


Nella corsa al vaccino anti-Covid, oggi è la volta di Pfizer: il colosso americano fa sapere che il suo candidato vaccino è efficace al 95% e non ha avuto effetti collaterali gravi. Si tratta della prima serie di risultati completi di una sperimentazione in fase avanzata, come rileva il 'New York Times'. Dopo le anticipazioni della scorsa settimana, i dati presentati oggi hanno mostrato che il vaccino ha prevenuto le forme sia lievi che gravi di Covid-19, ha comunicato il colosso del farmaco. Ed è risultato efficace al 94% negli anziani, più vulnerabili allo sviluppo di Covid-19 grave e meno propensi a una piena risposta ad alcuni tipi di vaccini.

Pfizer, che ha sviluppato il vaccino con il suo partner BionTech, ha annunciato che le due aziende pianificano di richiedere l'autorizzazione di emergenza alla Food and Drug Administration americana "entro pochi giorni". Dunque il vaccino potrebbe presto diventare una realtà. I risultati della sperimentazione - arrivati a meno di un anno dall'inizio dei lavori sul vaccino - hanno infranto tutti i record di velocità per lo sviluppo di questo prodotto, un processo che di solito richiede anni.

"I risultati dello studio segnano un passo importante in questo storico viaggio di 8 mesi per un vaccino in grado di aiutare a porre fine a questa devastante pandemia", ha dichiarato in una nota Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer. Se la Fda autorizzerà il vaccino a due dosi, Pfizer ha spiegato che potrebbe avere fino a 50 milioni di dosi disponibili entro la fine dell'anno, e fino a 1,3 miliardi entro la fine del prossimo anno.

Circa la metà della fornitura andrà negli Stati Uniti quest'anno, abbastanza per circa 12,5 milioni di persone (su 330 milioni). Gli americani riceveranno il vaccino gratuitamente, in base a un accordo da 1,95 miliardi di dollari che il governo federale ha raggiunto con Pfizer per 100 milioni di dosi. I risultati resi noti oggi sono in linea con l'analisi iniziale che Pfizer e BionTech hanno anticipato la scorsa settimana, in cui si parlava di un'efficacia di circa il 90%.

La sperimentazione 'targata' Pfizer e BionTech ha incluso quasi 44mila volontari, metà dei quali ha ricevuto il vaccino. L'altra metà ha ricevuto un placebo a base di acqua e sale. Quindi i ricercatori hanno aspettato di vedere quanti sviluppassero Covid-19. Ebbene, su 170 casi di Covid-19, 162 erano nel gruppo placebo e 8 nel gruppo vaccinato. Su 10 casi di Covid-19 grave, 9 avevano ricevuto il placebo. L'evento avverso grave più comune è stato l'affaticamento, con il 3,7% dei volontari che ha segnalato stanchezza dopo aver assunto la seconda dose. Il 2% dei volontari ha riferito mal di testa dopo la seconda dose. Gli anziani hanno riportato effetti collaterali minori e più lievi, hanno detto le due aziende.

Pfizer e BionTech intendono ora pubblicare i risultati per la revisione su una rivista scientifica, processo che però può richiedere settimane o mesi. Oltre ai dati della sua sperimentazione clinica, Pfizer si è detta pronta a presentare alla Fda 2 mesi di dati sulla sicurezza, oltre a documenti di produzione dettagliati che dimostrano che l'azienda può produrre costantemente lotti di alta qualità del suo vaccino. La Fda esaminerà i dati e chiederà a un gruppo esterno di esperti di valutare la domanda di autorizzazione, un processo che secondo il New York Times potrebbe richiedere settimane. Se il vaccino sarà autorizzato, si passerà a stoccaggio e somministrazione.

Il vaccino va conservato a -70 gradi C, una temperatura record rispetto a ogni altro vaccino in sviluppo. Pfizer spedirà il vaccino in scatole speciali da mille-5mila dosi riempite con ghiaccio secco e dotate di sensori Gps. Il vaccino Pfizer può essere conservato in congelatori convenzionali per un massimo di 5 giorni, o negli appositi refrigeratori per un massimo di 15 giorni, a condizione che il ghiaccio secco venga reintegrato e le scatole non vengano aperte più di 2 volte al giorno.

  • Pubblicato in Salute

Covid, Trump: "Licenziare Fauci? Grazie del consiglio". E l'infettivologo già strizza l'occhio a Biden

Donald Trump lascia intendere che potrebbe silurare Anthony Fauci dopo le elezioni. "Licenzia Fauci", ha intonato in Florida una folla di sostenitori del presidente americano, che - riporta la Cnn - ha risposto: "Non ditelo a nessuno, ma lasciatemi aspettare un poco dopo le elezioni". E ha aggiunto: "Apprezzo il consiglio". E poi è tornato sulla questione: "E' un bravo ragazzo, ma si è sbagliato di grosso".

In un'intervista al Washington Post a ridosso dell'Election Day Fauci ha attaccato la strategia anti-Covid di Trump, precisando che la campagna di Joe Biden "sta prendendo seriamente la situazione dal punto di vista sanitario", mentre Trump guarda a una "diversa prospettiva", quella "dell'economia e la riapertura del Paese". Le critiche dell'infettivologo sono state respinte ieri dalla portavoce della Casa Bianca Alyssa Farah.

  • Pubblicato in Esteri

Usa, pesante vittoria di Trump a una settimana dal voto: si prende la Corte Suprema. Cosa cambia con l'elezione dell'ultracattolica Amy Barrett

Con il via libera del Senato e il giuramento Amy Coney Barrett entra nell'Alta Corte che ora ha una schiacciante maggioranza conservatrice: sei toghe su nove. The Donald segna un punto clamoroso e, a prescindere dall'esito delle elezioni presidenziali, continuerà a essere decisivo per il futuro politico e civile degli Stati Uniti


Usa, Amy Barrett è un nuovo giudice della Corte suprema | Trump: "Giorno storico"

Amy Coney Barrett è a tutti gli effetti una componente della Corte suprema americana. La conservatrice ha giurato nel corso di una cerimonia alla Casa Bianca, dopo che l'aula del Senato ha confermato la nomina fatta da Donald Trump. "E' un privilegio essere stata chiamata a servire il mio Paese", le sue prime parole dopo il giuramento. Prende il posto lasciato da Ruth Bader Ginsburg. "E' un giorno storico per l'America", ha detto Trump.

Cosa cambia nella Corte

A una settimana dal voto, si tratta di una grande vittoria per il presidente, che regala all'Alta Corte una schiacciante maggioranza conservatrice: sei toghe su nove. Una situazione che non si presentava, dagli anni '30, prima del New Deal di Franklin Delano Roosevelt. Una svolta che potrebbe incidere sul sistema giudiziario e sulla vita sociale degli americani per decenni, visto che i giudici della Corte Suprema non hanno una scadenza. E una svolta a cui Trump ha contribuito enormemente, avendo avuto la possibilità di nominare, prima della ultracattolica Barrett, altri due magistrati di estrazione conservatrice: Neil Gorsuch e Brett Kavanaugh. "Ricoprirò il mio incarico in maniera indipendente dalla politica e dalle mie preferenze", ha assicurato la Barrett.

Le possibili conseguenze

A questo punto potrebbe essere vanificato anche il ruolo di ago della bilancia spesso svolto dal presidente della Corte John Roberts, che in più casi ha votato con i colleghi liberal nonostante sia stato nominato dal repubblicano George W.Bush. Con la nomina di Amy Barrett, Trump potrebbe aver aperto la strada non solo per l'abolizione dell'Obamacare, l'odiata riforma sanitaria di Barack Obama, ma addirittura per rimettere in discussione la storica sentenza Roe vs Wade che nel 1973 ha legalizzato l'aborto, nonché quella più recente che ha riconosciuto il diritto alle nozze gay, e tante altre conquiste sul fronte dei diritti civili.

L'opposizione dei democratici

Per questo i democratici fino all'ultimo hanno provato a fermare in ogni modo i repubblicani in Senato. Il via libera alla nomina è arrivato con 52 voti contro 48. La giudice cattolica conservatrice, 48 anni e sette figli, di cui due adottati,ha ricevuto il voto di tutti i senatori repubblicani tranne quello della senatrice Susan Collins. Tutti i senatori democratici hanno votato contro. "Avete rubato il posto lasciato vacante da Ruth Bader Ginsburg", l'atto di accusa del leader dei democratici in Senato Chuck Schumer. "I democratici volevano mettere un giudice attivista", la replica del leader della maggioranza repubblicana, il senatore Mitch Mc Connell.

 

(Fonte: tgcom24)

  • Pubblicato in Esteri

"Uomo razzo", nuovo avvistamento nei cieli di Los Angeles. A settembre fu segnalato da altri sbalorditi piloti d'aerei (VIDEO)

Lo sconosciuto "uomo razzo", che qualche tempo fa ha rischiato di scontrarsi con un aereo nei pressi dell'aeroporto internazionale di Los Angeles, è stato nuovamente avvistato nei cieli della metropoli californiana. L'uomo, armato del suo "jetpack" è stato visto dai piloti di un volo della China Airlines mercoledì alle 13.45 ad un'altitudine di circa 1.800 metri e a circa 11 chilometri a nord ovest dello scalo. A confermarlo alla Cnn è stata la Federal Aviation Administrationm (Faa) che sta indagando sull'avvistamento ed ha allertato la polizia locale.

I primi ad avvistare un "tizio con un jetpack" furono il 1 settembre i piloti di un volo dell'American Airlines che videro sbucare l''uomo razzo' ad un'altitudine di 900 metri sopra l'aeroporto di Los Angeles. I piloti riferirono che l'uomo si trovava circa 30 metri dal loro aereo. Poco dopo, l'uomo venne avvistato di nuovo da un altro aereo. Della vicenda si sta interessando anche l'Fbi, che ha raccolto la denuncia della Faa. Interpellate dalla Cnn, le autorità dell'aeroporto californiano non hanno fornito ulteriori dettagli - (VIDEO)


L'avvistamento del 1 settembre
 
"Torre di controllo, qui è American 1997, abbiamo appena superato un ragazzo in jet pack". Così il pilota di un volo American Airlines si è rivolto alla torre di controllo dell'aeroporto di Los Angeles per segnalare la presenza nei cieli di un uomo con lo zaino a razzo. Può sembrare incredibile, ma l'episodio è accaduto davvero ed è ora oggetto di indagini da parte dell'Fbi. E' stata l'emittente tv Fox 11 di Los Angeles a rendere pubblica la conversazione avvenuta intorno alle 18.30 di domenica scorsa. "American 1997, ok, grazie, era alla tua sinistra o alla tua destra?", chiede il controllore. "Sul lato sinistro a circa 300 metri o giù di lì rispetto alla nostra altitudine", risponde il pilota. Successivamente, anche un altro pilota ha segnalato di avere avvistato l'uomo in jet pack. E a questo punto, dalla torre di controllo è partito l'avvertimento a un terzo aereo di usare cautela. Un portavoce dell'Fbi ha fatto sapere a Fox 11: "L'Fbi è a conoscenza dei rapporti dei piloti di domenica e sta lavorando per determinare cosa sia successo".
 
(Fonte: Adnkronos)
 
 
  • Pubblicato in Esteri

La Corea del Nord sfoggia i nuovi missili in una grande parata notturna e senza maschere

Sfidando il Coronavirus e gli Stati Uniti, la Corea del Nord questo sabato, ha mostrato al mondo i nuovi missili in una grande parata notturna, con la quale ha celebrato il 75° anniversario del Partito dei Lavoratori. 


Sorprendendo tutti coloro che si aspettavano una parata militare al mattino, il regime di Kim ha fatto passare ore senza che i media ufficiali dessero notizie, solo nel pomeriggio, la televisione di stato ha iniziato la sua trasmissione. Senza la stampa internazionale a Pyongyang a causa della chiusura del confine a gennaio, per la pandemia da coronavirus. Un simile "blackout informativo" ha reso bene disconettendo la Corea del Nord dal resto del mondo.

Non appena è iniziata la trasmissione, la questione è stata risolta. La sfilata si è svolta di notte, a quanto pare durante le prime ore del mattino. Sotto i potenti riflettori che illuminavano la piazza di Kim Il-sung, come se fosse giorno, suo nipote, il giovane dittatore Kim Jong-un, è apparso sulla tribuna della Biblioteca centrale di Pyongyang vestito in stile occidentale con un abito grigio chiaro, in Invece della sua tipica giacca tipo Mao abbottonata al collo.

Dopo aver ricevuto un mazzo di fiori da alcuni bambini, ha tenuto un discorso che la folla, emozionata e con le lacrime agli occhi, ha interrotto più volte con grida e applausi. Con un'altra sorpresa, si è scusato con il suo popolo e con i suoi soldati, per la calamità che questo tragico anno, ha portato la Corea del Nord in una grave crisi. Sebbene il regime comunista di Pyongyang non abbia segnalato alcun caso nel Paese, si stima che l'impatto sia stato devastante sulla debole economia nordcoreana a causa della chiusura del confine con la Cina, suo quasi unico partner commerciale.

Ma siccome ci sono cose che non cambiano nemmeno sotto una pandemia, Kim Jong-un ancora una volta ha sventolato il suo discorso militare promettendo, "che continueremo a rafforzare le armi dissuasive di guerra", l'eufemismo con cui Pyongyang si riferisce solitamente al suo programma nucleare. Sebbene abbia assicurato che queste armi sono "puramente difensive" e "non saranno mai abusate per un attacco preventivo", ha avvertito senza menzionare gli Stati Uniti che "se alcuni paesi violano la sicurezza del nostro Stato e cercano di ricorrere alla forza militare contro di noi, raccoglierò prima tutto il nostro potere offensivo per punirli”, ha riferito l'agenzia Yonhap.

 

Dopo il suo discorso, e con una coreografia spettacolare provata al millimetro, i soldati hanno marciato al passo dell'oca attraverso la piazza Kim Il-sung mentre i fuochi d'artificio illuminavano la notte di Pyongyang. Come previsto, il regime ha mostrato un nuovo missile balistico intercontinentale più grande dell'Hwasong-15, che in teoria ha la capacità di percorrere quasi 13.000 chilometri e potrebbe attaccare qualsiasi parte degli Stati Uniti con una testata nucleare. 

Insieme a questi proiettili, la parata militare ha mostrato nuovi missili sottomarini battezzati come Pukguksong-4, più grandi della versione precedente testata nell'ottobre 2019, con una portata di 450 chilometri e un'altezza massima di 910. Secondo i servizi segreti sudcoreani, tre o quattro di questi nuovi razzi sarebbero stati caricati su un sottomarino in costruzione presso la base di Sinpo, sulla costa orientale. Infine, hanno sfilato missili a corto raggio basati sull'Iskander russo, testati più volte dallo scorso anno per continuare a mantenere la pressione su Washington.

 

Sono passati due anni da quando la Corea del Nord aveva tenuto una parata militare, per il disgelo dettato dal vertice di Singapore tra Trump e Kim, nel giugno 2018. Ma, poiché i colloqui poi si sono interrotti dopo il fallimento del loro incontro ad Hanoi, nel febbraio dello scorso anno, Pyongyang ha mostrato ancora una volta i muscoli militari, a poca distanza dalle elezioni statunitensi. Per non rompere del tutto il dialogo con il prossimo inquilino della Casa Bianca, sia esso Trump o Biden, Kim Jong-un ha optato per questo spettacolo di forza, invece che mettere in scena un test nucleare o un test missilistico, una nuova parata notturna e senza maschere, certamente quest'ultima una cosa che impressiona di più...

  • Pubblicato in Esteri

Mike Pompeo al Vaticano: "Non rinnovi l'accordo con la Cina. In pericolo la sua autorità morale". Il tema dei diritti umani e degli abusi contro i cattolici cinesi

"Due anni fa la Santa Sede ha raggiunto un accordo con il Partito Comunista Cinese nella speranza di aiutare i cattolici in Cina. Ma l'abuso del Partito Comunista Cinese sui fedeli è solo peggiorato. Il Vaticano metterebbe in pericolo la sua autorità morale se rinnovasse l'accordo". Lo afferma il segretario di Stato Mike Pompeo. "Il Dipartimento di Stato è una voce forte per la libertà religiosa in Cina e nel mondo. Continueremo a farlo e a essere a fianco dei cattolici cinesi. Chiediamo al Vaticano di unirsi a noi", aggiunge Pompeo (LEGGI DI PIU')


Mike Pompeo: 'Il Vaticano non rinnovi l'accordo con la Cina' - Politica -  ANSA

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha chiesto al Vaticano di non rinnovare l'accordo con la Cina, affermando che, se lo facesse, metterebbe a rischio la sua autorità morale. ''Due anni fa la Santa Sede ha raggiunto un accordo con il Partito comunista cinese, sperando di aiutare i cattolici cinesi. Eppure gli abusi sui fedeli da parte del Partito comunista cinese sono solo peggiorati. Il Vaticano mette in pericolo la sua autorità morale, se dovesse rinnovare l'accordo'', ha scritto Pompeo in un tweet.

In una dichiarazione pubblicata su 'First Things' Pompeo ha anche criticato la decisione della Santa Sede di "legittimare" sacerdoti e vescovi cinesi che erano nel Partito comunista cinese. ''Il Dipartimento di Stato è stata una voce forte per la libertà religiosa in Cina e nel mondo e ha preso provvedimenti per ritenere responsabili coloro che abusano dei fedeli. Continueremo a farlo e staremo dalla parte dei cattolici e dei fedeli cinesi. Chiediamo al Vaticano di unirsi a noi'', ha scritto Pompeo in un altro tweet.

Nell'intervento su 'First Things' Pompeo ha sottolineato che ''la situazione dei diritti umani in Cina si è gravemente deteriorata sotto il dominio autocratico di Xi Jinping, soprattutto per i credenti'', citando ''sterilizzazioni forzate e aborti dei musulmani nello Xinjiang'' oltre che ''l'abuso di preti e laici cattolici'' e ''l'assalto alle chiese protestanti''. Una campagna che, secondo Pompeo, ha come obiettivo quello di ''subordinare Dio al Partito, promuovendo lo stesso Xi come una divinità ultraterrena''.

Per questo, ''ora più che mai il popolo cinese ha bisogno della testimonianza morale e dell'autorità del Vaticano a sostegno dei credenti'', scrive il segretario di Stato Usa, ricordando che ''diplomatici vaticani si incontrano questo mese con i loro omologhi del Partito comunista cinese per negoziare il rinnovo di un accordo provvisorio di due anni tra Santa Sede e Cina''.

Accordo che era stato firmato nel 2018, ma che ''a due anni di distanza è chiaro che l'accordo sino-vaticano non ha protetto i cattolici dalle depredazioni del Partito, per non parlare del trattamento orribile del Partito nei confronti di cristiani, buddisti tibetani, devoti del Falun Gong e altri credenti'', ha proseguito Pompeo, affermando che ''le autorità comuniste continuano a chiudere le chiese, spiare e molestare i fedeli e insistono sul fatto che il Partito è l'autorità suprema negli affari religiosi''.

Crociata Usa contro la "tirannia cinese" - IlGiornale.it

Inoltre Pompeo afferma che Papa Francesco ha detto nel 2013 che "i cristiani devono rispondere al male con il bene, prendendo su di sé la croce come fece Gesù". Ma ''la storia ci insegna che i regimi totalitari possono sopravvivere solo nell'oscurità e nel silenzio, se i loro crimini e la loro brutalità restano inosservati e ignorati. Se il Partito Comunista Cinese riuscirà a mettere in ginocchio la Chiesa cattolica e le altre comunità religiose, i regimi che disprezzano i diritti umani saranno incoraggiati e il costo della resistenza alla tirannia aumenterà per tutti i coraggiosi credenti religiosi che onorano Dio al di sopra dell'autocrate del giorno'', ha dichiarato Pompeo.

''Mi auguro che, trattando con il Partito Comunista Cinese, la Santa Sede e tutti coloro che credono nella scintilla divina che illumina ogni vita umana, prestino ascolto alle parole di Gesù nel Vangelo di Giovanni: 'La verità vi renderà liberi'", ha concluso.

 

(Fonte: Adnkronos)

 

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS